Trasferimento di embrioni: il terzo o il quinto giorno?

Da (embriologa), (ginecologo), (embriologo senior), (embriologo clinico senior), (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 15/10/2020

Il trasferimento di embrioni è la fase finale del processo di fecondazione in vitro (FIVET). Se il trattamento di fertilità ha avuto successo, 15 giorni dopo un test di gravidanza positivo confermerà che la gravidanza è stata finalmente raggiunta.

La scelta del giorno del trasferimento dell'embrione dipende dall'evoluzione dell'intero processo di FIVET in generale. Lo specialista ha il compito di determinare se ci sono più vantaggi nel trasferimento il giorno 3 o il giorno 5 dello sviluppo embrionale.

Attualmente, la tendenza è quella di trasferire un singolo embrione allo stadio di blastocisti per evitare gravidanze multiple. Questo è il quinto giorno di sviluppo embrionale e la probabilità di impianto è più alta.

Di seguito trovate un indice con i 8 punti che tratteremo in questo articolo.

Che cos'è il trasferimento di embrioni?

Il trasferimento embrionale consiste nel depositare l'embrione o gli embrioni fecondati in laboratorio nell'utero della madre.

In vista di questo momento, lo specialista responsabile del trattamento di riproduzione assistita deve prendere 2 importanti decisioni all'inizio dell'intero processo:

Numero di embrioni da trasferire
la legislazione spagnola consente un massimo di tre embrioni, anche se la ricerca recente si concentra su singoli trasferimenti per evitare gravidanze multiple, associate a un maggiore rischio fetale e materno.
Il giorno migliore per trasferire gli embrioni
e' possibile trasferirli in qualsiasi giorno, dal primo giorno, quando la fecondazione è verificata, al sesto o settimo giorno. Tuttavia, il trasferimento viene solitamente effettuato il 2-3° giorno o il 5°-6° giorno, poiché questi sono i momenti in cui la sua qualità può essere analizzata più facilmente.

La polemica a questo proposito è ampia, con diversi studi che dimostrano che è meglio trasferire il giorno 3 e altri che indicano che le percentuali di successo sono più alte il giorno 5.

La maggior parte degli esperti si impegna per un trasferimento personalizzato, cioè sceglie il giorno del trasferimento in base alla situazione di ogni paziente.

Trasferimento embrione il giorno 3

In una gravidanza naturale, la fecondazione avviene nelle tube di Falloppio e non è fino al giorno 5-6 quando l'embrione raggiunge l'utero e l'impianto avviene nell'endometrio.

Tuttavia, quando si cerca la gravidanza attraverso la riproduzione assistita, gli embrioni vengono coltivati in laboratorio in un ambiente diverso da quello che può esistere nel tratto riproduttivo femminile. Per questo motivo, si è sempre cercato di ridurre il numero di giorni di coltura embrionale.

I vantaggi e gli svantaggi del trasferimento il giorno 3 sono discussi qui di seguito:

Vantaggi del 3° giorno

Il vantaggio principale del trasferimento embrionale precoce è che sono disponibili più embrioni.

Con il passare dei giorni di coltura in laboratorio, alcuni embrioni smettono di svilupparsi e non sono più vitali. Questo è uno dei motivi per cui alcuni embriologi preferiscono il trasferimento il terzo giorno, quando l'embrione ha tra le 6 e le 8 cellule.

Pertanto, il rischio di annullamento del trasferimento è inferiore il giorno 3 rispetto a quello in cui gli embrioni vengono lasciati in coltura fino al giorno 5 o 6. Inoltre, un altro vantaggio è che il numero di embrioni da vitrificare è più alto e possono essere utilizzati per futuri trasferimenti di embrioni.

Svantaggi del 3° giorno

I parametri morfologici utilizzati per misurare la qualità dell'embrione al terzo giorno non sono sufficienti per selezionare l'embrione più probabile da impiantare.

Anche se in linea di principio è stato scelto l'embrione con le migliori caratteristiche, non ci sono prove che indichino che non si fermerà anche nell'utero dopo il suo trasferimento e, quindi, c'è un certo rischio che questo embrione sia destinato a degenerare e non ad impiantarsi.

Il momento in cui l'embrione passa dallo stadio cellulare (giorno 3) allo stadio di blastocisti (giorno 5) è un cambiamento delicato che può compromettere la sua vitalità.

Poiché con il trasferimento di un singolo embrione si corre il rischio che esso non possa continuare il suo sviluppo nell'utero, la pratica abituale è quella di trasferire due, o anche tre embrioni il terzo giorno. Ciò significa un'alta possibilità di ottenere una gravidanza multipla con tutti i rischi associati per la madre e i futuri bambini che ciò comporta.

Trasferimento di blastocisti il giorno 5

La coltura sequenziale consiste nel mantenere gli embrioni fino a 5 giorni in laboratorio, in cui diventano blastocisti. Questo è un po' più complicato perché dobbiamo tener conto delle loro esigenze metaboliche, che cambiano a partire dal terzo giorno.

Come nel caso precedente, il trasferimento il giorno 5 presenta una serie di vantaggi e svantaggi:

Vantaggi del 5° giorno

Quando si ottengono molti embrioni dopo la fecondazione, tenerli in coltura sequenziale è una buona opzione. Questo permette una selezione naturale dell 'embrione con la maggiore capacità di impianto, poiché la maggior parte degli embrioni cromosomicamente anormali non sono in grado di raggiungere i principali stadi di sviluppo.

D'altra parte, la selezione morfologica dell 'embrione il giorno 5 è più accurata rispetto al giorno 3, poiché i parametri morfologici delle blastocisti hanno una migliore correlazione con la qualità embrionale.

La valutazione della vita quotidiana dell'embrione secondo alcuni parametri morfologici e morfocinetici permette una selezione più specifica dell'embrione con il maggior potenziale di impianto.

Il trasferimento di blastocisti permette anche una migliore sincronizzazione con l'endometrio, poiché gli embrioni non si impiantano nell'utero prima del 5° giorno in modo naturale. Pertanto, c'è una maggiore ricettività endometriale.

Infine, la possibilità di selezionare in modo più preciso l'embrione con la maggiore capacità di impianto permette di effettuare un unico trasferimento senza abbassare il tasso di successo ed evitando così gravidanze multiple.

Svantaggi del 5° giorno

Nonostante tutti i vantaggi, c'è il rischio che gli embrioni geneticamente normali non raggiungano lo stadio di blastocisti a causa delle condizioni di coltura in laboratorio.

In condizioni naturali, l'embrione scende nella cavità uterina il quarto giorno di sviluppo ed è a diretto contatto con le cellule endometriali che secernono le molecole per la sua nutrizione. È quindi necessario stabilire i mezzi di coltura ottimali e le condizioni di temperatura, umidità e luce appropriate per promuovere la crescita degli embrioni.

Lo svantaggio principale della coltura sequenziale è il rischio di annullare il trasferimento embrionale, soprattutto se si ottengono pochi ovuli dopo la puntura follicolare.

Personalizza il trattamento FIVET

Indipendentemente dalle preferenze di ogni professionista per quanto riguarda la difesa di un momento o dell'altro, tutti gli embriologi e gli specialisti della riproduzione assistita sono d'accordo che ogni trattamento deve essere individualizzato.

Secondo l'embriologo Aitziber Domingo:

Non è possibile generalizzare il giorno del trasferimento dell'embrione. Tutti i pazienti devono essere trattati individualmente e ogni caso deve essere valutato giorno per giorno.

È importante scegliere il momento più appropriato di sviluppo embrionale per il trasferimento in funzione di ogni paziente e delle condizioni di ogni situazione di infertilità. Alcuni degli aspetti che vengono valorizzati sono i seguenti:

  • Numero di embrioni ottenuti
  • Qualità embrionale
  • Caratteristiche dei cicli FIVET precedenti
  • Tecniche complementari: DGP, ovodonazione, test ERA...
  • Condizioni di laboratorio

Nel caso della FIV con DGP, la biopsia embrionale viene solitamente effettuata il terzo giorno e i test genetici richiedono circa 24-48 ore per ottenere il risultato. Pertanto, il trasferimento degli embrioni viene eseguito il giorno 5-6 quando gli embrioni hanno raggiunto lo stadio di blastocisti.

Nella FIV con ovodonazione, la tendenza è per la coltura sequenziale e il trasferimento al quinto giorno perché c'è sempre un numero maggiore di embrioni e di buona qualità. Le percentuali di successo dei singoli trasferimenti sono le più alte.

Finalmente, se ci sono problemi di ricettività endometriale e viene eseguito un test ERA, il trasferimento embrionale avverrà nel momento più favorevole della finestra di impianto, come indicato dal test.

Domande più frequenti

Quando si effettua un trasferimento di embrioni il sesto giorno?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Quando si decide di fare una coltura sequenziale e gli embrioni evolvono fino allo stadio di blastocisti, il trasferimento degli embrioni avviene di solito il quinto giorno. Tuttavia, ci sono casi in cui lo sviluppo embrionale è un po' più lento ed è necessario attendere il sesto giorno per poter valutare meglio la qualità delle blastocisti.

Ho avuto ripetuti aborti spontanei, qual è il giorno migliore per effettuare il trasferimento di embrioni?

Da José Luis de Pablo (embriologo clinico senior).

Il fatto che lei abbia avuto ripetuti aborti non ha nulla a che vedere con il giorno del trasferimento dell'embrione. Nella maggior parte dei casi, avrà a che fare con la dotazione cromosomica degli embrioni.

Pertanto, il trattamento ideale per questi casi sarebbe una fecondazione in vitro con la Diagnosi Genetica Preimpianto (DGP). La PGD consiste nell'analizzare circa 6-8 cellule di ogni embrione e nel testarle. Con questa tecnica, sapremo quali embrioni sono cromosomicamente normali e quali no.

È meglio trasferire gli embrioni il 3° giorno o il 5° giorno?

Da Dra. Rut Gómez de Segura (ginecologa).

Il giorno del trasferimento dell'embrione è la chiave per un trattamento di riproduzione assistita. Qualche anno fa, era ancora molto comune trasferire gli embrioni il terzo giorno del loro sviluppo. Tuttavia, al giorno d'oggi e con i miglioramenti nelle tecniche di coltura e nella selezione degli embrioni, la tendenza è quella di aspettare fino al quinto giorno o allo stadio di blastocisti.
Continua a leggere

Posso effettuare il trasferimento di embrioni il terzo giorno se i miei embrioni sono PGD?

Da Dr. Emilio Gómez Sánchez (embriologo senior).

Attualmente, più del 90% delle biopsie embrionali per la PGD vengono eseguite il giorno 5, rendendo impossibile il trasferimento degli embrioni il giorno 3. Anche così, nei casi in cui la biopsia viene fatta il giorno 3, il risultato non sarà disponibile fino al giorno 5, quindi gli embrioni saranno trasferiti nello stadio di blastocisti il giorno 5.

È consigliabile effettuare un trasferimento di due embrioni di buona qualità il terzo giorno?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Il giorno migliore per il trasferimento deve essere valutato in base a ciascun paziente, come discusso in questo post. D'altra parte, se lo specialista ha stabilito che è meglio trasferire 2 embrioni invece di uno, il giorno 3 offre maggiori vantaggi in quanto non vi è alcun rischio di cancellazione a causa dell'esaurimento degli embrioni.

Il trasferimento dell'embrione può essere effettuato il quarto giorno?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Si sconsiglia di effettuare il trasferimento di embrioni il quarto giorno, perché con questo tempo gli embrioni sono in uno stato morula. È difficile determinare la qualità embrionale delle morule e, quindi, non sapremo quale avrà più probabilità di dar luogo ad una gravidanza evolutiva.

D'altra parte, ci sono alcuni casi in cui viene trasferito il giorno 4. Per esempio, quando gli embrioni vengono scongelati il terzo giorno e vogliono essere tenuti in coltura per un giorno per vedere se c'è sopravvivenza.

Lettura consigliata

Attualmente, una serie di criteri morfologici e morfocinetici sono considerati per scegliere gli embrioni da trasferire. Potete ottenere maggiori informazioni in merito nel prossimo post: Qualità embrionale.

Una volta effettuato il trasferimento dell'embrione, inizia il periodo di beta-attesa fino al momento di eseguire un test di gravidanza. Nel seguente articolo potete leggere di più su questo argomento: Sintomi di impianto embrionario.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

 Aitziber Domingo Bilbao
Aitziber Domingo Bilbao
Embriologa
Laurea in Biologia presso l'Università dei Paesi Baschi. Ha un Master in Riproduzione Umana dell'Università Complutense di Madrid e un altro in Ricerca Biomedica dell'Università dei Paesi Baschi. Ha una vasta esperienza come embriologa specializzata in Medicina della Riproduzione. Continua a leggere Aitziber Domingo Bilbao
Dr. Antonio Forgiarini
Dr. Antonio Forgiarini
Ginecologo
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Roma "Tor Vergata", con residenza in Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Clínico Universitario di Valencia. Master in Riproduzione Umana e attualmente ginecologo specializzato in Riproduzione Assistita presso Clínica Millet e IMER Valencia. Continua a leggere Dr. Antonio Forgiarini
Numero associato: 464621719
Dr. Emilio  Gómez Sánchez
Dr. Emilio Gómez Sánchez
Embriologo Senior
Laurea in Biologia all'Università di Siviglia. Ha un dottorato di ricerca in Biologia dell'Università di Valencia. Ha una vasta esperienza come embriologo specializzato in Medicina della Riproduzione ed è attualmente direttore del laboratorio di FIVET a Tahe Fertilidad. Continua a leggere Dr. Emilio Gómez Sánchez
Numero associato: 14075-MU
 José Luis de Pablo
José Luis de Pablo
Embriologo clinico senior
Doppia laurea in Biologia e Biochimica conseguita presso l'Università della Navarra. Master in basi teoriche e procedure del Laboratorio di Riproduzione Assistita dell'Università di Valencia. Titolo di Embriologo Clinico Senior di ESHRE e certificazione ASEBIR in embriologia clinica. Oltre 15 anni di esperienza nella gestione di laboratori di fertilizzazione in vitro. Continua a leggere José Luis de Pablo
Dra. Rut Gómez de Segura
Dra. Rut Gómez de Segura
Ginecologa
Il Dr. Rut Gómez de Segura è laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Alcalá de Henares. Ha sviluppato la specializzazione in Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Costa del Sol di Marbella. Attualmente è il direttore medico della clinica di IVF Spain Madrid per la riproduzione assistita. Continua a leggere Dra. Rut Gómez de Segura
Numero associato: 28/2908776
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.