Cos’è l’emorragia da impianto? – Caratteristiche e sintomi

Da (ginecologa), (ginecologa), (embriologa clinica senior), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 18/09/2020

L'ovulo, una volta fecondato da uno spermatozoo, inizia il suo sviluppo e la migrazione nella cavità uterina per impiantarsi nell'endometrio e iniziare una gravidanza.

Normalmente, la donna non ha sintomi durante la fecondazione degli ovuli in questi primi giorni di gravidanza. Tuttavia, l'impianto dell'embrione può dare origine ad alcuni sintomi, in particolare l'emorragia da impianto.

Impianto di embrioni

L'impianto di embrioni è il processo attraverso il quale l'ovulo fecondato si attacca all'endometrio per continuare il suo sviluppo e portare ad una gravidanza in evoluzione. Grazie all'impianto, questo embrione sarà in grado di ricevere ossigeno e sostanze nutritive dalla madre attraverso il sangue nei prossimi mesi di gestazione.

L'impianto embrionale inizia il settimo o ottavo giorno di sviluppo embrionale, cioè dopo la fecondazione dell'ovulo da parte degli spermatozoi, e può durare diversi giorni.

Affinché questo impianto embrionale abbia luogo, l'endometrio della madre deve essere ricettivo, l'embrione deve essere in uno stato di blastocisti e ci deve essere una sincronizzazione totale tra i due.

Durante il processo di impianto, la blastocisti invade l'endometrio e rompe i suoi vasi sanguigni per formarne di nuovi che gli permettono di scambiarsi con il sangue materno attraverso la placenta e il cordone ombelicale. La rottura di questi piccoli vasi nell'endometrio provoca un'emorragia dell'impianto.

Per sapere in dettaglio che cos'è e come avviene l'impianto dell'embrione, potete accedere al seguente articolo: Impianto di embrioni.

L'impianto di embrioni avviene nella quarta settimana di gravidanza, quando inizia la produzione dell'ormone beta-hCG e il test di gravidanza può dare un risultato positivo.

Da questo punto in poi, c'è un aumento degli ormoni legati alla gestazione (beta-hCG e progesterone), che sono responsabili dei tipici sintomi della gravidanza. Questi sintomi di solito si notano solo più tardi, intorno alla quinta o sesta settimana di gravidanza, anche se alcune donne possono iniziare a soffrirne prima.

Com'è l'emorragia dell'impianto?

Il sanguinamento da impianto è un leggero sanguinamento vaginale che si verifica pochi giorni dopo l'impianto. A volte è così raro che si chiama colorazione da impianto.

La durata del sanguinamento da impianto dipende da ogni donna. In genere si tratta di un evento una tantum, anche se può durare diversi giorni o una settimana con piccoli punti intermittenti.

L'emorragia da impianto è un sintomo della gravidanza, poiché si verifica quando l'embrione penetra e aderisce all'endometrio, dando luogo ad una gestazione evolutiva.

Va notato che non sempre l'emorragia da impianto si verifica in tutte le gravidanze. Il più delle volte, una donna non ha alcuna emorragia quando rimane incinta.

Come ci dice la Drssa. Silvia Jimenez:

Ci sono momenti in cui vediamo un piccolo preimpianto che a volte si nota, a volte no. È assolutamente normale non notare nulla.

Quando si verifica un'emorragia da impianto?

Se consideriamo un ciclo mestruale di 28 giorni, in cui l'ovulazione avviene a metà del ciclo, è comune che il sanguinamento da impianto avvenga circa 7-10 giorni dopo l'ovulazione.

In altre parole, l'emorragia da impianto di solito si verifica nei giorni 21-24 del ciclo mestruale, poco prima del ciclo mestruale. Pertanto, è facile confonderlo con un anticipo delle mestruazioni, soprattutto nelle persone con cicli irregolari.

Solo le donne che sono alla ricerca di una gravidanza e che tengono d'occhio il loro ciclo mestruale sono in grado di identificare questo sanguinamento da impianto come segno di gravidanza.

D'altra parte, per le donne che si trovano nel periodo di attesa della beta dopo un trattamento di riproduzione assistita, è importante sottolineare che nella maggior parte dei casi non si verificano emorragie da impianto. Pertanto, il fatto che non si ha una maculatura durante l'attesa della beta non significa necessariamente che il trattamento non abbia funzionato.

Per verificare in modo affidabile se una donna ha ottenuto una gravidanza, è necessario eseguire un test delle urine o un esame del sangue beta-hCG al momento giusto. Se volete saperne di più su questo argomento, vi consigliamo di leggere qui: Quando si dovrebbe fare un test di gravidanza per essere affidabili?

Mestruazione o emorragia da impianto?

Poiché il sanguinamento da impianto è un sanguinamento vaginale che si verifica alla fine del ciclo mestruale, è facilmente confondibile con le mestruazioni, come spiegato nella sezione precedente.

Tuttavia, il sanguinamento da impianto ha alcune caratteristiche che ci permettono di riconoscerlo:

  • Si tratta di una macchia leggermente più chiara rispetto al righello e più fine nella consistenza.
  • Il suo colore può essere rosa, marrone o rosso, anche se di solito non è così intenso come il sangue mestruale.
  • La sua durata può essere di poche ore o, d'altra parte, può durare diversi giorni come uno spotting leggero e intermittente.

La dottoressa Nadia Caroppo, ginecologa specializzata in riproduzione assistita, ci fornisce maggiori dettagli su questa emorragia:

Il sanguinamento da impianto si verifica intorno alla data prevista per le mestruazioni, che deve venire in relazione al ciclo successivo della donna. Di solito è molto poco sanguinante, tra il marrone e il rosso, che può durare un giorno, due giorni o più.

In generale, le donne che cercano una gravidanza lo sanno bene, altrimenti è qualcosa che spesso viene trascurato e non bisogna esserne consapevoli perché molto probabilmente non ce l'hanno nemmeno.

Altri sintomi dell'impianto

Oltre all'emorragia da impianto di cui abbiamo parlato, ci sono altri sintomi della gravidanza che possono apparire insieme a questo spotting, quindi aiuta a determinare se si tratta davvero di impianto o di mestruazioni.

Nonostante ciò, è importante notare che alcuni sintomi della gravidanza sono simili ai sintomi premestruali e quindi possono causare più esitazione e confusione.

Ecco alcuni dei sintomi della gravidanza:

  • Ritardo mestruale
  • Crampi, della durata di uno o due giorni, simili al dolore che si avverte durante le mestruazioni
  • Leggero gonfiore del seno, in particolare dell'aureola e del capezzolo
  • Disturbi dovuti a diarrea o costipazione, così come bruciori di stomaco
  • Minzione frequente.
  • Sonnolenza e stanchezza
  • Nausea e persino vomito, soprattutto al risveglio
  • L'avversione per il cibo, il tabacco e certi odori
  • Prime voglie, più pasti con meno cibo

È anche possibile che la donna abbia questi sintomi di impianto senza il caratteristico sanguinamento che abbiamo descritto in questo post. Ogni donna è diversa e c'è una grande variabilità nei sintomi che si notano durante la gestazione.

Per saperne di più sui primi segni della gravidanza, potete leggere questo articolo: I primi sintomi della gravidanza.

L'osservazione eccessiva di qualsiasi tipo di segno o cambiamento nel corpo, insieme all'enorme desiderio di essere madre e alla paura di non realizzarlo, può indurre la donna stessa a provocare i sintomi della gravidanza senza essere incinta.

Pertanto, la cosa migliore da fare durante la ricerca e la pianificazione della gravidanza è essere calmi, cercare di rilassarsi con qualche attività piacevole ed evitare di analizzare ogni sintomo in modo ossessivo

Lettura consigliata

L'impianto di embrioni è un processo complesso regolato da fattori sia materni che embrionali. Se volete conoscere tutti i dettagli in ciascuna delle fasi, potete inserire il seguente post: Cos'è l'impianto dell'ovulo fecondato?

Domande più frequenti

In che modo il sanguinamento da impianto è diverso dal sanguinamento mestruale?

Da Dra. Elena Izquierdo Trechera (ginecologa).

Il sanguinamento post-impianto si verifica di solito giorni dopo il trasferimento dell'embrione e di solito è inferiore al normale sanguinamento vaginale.

La mestruazione appare se il trattamento non ha successo per almeno una settimana dopo il trasferimento dell'embrione e la quantità di sanguinamento è maggiore.

Quali sono i sintomi della fecondazione degli ovuli?

Da Zaira Salvador (embriologa).

È importante distinguere tra fecondazione degli ovuli e impianto dell'embrione. La fecondazione è il processo in cui lo sperma si fonde con l'ovulo unendo i suoi nuclei (dove si trova l'informazione genetica) per dare origine ad uno zigote che inizierà il suo sviluppo e darà origine ad un embrione. In seguito, l'embrione, già diviso in diverse cellule, si impianterà nella cavità uterina e inizierà la gravidanza.

La fecondazione non causa disagio o dolore, cioè non ci sono sintomi durante l'unione dell'ovulo e dello sperma. Al contrario, l'impianto dell'embrione può portare a sintomi come quelli sopra citati, tra i quali si evidenziano: piccole emorragie o macchie, leggero disagio, gonfiore, aumento della voglia di urinare, ecc.

Quando si nota l'impianto dell'ovulo fecondato?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Dopo l'impianto, una donna può notare una piccola quantità di sanguinamento a breve termine o una scarica di sangue. Questo non sempre accade, come avviene in circa un terzo delle donne incinte, e ciascuna di esse può avere un aspetto diverso. Possono verificarsi anche altri sintomi della gravidanza, come l'aumento della minzione, il dolore al seno o la stanchezza.

Anche così, questi sintomi sono molto generici e possono essere confusi con i sintomi premestruali, quindi l'unico modo per confermare che l'impianto è avvenuto e che la donna è incinta è di fare un test di gravidanza, per il quale è preferibile aspettare fino a quando non c'è un ritardo nel periodo.

L'impianto dell'ovulo fa male?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Di solito no. Tuttavia, ci possono essere disagi simili a quelli che si verificano prima o durante le mestruazioni, come dolori al seno o crampi. Se una donna soffre di dolori più forti, dovrebbe consultare il suo fornitore di assistenza sanitaria per determinare una possibile causa.

Di che colore è il sanguinamento dell'impianto?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Il sanguinamento dell'impianto può essere rosa, più rosso o anche marrone a seconda della donna. In generale, non è un colore così intenso come il sanguinamento mestruale.

Quanti giorni dura l'emorragia dell'impianto?

Da Zaira Salvador (embriologa).

L'emorragia dell'impianto può durare alcune ore, oppure può andare e venire per un paio di giorni o tre giorni. Può durare fino a una settimana, ma raramente dura di più.

Quando è consigliabile fare un test di gravidanza in caso di emorragia da impianto?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Poiché l'emorragia da impianto si verifica di solito alcuni giorni prima della data prevista per le mestruazioni, è meglio aspettare fino a quando non si verifica il ritardo delle mestruazioni affinché il test di gravidanza sia affidabile.

Il test di gravidanza rileva l'ormone beta-hCG, che viene secreto dall'embrione dopo l'impianto. Pertanto, se facciamo il test di gravidanza prima della data raccomandata, è probabile che i livelli di beta-hCG non siano aumentati a sufficienza e che si verifichi un falso negativo.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

Dra. Elena Izquierdo Trechera
Dra. Elena Izquierdo Trechera
Ginecologa
Laurea in Medicina presso l'Università Complutense di Madrid, specializzata in Ostetricia e Ginecologia, e Master in Riproduzione Umana presso l'Università Re Juan Carlos e l'IVI. Attualmente è ginecologa specializzata in riproduzione assistita presso l'Ospedale Ruber Juan Bravo Quironsalud. Continua a leggere Dra. Elena Izquierdo Trechera
Numero associato: 282866949
Dra. Nadia Caroppo
Dra. Nadia Caroppo
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Buenos Aires, con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. Vasta esperienza come ginecologo e ostetrico in diversi ospedali spagnoli e internazionali. Esperienza come capo dell'Unità di Patologia del tratto genitale inferiore e di Colposcopia. Continua a leggere Dra. Nadia Caroppo
Numero associato: 460844481
Dra. Silvia Jiménez Bravo
Dra. Silvia Jiménez Bravo
Embriologa clinica senior
Laurea e dottorato di ricerca in Biologia presso l'Università Complutense di Madrid (UCM). Certificazione in Embriologia Clinica da parte dell'Associazione per lo Studio della Biologia della Riproduzione (ASEBIR). Direttore del laboratorio di Embriologia presso Reprofiv. Continua a leggere Dra. Silvia Jiménez Bravo
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.