Sintomi di una gravidanza prima del ritardo mestruale

Da (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 29/09/2020

Sentire i primi sintomi della gravidanza è molto difficile per la donna, poiché l'embrione avrà solo pochi giorni e l'ormone della gravidanza (beta-hCG) sarà ancora a livelli molto bassi.

Per questo motivo, i sintomi più evidenti della gravidanza si manifestano solo dopo l'impianto dell'embrione, nella quarta settimana, quando si verifica un aumento degli ormoni. Tuttavia, alcune donne possono notare alcuni sintomi precoci legati ad una gravidanza precoce, di cui parleremo in questo articolo

Sintomi prima delle mestruazioni ritardate

Durante i primi giorni di gestazione, l'embrione fecondato inizia il suo sviluppo nelle tube di Falloppio mentre si muove verso l'utero.

A questo punto, la donna non sa ancora di essere incinta. Solo coloro che sono attivamente alla ricerca di una gravidanza o che si sottopongono a trattamenti di riproduzione assistita sono attenti a individuare eventuali segni o sintomi che indicano il successo.

Questi primi segni di gravidanza compaiono al più presto intorno alla terza o quarta settimana, tenendo presente che le settimane di gravidanza vengono conteggiate a partire dalla data dell'ultimo ciclo mestruale (LMP) e non dalla data del rapporto sessuale.

I sintomi della gravidanza sono molto simili ai sintomi premestruali e possono quindi essere confusi.

In seguito, discuteremo i primi sintomi della gravidanza prima del ritardo del ciclo:

Cambiamenti nelle donne
diventano più sensibili e più grandi. Inoltre, le areole cominciano a scurirsi e sopra di esse possono apparire piccole eruzioni (ghiandole di Montgomery).
Aumento delle perdite vaginali (leucorrea)
questo è dovuto all'aumento degli estrogeni. Questo liquido o scarico vaginale è bianco, leggermente denso e inodore. Il muco cervicale formerà il tappo mucoso, la cui funzione è quella di proteggere l'utero della donna incinta dall'ingresso di microrganismi nocivi.
Emorragia vaginale lieve e maculata
a volte il sanguinamento può essere leggermente rosato o brunastro tra 7 e 10 giorni dopo la fecondazione. Questa leggera emorragia è dovuta all'impianto dell'embrione nelle pareti uterine.
Sensazione di stanchezza
È normale sentire un leggero disagio durante i primi giorni di gravidanza dovuto all'aumento della temperatura basale, all'accelerazione della frequenza cardiaca, al calo della pressione sanguigna e all'aumentata sensazione di sonno. Il corpo della donna si sta preparando per la gestazione.
Cambiamenti di odore
la sensibilità dell'olfatto aumenta e si cominciano a percepire odori che prima non si notavano. È anche possibile sentire la repulsione per gli aromi a cui la donna era abituata.
Vertigini e nausea
di solito non cominciano a sentirlo fino ad almeno un mese dopo il concepimento. Tuttavia, così come ci sono persone fortunate che non hanno mai nausea e vomito, c'è anche chi se ne accorge molto presto.

La comparsa di un singolo sintomo prima del primo difetto non implica che sia avvenuta una gravidanza. Tuttavia, se si hanno più sintomi contemporaneamente, le probabilità di gravidanza saranno maggiori.

Infine, sarà l'assenza delle mestruazioni e un test di gravidanza positivo a confermare la gestazione.

Primi segni di gravidanza

La comparsa di sintomi tipici della gravidanza può variare da donna a donna. Alcuni hanno i primi sintomi pochi giorni dopo l'impianto dell'embrione nell'utero, altri ci mettono più tempo a notarli e ci sono anche donne che non hanno quasi nessun sintomo particolare della gravidanza.

Il segno più evidente della gravidanza nel primo mese è il ritardo mestruale, che è comune in tutte le donne incinte.

Dopo l'impianto, gli ormoni rilasciati dalla donna e l'embrione stesso, in particolare il progesterone, saranno responsabili della comparsa dei comuni sintomi della gravidanza.

I sintomi di una possibile gravidanza compaiono di solito nei primi 15 giorni dopo il periodo mancante e sono i seguenti:

Gonfiore addominale
è dovuto ai cambiamenti ormonali della gravidanza precoce. Oltre a sentirsi gonfio, gli estrogeni causano anche una maggiore ritenzione di liquidi, per cui può verificarsi una sensazione di pressione.
Aumento della minzione
l'ormone gonadotropina corionica (hCG) è responsabile dell'aumento dell'afflusso di sangue alla regione pelvica e dell'aumento della necessità di urinare nelle prime settimane. In seguito, questa maggiore urgenza di urinare sarà associata al volume dell'utero che preme sulla vescica, ma questo avverrà nell'ultimo trimestre.
Sbalzi d'umore
è dovuto ai cambiamenti ormonali della gravidanza precoce. Ogni donna risponde in modo diverso: alcune si sentono più euforiche, altre più depresse o ansiose.
L'avversione al gusto
hCG è l'ormone che si occupa dei cambiamenti sensoriali che causano il desiderio o il rifiuto di alcuni alimenti. Può anche verificarsi un aumento della salivazione.
Costipazione
l'aumento del progesterone provoca un rallentamento dell'attività dell'intestino, quindi costipazione. È importante che le donne in gravidanza bevano molta acqua, mangino frutta e verdura e che prendano l'abitudine di fare passeggiate quotidiane per contrastare questo fenomeno.
Sonnolenza e stanchezza
sono anche associati all'ormone progesterone. Inoltre, anche svegliarsi spesso per urinare o per la nausea contribuisce alla stanchezza.
Vertigini e nausea
di solito iniziano un po' più tardi rispetto ad altri sintomi, ma alcune donne possono sentirli fin dall'inizio della gravidanza a causa dei cambiamenti ormonali.

È importante notare che l'assenza di sintomi non significa che non ci sia una gravidanza o che la gravidanza non progredisca come previsto. Come abbiamo detto, ci sono donne che soffrono di sintomi più intensi e altre che non notano cambiamenti particolari.

Domande più frequenti

È possibile notare i sintomi della gravidanza prima del ritardo delle mestruazioni?

Da Dra. Rut Gómez de Segura (ginecologa).

Sì, a volte una donna può sentirsi più stanca (astenia), con nausea, sensibilità al seno, lievi dolori addominali, e può anche avere un piccolo sanguinamento (sanguinamento da impianto). Tuttavia, nessun sintomo può essere associato al 100% alla gravidanza e, allo stesso modo, se la paziente non ha sintomi non significa che non sia incinta. Ogni donna reagirà in modo diverso.

Nel caso di un trattamento di riproduzione assistita, questi sintomi possono anche essere correlati al farmaco che il paziente sta assumendo.

L'importante in questo caso è seguire le linee guida del medico e attendere circa 12-15 giorni dopo il trasferimento dell'embrione o l'inseminazione per fare il test di gravidanza che dovrebbe essere fatto preferibilmente nel sangue.

Sono incinta se ho qualche sintomo di gravidanza?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Non necessariamente. I sintomi della gravidanza sono molto generali e simili a quelli che possono apparire prima delle mestruazioni, cioè ai cosiddetti sintomi premestruali. L'unico modo per verificare se una donna è effettivamente in attesa di un figlio è un test di gravidanza. Questo test misura l'ormone beta-hCG, che viene prodotto solo durante la gravidanza.

Se non mi vengono le mestruazioni, significa che sono incinta?

Da Zaira Salvador (embriologa).

La mancanza di mestruazioni è uno dei segni più importanti della gravidanza, ma solo perché una donna non ha le mestruazioni non sempre significa che sia incinta. C'è la possibilità che abbia qualche disturbo ormonale che influenza il ciclo mestruale, che impedisce l'ovulazione e le mestruazioni.

Se una donna ha un periodo ritardato e c'è la possibilità di una gravidanza, si raccomanda un test di gravidanza. Se il test è negativo, può essere ripetuto in circa 4-5 giorni. Se è di nuovo negativo, significa che la donna non è incinta.

Se le mestruazioni non compaiono nemmeno il mese successivo, è meglio andare dal medico per controllare i livelli ormonali con un esame del sangue. Se l'alterazione ormonale è confermata, il medico vi metterà su una soluzione con farmaci per regolare i vostri cicli.

Come faccio a sapere se sono incinta prima del ciclo?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Non c'è modo di sapere con certezza se una donna è incinta prima di poter fare un test di gravidanza.

A volte le donne che sono state madri più volte sono in grado di rilevare accuratamente i cambiamenti e i sintomi nel loro corpo nei primi giorni della gravidanza, ma questo è molto difficile per le neomamme.

Posso avere sintomi della gravidanza se non ho fatto sesso con rapporti vaginali?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Prima di tutto, è importante sottolineare che non ci può essere una gravidanza a causa dello sfregamento dei genitali o del sesso anale, poiché la penetrazione vaginale è necessaria. Pertanto, se la donna nota cambiamenti nel corpo, disturbi o altri sintomi simili a quelli della gravidanza, sarà dovuto ad un'altra causa, come la vicinanza delle mestruazioni, uno squilibrio ormonale o qualche malattia.

Lettura consigliata

Se si sospetta una possibile gravidanza a causa della comparsa dei sintomi menzionati in questo articolo, è consigliabile effettuare un test di gravidanza per confermare se si tratta effettivamente di una gestazione. Potete saperne di più qui: Quando fare un test di gravidanza?

Abbiamo parlato di emorragia da impianto come sintomo precoce della gravidanza prima di un periodo mancante. Potete ottenere informazioni più dettagliate al riguardo nel prossimo post: Caratteristiche del sanguinamento da impianto.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

Dra. Rut Gómez de Segura
Dra. Rut Gómez de Segura
Ginecologa
Il Dr. Rut Gómez de Segura è laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Alcalá de Henares. Ha sviluppato la specializzazione in Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Costa del Sol di Marbella. Attualmente è il direttore medico della clinica di IVF Spain Madrid per la riproduzione assistita. Continua a leggere Dra. Rut Gómez de Segura
Numero associato: 28/2908776
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.