Cosa causa la sterilità maschile? – Sintomi e soluzioni

Da (androloga), (ginecologa), (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 09/09/2020

La sterilità maschile gioca un ruolo molto importante nella coppia sterile, poiché circa il 30% dei problemi nel raggiungimento di una gravidanza corrisponde a un fattore maschile.

L'uomo sterile di solito ha una bassa qualità seminale nella maggior parte dei casi, il che significa che i suoi spermatozoi non hanno una capacità sufficiente per poter fecondare l'ovulo e dare origine ad una gravidanza.

A seconda della causa di questa infertilità maschile, sarà possibile applicare un trattamento specifico che permetterà a queste coppie di diventare genitori.

Tipi di sterilità maschile

La sterilità maschile può essere causata da diversi fattori che sono raggruppati come segue:

  • Fattore premestruale o endocrino: alterazioni ormonali che influenzano lo sviluppo e/o la funzione del testicolo.
  • Fattore testicolare: coinvolgimento diretto dei testicoli.
  • Fattore post-testicolare: alterazioni nell'uscita degli spermatozoi.
  • Fattore spermatico: alterazioni della qualità dello sperma direttamente.

Anche se ci sono cause diverse, tutte influenzano la qualità dello sperma eiaculato in un modo o nell'altro. Per considerare che un maschio ha una buona qualità seminale, deve rispettare valori minimi di concentrazione, motilità, morfologia e vitalità degli spermatozoi.

Per fare la diagnosi di quella che può essere la causa della sterilità maschile, è necessario eseguire alcuni test diagnostici, tra i quali spicca il seminogramma. Di seguito, parleremo in modo più dettagliato di ogni tipo di infertilità maschile:

Fattore premestruale o endocrino

Questo tipo di sterilità è dovuta a problemi nella regolazione ormonale della spermatogenesi, cioè la produzione di spermatozoi.

Gli ormoni secreti dalla ghiandola pituitaria, LH e FSH, responsabili dell'azione sulla funzione riproduttiva maschile, possono essere alterati per uno dei seguenti motivi:

  • Abitudini di vita malsane
  • Diabete
  • Ipotiroidismo e ipertiroidismo
  • Ipogonadismo ipogonadotropico
  • Iperprolattinemia

Queste alterazioni possono essere dovute a problemi congeniti o essere causate da fattori esterni come alcune sostanze o farmaci (ad esempio gli anabolizzanti), che possono alterare l'intero sistema di regolazione ormonale e produrre problemi di fertilità.

Fattore testicolare

Quando parliamo di fattore testicolare, ci riferiamo a qualsiasi alterazione o difetto che colpisce direttamente i testicoli.

L'infertilità maschile dovuta a una causa testicolare può essere avvenuta alla nascita o a causa di agenti esterni in qualsiasi momento della vita di un uomo. Li commentiamo qui di seguito:

Fattori testicolari congeniti
sono causate da cambiamenti genetici a livello cromosomico (ad esempio nella sindrome di Klinefelter). Possono verificarsi anche a livello genetico, come nel caso della sindrome di Noonan, o se compaiono malattie causate da difetti dei geni del cromosoma Y.
Difetti acquisiti a livello testicolare
qui troviamo gli effetti negativi prodotti dai farmaci, come la chemioterapia, l'uso di droghe, la radioterapia, i traumi, le infezioni, ecc. Le patologie più conosciute sono il varicocele, il criptorchidismo, l'orchite e l'idrocele.

Fattore post-testicolare

La sterilità maschile dovuta a fattori post-testicolari comprende tutti quei casi che sono dovuti a ostruzioni o alterazioni dei dotti seminali. I dotti seminali sono l'epididimo, il vaso deferente e l'uretra, che devono essere attraversati dagli spermatozoi per uscire una volta prodotti dai testicoli.

Le cause di questo blocco possono essere varie, come infezioni, traumi, anticorpi antisperma, ipospadia o fibrosi cistica.

L'incapacità di eiaculare è considerata anche un disturbo post-chirurgico.

Fattore sperma

La sterilità del fattore spermatico maschile è la più comune. Questa categoria comprende le alterazioni degli spermatozoi che influiscono direttamente sulla loro morfologia, mobilità, vitalità o concentrazione.

Al fine di analizzare la qualità seminale, viene eseguito un seminogramma per diagnosticare le seguenti alterazioni:

Oligozoospermia
bassa conta spermatica.
Asthenozoospermia
scarsa motilità dello sperma.
Teratozoospermia
elevato numero di spermatozoi con morfologia anormale.
Necrospermia
alto numero di spermatozoi morti.
Azoospermia
assenza di sperma nell'eiaculato.

Sintomi

L'infertilità maschile non provoca sintomi che possano essere percepiti dall'uomo. Questo si può sapere solo quando, dopo un lungo periodo di sesso non protetto, non è stato possibile ottenere una gravidanza e la coppia inizia a fare i test.

D'altra parte, se all'uomo è già stata diagnosticata un'altra malattia come l'ipogonadismo, può già sospettare che avrà difficoltà ad avere figli.

Inoltre, ci sono alcuni segnali che possono avvertire un uomo di una possibile sterilità. Li commentiamo qui di seguito:

  • Bassa libido e problemi di erezione.
  • Sperma alterato con un colore anormale, odore forte, molto acquoso o molto denso, ecc.
  • Avere testicoli più piccoli del normale.
  • Cambiamenti nella voce, perdita di peli del corpo o diminuzione della massa muscolare indicano possibili alterazioni ormonali.
  • Alterazioni delle urine o dolori durante la minzione che segnalano una possibile infezione.
  • Aspetto di vene varicose nei testicoli.

Se questi sintomi compaiono durante la ricerca di una gravidanza, l'uomo dovrebbe avere uno studio che includa i test necessari per confermare se si tratta di un caso di infertilità maschile.

Trattamento

Per affrontare la sterilità maschile, è necessario conoscere la causa che previene la gravidanza. In alcuni casi, è possibile recuperare la fertilità maschile dopo un trattamento farmacologico o un intervento chirurgico. Nei casi più gravi, l'unica opzione sarà quella di ricorrere alla riproduzione assistita.

Di seguito, parleremo di alcuni possibili trattamenti per l'infertilità maschile:

Trattamento natural
uno stile di vita sano con una dieta bilanciata combinata con integratori vitaminici può contribuire a migliorare la qualità seminale in casi lievi. Soprattutto, gli antiossidanti come il selenio, la carnitina e le vitamine E, A, C e B12 sono molto importanti.
Farmaci ormonali
le gonadotropine e il citrato di clomifene, ad esempio, sono somministrati ai maschi con ipogonadismo ipogonadotropo.
Intervento chirurgico
per condizioni testicolari come il criptorchidismo o il varicocele
Riproduzione assistita
quando le opzioni di cui sopra non sono possibili o non hanno avuto successo. Di fronte ad un fattore maschile grave, la tecnica che offre le migliori percentuali di successo è l'ICSI (iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi).

Domande più frequenti

Quali sono i principali sintomi dell'infertilità maschile?

Da Dra. Elena Izquierdo Trechera (ginecologa).

L'infertilità maschile è di solito asintomatica e le cause vengono diagnosticate dopo aver preso una corretta anamnesi del paziente con l'anamnesi personale e familiare e aver richiesto i test complementari indicati.

Quali ormoni vengono testati per determinare la causa della sterilità maschile?

Da Dra. Paloma de la Fuente Vaquero (ginecologa).

Tra le molteplici cause della sterilità maschile ci sono quelle che dipendono dall'interazione tra il cervello e il testicolo, è nei casi in cui è interessante richiedere lo studio ormonale, attraverso l'ormone FSH (ormone follicolo-stimolante) e LH (ormone luteinizzante). La sua determinazione indicherà lo stato dell'asse ipofisi-testistico.

L'età influenza la fertilità maschile?

Da Zaira Salvador (embriologa).

L'età di un uomo può influire sulla qualità dello sperma, ma non c'è un calo di fertilità così grande come nel caso di una donna. Dopo i 40 anni, la fertilità di un uomo diminuisce. È stato osservato che con l'età si osserva una lenta ma progressiva riduzione del volume dello sperma, una diminuzione della concentrazione dello sperma e un aumento dello stress ossidativo.

Inoltre, aumenta anche la probabilità che gli spermatozoi abbiano qualche alterazione genetica. Tuttavia, un uomo può essere ancora fertile a 50, 60 e anche 70 anni.

La sterilità maschile può essere temporanea?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Sì, ci sono casi in cui il maschio attraversa periodi di stress o di ansia che possono portare ad una temporanea sterilità. Lo stesso vale per i processi simil-influenzali con febbre, poiché l'aumento della temperatura corporea influisce sulla produzione di sperma. In questi casi, la fertilità può recuperare dopo 3 mesi, una volta terminata la fase che causa l'infertilità. Questo perché un processo completo di spermatogenesi richiede 3 mesi.

La sterilità maschile può essere curata con l'alimentazione?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Una dieta sana, ricca di antiossidanti come vitamine o omega 3, può talvolta contribuire a migliorare la qualità del seme. Tuttavia, nei casi più gravi di infertilità, non si osserverà alcun miglioramento con rimedi naturali e sarà necessario ricorrere a trattamenti di riproduzione assistita per ottenere una gravidanza.

Se ho fatto la chemioterapia, sono sterile?

Da Zaira Salvador (embriologa).

L'effetto della chemioterapia sulla qualità seminale dipende da quale farmaco viene utilizzato per il trattamento, poiché non tutti i farmaci influenzano la spermatogenesi allo stesso modo. Inoltre, ogni paziente può essere colpito più o meno dal trattamento. Per scoprire se la funzione testicolare di una paziente è stata alterata, sarà necessario effettuare uno studio sulla fertilità.

Il risultato del seminogramma indica che ho l'azoospermia, non posso essere il padre biologico dei miei figli?

Da Zaira Salvador (embriologa).

L'azoospermia è l'assenza di sperma nell'eiaculato, ma può avere cause diverse. A seconda del motivo dell'azoospermia, la prognosi sarà una o l'altra.

Se è dovuto ad un fattore post-testicolare (azoospermia ostruttiva), la produzione di sperma non viene alterata e può essere ottenuta direttamente dal testicolo. Tuttavia, se si tratta di un'alterazione della produzione di sperma (azoospermia secretoria), è molto improbabile che lo sperma si trovi nel testicolo.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

G.R. Dohle, T. Diemer, A. Giwercman, A. Jungwirth, Z. Kopa, C. Krausz (2010). Guía clínica sobre la infertilidad masculina. European Association of Urology 2010 (actualización en abril de 2010)

Griffin DK, Finch KA (2005). The genetic and cytogenetic basis of male infertility. Human Fertil;8(1);19-26

Guzick DS, Overstreet JW, Factor-Litvak P, Brazil CK, Nakajima ST, Coutifaris C, et al. (2001). Sperm morphology, motility, and concentration in fertile and infertile men. N Engl J Med; 345: 1388-1393.

Juárez de Diego JF (1999). Principales causas de infertilidad masculina. En: Arrondo JL. Actualización en Andrología. Publimed Comunicación SL. Pamplona.

Male infertility best practice policy committee of the American Urological Association (AUA) (2010). The optimal evaluation of the infertile male. AUA Best Practice Statement. Revised,.

Matorras R, Hernández J (eds.) (2007): Estudio y tratamiento de la pareja estéril: Recomendaciones de la Sociedad Española de Fertilidad, con la colaboración de la Asociación Española para el Estudio de la Biología de la Reproducción, de la Asociación Española de Andrología y de la Sociedad Española de Contracepción. Adalia, Madrid.

Pierik FH, Van Ginneken AM, Dohle GR, Vreeburg JT, Weber RF (2000). The advantages of standardized evaluation of male infertility. Int J Androl; 23(6): 340-6.

Sociedad Española de Fertilidad (SEF) (2011). Manual de Andrología. Coordinador: Mario Brassesco. EdikaMed, S.L. ISBN: 978-84-7877.

World Health Organization (WHO) (2000). WHO Manual for the Standardized Investigation, Diagnosis and management of the infertile male. Cambridge: Cambridge University Press.

Domande più frequenti: 'Quali sono i principali sintomi dell'infertilità maschile?', 'Quali ormoni vengono testati per determinare la causa della sterilità maschile?', 'L'età influenza la fertilità maschile?', 'La sterilità maschile può essere temporanea?', 'La sterilità maschile può essere curata con l'alimentazione?', 'Se ho fatto la chemioterapia, sono sterile?' e 'Il risultato del seminogramma indica che ho l'azoospermia, non posso essere il padre biologico dei miei figli?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dra. Ana María Segura Paños
Dra. Ana María Segura Paños
Androloga
Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Alicante (UA), con specializzazione in Andrologia e Medicina sessuale e riproduttiva maschile. È anche assistente medico nell'Unità di Andrologia dell'Ospedale Universitario Generale di Alicante e docente del Master in Riproduzione Umana presso l'Università Miguel Hernández di Elche. Continua a leggere Dra. Ana María Segura Paños
Numero associato: 0306533
Dra. Elena Izquierdo Trechera
Dra. Elena Izquierdo Trechera
Ginecologa
Laurea in Medicina presso l'Università Complutense di Madrid, specializzata in Ostetricia e Ginecologia, e Master in Riproduzione Umana presso l'Università Re Juan Carlos e l'IVI. Attualmente è ginecologa specializzata in riproduzione assistita presso l'Ospedale Ruber Juan Bravo Quironsalud. Continua a leggere Dra. Elena Izquierdo Trechera
Numero associato: 282866949
Dra. Paloma de la Fuente Vaquero
Dra. Paloma de la Fuente Vaquero
Ginecologa
Laureato in Medicina presso l'Università Complutense di Madrid, con un Master in Riproduzione Umana e un Dottorato in Medicina e Chirurgia dell'Università di Siviglia. Membro della Società Spagnola di Fertilità (SEF) e della Società Spagnola di Ginecologia e Ostetricia (SEGO), attualmente lavora come ginecologo specializzato in riproduzione assistita presso la Clinica di riproduzione spagnola YES! Reproducción. Continua a leggere Dra. Paloma de la Fuente Vaquero
Numero associato: 4117294
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.