Quali sono i risultati dell’inseminazione artificiale?

Da (embriologa), (ginecologo), (ginecologa), (embriologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 07/10/2020

L'inseminazione artificiale (IA) è uno dei più semplici trattamenti di riproduzione assistita, quindi le sue percentuali di successo non sono molto elevate, soprattutto al primo tentativo.

Ciononostante, tutte le donne e le coppie che si qualificano per l'inseminazione artificiale hanno la possibilità di rimanere incinte.

Inoltre, i tassi di successo dell'IA aumentano dopo il primo tentativo, quindi una donna può rimanere incinta nel secondo, terzo o quarto ciclo. Questo è ciò che è noto come tasso di successo cumulativo.

L'inseminazione artificiale funziona?

Il trattamento dell'IA è un piccolo aiuto al processo naturale del concepimento, poiché consiste semplicemente nel depositare lo sperma dell'uomo nell'utero della donna, ma sono gli spermatozoi che devono viaggiare attraverso le tube di Falloppio per raggiungere l'ovulo e fecondarlo.

Per questo motivo, l'inseminazione artificiale è consigliata solo in casi lievi di sterilità, quando la donna è giovane e la sua riserva ovarica non è ancora compromessa.

Grazie all'inseminazione artificiale, nel 2017 sono nati in Spagna 4.247 bambini, secondo gli ultimi dati pubblicati dalla Società Spagnola di Fertilità (SEF).

L'IA è anche di solito la prima tecnica indicata quando la coppia si reca in una clinica della fertilità, quando possibile e c'è una possibilità di successo, in quanto è il trattamento più semplice ed economico.

Requisiti

Per poter effettuare l'inseminazione artificiale, è necessario che sia la donna che l'uomo si sottopongano ad alcuni test di fertilità per assicurarsi che soddisfino i seguenti requisiti:

  • Buona qualità dello sperma Il maschio ha una buona quantità di sperma mobile.
  • La donna deve essere in grado di ovulare, spontaneamente o indotta da farmaci ormonali.
  • Le tube di Falloppio devono essere permeabili.

Se questi 3 requisiti fondamentali sono soddisfatti, l'inseminazione artificiale può essere la soluzione definitiva al problema riproduttivo.

Per informazioni più dettagliate, potete continuare a leggere qui: Requisiti di base per l'inseminazione artificiale intrauterina.

Fattori di successo dell'IA

Nonostante tutto quello che è stato detto finora, non tutte le persone che soddisfano i requisiti per l'IA potranno rimanere incinte con questo trattamento per la fertilità.

Il successo dell'inseminazione artificiale dipende da molti altri fattori legati al partner o al trattamento. Li commentiamo qui di seguito:

Età della donna
la capacità riproduttiva di una donna diminuisce nel tempo fino alla sua fine definitiva in quella che conosciamo come menopausa. Con l'avvicinarsi di questo periodo, la quantità e la qualità delle uova si riducono. Per questo motivo, dall'età di 35-37 anni, le possibilità di gravidanza con l'inseminazione artificiale sono basse.
Causa di infertilità
affinché l'IA abbia successo, gli spermatozoi devono essere in grado di viaggiare attraverso il tratto riproduttivo femminile, nuotare fino all'ovulo e penetrarlo per la fecondazione dell'embrione. Pertanto, se ci sono gravi problemi di fertilità nella donna o nell'uomo, come l'endometriosi grave o l'oligoastenozospermia, sarà difficile che la fecondazione naturale abbia luogo.
Origine del gamete maschile
poiché lo sperma del donatore è di altissima qualità, le donne che si sottopongono all'inseminazione artificiale da donatore (ADI) avranno maggiori possibilità di ottenere una gravidanza.
Protocollo di stimolazione ovarica
è importante analizzare la situazione di ogni donna e personalizzare il trattamento ormonale che riceverà per stimolare lo sviluppo ovarico e l'ovulazione. Una stimolazione molto forte può causare la maturazione di troppi follicoli, il che può essere controproducente, poiché la qualità degli ovuli potrebbe essere compromessa, oltre ad aumentare la probabilità di una gravidanza multipla.
Ricettività endometriale
l'endometrio è lo strato interno dell'utero in cui avviene l'impianto e la nidificazione dell'embrione. Perché ciò avvenga, l'endometrio deve essere ricettivo, cioè in buone condizioni per ricevere l'embrione. È essenziale che l'endometrio abbia un aspetto trilaterale (tre strati paralleli si vedono ad ultrasuoni) e uno spessore di circa 8-10 mm. Se l'endometrio non ha le giuste qualità per l'impianto, l'impianto non avviene e l'inseminazione artificiale fallisce.

Tassi di successo

E 'importante sapere che ci sono diversi modi per esprimere il successo di un trattamento di riproduzione assistita, come commentiamo qui di seguito:

Tasso di gravidanza
percentuale di donne con test di gravidanza positivo dopo l'IA.
Tasso cumulativo di gravidanza
percentuale di gravidanze dopo due, tre o più tentativi. Normalmente, il tasso cumulativo di gravidanza per l'IA aumenta a 4 tentativi.
Tasso di parto
percentuale di donne che ottengono una gravidanza a termine e la nascita di uno o più bambini. In questo caso non si riferisce al fatto che il bambino nasca vivo o morto, o con una qualsiasi malformazione, patologia o malattia.
Tasso di natalità in diretta
percentuale di donne che ottengono un bambino vivo e sano dopo l'IA

Per tutto questo, il tasso di neonati vivi è il più importante. Tuttavia, il SEF fornisce solo i dati relativi al tasso di gravidanza e al tasso di natalità per ogni tipo di IA, quindi queste sono le percentuali che forniremo di seguito (Registro Nazionale di Attività 2017-SEF).

Inseminazione artificiale coniugale

Secondo l'ultimo rapporto pubblicato dal SEF con i risultati ottenuti dai centri spagnoli nel 2017, l'inseminazione artificiale con lo sperma del partner (IAC) ha i seguenti tassi di successo a seconda dell'età della donna:

Donne <35 anni
tasso di gravidanza del 13,2% e tasso di parto del 10,4% per ciclo.
Donne 35-39 anni
tasso di gravidanza del 12,3% e tasso di parto del 9,0% per ciclo.
Donne ≥ 40 anni
tasso di gravidanza del 8,9% e tasso di parto del 4,4% per ciclo.

È molto probabile che la donna non ottenga una gravidanza nella prima inseminazione artificiale. Tuttavia, il tasso cumulativo di ACI dopo quattro tentativi è del 60%, quindi la coppia potrebbe ottenere una gravidanza al secondo, terzo o quarto tentativo.

Inseminazione artificiale da donatore.

Nel caso in cui si debba ricorrere allo sperma di un donatore anonimo per effettuare l'inseminazione artificiale, la probabilità che una donna rimanga incinta e partorisca un bambino è la seguente:

Donne <35 anni
tasso di gravidanza del 22,6% e tasso di parto del 18,4% per ciclo.
Donne 35-39 anni
tasso di gravidanza del 19,3% e tasso di parto del 14,3% per ciclo.
Donne ≥ 40 anni
tasso di gravidanza del 10,5% e tasso di parto del 6,1% per ciclo.

Come nel caso precedente, il IAD ha un tasso di gravidanza cumulativo che può arrivare fino all'80% dopo quattro tentativi.

Numero di tentativi di IA

Come abbiamo sottolineato, gli specialisti raccomandano un numero massimo di 4 tentativi di inseminazione artificiale prima di passare ad altri trattamenti più complessi.

Numerosi studi hanno dimostrato che il tasso di gravidanza non migliora dopo il quarto trattamento di inseminazione artificiale e quindi non ha senso continuare ad utilizzare questo metodo. In questo caso, sarà necessario passare ai processi di fecondazione in vitro (FIVET).

Tuttavia, c'è un'eccezione per le donne single e le coppie di donne gay, alle quali possono essere concessi fino a 6 tentativi di DAI.

Il motivo è che queste donne, in linea di principio, non presentano alcun problema di infertilità, ma solo l'assenza di un partner maschile. Come ci dice il dottor Gorka Barrenetxea:

La donna il cui partner non ha sperma, la donna da sola o la donna lesbica, questa donna quando si reca in un centro di riproduzione assistita in linea di principio ha molte più possibilità di appartenere all'80% delle donne senza problemi di fertilità che al 20% con problemi. Stiamo parlando di una donna fertile, più o meno anziana, e logicamente le percentuali di successo con l'inseminazione sono relativamente elevate.

Test di gravidanza

Dopo circa 15 giorni di beta-attesa, il test di gravidanza rivelerà se l'inseminazione artificiale ha avuto successo o meno. Si basa sulla misurazione dell'ormone beta-hCG, rilasciato dall'embrione dopo l'impianto.

Per evitare errori nel risultato, si raccomanda di non fare il test di gravidanza prima che siano trascorsi 15 giorni dall'IA, poiché ci sarebbe la possibilità di ottenere un falso negativo perché non c'è abbastanza beta-hCG.

D'altra parte, il test di gravidanza del sangue è più specifico del test delle urine e comporta meno errori. In ogni caso, la conferma definitiva della gravidanza non sarà data fino a quando non vedremo il sacco gestazionale e l'embrione nell'ecografia alla 6a o 7a settimana.

Domande più frequenti

Ci sono sintomi specifici che indicano che l'inseminazione artificiale ha avuto successo?

Da Dra. Paloma de la Fuente Vaquero (ginecologa).

No, i sintomi sono quelli generali di qualsiasi gravidanza e di solito compaiono circa 15 giorni dopo l'inseminazione. Tra i più frequenti ci sono nausea o vomito, stanchezza, sonno... ma non sono diversi da quelli prodotti da una gravidanza naturale.

L'inseminazione artificiale è un successo per le donne di 40 anni?

Da Sara Salgado (embriologa).

L'età è uno dei fattori più influenti per il successo dell'inseminazione artificiale. Non solo per l'inseminazione artificiale in sé o per il numero e/o la qualità degli ovuli (riserva ovarica), ma anche per l'endometrio, poiché il raggiungimento del giusto spessore dell'embrione formato per poterlo impiantare diventa più complicato.

A partire dai 35 anni di età, la riserva ovarica diminuisce e, quindi, la probabilità che un ovulo venga fecondato da uno spermatozoo si riduce significativamente, soprattutto dopo i 40 anni.

Si sconsiglia di effettuare un'inseminazione da 35-37 anni, poiché la probabilità di gravidanza è talmente bassa (meno del 10%) che non vale la pena che la paziente passi l'intero processo. In questi casi, la fecondazione in vitro è direttamente consigliata.

Posso rimanere incinta attraverso l'inseminazione artificiale se ho un tubo bloccato?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Nel processo di inseminazione artificiale, la fecondazione avviene nelle tube di Falloppio e quindi è necessario che almeno una di esse sia permeabile, cioè che permetta l'incontro di ovuli e spermatozoi.

Se solo uno dei tubi è funzionale, ottenere una gravidanza è più complicato, ma non impossibile, poiché la fecondazione può avvenire nell'altro tubo.

Posso rimanere incinta con l'inseminazione artificiale se ho l'endometriosi?

Da Sara Salgado (embriologa).

Dipenderà dal grado di localizzazione e di estensione dell'endometriosi. Se si tratta di un caso lieve o moderato, allora la gravidanza potrebbe verificarsi utilizzando questa tecnica.

Al contrario, in casi gravi è molto probabile che le tube di Falloppio siano ostruite dalla condizione e non permettano agli spermatozoi di raggiungerle, così come che l'endometrio sia stato colpito e l'embrione abbia gravi difficoltà a impiantarsi.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Sociedad Española de Fertilidad. Registro Nacional de Actividad 2017-Registro SEF (ver)

Berg U, Brucker C, Berg FD. Effect of motile sperm count after swim-up on outcome of intrauterine insemination. Fertil Steril 1997; 67:747–50.

Buxaderas R. (s.f.) Guía 14: Ciclos de inseminación artificial conyugal. Servicio de Medicina de la Reproducción Departamento de Obstetricia, Ginecología y Reproducción Hospital Universitario Quirón Dexeus, Barcelona.

Caballero Peregrín P, Núñez Calonge R, García Enguídanos A. (s.f.) Guía 15: Ciclos de inseminación artificial con semen de donante. Clínica Tambre. Madrid.

DiMarzo SJ, Kennedy JF, Young PE, Hebert SA, Rosenberg DC, Villaneuva B. Effect of controlled ovarian hyperstimulation on pregnancy rates after intrauterine insemination. Am J Obstet Gynecol 1992; 166:1607–13.

Karlstrom P-O, Bergh T, Lundkvist O. A prospective randomized trial of artificial insemination versus intercourse in cycles stimulated with human menopausal gonadotropin or clomiphene citrate. Fertil Steril 1993:59;554–9.

Khan JA, Sunde A, Von During V, Sordal T, Molne K. Intrauterine insemination. Ann NY Acad Sci 1991;626:452–60.

Tomlinson MJ, Amissah-Arthur JB, Thompson KA, Kasraie JL, Bentick B. Prognostic indicators for intrauterine insemination (IUI): statistical model for IUI success. Hum Reprod 1996;11:1892–6.

Plosker SM, Jacobson W, Amato P. Predicting and optimizing success in an intrauterine insemination programme. Hum Reprod 1994;9:2014–21.

Domande più frequenti: 'Ci sono sintomi specifici che indicano che l'inseminazione artificiale ha avuto successo?', 'L'inseminazione artificiale è un successo per le donne di 40 anni?', 'Posso rimanere incinta attraverso l'inseminazione artificiale se ho un tubo bloccato?' e 'Posso rimanere incinta con l'inseminazione artificiale se ho l'endometriosi?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia all'Università di Navarra. Dottorato in Medicina e Chirurgia presso l'Università dei Paesi Baschi/Euskal Herriko Unibertsitatea. Specialista in Ginecologia e Ostetricia (MIR). Ha più di 30 anni di esperienza ed è professore ordinario all'Università dei Paesi Baschi. È anche professore al Master in Fertilità Umana presso l'Università Complutense di Madrid. Vicepresidente del SEF. Continua a leggere Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Numero associato: 484806591
Dra. Paloma de la Fuente Vaquero
Dra. Paloma de la Fuente Vaquero
Ginecologa
Laureato in Medicina presso l'Università Complutense di Madrid, con un Master in Riproduzione Umana e un Dottorato in Medicina e Chirurgia dell'Università di Siviglia. Membro della Società Spagnola di Fertilità (SEF) e della Società Spagnola di Ginecologia e Ostetricia (SEGO), attualmente lavora come ginecologo specializzato in riproduzione assistita presso la Clinica di riproduzione spagnola YES! Reproducción. Continua a leggere Dra. Paloma de la Fuente Vaquero
Numero associato: 4117294
 Sara Salgado
Sara Salgado
Embriologa
Laureato in Biochimica e Biologia Molecolare presso l'Università dei Paesi Baschi (UPV/EHU), con un Master in Riproduzione Umana Assistita dell'Università Complutense di Madrid (UCM). Esperto universitario in Tecniche diagnostiche genetiche dell'Università di Valencia (UV). Continua a leggere Sara Salgado
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.