Cos’è il varicocele testicolare? – Cause, sintomi e trattamenti

Da (embriologo senior), (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 28/09/2020

Il varicocele testicolare è una dilatazione delle vene del cordone spermatico che drenano i testicoli. Più comunemente è unilaterale, cioè in un unico testicolo, ma ci sono anche casi di varicocele bilaterale in cui sono colpiti sia il testicolo destro che quello sinistro.

Di solito non provoca sintomi gravi, anche se può causare dolore o essere un motivo di sterilità. Per questo motivo, quando il paziente desidera avere figli, deve essere applicato il trattamento appropriato. Nei casi più gravi, può essere necessario un intervento chirurgico per curarlo e ridurre le sue conseguenze sulla fertilità maschile.

Cause e sintomi principali

Il varicocele si verifica nel 15% degli uomini senza problemi riproduttivi, nel 35% degli uomini con infertilità primaria e nell'81% di quelli con infertilità secondaria.

Nella maggior parte dei casi (circa l'87%), colpisce il testicolo sinistro, nel 7% dei casi è bilaterale e solo il 3% dei casi si verifica solo sul lato destro.

La causa principale della dilatazione delle vene è l'alterazione della circolazione sanguigna nelle vene testicolari. L'accumulo di sangue in queste vene a causa del riflusso di sangue dalla vena renale nel testicolo provoca il loro gonfiore, che a sua volta influisce sulla funzione testicolare.

Come abbiamo detto, l'unico sintomo evidente che deriva dal varicocele è il dolore e non si verifica in tutti i casi. Ci sono molti pazienti con varicocele che sono asintomatici.

È anche possibile che un varicocele provochi l'atrofia testicolare, cioè una diminuzione delle dimensioni del testicolo.

Diagnosi: esame fisico ed ecografia

Per la diagnosi viene eseguito un esame fisico approfondito del contenuto scrotale e inguinale, preferibilmente mentre il paziente è sdraiato. Dopo di che, il paziente viene istruito ad alzarsi e ad aumentare la pressione addominale. Così, l'urologo studia come il sangue scorre dall'alto e riempie il midollo inguinale e il plesso venoso testicolare.

A seconda della facilità di diagnosi, possiamo parlare di tre gradi principali di varicocele:

  • Varicocele grado 1: la diagnosi è complicata. Devi fare pressione sull'addome. Lo specialista di solito dice al paziente di tossire o di soffiare forte.
  • Varicocele grado 2: dalla palpazione del testicolo si vede che le vene hanno un volume maggiore del solito.
  • Varicocele di grado 3: a prima vista si vede la dilatazione venosa, senza che lo specialista debba palpare il testicolo.

Quando non è possibile diagnosticare il varicocele con un esame fisico, può essere utile eseguire un'ecografia o un sonogramma per rilevare se i vasi sono dilatati. Gli ultrasuoni Doppler verranno utilizzati per valutare la velocità del flusso sanguigno.

Conseguenze: può causare infertilità?

I vasi sanguigni che nutrono il testicolo hanno origine nell'addome e, scendendo, diventano parte del cordone spermatico. Il flusso dei vasi venosi è controllato da una serie di valvole che impediscono il riflusso del sangue. L'alterazione di questi è la base fisiopatologica del varicocele.

In caso di varicocele, il reflusso aumenta la temperatura intra-articolare producendo un effetto negativo sulla spermatogenesi, che è il processo di formazione e maturazione degli spermatozoi. Questa è la ragione principale per cui i testicoli sono fuori dal corpo, poiché la spermatogenesi avviene ad una temperatura di 2°C inferiore a quella del resto del corpo.

A causa di questi problemi, nel 50-70% dei pazienti, dopo il seminogramma o lo spermogramma, vengono diagnosticate alterazioni seminali, come ad esempio:

Oligospermia
bassa conta spermatica.
Astenospermia
problemi di mobilità dello sperma.
Teratozoospermia
alterazioni della morfologia dello sperma.

Nei casi più gravi, può anche causare azoospermia, cioè l'assenza di sperma nell'eiaculato.

D'altra parte, il varicocele può anche causare un'alterazione del sistema di regolazione ormonale della spermatogenesi, con la conseguente diminuzione della produzione di testosterone da parte del testicolo.

Infine, un'altra conseguenza del varicocele che può influenzare negativamente la fertilità maschile è l'aumento dello stress ossidativo, che a sua volta può causare una maggiore frammentazione del DNA dello sperma.

Queste alterazioni della funzione testicolare possono verificarsi in entrambi i testicoli, indipendentemente dal fatto che il varicocele sia uni o bilaterale, perché la temperatura aumenta da entrambi i lati.

Trattamento con microchirurgia e complicazioni

Il trattamento per il varicocele viene applicato solo nei casi in cui il paziente sente molto dolore e non è stato possibile alleviarlo con i farmaci. Anche quando la paziente desidera avere un figlio e questa alterazione compromette il raggiungimento della gravidanza.

Secondo gli esperti, gli uomini che non vogliono concepire e che hanno un varicocele e un'analisi dello sperma anormale dovrebbero anche essere trattati. Nel caso di giovani con varicocele e sperma normale, essi saranno seguiti con analisi dello sperma ogni uno o due anni.

La chirurgia è il trattamento più efficace per il varicocele. E' conosciuto come varicocelectomia.

Chirurgia

Ci sono diversi modi per affrontare il varicocele chirurgicamente. La tecnica scelta oggi è la microchirurgia. A seconda della dimensione del varicocele, sarà fatto per via inguinale o sublinguale. I rischi associati a questo intervento sono bassi.

La tecnica scelta dipenderà dal grado di varicocele e dall'esperienza e dalla capacità dello specialista che la esegue. Si può usare anche la laparoscopia. In ogni caso, si tratta di un intervento di circa 15-30 minuti eseguito in anestesia epidurale. Ci sono anche casi in cui viene utilizzata l'anestesia generale.

Dopo l'operazione, si raccomanda normalmente di riposare da 1 a 2 giorni, di mettere del ghiaccio sulla zona genitale e, in casi particolari, di utilizzare un supporto scrotale. La vita normale sarà ripresa entro una settimana o 10 giorni. Pertanto, il recupero è rapido.

C'è un altro trattamento noto come embolizzazione percutaneacosa si può fare per riparare il varicocele in quei vasi sanguigni che sono in reflusso.

Si tratta di inserire un piccolo catetere in una grande vena nella zona inguinale. Il catetere viene portato al varicocele, che viene poi bloccato con mezzi fisici. L'embolizzazione è un trattamento efficace per quei varicoceli già operati in precedenza, quando l'alterazione viene ripetuta (2% dei casi trattati con microchirurgia), e può essere la soluzione definitiva.

Risultati e Rischi

Grazie a questi trattamenti si recupera la normale temperatura del testicolo, arrestando così il deterioramento della funzione testicolare. Viene ripristinata e la spermatogenesi viene così ripresa normalmente.

Il 90% dei trattamenti ha successo e la maggior parte degli studi indica un miglioramento della qualità seminale del 40-60% e della frequenza della gravidanza del 20-60%. Pertanto, vediamo che operare sul varicocele migliora la fertilità.

Le complicanze più frequenti della microchirurgia sono l'idrocele e il disagio epididimale o l'epididimite.

Valutazione del recupero

Una volta che il trattamento è stato completato, devono essere effettuati dei test per garantire che i risultati siano ottimali.

Si può fare una venografia interna dello sperma per identificare il luogo in cui potrebbe persistere il reflusso e, in tal caso, trattarlo di nuovo. I seminogrammi devono essere eseguiti ogni tre mesi dopo l'operazione fino a un anno dopo l'operazione o fino al raggiungimento della gravidanza.

Alcuni esperti ritengono che il trattamento chirurgico non sia efficace come trattamento per l'infertilità. Se dopo l'operazione non si ottiene una gravidanza naturale, la riproduzione assistita offre trattamenti, come la donazione di sperma, in modo che questi pazienti possano avere figli.

Domande più frequenti

È normale che i testicoli si gonfino dopo un intervento di varicocele?

Da Dr. Gustavo Daniel Carti (ginecologo).

Varicocele nel maschio si riferisce alla dilatazione della vena spermatica e la correzione chirurgica consiste nel sigillare la vena. Questa correzione può essere affrontata a livello locale o tramite chirurgia translaparoscopica.

È comune che un processo infiammatorio transitorio si verifichi dopo un intervento di chirurgia varicocellulare e che il liquido si accumuli nello scroto (idrocele). Per questo motivo, un uomo può sentire che i suoi testicoli si sono gonfiati.

E se il varicocele non viene operato? Potrò essere padre?

Da Rebeca Reus (embriologa).

A seconda del grado del varicocele, può richiedere o meno un intervento chirurgico. Ci sono uomini con varicocele lievi/moderati che riescono ad avere figli senza problemi. D'altra parte, quelle più gravi avranno un impatto significativo sulla fertilità del ragazzo.

Avere un varicocele equivale ad avere vene varicose nel testicolo?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Sì, il varicocele è la presenza di vene varicose o vene dilatate nel testicolo.

Il varicocele influenza l'erezione o può causare impotenza?

Da Rebeca Reus (embriologa).

No, il varicocele non dovrebbe influenzare l'erezione in linea di principio. Solo nei casi in cui il calo dei livelli di testosterone è molto grave può verificarsi disfunzione erettile, ma questo non è molto comune.

Lettura consigliata

Se volete saperne di più su altre cause che possono alterare la fertilità di un uomo, vi consigliamo di accedere al seguente link: Principali tipi e cause della sterilità maschile.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Coolsaet BL: The varicocele syndrome: venography determining the optimal level for surgical management. J Urol 1980;124:833– 839.

Delaney DP, Carr MC, Kolon TF, Snyder HM 3rd, Zderic SA: The physical characteristics of young males with varicocele. BJU Int 2004;94:624–626.

Dubin L, Amelar RD: Varicocele size and results of varicocelectomy in selected subfertile men with varicocele. Fertil Steril 1970; 21:606–609.

Gat Y, Bachar GN, Zukerman Z, Belenky A, Gornish M: Varicocele: a bilateral disease. Fertil Steril 2004;81:424–429.

Gorelick JI, Goldstein M: Loss of fertility in men with varicocele. Fertil Steril 1993;59: 613–616.

Handel LN, Shetty R, Sigman M: The relationship between varicoceles and obesity. J Urol 2006;176:2138–2140.

Hirsh AV, Cameron KM, Tyler JP, Simpson J, Pryor JP: The Doppler assessment of varicoceles and internal spermatic vein reflux in infertile men. Br J Urol 1980;52:50–56.

Jarow JP: Effects of varicocele on male fertility. Hum Reprod Update 2001;7:59–64.

Lyon RP, Marshall S, Scott MP: Varicocele in childhood and adolescence: implication in adulthood infertility? Urology 1982;19:641– 644.

May M, Taymoorian K, Beutner S, Helke C, Braun KP, Lein M, Roigas J, Hoschke B: Body size and weight as predisposing factors in varicocele. Scand J Urol Nephrol 2006;40: 45–48.

Meacham RB, Townsend RR, Rademacher D, Drose JA: The incidence of varicoceles in the general population when evaluated by physical examination, gray scale sonography and color Doppler sonography. J Urol 1994; 151:1535–1538.

Pasqualotto FF, Sundaram A, Sharma RK, Borges E Jr, Pasqualotto EB, Agarwal A: Semen quality and oxidative stress scores in fertile and infertile patients with varicocele.

Sakamoto H, Ogawa Y, Yoshida H: Relationship between testicular volume and varicocele in patients with infertility. Urology 2008;71:104–109.

Skoog SJ, Roberts KP, Goldstein M, Pryor JL: The adolescent varicocele: what’s new with an old problem in young patients? Pediatrics 1997;100:112–121.

Wishahi MM: Anatomy of the spermatic venous plexus (pampiniform plexus) in men with and without varicocele: intraoperative venographic study. J Urol 1992;147:1285– 1289.

World Health Organization: The influence of varicocele on parameters of fertility in a large group of men presenting to infertility clinics. Fertil Steril 1992;57:1289–1293.

World Health Organization: WHO Manual for the Standardized Investigation, Diagnosis and Management of the Infertile Male. Cambridge, Cambridge University Press, 2000.

Zini A, Buckspan M, Berardinucci D, Jarvi K: The influence of clinical and subclinical varicocele on testicular volume. Fertil Steril 1997;68:671–674.

Domande più frequenti: 'È normale che i testicoli si gonfino dopo un intervento di varicocele?', 'E se il varicocele non viene operato? Potrò essere padre?', 'Avere un varicocele equivale ad avere vene varicose nel testicolo?' e 'Il varicocele influenza l'erezione o può causare impotenza?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dr. Antonio Alcaide Raya
Dr. Antonio Alcaide Raya
Embriologo senior
Laurea in Biologia ed esperto in Genetica Medica. Master in Biologia dello Sviluppo e Embriologia dell'Università di Valencia (UV). Membro del consiglio di amministrazione di ASEBIR e direttore del laboratorio di ReproFiv. Continua a leggere Dr. Antonio Alcaide Raya
Dr. Gustavo Daniel  Carti
Dr. Gustavo Daniel Carti
Ginecologo
Il dottor Gustavo Daniel Carti è laureato in medicina e specializzato in ostetricia e ginecologia all'Università di Buenos Aires. Continua a leggere Dr. Gustavo Daniel Carti
Numero associato: 07/0711274
 Rebeca Reus
Rebeca Reus
Embriologa
Laureato in Biologia Umana (Biomedicina) presso l'Universitat Pompeu Fabra (UPF), con un Master ufficiale in Laboratorio di Analisi Clinica dell'UPF e un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita dell'Universidad de Valencia (UV). Continua a leggere Rebeca Reus
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.