Tipi di aborto spontaneo: quanti sono e in che modo si differenziano?

Da (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 14/10/2020

Un aborto spontaneo o un aborto è la perdita involontaria di una gravidanza prima della 20a settimana di gravidanza.

L'incidenza di aborto spontaneo è di una gravidanza su cinque, ovvero il 20% delle gravidanze. La maggior parte si svolge nel primo trimestre, tra le 6 e le 12 settimane di gravidanza.

Ci sono molti tipi di aborto spontaneo che dipendono da diversi fattori che commenteremo in questo post.

Tipi di aborto

Ci sono molti modi per classificare gli aborti. Prima di tutto, è importante sapere come differenziare:

Aborto spontaneo
non sono volontariamente provocati da donne, ma sono dovuti a una causa naturale.
Aborto spontaneo
è causata da una decisione personale della donna, sia che si tratti di una gravidanza indesiderata o del risultato di uno stupro, per esempio.
Aborti terapeutici
è l'interruzione volontaria della gravidanza per motivi medici.

In questo articolo ci concentreremo sui tipi specifici di aborto spontaneo, cioè quelli non intenzionali.

Che cos'è l'aborto spontaneo?

La definizione di aborto spontaneo si riferisce alla perdita involontaria dell'embrione o del feto prima delle 20 settimane di gestazione o quando pesa meno di 500 grammi.

In generale, l'aborto spontaneo avviene in fasi diverse. In primo luogo, di solito c'è il cosiddetto minaccia di aborto spontaneo. Questo viene rilevato da una leggera emorragia vaginale e da un dolore nella zona dell'utero.

In questo caso, si consiglia alla donna di andare dal medico per un'ecografia, controllare se la cervice ha iniziato a dilatarsi e poi mantenere il riposo assoluto.

I sintomi dell'aborto minacciato possono diventare più gravi e possono portare a una maggiore emorragia, che corrisponderà all'aborto stesso. La donna avrà un dolore più intenso e la cervice si aprirà per espellere il feto. Ora classificheremo i tipi di aborto in base a diversi fattori:

Aborto per frequenza

Ci sono due categorie di aborto, a seconda che si verifichino in una sola volta o che si ripetano nella stessa donna:

Aborto sporadico
è presentato in modo isolato. È comune nelle neomamme e non pone problemi di fertilità.
Aborto ripetuto
quando si verificano tre o più aborti consecutivi (aborto primario ricorrente) o non consecutivi (aborto secondario ricorrente).

L'aborto ripetuto richiede ulteriori studi per determinarne la causa e per poter applicare un trattamento specifico che consenta alla donna di portare a termine la gravidanza. Per maggiori informazioni su questo argomento, si consiglia di leggere il seguente articolo: Cos'è l'aborto ricorrente?

Aborto per età gestazionale

Come abbiamo detto, l'aborto spontaneo può avvenire fino alla 20a settimana di gravidanza. Entro questo periodo di tempo è possibile classificare gli aborti in base al momento in cui si verificano:

Aborto precoce
si verificano prima della 12a settimana di gravidanza e sono le più comuni.
Aborto tardivo
si svolge dopo 12 settimane.

Gli aborti precoci possono verificarsi sia quando una donna sa di essere incinta, sia prima di fare un test di gravidanza. Questi ultimi passano inosservati alla donna e vengono scambiati per semplici ritardi mestruali.

Un caso specifico che dovrebbe essere menzionato in questa sede è l'aborto biochimico, noto anche come microaborto. Si tratta di perdite gestazionali molto precoci dopo un test di gravidanza positivo.

Le cause più probabili della gravidanza biochimica sono i difetti iniziali nella fecondazione dell'ovulo con lo sperma, le divisioni cellulari anomale dell'embrione dopo la fecondazione o le alterazioni dell'impianto.

Nonostante questo, ci dice il Dr. Gorka Barrenetxea, specialista in Ginecologia e Ostetricia:

L'aborto biochimico non ha alcun impatto, né negativo né positivo, sulla fertilità futura.

Aborto del sacco gestazionale

Ci sono due tipi di aborto a seconda che si veda o meno un embrione all'interno del sacco gestazionale:

Sacchi anembrionici
si osserva il sacco gestazionale vuoto, senza embrioni all'interno, a causa di un arresto molto precoce dello sviluppo. E' anche conosciuto come ovulo chiaro .
Sacchi embrionali
l'embrione si trova all'interno del sacco gestazionale, ma non ha un battito cardiaco a causa di un successivo arresto nel suo sviluppo.

Il 50% degli aborti del primo trimestre sono dovuti ad una gravidanza embrionale, la cui causa principale sono le alterazioni genetiche dell'embrione.

In questa sezione possiamo anche includere la gravidanza ectopica o extrauterina. Consiste in un tipo di gravidanza in cui l'embrione si impianta in un luogo diverso dall'endometrio. La cosa più comune in questo caso è trovare il sacco gestazionale nelle tube di Falloppio. Chiaramente, si tratta di una gravidanza non redditizia che termina con l'aborto.

Per conoscere tutti i tipi di gravidanza ectopica esistenti, potete cliccare sul seguente link: Cos'è la gravidanza ectopica?

Aborti per varietà clinica

Dopo la perdita gestazionale, è necessario che il corpo elimini tutti i resti embrionali in modo naturale, altrimenti sarebbe necessario adottare misure per rimuoverli, come ad esempio un curettage.

A seconda che il feto e i resti abortiti vengano rimossi naturalmente o meno, si possono trovare i seguenti tipi di aborto:

Aborto completo o completato
tutto il contenuto uterino è stato espulso dopo la morte del feto. Non è necessario un ulteriore trattamento, poiché l'emorragia si arresta, il dolore scompare e la cervice si richiude da sola.
Aborto incompleto
il contenuto dell'utero non viene espulso completamente dopo la morte del feto. Sarà necessario rimuovere il tessuto fetale e placentare rimanente per prevenire emorragie e infezioni che possono rappresentare un rischio per la salute materna.
Aborto differito o rifiutato
l'embrione muore, ma la donna non riesce ad eliminare la sacca gestazionale per diverse settimane o addirittura mesi. Di solito si verifica tra le 8 e le 12 settimane di gestazione. Quello che succede è che i sintomi della gravidanza scompaiono gradualmente, l'utero smette di crescere e i test di gravidanza diventano negativi circa 10 giorni dopo la morte del feto.
Aborto da embrione detenuto
l'aborto è così precoce che non si forma alcun tessuto fetale definito. L'embrione fecondato smette di svilupparsi dopo l'impianto e viene completamente eliminato con le mestruazioni.

Sia l'aborto incompleto che quello ritardato richiedono un intervento medico per eseguire un curettage e rimuovere il contenuto dell'utero. La mancata rimozione di tutti i resti fetali potrebbe portare all 'aborto settico a causa dell'infezione, che è un rischio elevato per la madre.

Domande più frequenti

Quanto dura l'emorragia in un aborto spontaneo?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Questo dipende da ogni donna e dalle caratteristiche di ogni tipo di aborto. In generale, in un aborto spontaneo completo, l'emorragia vaginale può durare al massimo una o due settimane.

Gli aborti spontanei hanno sempre bisogno di un D&C?

Da Zaira Salvador (embriologa).

No. Quando l'aborto spontaneo è stato completato o quando l'embrione si è fermato in uno stadio di sviluppo molto precoce, i resti abortivi vengono rimossi con sanguinamento vaginale e non è necessario un curettage.

Lettura consigliata

Nella maggior parte dei casi, prima di subire un aborto spontaneo, una donna subisce una minaccia di aborto che può portare ad un aborto spontaneo o scomparire in modo che la gravidanza possa prendere il suo corso normale. Se vuoi informazioni più dettagliate su questo argomento, puoi visitare il seguente post: Qual è la minaccia dell'aborto?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia all'Università di Navarra. Dottorato in Medicina e Chirurgia presso l'Università dei Paesi Baschi/Euskal Herriko Unibertsitatea. Specialista in Ginecologia e Ostetricia (MIR). Ha più di 30 anni di esperienza ed è professore ordinario all'Università dei Paesi Baschi. È anche professore al Master in Fertilità Umana presso l'Università Complutense di Madrid. Vicepresidente del SEF. Continua a leggere Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Numero associato: 484806591
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.