Stimolazione dell’ovulazione nell’inseminazione artificiale (IA)

Da (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 22/09/2020

In un processo di inseminazione artificiale (IA), è necessario eseguire la stimolazione ovarica controllata per consentire lo sviluppo follicolare e l'ovulazione di uno o due ovuli maturi.

Questo si ottiene attraverso farmaci ormonali in dosi inferiori a quelle utilizzate per la fecondazione in vitro (FIVET). I farmaci utilizzati hanno vari nomi commerciali e la grande maggioranza contiene gonadotropine come FSH e LH o composti come il citrato di clomifene.

Le linee guida per la somministrazione di farmaci ormonali dipendono dalle caratteristiche di ogni paziente e possono essere modificate con il progredire del trattamento e con l'esecuzione di controlli ad ultrasuoni.

Cos'è la stimolazione ovarica?

In un normale ciclo mestruale, una donna sviluppa un follicolo nell'ovaio all'interno del quale cresce un ovulo. Al momento dell'ovulazione, viene rilasciato nelle tube di Falloppio, dove avviene l'incontro con lo sperma e la fecondazione.

Gli specialisti della riproduzione assistita mirano a controllare il ciclo mestruale in modo da garantire la maturazione di uno o più ovuli. Inoltre, l'ovulazione è indotta in un momento specifico per coincidere con l'inseminazione con il seme del maschio.

Pertanto, il trattamento di inseminazione artificiale è costituito da due parti in cui i farmaci utilizzati sono diversi:

Stimolazione ovarica controllata
gli ormoni del ciclo mestruale esogeno (FSH e LH) vengono somministrati per innescare lo sviluppo follicolare.
Induzione dell'ovulazione
l'ormone hCG induce l'ovulazione 36 ore dopo l'iniezione. In questo momento viene effettuata l'inseminazione artificiale intrauterina.

Per l'IA, lo sperma utilizzato può provenire dal partner della donna o da un donatore anonimo. In entrambi i casi, l'allenamento dello sperma sarà fatto per preparare lo sperma prima che venga introdotto nell'utero.

Dosaggio e giorni di trattamento

L'obiettivo della stimolazione dell'IA è quello di ottenere uno o al massimo due uova mature che possono essere fecondate nelle provette. Pertanto, la stimolazione ovarica è delicata rispetto a quella fatta in FIVET, dove lo sviluppo follicolare multiplo è destinato ad essere raggiunto.

Le dosi ormonali in un'IA sono basse e vengono somministrate tramite iniezioni che la donna si somministra secondo le raccomandazioni mediche.

Il processo di stimolazione dura di solito tra gli 8 e i 14 giorni. Le iniezioni iniziano il secondo o il terzo giorno dell'inizio del ciclo mestruale, prendendo come inizio del ciclo il giorno dell'arrivo delle mestruazioni.

Il ginecologo controlla il processo di maturazione dei follicoli con periodici ultrasuoni transvaginali e analisi dell'estradiolo del sangue.

Il monitoraggio della stimolazione mira a controllare il numero di follicoli in ciascuna delle ovaie, a programmare il tempo dell'inseminazione e a misurare lo spessore dell'endometrio.

La dimensione corretta dei follicoli che devono raggiungere i 18 millimetri di diametro, in cui viene somministrato l'ormone hCG per innescare l'ovulazione.

Nel caso in cui lo sviluppo follicolare non avvenga come previsto, il ginecologo può modificare la dose ormonale e/o i giorni di trattamento.

L’caratteristiche del paziente

Vengono presi in considerazione diversi aspetti per determinare il modello di medicazione più appropriato per ogni donna, di cui si sottolinea l'importanza:

  • L'età del paziente
  • Morfologia delle ovaie
  • Massa corporea
  • Analisi ormonale
  • Risposta alla stimolazione nei cicli precedenti

Nella riproduzione assistita non è possibile standardizzare il processo di stimolazione ovarica, ma è necessario effettuare un trattamento personalizzato per ogni paziente.

Farmaci per inseminazione artificiale

I tipi di farmaci per la stimolazione ovarica controllata nell'IA sono diversi e hanno diversi meccanismi d'azione. Inoltre, ogni tipo di farmaco ha molti marchi con prezzi molto diversi.

Di seguito, commenteremo quelli più usati oggi:

GnRH Analoghi
servono per la soppressione delle ovaie, cioè inibiscono gli ormoni sessuali endogeni del ciclo mestruale. Possono essere applicati con un trattamento breve o lungo e i più usati sono Cetrotide, Procrin, Decapeptyl e Orgalutran.
Gonadotropine
Sono gli ormoni esogeni che causano lo sviluppo follicolare stesso e quelli che devono essere somministrati a basse dosi. I farmaci che li contengono sono Gonal, Menopur e Puregon tra gli altri.
Citrato di clomifene
è utilizzato nelle donne con problemi ovulatori come la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS). Stimola lo sviluppo follicolare e provoca anche l'ovulazione. Uno dei farmaci più usati è l'Omifin.
Ormone hCG
consiste in una singola iniezione somministrata 34-36 ore prima dell'IA per indurre l'ovulazione. La droga più famosa è l'Ovitrelle.

Va notato che tutti questi farmaci devono essere usati sotto controllo medico in un trattamento di fertilità

Rischi della stimolazione ovarica

Lo svantaggio principale che può derivare dai farmaci ormonali in un'IA è la sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS). OHSS si verifica quando le ovaie rispondono in modo anomalo agli ormoni utilizzati nella stimolazione.

Questo può portare ad una maggiore permeabilità dei vasi sanguigni e favorire l'accumulo di liquido nella cavità peritoneale dell'addome, che provoca un grande dolore.

Il rischio di soffrire di questo sintomo in un trattamento di inseminazione artificiale è basso, poiché la stimolazione è molto lieve. Inoltre, il monitoraggio e il controllo effettuati consentono di anticipare un'elevata risposta e quindi di arrestare lo schema di medicazione prima che questa alterazione abbia luogo.

Altri svantaggi della stimolazione ovarica sono gli effetti collaterali che provoca, come il gonfiore addominale, il mal di testa, il disagio al seno, ecc. Tuttavia, questi passano in pochi giorni e non sono di grande importanza.

Domande più frequenti

Quanti giorni dura la stimolazione ovarica in un'inseminazione artificiale?

Da Carmen Ochoa Marieta (ginecologa).

Anche se dipende dal tipo di cicli che una donna ha e dalla sua risposta alla stimolazione ovarica, di solito è di 10-12 giorni.

C'è il rischio di gravidanza multipla con l'inseminazione artificiale?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Con la stimolazione ovarica, il numero di ovuli che possono essere fecondati dallo sperma viene aumentato per aumentare la probabilità di gravidanza. Pertanto, c'è un rischio maggiore di gravidanza multipla rispetto a quanto avviene in un ciclo naturale.

Per ridurre questo rischio, è importante che la stimolazione ovarica sia moderata, impedendo lo sviluppo e l'ovulazione di più follicoli di quelli desiderati.

Il letrozolo è usato per la stimolazione ovarica?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Il letrozolo è un farmaco che aumenta la secrezione di GnRH nel cervello e questo provoca il rilascio di più FSH e LH. Pertanto, provoca una stimolazione nell'ovaio.

Questo tipo di farmaco, come il citrato di clomifene, è usato nelle donne con problemi anovulatori sia nell'inseminazione artificiale che nei rapporti sessuali programmati. In entrambi i casi, è necessario iniettare Ovitrelle per innescare l'ovulazione.

Lettura consigliata

Per ulteriori informazioni sull'inseminazione artificiale e su cosa consiste il trattamento, potete accedere alla nostra pagina specializzata su questo argomento: Cos'è l'inseminazione artificiale intrauterina?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

 Carmen Ochoa Marieta
Carmen Ochoa Marieta
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università dei Paesi Baschi, con un dottorato in Medicina e Chirurgia dell'Università di Murcia. Attualmente dirige l'Unità di Riproduzione Assistita presso il Centro di Studi sulla Procreazione (CER SANTANDER) di Santander e l'Unità Diagnostica di Medicina della Riproduzione di Bilbao. Continua a leggere Carmen Ochoa Marieta
Numero associato: 484805626
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.