Salute materna e gravidanza

Da .
Aggiornato il 13/01/2015

La salute della madre prima della gravidanza, le sue abitudini alimentari e il fatto che assuma tabacco o alcol, i trattamenti farmacologici e l'esposizione a tossici ambientali o sul posto di lavoro, sono fattori molto importanti, che possono influire sullo sviluppo della gravidanza e sulla salute del feto. Le malattie materne possono colpire il bambino. Affinché la gravidanza faccia il proprio corso senza complicazioni, la madre deve stare attenta, soprattutto se presenta qualche malattia precedente alla gravidanza.

Benessere del bambino

Esistono determinati agenti esterni che agiscono come teratogeni, aumentando cioè la probabilità di malformazioni congenite. Le malformazioni congenite sono quelle alterazioni anatomiche, strutturali, funzionali, metaboliche o dei condotti che si manifestano nelle varie tappe dello sviluppo embrionario, e dunque che il bambino presenta dalla nascita.

Durante le prime settimane di questo sviluppo embrionario, inizia a formarsi una delle strutture più importanti del feto: il tubo neurale. Uno dei suggerimenti che aiutano a prevenire difetti al tubo neurale (anencefalia o spina bifida) e difetti cardiaci è assumere un supplemento di acido folico prima e durante le prime fasi della gravidanza.

L'esposizione prenatale all'alcol è una delle cause più comuni ed evitabili del ritardo mentale. Per questo, si raccomanda a tutte le donne incinte di non assumere alcol durante la gravidanza e l'allattamento. Si sa che gli effetti dell'alcol sono dose-dipendenti: quanto più si assume, tanto maggiori saranno gli effetti sul bambino, e per questo i maggiori problemi si osservano nei figli di madri alcolizzate.

Nel caso in cui la madre sia affetta da qualche malattia come l'epilessia, è necessario chiedere consiglio ad uno specialista prima di concepire, al fine di selezionare, nei limiti del possibile, dei farmaci meno tossici per il bambino, e provare per un periodo se la nuova cura è altrettanto efficace per la madre.

Cure in gravidanza

Tra gli agenti esterni che agiscono come teratogeni e possono colpire lo sviluppo fetale possiamo trovare:

Agenti fisici e chimici

Radiazione ionizzante, fitoestrogeni o solventi organici basati sul carbonio come toluene, acetone, xileno, ecc., che producono effetti simili a quelli dell'alcol, o gli anestetici. La carenza di iodio ed acido folico può provocare nel feto ipotiroidismo o ritardo mentale (nel caso dello iodio) e spina bifida (nel caso dell'acido folico).

Farmaci

Misoprostolo, antiepilettici, methotrexate, acido retinoico, ecc. possono provocare aborti, ritardo mentale e difetti congeniti, tra gli altri effetti.

Malattie materne

Patologie come il diabete mellito, l'iperandrogenismo o il lupus eritematoso sistemico colpiscono lo sviluppo fetale, causando difetti congeniti, reversione sessuale (nel caso dell'androgenismo) e blocco cardiaco o lupus transitorio.

Droghe

Tabacco, alcol, cocaina, droghe sintetiche, colle, ecc. possono provocare aborti, ritardo mentale e difetti congeniti.

Infezioni virali

Esistono inoltre determinate infezioni virali che la madre può contrarre e che possono avere effetti negativi sullo sviluppo del feto, come la varicella e la rosolia. Per evitare complicazioni durante la gravidanza sarebbe necessario verificare tutte le vaccinazioni della donna e, in caso di dubbio, vaccinarla prima della gravidanza.

La rosolia in gravidanza può scatenare la Sindrome della Rosolia Congenita (SRC) nel bambino. Se il contagio avviene nelle prime settimane, prima della sedicesima, può causare effetti gravi nel feto, come cecità, sordità, ritardo mentale e persino malformazioni cardiache.

La varicella può generare nel feto la Sindrome della Varicella Congenita: prima della tredicesima settimana esiste un rischio molto ridotto di contagio (0,4%), però, tra la tredicesima e la ventesima settimana di gestazione, questo rischio aumenta ad un 2%, con possibili malformazioni fetali come cicatrici sulla pelle, microcefalia, problemi alla vista e all'udito.

Sarà inoltre necessario verificare possibili precedenti esposizioni della donna a toxoplasma, citomegalovirus, herpes, sifilide, HIV ed epatite B o C.

Malattie materne in gravidanza

Diversi studi hanno dimostrato gli effetti benefici di uno sviluppo fetale corretto, e quanto alcuni fattori influiscano durante la vita di un individuo. Tra questi benefici, possiamo osservare nei bambini un miglior rendimento ed attitudine a scuola, una salute migliore durante l'adolescenza e nella vita adulta, un indice inferiore di obesità, ipertensione o malattie cardiovascolari.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Autore

Questo articolo è stato scritto e recensito dal team inviTRA.

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.