Test di fertilità maschile: cosa sono e in cosa consistono?

Da (embriologa), (embriologa), (embriologa), (ginecologo) e (invitra staff).
Aggiornato il 24/12/2020

Quando una coppia cerca una gravidanza da un anno senza successo, ci possono essere problemi di sterilità. A questo punto, la coppia dovrà recarsi da uno specialista che ordinerà vari test per fare uno studio sulla fertilità.

Nel caso degli uomini, lo studio della fertilità maschile per eccellenza è costituito dal test dello sperma o dalla spermiografia, che analizza la qualità del seme. Tuttavia, ci sono ulteriori studi, come il test ormonale, il cariotipo o lo spermatozoo FISH tra gli altri.

Una volta stabilita la causa della sterilità, sarà possibile applicare un adeguato trattamento di riproduzione assistita per ottenere la gravidanza.

Quali test avete intenzione di fare su di me?

Per fare una diagnosi di infertilità, è necessario che la coppia si rechi da un medico della fertilità. In generale, si consiglia di rivolgersi a uno specialista quando la coppia ha rapporti sessuali regolari e non protetti da almeno un anno e non è in grado di portare a termine una gravidanza.

Da questo punto in poi, il medico farà una serie di domande per creare un'anamnesi e richiedere esami medici per entrambi i partner. L'obiettivo è quello di determinare la causa della sterilità e quindi decidere il trattamento migliore.

In particolare, i test di base di uno studio sulla fertilità maschile sono i seguenti:

  • Esame fisico per vedere la salute generale del maschio e dei suoi organi sessuali.
  • Seminogramma per valutare la qualità dello sperma.
  • Analisi ormonale per determinare se c'è un'alterazione degli ormoni sessuali maschili.

Va notato che la valutazione della fertilità maschile deve essere sempre personalizzata. Pertanto, i test che vengono effettuati dipendono da ogni singola persona.

Esame fisico

Il primo test che viene fatto ad un uomo è un esame fisico per escludere problemi di fertilità dovuti a problemi testicolari o di eiaculazione.

A questo scopo, l'urologo di solito esegue i seguenti studi:

  • Registrazione del peso e dell'altezza.
  • Esame dell'addome e dell'inguine.
  • Esame del pene e della prostata.
  • Valutazione della situazione dei testicoli, del loro volume e della loro consistenza.
  • Ecografia testicolare.

Lo scopo dell'esame fisico è quello di escludere l'esistenza di problemi anatomici e di valutare se l'uomo presenta difficoltà a depositare correttamente il suo seme. Finché il maschio non mostra alcuna alterazione in questi aspetti, il prossimo test è l'analisi dell'eiaculato.

Seminogramma o spermogramma

Il seminogramma, detto anche spermiogramma, consiste nello studio delle caratteristiche seminali che determinano la qualità dell'eiaculato. Per poter fare questo test, è essenziale avere tra 3 e 5 giorni di astinenza.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stabilisce i valori minimi per considerare normale un campione di sperma. A seconda dei risultati del seminogramma, possiamo sapere se c'è una patologia o se lo sperma è normale (normozoospermia).

In caso di alterazione, possiamo classificare la patologia subita dall'uomo in base al parametro seminale interessato.

Studio macroscopico

Quando si esegue un'analisi macroscopica dello sperma, le caratteristiche di base vengono analizzate a colpo d'occhio dello sperma, senza la necessità di utilizzare un microscopio.

Di seguito sono riportati i parametri seminali che possono essere analizzati attraverso uno studio macroscopico:

Volume
la quantità normale di sperma per eiaculato è compresa tra 2 e 4 ml. Tuttavia, questo valore può variare a seconda dei giorni di astinenza, dello stress, ecc.
Liquefazione
avviene dopo aver lasciato riposare il campione di sperma per circa 20 minuti.
Colore
lo sperma dovrebbe essere di colore grigio-giallastro, o se l'aspetto è diverso, può indicare un'infezione.
Viscosità
viene valutata la presenza di filettature nel campione.
pH
i valori considerati normali per il pH degli spermatozoi sono compresi tra 7,2 e 8,0, cioè un pH basico.

Tenendo conto di queste analisi dello sperma, non è complicato interpretare da soli i risultati del seminogramma.

Studio microscopico

Lo studio microscopico dello sperma consiste nell'analizzare un piccolo campione al microscopio. Quindi, i parametri seminali più importanti che vengono analizzati nel seminogramma sono:

Mobilità dello sperma
si studia la capacità dello sperma di muoversi. Affinché possano raggiungere l'ovulo e fecondarlo, gli spermatozoi devono mostrare un movimento rapido e progressivo.
Conta spermatica o concentrazione di spermatozoi
si riferisce alla quantità di sperma in un millilitro di eiaculato o in tutto l'eiaculato.
Morfologia
gli spermatozoi con una forma alterata o anormale troveranno più difficile muoversi, superare le barriere del tratto riproduttivo femminile e fecondare l'ovulo.
Vitalità
viene analizzato se gli spermatozoi immobili sono vivi o morti. Questo parametro viene determinato quando c'è un gran numero di spermatozoi immobili.
Presenza di leucociti
sarebbe indicativo di una possibile infezione.

Analisi ormonale

Se l'analisi dello sperma mostra risultati alterati, è possibile eseguire un'analisi ormonale mediante un esame del sangue. Questo studio può aiutare a determinare perché il seminogramma mostra alcuni parametri al di fuori del range normale.

La produzione di spermatozoi o spermatogenesi avviene nel testicolo, grazie all'azione di ormoni sessuali come il testosterone, FSH (ormone follicolo-stimolante), LH (ormone luteinizzante) o prolattina.

I valori anormali di questi ormoni possono quindi alterare la spermatogenesi e quindi la quantità e la qualità dello sperma.

Altri test di fertilità maschile

Quando si ottiene un risultato anomalo sul seminogramma o si verifica un'alterazione dei parametri di concentrazione, della motilità o della morfologia degli spermatozoi, di solito si richiedono ulteriori esami per confermare la causa.

Ognuno di questi test aggiuntivi che vengono eseguiti sull'uomo sono dettagliati qui di seguito.

Studio sulla frammentazione del DNA dello sperma

Affinché gli spermatozoi possano fecondare correttamente l'ovulo e dare origine ad un embrione sano in grado di impiantarsi nel grembo materno, è importante che il DNA spermatico non venga danneggiato.

Un alto grado di frammentazione del DNA spermatico può portare a problemi di fecondazione e anche a fallimenti precoci nello sviluppo dell'embrione.

Negli ultimi anni, la percentuale di uomini con alti livelli di frammentazione del DNA spermatico è aumentata. Le cause più frequenti sono l'esposizione alle sostanze inquinanti, i trattamenti farmacologici, il fumo o l'alta temperatura testicolare.

Per questo motivo, gli uomini che presentano una percentuale di frammentazione dello sperma superiore al 30% devono ricorrere a tecniche di riproduzione assistita per ottenere una gravidanza.

Cultura dello sperma

Se ci sono più di 1 milione di leucociti/ml nel seminogramma, si esegue una coltura seminale o coltura spermatica. In sostanza, si tratta di uno studio batteriologico del seme per rilevare la presenza di microrganismi.

È anche necessario richiedere una coltura di sperma quando c'è dolore testicolare, gonfiore dei testicoli, sangue nello sperma, o un cambiamento nel colore e nell'odore dello sperma.

Se il risultato della coltura è negativo, il che è normale, significa che non c'è infezione. L'infezione viene invece stabilita se la quantità del microrganismo supera i livelli considerati normali.

Studio del cariotipo

Il cariotipo è l'insieme dei cromosomi che ogni cellula di un individuo possiede. In particolare, nell'essere umano ci sono 23 coppie di cromosomi e uno di essi corrisponde ai cromosomi sessuali (XX per la femmina e XY per il maschio).

Pertanto, lo studio del cariotipo consiste nell'analizzare i cromosomi per vedere se c'è qualche alterazione, sia numerica che strutturale, che potrebbe essere la causa della sterilità. Questo studio viene effettuato mediante un esame del sangue.

Il cariotipo è un test diagnostico molto importante e viene eseguito di routine nei casi di infertilità sia maschile che femminile. Se i genitori hanno un'anomalia genetica o cromosomica, è molto probabile che questa sia la causa del loro problema nel concepire.

Test iposmotico

Questo test viene eseguito per verificare se la membrana del plasma spermatico funziona correttamente o se è danneggiata. Per fare questo, gli spermatozoi sono collocati in un mezzo ipotonico (a basso contenuto di sale), che provoca uno squilibrio osmotico nelle cellule, facendoli entrare nel mezzo e gonfiarsi.

Se la membrana spermatica è danneggiata, non sarà funzionale, quindi la fecondazione non può avvenire. Da qui la rilevanza di questo test.

FISH degli spermatozoi

L'ibridazione fluorescente in situ o FISH degli spermatozoi è un test di analisi citogenetica in cui i cromosomi specifici degli spermatozoi sono marcati con sonde di DNA fluorescente. La sua finalità è di verificare se gli spermatozoi hanno una dotazione cromosomica normale. Pertanto, lo spermatozoo FISH fornisce grandi informazioni sulla qualità seminale del maschio.

Alcune situazioni in cui viene indicato il FISH spermatico sono le seguenti:

  • Alterazioni del cariotipo.
  • Seminogramma alterato, soprattutto nei casi con bassa concentrazione o gravi problemi morfologici.
  • Uomini sottoposti a chemioterapia o radioterapia.
  • Coppie con aborti spontanei ricorrenti di causa sconosciuta.
  • Fallimento ripetuto dell'impianto dopo l'applicazione di tecniche di riproduzione assistita.
  • Coppie che hanno avuto un figlio con un disturbo cromosomico.
  • Età avanzata.

Di solito, i cromosomi che vengono analizzati sono il cromosoma 13, 18, 21, X e Y. Questo è conosciuto come il 5 sonda FISH. Tuttavia, questo studio può essere eseguito su altri cromosomi.

In generale, si considera un risultato anomalo di FISH quando si analizzano 100-2000 spermatozoi e si osserva una maggiore incidenza di alterazioni cromosomiche rispetto ad un gruppo di controllo di donatori di sperma fertili.

Biopsia testicolare

La biopsia testicolare è una procedura chirurgica in cui vengono rimossi piccoli frammenti di testicoli per controllare la produzione di sperma. Si esegue in assenza di spermatozoi nell'eiaculato, un'alterazione chiamata azoospermia.

Normalmente, questa tecnica non causa complicazioni nel maschio. Tuttavia, come per qualsiasi intervento chirurgico, nella zona possono verificarsi infezioni da ferite o disturbi di lieve entità.

Domande più frequenti

Come faccio a sapere se sono un uomo fertile?

Da Sara Salgado (embriologa).

Se avete avuto rapporti sessuali non protetti per un anno e non avete ottenuto una gravidanza, o se l'uomo vuole sapere se è fertile, può essere eseguito uno studio sulla fertilità maschile.

La prima cosa da fare è fare un'anamnesi e fare un esame fisico completo, insieme ad un seminogramma, un test in cui si rilevano il volume, la concentrazione, la motilità, la vitalità e la morfologia degli spermatozoi, e che ci aiuta anche a prevenire, evitare o curare i disturbi che causano la sterilità e che di solito passano inosservati.

Quanto costano i test di fertilità maschile?

Da Sara Salgado (embriologa).

Uno studio sulla fertilità maschile costa tra i 100 e i 200 euro. Dipenderà dal centro in cui sarà fatto. Se sono necessari ulteriori test, è necessario prevedere un aumento dei costi.

Come si fa a capire se un uomo è sterile senza esami medici? Ci sono test di fertilità effettuati a casa o in farmacia?

Da Sara Salgado (embriologa).

Non è possibile sapere se un uomo è sterile o sterile senza gli opportuni test medici. È essenziale che il maschio si rechi da uno specialista per sottoporsi ad un seminogramma e ad un esame per valutare la sua fertilità.

Ci sono alcuni test in farmacia per misurare la concentrazione di spermatozoi, ma è importante analizzare altri parametri seminali per dare una diagnosi completa.

Dove fate i test di fertilità maschile?

Da Sara Salgado (embriologa).

In un centro di riproduzione assistita o in un ospedale con un'unità di riproduzione. Dovrebbero essere fatte da un urologo-andrologo con esperienza nel campo della fertilità.

Lettura consigliata

Se volete saperne di più sulle possibili cause della sterilità maschile, vi consiglio di leggere il seguente articolo: Cosa causa la sterilità maschile - Sintomi e soluzioni

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Andrade-Rocha FT (2003). Semen analysis in laboratory practice: an overview of routine test. J Clin Lab Anal 2003; 17: 247-258.

Baker DJ (2007). Semen analysis. Clin Lab Sci; 20: 172-187; quiz 188-192.

Cardona-Toro LE (1996). Espermograma: indicaciones e interpretación. Medicina & Laboratorio; 6: 267-275.

G.R. Dohle, T. Diemer, A. Giwercman, A. Jungwirth, Z. Kopa, C. Krausz (2010). Guía clínica sobre la infertilidad masculina. European Association of Urology 2010 (actualización en abril de 2010)

Guzick DS, Overstreet JW, Factor-Litvak P, Brazil CK, Nakajima ST, Coutifaris C, et al. (2001). Sperm morphology, motility, and concentration in fertile and infertile men. N Engl J Med; 345: 1388-1393.

Kvist U, Björndahl L. ESHRE Monographs: Manual on Basic Semen Analysis. Oxford: Oxford University Press, 2002.

Male infertility best practice policy committee of the American Urological Association (AUA) (2010). The optimal evaluation of the infertile male. AUA Best Practice Statement.

Matorras R, Hernández J (eds.) (2007): Estudio y tratamiento de la pareja estéril: Recomendaciones de la Sociedad Española de Fertilidad, con la colaboración de la Asociación Española para el Estudio de la Biología de la Reproducción, de la Asociación Española de Andrología y de la Sociedad Española de Contracepción. Adalia, Madrid.

Menkveld R, Stander FS, Kotze TJ, Kruger TF, van Zyl JA (1990). The evaluation of morphological characteristics of human spermatozoa according to stricter criteria. Hum Reprod; 5: 586-592

Muller CH (2000). Rationale, interpretation, validation, and uses of sperm function tests. J Androl;21:10- 30.

Pierik FH, Van Ginneken AM, Dohle GR, Vreeburg JT, Weber RF (2000). The advantages of standardized evaluation of male infertility. Int J Androl; 23(6): 340-6.

Sociedad Española de Fertilidad (SEF) (2011). Manual de Andrología. Coordinador: Mario Brassesco. EdikaMed, S.L. ISBN: 978-84-7877.

Sociedad Española de Fertilidad (SEF) (2011). Recomendaciones para el estudio básico de la infertilidad masculina. En: Andrología (Cap. 43)

Weidner W, Colpi GM, Hargreave TB, Papp GK, Pomerol JM, Ghosh C; EAU Working Group on Male Infertility (2002). EAU guidelines on male infertility. Eur Urol;42:313-22.

World Health Organization (WHO) (2000). WHO Manual for the Standardized Investigation, Diagnosis and management of the infertile male. Cambridge: Cambridge University Press.

World Health Organization (WHO) (1992). Laboratory manual for the examination of human semen and sperm-cervical mucus interaction. 3rd ed. Cambridge, UK; Cambridge University Press.

Domande più frequenti: 'Come faccio a sapere se sono un uomo fertile?', 'Quanto costano i test di fertilità maschile?', 'Come si fa a capire se un uomo è sterile senza esami medici? Ci sono test di fertilità effettuati a casa o in farmacia?' e 'Dove fate i test di fertilità maschile?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Marta Barranquero Gómez
Marta Barranquero Gómez
Embriologa
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV) e specializzato in Riproduzione Assistita presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH) in collaborazione con Ginefiv e in Genetica Clinica presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH). Continua a leggere Marta Barranquero Gómez
Numero associato: 3316-CV
Embriologa
Laurea in Biologia all'Università di Alcalá de Henares. Ha conseguito un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita presso l'Università di Valencia. Ha una vasta esperienza in diversi laboratori di riproduzione assistita. Continua a leggere
Numero associato: 19882M
 Sara Salgado
Sara Salgado
Embriologa
Laureato in Biochimica e Biologia Molecolare presso l'Università dei Paesi Baschi (UPV/EHU), con un Master in Riproduzione Umana Assistita dell'Università Complutense di Madrid (UCM). Esperto universitario in Tecniche diagnostiche genetiche dell'Università di Valencia (UV). Continua a leggere Sara Salgado
Dr. Sergio  Rogel Cayetano
Dr. Sergio Rogel Cayetano
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università Miguel Hernández di Alicante con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia presso l'Ospedale Generale di Alicante. Ha ampliato la sua esperienza nella riproduzione assistita mentre lavorava in diverse cliniche di Alicante e Murcia, fino a quando nel 2011 è entrato a far parte dell'equipe medica di FIV Spain.

Continua a leggere Dr. Sergio Rogel Cayetano
Numero associato: 03-0309100
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.