Crampi alle gambe durante la gravidanza: come alleviarli?

Da (embrióloga).
Aggiornato il 07/09/2020

I crampi all'impianto o nei primi giorni di gravidanza sono un sintomo molto comune. Normalmente, questi disagi si verificano nelle gambe, anche se sono comuni anche i crampi addominali. Anche se i crampi sono più comuni nelle prime fasi della gravidanza, non è raro che si manifestino nel secondo o terzo trimestre.

Di seguito trovate un indice con i 8 punti che tratteremo in questo articolo.

Cosa intendiamo per "crampo"?

Un crampo muscolare è una contrazione involontaria di un muscolo che può causare dolore e di solito dura pochi secondi. Questo tipo di spasmo muscolare è solitamente legato alla pratica sportiva. Tuttavia, sono molto comuni durante le mestruazioni e la gravidanza.

A differenza di come i crampi sono sperimentati in altri muscoli (ad esempio, il gemello), nel caso di crampi uterini, la sensazione si sviluppa come dolore intenso nel basso addome. Molte donne lo descrivono come pesantezza o gonfiore.

Crampi durante l'impianto

L'impianto dell'embrione è il processo in cui l'embrione si attacca alla parete interna dell'utero: l'endometrio. Anche se i crampi sono una lamentela molto comune nelle prime fasi della gravidanza, non tutte le donne hanno bisogno di soffrirne, in quanto i sintomi dopo l'impianto dell'embrione sono variabili.

  • Generalmente, i crampi da impianto si verificano tra i 5 e i 7 giorni dopo la fecondazione, poiché è quando l'embrione ha raggiunto lo stadio di blastocisti ed è quindi pronto per l'impianto.
  • Questo tipo di dolore si verifica di solito nella regione addominale inferiore ed è molto simile al dolore che si può sentire durante la sindrome premestruale.
  • È comune che i crampi all'impianto siano accompagnati da una leggera emorragia a seguito dell'adesione dell'embrione all'utero. Questo tipo di sanguinamento è noto come sanguinamento da impianto ed è solitamente meno abbondante del sanguinamento durante le mestruazioni.

Poiché questi segni sono sintomi della gravidanza, molte donne, soprattutto quelle che si sono sottoposte a un trattamento di riproduzione assistita, non vedono l'ora che questi segni appaiano per assicurarsi di essere incinte. Ma non tutte le donne presentano gli stessi sintomi durante i primi giorni di gravidanza, anche in gestazioni diverse della stessa donna.

Pertanto, il test più sicuro per confermare l'inizio di una gravidanza è un test di gravidanza delle urine o del sangue per misurare il livello di beta-hCG: l'ormone della gravidanza.

Anche se, come detto, questi sintomi sono altamente variabili, è importante essere consapevoli del grado e della frequenza con cui questi crampi possono comparire, così come l'emorragia da cui possono essere accompagnati.

Se il dolore o l'insorgenza è persistente, sarà necessario consultare un medico per escludere situazioni problematiche quali:

  • Aborto involuntario
  • Gravidanza ectopica
  • Infezione delle vie urinarie

In queste situazioni il dolore è significativamente più acuto e può essere accompagnato da nausea, febbre e/o svenimenti.

Crampi durante la gravidanza

Anche in questo caso, in questa fase, il verificarsi di crampi è del tutto normale. Infatti, sono considerati un segno che il nostro organismo si sta preparando ad ospitare il feto durante i suoi 9 mesi di sviluppo.

Molte donne tendono a pensare che questo tipo di crampi sia il segno di un aborto spontaneo. Tuttavia, nella maggior parte dei casi si tratta di una continuazione dei crampi da impianto.

Quando l'embrione inizia a crescere nell'utero, che aumenta fino a mille volte la sua dimensione, i muscoli e i legamenti dell'utero si espandono, causando dolore e crampi.

Imagen: Spasmi durante l'impianto

I crampi nelle donne in gravidanza possono estendersi dall'addome alla schiena, alle gambe o anche alle mani con il progredire della gravidanza. A causa dell'espansione dell'utero da parte della crescita del feto, la pressione sui nervi e sui vasi sanguigni delle estremità inferiori aumenta. Questo fatto, insieme alla mancanza di minerali come il calcio o il magnesio di cui spesso soffrono le donne in gravidanza, provoca crampi alle gambe e ai piedi.

I cambiamenti ormonali fanno sì che molte donne incinte sperimentino una ritenzione idrica, soprattutto nel terzo trimestre di gravidanza. Questo, insieme ai crampi, può aumentare la sensazione di pesantezza, soprattutto nelle gambe.

Uno dei dolori legati a questo tipo di disagio è il cosiddetto "dolore al legamento rotondo", che di solito è uno dei più pronunciati durante la gravidanza. Ecco di cosa si tratta.

Il dolore del legamento rotondo

La sindrome del legamento rotondo o dolore è un tipico disagio delle fasi più avanzate della gravidanza che di solito si verifica in più del 70% delle donne in gravidanza. Generalmente, si presenta a partire dalla dodicesima settimana sotto forma di spilli e aghi nel basso addome.

Il legamento rotondo è un insieme di fibre muscolari che circonda l'utero e lo fissa nella cavità pelvica, mantenendolo in antiversione, cioè leggermente inclinato in avanti. Con l'aumento del volume dell'utero, queste fasce muscolari sono allungate dall'effetto del progesterone e del relaxin. Questi ormoni facilitano la dilatazione delle articolazioni e dei legamenti per sostenere il lavoro. Un movimento rapido può causare una contrazione improvvisa del legamento e questo è ciò che causa il dolore.

Il dolore ai legamenti rotondi è di solito avvertito sul lato destro, perché l'utero tende a girare su quel lato durante la gravidanza. Tuttavia, non sempre deve essere percepito in quella zona, in quanto può verificarsi su entrambi i lati del bacino o anche nell'inguine.

Modi per alleviare i crampi

Anche se questo disagio non è costante, ci sono alcune pratiche che possono essere fatte per ridurre il disagio causato dai crampi della gravidanza. Alcuni di loro lo sono:

Esercizio delicato

Un esercizio leggero e delicato, come camminare o nuotare in modo moderato, è un ottimo modo per combattere questi dolori e rafforzare le articolazioni inguinali. Secondo gli esperti, il loro effetto non solo è benefico per ridurre il dolore da crampi, ma questi esercizi possono anche aiutare il corso del parto.

Allungare i muscoli contratti

In caso di crampi alle gambe, la flessione dolce e l'estensione dei muscoli doloranti è un esercizio raccomandato per incoraggiare i muscoli a rilassarsi di nuovo.

Adeguata quantità di calcio

Il calcio è importante per la trasmissione dell'impulso nervoso. Aumentando l'assunzione di questo minerale attraverso il consumo di latticini, pesce oleoso o noci possiamo alleviare gli effetti dei crampi.

Riposo

Bisogna tenere presente che la gravidanza è un processo delicato in cui si sta formando una nuova vita. Pertanto, è necessario ridurre le attività a rischio o gli sport d'azione. È importante che le donne in gravidanza mantengano uno stile di vita sano, soprattutto se provano disagio o dolore come quelli discussi in questo articolo.

Il mantenimento di uno stile di vita tranquillo e senza stress renderà il corpo meno soggetto a crampi.

Cambia posizione

Cambiare la posizione del corpo è di solito un buon modo per alleviare questo tipo di dolore. A volte, passando da una posizione sdraiata a una più reclinata, o alzando i piedi se si è seduti, si permette al flusso sanguigno di passare meglio e ai muscoli di essere più irrigati, favorendo il loro rilassamento.

Domande più frequenti

I crampi sono sempre un segno di gravidanza?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Non sempre presentare questa condizione è un segno che una donna è incinta, soprattutto perché ci sono molte situazioni che possono scatenare questi disagi e perché non sempre si verificano anche se si verifica una gravidanza. Pertanto, non dobbiamo lasciarci guidare dalla presenza o dall'assenza di crampi per sapere se si è verificata o meno una gravidanza.

I crampi da impianto possono verificarsi senza emorragie?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Sì, perché, come nel caso dei crampi, non sempre si verifica un'emorragia da impianto quando inizia una gravidanza.

Si possono avere crampi alle mani durante la gravidanza?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Di solito è più comune che si verifichino crampi alle estremità inferiori perché la pressione esercitata dal feto preme sui nervi e sui vasi delle gambe.

Tuttavia, le mani possono anche provare un certo disagio, anche se non sempre i crampi, in quanto è più comune che il gonfiore dovuto alla ritenzione di liquidi provochi una sensazione di intorpidimento o formicolio alle mani.

È normale avere crampi nel terzo trimestre di gravidanza?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Sì, è perfettamente normale avere i crampi in questo periodo. Il terzo trimestre è il momento in cui la maggior parte della pressione viene esercitata sulle gambe e quando l'utero raggiunge la sua massima capacità di espansione. Pertanto, la forza esercitata sul pube raggiunge il suo massimo grado, rendendo più frequenti i crampi.

I crampi all'impianto o nei primi giorni di gravidanza sono un sintomo molto comune. Normalmente, questi disagi si verificano nelle gambe, anche se sono comuni anche i crampi addominali. Anche se i crampi sono più comuni nelle prime fasi della gravidanza, non è raro che si manifestino nel secondo o terzo trimestre.

Domande più frequenti

I crampi sono sempre un segno di gravidanza?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Non sempre presentare questa condizione è un segno che una donna è incinta, soprattutto perché ci sono molte situazioni che possono scatenare questi disagi e perché non sempre si verificano anche se si verifica una gravidanza. Pertanto, non dobbiamo lasciarci guidare dalla presenza o dall'assenza di crampi per sapere se si è verificata o meno una gravidanza.

I crampi da impianto possono verificarsi senza emorragie?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Sì, perché, come nel caso dei crampi, non sempre si verifica un'emorragia da impianto quando inizia una gravidanza.

Si possono avere crampi alle mani durante la gravidanza?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Di solito è più comune che si verifichino crampi alle estremità inferiori perché la pressione esercitata dal feto preme sui nervi e sui vasi delle gambe.

Tuttavia, le mani possono anche provare un certo disagio, anche se non sempre i crampi, in quanto è più comune che il gonfiore dovuto alla ritenzione di liquidi provochi una sensazione di intorpidimento o formicolio alle mani.

È normale avere crampi nel terzo trimestre di gravidanza?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Sì, è perfettamente normale avere i crampi in questo periodo. Il terzo trimestre è il momento in cui la maggior parte della pressione viene esercitata sulle gambe e quando l'utero raggiunge la sua massima capacità di espansione. Pertanto, la forza esercitata sul pube raggiunge il suo massimo grado, rendendo più frequenti i crampi.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autore

 Victoria Moliner
Victoria Moliner
Embrióloga
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV), con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita dall'UV e dall'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Attualmente lavora come biologa di ricerca. Continua a leggere Victoria Moliner

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.