Trasferimento di embrioni: quando e come si fa

Da (embriologa), (ginecologo), (embriologa), (embriologa), (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 10/09/2020

Le tecniche di riproduzione assistita che prevedono la fecondazione dell'ovulo e dello sperma in laboratorio richiedono il trasferimento degli embrioni da depositare nell'utero della donna. Questa è la fase finale di un trattamento di fecondazione in vitro (FIVET), sia in modo convenzionale che mediante iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (FIV-ICSI).

I sintomi dopo un trasferimento di embrioni dipenderanno da ogni donna. La presenza o meno di disagio al trasferimento di uno o due embrioni non è un'indicazione che la FIVET abbia avuto successo o meno.

Che cos'è il trasferimento di embrioni?

Il trasferimento di embrioni consiste nel depositare gli embrioni generati in laboratorio nell'utero della madre in attesa che vengano impiantati e diano luogo ad una gravidanza. È un processo semplice e indolore che non richiede l'anestesia.

Normalmente, il trasferimento degli embrioni viene effettuato in una stanza annessa al laboratorio per evitare rischi nella manipolazione e nel trasporto degli embrioni.

Il successo del trasferimento embrionale non dipende solo dalla qualità degli embrioni, ma è anche importante valutare le condizioni e la ricettività dell'endometrio. Inoltre, la tecnica deve essere corretta e si controlla sempre in laboratorio che l'embrione non sia stato lasciato nella cannula di trasferimento.

Quando si fa il trasferimento?

Il giorno in cui deve essere effettuato il trasferimento dell'embrione viene deciso dagli specialisti che analizzano ogni caso personalmente. È importante tener conto della quantità di embrioni, della loro qualità, dello stato dell'endometrio e dei risultati dei precedenti cicli di FIVET.

Per aumentare il tasso di successo del trasferimento embrionale, è essenziale che l'endometrio sia preparato, cioè che sia ricettivo per aumentare la probabilità di impianto embrionale. Per fare questo, alla paziente vengono somministrati dei farmaci per stimolare la crescita dell'endometrio.

Pertanto, il trasferimento embrionale può essere eseguito in qualsiasi momento durante lo sviluppo embrionale, a condizione che l'endometrio sia ricettivo. Ci sono centri dove il trasferimento avviene in stato di zigote, al secondo giorno o in fase di morula. Tuttavia, il più comune è quello di effettuare il trasferimento embrionale il giorno 3, nello stadio embrionale iniziale, o il giorno 5, nello stadio di blastocisti. Entrambi i momenti offrono i loro vantaggi e svantaggi.

Tipi di trasferimenti di embrioni

A volte il trasferimento degli embrioni non viene effettuato contemporaneamente alla fecondazione in laboratorio e gli embrioni vengono vitrificati senza alterarne la qualità. Per questo motivo, si possono distinguere due tipi di trasferimento di embrioni a seconda che gli embrioni siano congelati o meno:

  • Trasferimento fresco: gli embrioni sono freschi e vengono trasferiti nello stesso ciclo in cui sono stati creati, senza essere congelati.
  • Trasferimento differito: gli embrioni vengono congelati per il trasferimento in un altro ciclo. Questo trasferimento è anche chiamato crio-trasferimento o trasferimento di embrioni congelati. Questo tipo di trasferimento viene utilizzato quando non può essere trasferito nello stesso ciclo della puntura. Un esempio in cui questo trasferimento è necessario è nel caso dell'iperstimolazione ovarica.

Trasferimento di embrioni passo dopo passo

Come abbiamo già detto, il trasferimento di embrioni è una tecnica semplice con la quale gli embrioni vengono depositati sul fondo dell'utero materno utilizzando un catetere sottile. Generalmente, questa procedura viene eseguita in modo guidato dagli ultrasuoni, cioè utilizzando una macchina ad ultrasuoni per posizionare gli embrioni nel posto giusto.

Il processo di trasferimento degli embrioni all'utero consiste nelle seguenti fasi:

  • Inserire uno speculum sterile nella vagina.
  • Pulire la vagina con soluzione fisiologica.
  • Pulire la cervice con il mezzo di coltura e aspirare il muco cervicale.
  • Caricare gli embrioni nel catetere.
  • Inserire il catetere attraverso la vagina e la cervice nell'utero.
  • Depositare lentamente gli embrioni nel fondo uterino.
  • Rimuovere delicatamente e lentamente il catetere.
  • Controllare che l'embrione non sia stato lasciato sul catetere.

Il processo di trasferimento embrionale richiede pochi minuti e non necessita di sedazione. Il paziente può notare un leggero disagio, ma non fa male. Solo se il trasferimento è difficile, cioè se il ginecologo ha difficoltà ad inserire il catetere attraverso la cervice nell'utero, può essere doloroso per la paziente. In questi casi, il tipo di catetere viene modificato per vedere se può raggiungere più facilmente l'utero.

Una volta effettuato il trasferimento, il paziente rimane a riposo per 20-30 minuti e può tornare a casa a una vita normale, ma senza sforzi fisici eccessivi.

Farmaci per il trasferimento

Quando si tratta di effettuare un trasferimento, ci sono due opzioni:

  • Farlo in un ciclo naturale: senza farmaci ormonali o solo con integratori di progesterone. È insolito che un ciclo FIV-ICSI sia fatto senza progesterone.
  • Farloin un ciclo artificiale: con farmaci ormonali. Per preparare l'endometrio si usano estrogeni e progesterone.

I farmaci devono essere somministrati sia prima che dopo il trasferimento dell'embrione, seguendo sempre le istruzioni del medico.

Suggerimenti per il trasferimento

Quando una donna viene chiamata per un trasferimento di embrioni, è sempre consigliato:

  • Andare con la vescica piena: questo facilita il trasferimento degli embrioni nell'utero. Con una vescica vuota può essere più difficile inserire il catetere a causa dell'angolo di entrata che si forma in questi casi.
  • Rilassante: in modo che i muscoli non si contraggano. Se il paziente non è in grado di rilassarsi, si può somministrare un rilassante muscolare poco prima dell'intervento, in modo che non ci siano difficoltà nell'inserimento del catetere.
  • Non usare profumi, creme o smalto per unghie: in sala operatoria, nella sala di trasferimento e in laboratorio queste sostanze chimiche devono essere evitate, in quanto tossiche per gli ovuli e gli embrioni.

Contrariamente a quanto molte donne credono, non è necessario digiunare, poiché non si tratta di un intervento chirurgico. Il dottor Àlex Garcia-Faura ci dice che

La maggior parte dei pazienti vive il momento del trasferimento embrionale con ansia.

Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti per il trasferimento post-embrione per il paziente:

  • Riposare in clinica per 20-30 minuti.
  • Evitare i bagni ad immersione per non contrarre infezioni.
  • Vivere una vita normale senza sforzi eccessivi.
  • Bere molta acqua.
  • Non fare sesso fino al test di gravidanza.

In ogni caso, è sempre consigliabile consultare il medico in caso di dubbio.

Annullare il trasferimento

A volte il trasferimento embrionale deve essere annullato, o perché non si è sviluppato alcun embrione o perché l'endometrio non è pronto per l'impianto.

Le ragioni principali che possono causare l'assenza di embrioni in un ciclo di FIVET sono le seguenti:

  • Fallimento della fecondazione: non vengono fecondati ovuli, quindi non ci sono embrioni.
  • Lo sviluppo embrionale viene fermato: è prodotto da qualche alterazione genetica o dallo sviluppo dell'embrione. È più comune quando una cultura viene presa abbastanza a lungo per raggiungere lo stadio di blastocisti.

In questi casi, per effettuare un nuovo trasferimento, sarebbe necessario avviare un nuovo ciclo di FIVET.

Se l'endometrio non è pronto per l'impianto, gli embrioni vengono congelati e trasferiti in un altro ciclo, cioè viene effettuato un trasferimento differito.

Qualità e origine degli embrioni

Gli embrioni utilizzati per il trasferimento possono essere sia di buona che di cattiva qualità. Gli embrioni di qualità superiore avranno un maggiore potenziale per l'impianto e, quindi, la gravidanza sarà più probabile che si verifichi. Di seguito sono riportati i 4 gradi principali in cui gli embrioni sono classificati in base alla loro qualità:

  • Embrioni di tipo A o di grado I: sono di altissima qualità.
  • Embrioni di tipo B o di grado II: sono di buona qualità.
  • Embrioni di tipo C o di grado III: si tratta di embrioni di qualità medio-bassa.
  • Embrioni di tipo D o di grado IV: sono embrioni di scarsa qualità. La probabilità di impianto è molto bassa.

Va notato che se gli embrioni sono donati o provengono da ovuli di donatrice, di solito sono di buona qualità e hanno un'alta probabilità di essere impiantati.

Quanti embrioni avete trasferito?

La legge sulla procreazione assistita in Italia (Legge 4/2004) stabilisce che un massimo di 3 embrioni possono essere trasferiti nell'utero di una donna. Tuttavia, questa non è una pratica comune e la maggior parte dei centri di riproduzione assistita di solito raccomanda il trasferimento di uno o due embrioni. Questo riduce le possibilità di gravidanza multipla e i rischi associati.

La scelta del numero di embrioni da trasferire si baserà sui seguenti fattori:

  • L'età del paziente.
  • Qualità dei gameti (ovuli e sperma).
  • Qualità degli embrioni.
  • Causa di infertilità
  • Risultati dei trasferimenti precedenti.
  • Ricettività endometriale.
  • L'Preferenza del paziente.

Sempre più specialisti raccomandano il trasferimento di un singolo embrione. Questa misura cerca di ridurre al minimo la probabilità di gravidanza multipla, che rappresenta un rischio elevato sia per la paziente che per il bambino.

E gli embrioni non trasferiti?

Gli embrioni che sono di migliore qualità e ottimali saranno quelli utilizzati per il trasferimento all'utero della donna. È possibile che ci siano più embrioni di buona qualità che non vengono trasferiti, quindi vengono vetrificati (congelati) per conservarli per un tempo indefinito. Questi embrioni possono essere utilizzati in un trasferimento successivo, in un trasferimento differito.

Se la gravidanza è avvenuta e dopo un po' la donna vuole un altro figlio, si possono utilizzare gli embrioni crioconservati, in modo che non sia necessario eseguire nuovamente un ciclo completo di FIVET. Basta somministrare il farmaco per preparare l'endometrio ed eseguire il trasferimento dell'embrione.

In alcuni paesi, nel caso in cui la donna o la coppia non desideri avere altri figli e abbia embrioni in eccesso, può donarli ad altre coppie o ad un progetto di ricerca. A tal fine è necessario firmare un modulo di consenso informato.

In Italia, invece, a causa della problematica situazione giuridica, non è previsto alcun provvedimento per gli embrioni. Pertanto, saranno congelati a tempo indeterminato. Se non si desidera trasferirli, gli embrioni devono essere conservati in azoto liquido.

Prezzo del trasferimento di embrioni congelati

Quando una donna ha bisogno di fare un secondo tentativo dopo un ciclo fallito o quando vuole avere un secondo figlio con gli embrioni rimasti, si ricorre al trasferimento di embrioni congelati.

Poiché non c'è bisogno di stimolazione ovarica o di FIV, il costo è inferiore. In particolare, il trasferimento di embrioni congelati costa di solito tra i 600 e i 2.000 euro a seconda del centro in cui viene effettuato. Oltre a questo prezzo, c'è il farmaco ormonale per la preparazione dell'endometrio, che di solito non è incluso nel trattamento.

Il costo del farmaco per la preparazione ormonale è compreso tra 200 e 300 euro, ma può variare a seconda delle dosi necessarie per ogni tipo di paziente.

Domande più frequenti

È meglio trasferire gli embrioni il 3° giorno o il 5° giorno?

Da Dra. Rut Gómez de Segura (ginecologa).

Il giorno del trasferimento dell'embrione è la chiave per un trattamento di riproduzione assistita. Qualche anno fa, era ancora molto comune trasferire gli embrioni il terzo giorno del loro sviluppo. Tuttavia, al giorno d'oggi e con i miglioramenti nelle tecniche di coltura e nella selezione degli embrioni, la tendenza è quella di aspettare fino al quinto giorno o allo stadio di blastocisti.
Continua a leggere

Posso fare sport dopo il trasferimento dell'embrione?

Da Dra. Rut Gómez de Segura (ginecologa).

Nei giorni successivi al trasferimento, è importante evitare attività che comportino un eccessivo sollevamento e che richiedano una notevole pressione addominale (ad esempio: acquisti pesanti, trasporto di valigie...).

Allo stesso modo, l'esercizio fisico intenso come il nuoto, la corsa, lo spinning, l'aerobica... dovrebbe essere evitato fino a quando il test di gravidanza non è stato effettuato.

È normale sentire qualche disagio addominale, come i dolori pre-mestruali, senza che questo porti ad una migliore o peggiore evoluzione del ciclo. A volte questo disagio può essere accompagnato da una leggera emorragia, che non dovrebbe essere un segno di allarme.

Quanto tempo devo aspettare per riprovare dopo un trasferimento non riuscito?

Da Sara Salgado (embriologa).

Non è necessario lasciare cicli di riposo tra un trasferimento e l'altro, un nuovo tentativo può essere fatto nel ciclo successivo. Finché il medico lo riterrà opportuno, dopo un trasferimento negativo, si inizierà il trattamento con farmaci ormonali per preparare nuovamente l'endometrio per un altro trasferimento.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Bolton, V.N., Wren, M.E. and Parsons, J.H. (1991) Pregnancies after in vitro fertilization and transfer of human blastocysts. Fertil. Steril., 55, 830–832.

Bruno I, Pérez F, Tur R, Ricciarelli E, De la Fuente A, Monzó A. et al. (2005). Grupo de interés en Salud Embrionaria. Sociedad Española de Fertilidad. Embarazos múltiples derivado de FIV-ICSI en España: Incidencia y criterios sobre la transferencia embrionaria. Rev. Iberoam. Fertil.; 22 (2): 99-110.

Forman EJ, Hong KH, Ferry KM, Tao X, Taylor D, Levy B, et al. (2013). In vitro fertilization with single euploid blastocyst transfer: a randomized controlled trial. Fertil Steril;100:100–7.e1.

Huisman, G.J., Alberda, A.T., Leerentveld, R.A. et al. (1994) A comparison of in vitro fertilization results after embryo transfer after 2, 3 and 4 days of embryo culture. Fertil. Steril., 61, 970–971.

Ley 14/2006, de 26 de mayo, sobre técnicas de reproducción humana asistida. Jefatura del Estado «BOE» núm. 126, de 27 de mayo de 2006 Referencia: BOE-A-2006-9292

Montag M, Toth B, Strowitzki T. (2013). New approaches to embryo selection. Reprod Biomed Online;27:539–46.

Pope CS, Cook EK, Arny M, Novak A, Grow DR. (2004). Influence of embryo transfer depth on in vitro fertilization and embryo transfer outcomes. Fertil. Steril.;81:51–8.

Sallam HN, Sadek SS (2003). Ultrasound-guided embryo transfer: a meta-analysis of randomized controlled trials. Fertil. Steril.;80:1042–6.

Tomás C, Tikkinen K, Tuomivaara L, Tapanainen JS, Martikainen H. (2002). The degree of difficulty of embryo transfer is an independent factor for predicting pregnancy. Hum Reprod; 17:2632–5.

William B. Schoolcraft, M.D., for the ASRM American Society for Reproductive Medicine (April 2016). Importance of embryo transfer technique in maximizing assisted reproductive outcomes. Vol. 105, No. 4. Colorado Center for Reproductive Medicine, Lone Tree, Colorado

Rodríguez L, Pons I, Grande C, Ruesta C, Fernández-Shaw S (2007). Resultados del programa de transferencias electivas de un embrión en URH García del Real. Rev Iberoam Fertil; 24 (1): 11-16.

Domande più frequenti: 'È meglio trasferire gli embrioni il 3° giorno o il 5° giorno?', 'Posso fare sport dopo il trasferimento dell'embrione?' e 'Quanto tempo devo aspettare per riprovare dopo un trasferimento non riuscito?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Aitziber Domingo Bilbao
Aitziber Domingo Bilbao
Embriologa
Laurea in Biologia presso l'Università dei Paesi Baschi. Ha un Master in Riproduzione Umana dell'Università Complutense di Madrid e un altro in Ricerca Biomedica dell'Università dei Paesi Baschi. Ha una vasta esperienza come embriologa specializzata in Medicina della Riproduzione. Continua a leggere Aitziber Domingo Bilbao
Dr. Àlex García Faura
Dr. Àlex García Faura
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Barcellona (UB), con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. Master in Patologia del seno - Senologia dell'UB. Ha una pluriennale esperienza nella professione e un'ampia formazione in diversi campi della specialità che lo hanno reso un grande esperto nella cura delle patologie ginecologiche e ostetriche. Continua a leggere Dr. Àlex García Faura
Numero associato: 080835235
 Marta Barranquero Gómez
Marta Barranquero Gómez
Embriologa
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV) e specializzato in Riproduzione Assistita presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH) in collaborazione con Ginefiv e in Genetica Clinica presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH). Continua a leggere Marta Barranquero Gómez
Numero associato: 3316-CV
Embriologa
Laurea in Biologia all'Università di Alcalá de Henares. Ha conseguito un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita presso l'Università di Valencia. Ha una vasta esperienza in diversi laboratori di riproduzione assistita. Continua a leggere
Numero associato: 19882M
Dra. Rut Gómez de Segura
Dra. Rut Gómez de Segura
Ginecologa
Il Dr. Rut Gómez de Segura è laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Alcalá de Henares. Ha sviluppato la specializzazione in Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Costa del Sol di Marbella. Attualmente è il direttore medico della clinica di IVF Spain Madrid per la riproduzione assistita. Continua a leggere Dra. Rut Gómez de Segura
Numero associato: 28/2908776
 Sara Salgado
Sara Salgado
Embriologa
Laureato in Biochimica e Biologia Molecolare presso l'Università dei Paesi Baschi (UPV/EHU), con un Master in Riproduzione Umana Assistita dell'Università Complutense di Madrid (UCM). Esperto universitario in Tecniche diagnostiche genetiche dell'Università di Valencia (UV). Continua a leggere Sara Salgado
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.