Selezione dei donatori di sperma

Da (embriologa), (ginecologo), (embriologa), (ginecologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 24/09/2020

In primo luogo, qualsiasi uomo che voglia diventare un donatore di sperma deve essere chiaro che si tratta di un atto volontario, anonimo e altruista. La donazione di sperma consiste nella consegna dei vostri spermatozoi, dove si trova il vostro materiale genetico, in modo che possano essere utilizzati successivamente nei trattamenti di riproduzione assistita. L'obiettivo è quello di ottenere una gestazione e, quindi, la nascita di un bambino.

La selezione dei donatori di sperma segue criteri molto severi stabiliti dalla legge. Infatti, solo un giovane su 15 che si sottopone a test di screening alla fine diventa un donatore.

Criteri di selezione

Affinché un ragazzo possa agire come donatore di sperma, è necessario soddisfare una serie di criteri di selezione regolati dalla legge che commentiamo qui di seguito.

  • Età: tra i 18 e i 45 anni.
  • Nessuna storia familiare o personale di malattie croniche o gravi che possano colpire la prole e nessuna storia di anomalie congenite nella sua famiglia. Quindi non può essere adottato, dato che il suo background è sconosciuto.
  • Anonimato e altruismo: i donatori sono compensati finanziariamente per la loro attività, cioè ricevono una somma simbolica di denaro per il disagio del processo, il mancato lavoro o il viaggio.
  • Assenza di malattie ereditarie.
  • Assenza di patologie infettive.
  • Adeguata salute fisica e psicologica.
  • Assenza di pratiche rischiose.
  • HIV, epatite B e C, sifilide, ecc. sierologia negativa
  • Assenza di malattie sessuali come la clamidia e il gonococco.
  • Adeguati valori seminali analizzati nel seminogramma, sia prima che dopo il congelamento.
  • Escludi le malattie del fegato.
  • Sierologia a 6 mesi per il periodo della finestra dell'HIV.
  • Cariotipo normale.

Esami medici eseguiti sul donatore

Oltre ai colloqui con i professionisti e a uno studio psicologico, il donatore deve sottoporsi a vari esami medici per assicurarsi che soddisfi i requisiti per la donazione.

Uno dei test più importanti che il donatore si sottopone è lo studio o l'analisi dei valori seminali importanti per la fecondazione attraverso un seminogramma completo.

Per essere accettato come donatore, il seminogramma deve rivelare un'eccellente qualità seminale, con un'adeguata mobilità, morfologia e concentrazione dello sperma. Inoltre, una piccola parte del campione analizzato viene congelata e scongelata per verificare la capacità di sopravvivenza contro il congelamento, che è essenziale. È il cosiddetto test di disgelo.

Inoltre, vengono eseguiti i seguenti test:

  • Coltura microbiologica del campione per escludere un'infezione genitale.
  • L'emocromo e la chimica del sangue per escludere le malattie del fegato.
  • Esplorazione fisica dettagliata.
  • Esami del sangue per escludere infezioni, malattie gravi e per determinare il gruppo sanguigno e il fattore Rh.

Viene anche effettuato uno studio dei cromosomi (cariotipo) per determinare se ci sono anomalie cromosomiche come le delezioni o le traslocazioni.

Se il donatore supera questi test medici, sia l'emogramma che la sierologia vengono ripetuti dopo 6 mesi dalla data di accettazione e dall'inizio del deposito dei campioni, per verificare i valori ed escludere in modo sicuro la presenza dell'HIV (il periodo di tempo di questo virus è di 6 mesi).

Assegnare il donatore a un paziente

Poiché la donazione è anonima, quando una donna o una coppia ha bisogno di sperma di un donatore, è la clinica o il centro riproduttivo che fa l'assegnazione del seme del donatore tenendo conto della compatibilità del gruppo sanguigno edelle caratteristiche fenotipiche come la razza, il peso, l'altezza, il colore dei capelli e degli occhi.

Si tiene sempre conto del fatto che il gruppo sanguigno è lo stesso di quello del paziente. Se non c'è un partner maschile, l'obiettivo è quello di renderlo come quello della donna.

Se una donna o una coppia rimane incinta di sperma di un determinato donatore, c'è la possibilità di riservare dosi seminali dello stesso donatore per un futuro trattamento riproduttivo quando si desidera un secondo figlio.

Domande più frequenti

Nei trattamenti in cui si sceglie il metodo di ROPA, il donatore di sperma viene scelto in base alle caratteristiche fisiche della madre genetica o della donna incinta?

Da Dr. Jon Ander Agirregoikoa (ginecologo).

Nella richiesta di sperma vengono raccolte le caratteristiche di entrambe le donne. Normalmente, lo sperma viene scelto in base alla donna che sta per portare a termine la gravidanza, perché l'altro membro della coppia contribuisce già con il suo materiale genetico nell'ovocita che dà al suo partner.

Quali test vengono effettuati sui donatori?

Da Marta Barranquero Gómez (embriologa).

Per essere una donatrice di ovuli o di sperma è necessario avere un'ottima qualità di ovuli o sperma. Per garantire la qualità dei gameti vengono eseguiti anche test del cariotipo, delle malattie genetiche più frequenti e delle malattie sessualmente trasmissibili. Infine, è previsto un approfondito colloquio psicologico per escludere qualsiasi alterazione psicologica.

L'anonimato è garantito nella donazione di sperma?

Da Marta Barranquero Gómez (embriologa).

Sì, la donazione è completamente anonima, quindi la clinica di riproduzione assistita non fornirà mai i dati del donatore ai pazienti. Allo stesso modo, al donatore non vengono mai fornite informazioni su quali pazienti verranno utilizzati i suoi spermatozoi. Il donatore di sperma può solo scoprire se il trattamento è andato bene e quanti bambini sono nati dalle sue donazioni.

Tuttavia, la legge prevede che, in caso di alterazioni genetiche o di gravi problemi di salute del feto o del bambino, al donatore può essere chiesto di fornire informazioni sull'anamnesi, anche diversi anni dopo la donazione, ma in questo caso è necessaria un'ordinanza del tribunale e tutto verrebbe fatto attraverso gli specialisti del centro e l'indagine del tribunale, entrambe le parti non verrebbero mai contattate direttamente.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
Dr. Jon Ander  Agirregoikoa
Dr. Jon Ander Agirregoikoa
Ginecologo
Laurea in Medicina presso l'Università dei Paesi Baschi, specializzata in Ostetricia e Ginecologia. Ha diversi anni di esperienza nel campo della Riproduzione Assistita ed è Co-Direttore e Co-Fondatore di ART Clinics. Inoltre, combina la sua attività medica con l'insegnamento presso l'Università dei Paesi Baschi. Continua a leggere Dr. Jon Ander Agirregoikoa
Numero associato: 014809788
 Marta Barranquero Gómez
Marta Barranquero Gómez
Embriologa
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV) e specializzato in Riproduzione Assistita presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH) in collaborazione con Ginefiv e in Genetica Clinica presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH). Continua a leggere Marta Barranquero Gómez
Numero associato: 3316-CV
Dra. Nadia Caroppo
Dra. Nadia Caroppo
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Buenos Aires, con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. Vasta esperienza come ginecologo e ostetrico in diversi ospedali spagnoli e internazionali. Esperienza come capo dell'Unità di Patologia del tratto genitale inferiore e di Colposcopia. Continua a leggere Dra. Nadia Caroppo
Numero associato: 460844481
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.