La riserva ovarica e i suoi effetti sulla fertilità

Da (embriologa), (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 18/01/2021

La riserva ovarica indica il numero di ovuli a disposizione di una donna in un determinato momento della sua vita ed è quindi qualcosa che segnerà lo stato della sua fertilità.

Se la riserva ovarica è buona, ci saranno più possibilità di ottenere una gravidanza. Nel caso in cui venga rilevata una bassa riserva ovarica, può essere necessario ricorrere alla fecondazione in vitro (FIVET) per diventare madre.

Di seguito trovate un indice con i 8 punti che tratteremo in questo articolo.

Cos'è la riserva ovarica?

La donna nasce con una dotazione ovarica finita di circa un milione di uova. Alla pubertà, questo numero scende a circa 400.000 o 500.000 uova. In ciascuno dei cicli mestruali che iniziano mese per mese da questo punto, solo circa 400-500 ovociti raggiungeranno l'ovulazione. Il resto degenererà lungo la strada.

La riserva ovarica è la quantità di ovuli a disposizione della donna in un determinato momento e sarà determinante per ottenere una gravidanza, sia naturalmente che attraverso le tecniche di riproduzione assistita.

Il periodo più fertile per le donne va dai 16 ai 30 anni. A quel tempo, ha una buona quantità e qualità di ovociti. Dall'età di 35-37 anni si registra una significativa diminuzione della riserva ovarica.

A partire dai 40 anni di età, la riserva ovarica è compromessa fino al suo completo esaurimento, approssimativamente tra i 45 e i 55 anni. Inizia così la nuova fase della vita riproduttiva della donna: la menopausa.

A volte il declino della qualità e della quantità delle uova si verifica prima del previsto. È quello che conosciamo come menopausa precoce. Pertanto, nel caso in cui si voglia diventare madre, è importante verificare di avere una buona riserva ovarica se si prevede di posticipare la maternità oltre i 35 anni.

Cause della diminuzione della riserva ovarica

Come abbiamo visto, l'età della donna è uno dei fattori più influenti nella riserva ovarica. C'è un rapporto inverso tra i due: più la paziente è anziana, minore è la quantità e la qualità delle uova.

Oltre all'età, ci sono alcuni fattori che possono avere un impatto negativo sulla riserva ovarica e sulla fertilità della donna. Queste possono causare la cosiddetta menopausa precoce o l'insufficienza ovarica precoce (IOP), il che significa che la riserva ovarica si esaurisce prima dell'età prevista.

Le circostanze o le alterazioni che possono influire sulla riserva ovarica sono:

  • Trattamenti medici e chirurgici
  • Radioterapia
  • Chemioterapia
  • Stress
  • Obesità
  • Inquinamento ambientale
  • Esposizione a sostanze tossiche e pesticidi
  • Abitudini di vita malsane
  • Alcune malattie (come l'endometriosi o le infezioni pelviche)

C'è una piccola variabilità tra le donne rispetto alla velocità con cui si esaurisce la riserva ovarica. Pertanto, la menopausa si verifica in età diverse in ogni donna.

Valori normali delle riserve ovariche

Ci sono diversi test che ci aiutano a determinare lo stato della riserva ovarica. I più utilizzati sono i seguenti:

FSH (ormone follicolo-stimolante)

È uno degli ormoni sessuali incaricati di regolare il ciclo mestruale. Viene rilasciata dalla ghiandola pituitaria per stimolare lo sviluppo ovarico. Quando ci sono poche uova, i livelli di questo ormone aumentano per cercare di attivare l'ovaio. Pertanto, valori elevati sono indicativi di una bassa riserva ovarica.

I valori normali sono inferiori a 6 mUI/ml. Quando l'ormone è tra i 6 e i 9 mIU/ml, si parla di una buona riserva ovarica, anche se non è così alta come nel caso precedente.

Si parla di riserva ovarica moderata se il valore di FSH è compreso tra 9 e 10 mUI/ml e diminuito se è compreso tra 10 e 13 mUI/ml. Valori superiori a 13 mIU/ml indicano una bassa riserva ovarica e quindi un tempo di quasi menopausa della donna.

Per misurare l'FSH, si esegue un esame del sangue tra il 3° e il 5° giorno del ciclo ovarico, considerando che il primo giorno del ciclo è quello in cui le mestruazioni diminuiscono.

AMH (ormone antimulleriano)

L'ormone antimulleriano viene rilasciato dal follicolo ovarico, cioè dalla struttura dell'ovaio dove si sviluppa l'ovario. Il suo valore è alto quando molte uova sono mature e diminuisce se il numero di uova, cioè la riserva ovarica, diminuisce.

Un valore compreso tra 0,7 e 3,5 ng/ml indica una normale riserva ovarica. Valori inferiori a 0,7 ng/ml sono considerati indicativi di una bassa riserva ovarica.

La misurazione di questo ormone nel sangue può essere effettuata in qualsiasi giorno del ciclo, poiché, a differenza dell'FSH, il suo valore non cambia durante tutto il ciclo mestruale. Ciò rende i loro risultati più affidabili, in quanto i loro livelli sono più stabili e indipendenti da altri fattori.

E2 (estradiolo)

Con lo sviluppo dei follicoli, il loro rilascio di estradiolo aumenta. Pertanto, la misurazione del valore di questo ormone può essere utile per valutare la riserva ovarica. Più alta è la concentrazione di estradiolo, più uova si sviluppano in quel ciclo.

Tuttavia, valori elevati di questo ormone nei primi giorni del ciclo mestruale (giorni 3-5) possono anche essere indice di una bassa riserva ovarica. Si ritiene ottimale che in questi giorni il valore dell'estradiolo sia inferiore a 40 pg/ml.

Conteggio dei follicoli antrali (AFR)

Dalla pubertà, ogni mese si sviluppa un insieme di follicoli, ma solo uno raggiunge lo stadio ovulatorio, che finalmente ovula un ovulo maturo. Il resto si sta atrofizzando.

Distinguiamo i seguenti stadi dello sviluppo follicolare: follicolo primordiale, primario, secondario, antrale, preovulatorio (detto anche follicolo di Graaf).

Il follicolo antrale è caratterizzato dall'accumulo di fluido nella sua cavità interna: l'antrum. Questo permette la sua visualizzazione tramite ultrasuoni transvaginali. Il conteggio dei follicoli antrali ci dà un'idea approssimativa della riserva ovarica della donna.

Il conteggio è più affidabile se viene fatto tra i 3 e i 5 giorni del ciclo mestruale.

Probabilità di gravidanza

Affinché la gravidanza avvenga in modo naturale, non solo è necessaria una buona qualità e quantità di sperma, ma è anche un prerequisito che la donna abbia una buona riserva ovarica.

Come diminuisce la riserva ovarica, diminuisce anche la probabilità di una gravidanza naturale. Pertanto, molte donne, a causa della loro età, hanno dovuto ricorrere alla riproduzione assistita a causa di problemi legati alla riserva ovarica.

Come abbiamo detto, l'età materna avanzata influisce non solo sulla quantità di uova, ma anche sulla loro qualità. Per questo motivo, dall'età di 35-37 anni, la gravidanza diventa particolarmente complicata.

La bassa riserva ovarica è uno dei problemi più frequenti sia per ottenere una gravidanza in modo naturale che attraverso trattamenti di riproduzione assistita.

All'interno dello studio iniziale condotto sulla donna per scoprire il suo potenziale riproduttivo, la valutazione della riserva ovarica è fondamentale, in quanto ci permette di sapere come la paziente risponderà ai trattamenti di stimolazione ovarica e alla sua prognosi.

La donazione di ovuli è il trattamento riproduttivo utilizzato nei casi di bassa o nessuna riserva ovarica. Ciò comporta l'esecuzione della tecnica della FIVET utilizzando ovuli di una donatrice giovane e sana per aumentare le possibilità di ottenere una gravidanza.

Qui potete saperne di più su questa alternativa: Fasi del trattamento di FIVET con ovodonazione.

Domande più frequenti

In che modo la riserva ovarica influisce sul trattamento della FIVET?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Chiamiamo riserva ovarica il numero di ovuli che una donna ha in un determinato momento e che determinerà la fertilità di quella donna in quel momento.

La misurazione della riserva ovarica ci informa della capacità dell'ovaio di generare ovuli che possono essere fecondati e dare origine ad embrioni che si evolvono e che possono essere impiantati nell'utero gravido.

Inoltre, man mano che la riserva ovarica diminuisce, anche la qualità delle uova ne risente. Ciò riduce la possibilità di rimanere incinta e aumenta le possibilità di aborto spontaneo.

Per questo motivo la riserva ovarica è uno dei fattori limitanti non solo della gravidanza naturale ma anche del successo dei trattamenti riproduttivi, ottenendo un minor tasso di gravidanza nelle donne con una riserva ovarica più ridotta.

Esiste un metodo artigianale per misurare la riserva ovarica e la fertilità?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

I metodi sopra citati (FSH, AMH, estradiolo e conteggio dei follicoli) sono i metodi più affidabili per valutare la riserva ovarica. Non c'è modo di misurare la riserva ovarica a casa, anche se ci sono diversi test a domicilio per ottenere informazioni sullo stato di fertilità.

Si tratta del test della temperatura basale, del test di secrezione vaginale e dello studio della posizione della cervice.

Esiste un trattamento per una bassa riserva ovarica che permetta la gravidanza?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Raggiungere una gravidanza con una bassa riserva ovarica è complicato. Non esiste un trattamento per aumentare la riserva ovarica, ma esiste un trattamento per permettere ad una donna con una bassa riserva ovarica di ottenere una gravidanza.

Si tratta di fecondazione in vitro (FIVET), che è preceduta da un trattamento di stimolazione ovarica. Se anche con questo trattamento la gravidanza non viene raggiunta, l'ovodonazione è il modo per scegliere di cercare di raggiungere la gestazione.

È normale avere una bassa riserva ovarica a 40 anni?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Come abbiamo commentato prima, il periodo di massima riserva ovarica e, quindi, di maggiore fertilità è compreso tra i 16 ei 30-35 anni. A partire da questa età e soprattutto dai 40 anni, la diminuzione della riserva ovarica è particolarmente significativa. Pertanto, è normale che la riserva ovarica a quell'età sia bassa e diminuirà fino al completo esaurimento che darà inizio alla menopausa.

Esiste una relazione tra la riserva ovarica e la qualità degli ovociti?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Sì, sia la riserva ovarica che la qualità degli ovuli diminuiscono con l'aumentare dell'età della donna. Pertanto, come diminuisce la riserva ovarica, diminuisce anche la qualità delle uova.

Lettura consigliata

Abbiamo menzionato l'ormone anti-mulleriano per misurare la riserva ovarica e quindi la fertilità della donna. Se volete saperne di più su questo ormone, vi consigliamo il seguente post: L'ormone antimulleriano (AMH): utilità per lo studio della fertilità.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Broekmans FJ, Kwee J, Hendricks DJ, Mol BW, Lambalk CB. A systematic review of tests predicting ovarian reserve and IVF outcome. Hum Reprod Update 2006

Broer SL, Broekmans FJ, Laven JS, Fauser BC. Anti-Müllerian hormone: ovarian reserve testing and its potential clinical implications. Hum Reprod Update 2014

Broer SL, van Disseldorp J, Broeze KA, Dolleman M, Opmeer BC, Bossuyt P, Eijkemans MJ, Mol BW, Broekmans FJ. Added value of ovarian reserve testing on patient characteristics in the prediction of the ovarian response and ongoing pregnancy: an individual patient data approach. Hum Reprod Update 2013

Depmann M, Faddy MJ, van der Schouw YT, Peeters PH, Broer SL, Kelsey TW, Nelson SM, Broekmans FJ. The relation between variation in size of the primordial follicle pool and age at natural menopause. J Clin Endocrinol Metab 2015.

Dewailly D, Andersen CY, Balen A, Broekmans F, Dilaver N, Fanchin R, et al. The physiology and clinical utility of antimüllerian hormone in women. Hum Reprod Update 2014.

Dunlop CE, Anderson RA. Uses of anti-Müllerian hormone (AMH) measurement before and after cancer treatment in women. Maturitas 2015.

Ferraretti AP, La Marca A, Fauser BC, Tarlatzis B, Nargund G, Gianaroli L. ESHRE working group on Poor Ovarian Response Definition. ESHRE consensus on the definition of ‘poor response’ to ovarian stimulation for in vitro fertilization: the Bologna criteria. Hum Reprod. 2011.

Huddelston HG. Biomarkers of ovarian reserve in women with polycystic ovary syndrome. Semin Reprod Med 2013.

Iwase A, Nakamura T, Nahakara T, Goto M, Kikkawa F. Assessment of ovarian reserve using anti-Müllerian hormone levels in benign gynecologic conditions and surgical interventions: a systematic narrative review. Reprod Biol Endocrinol 2014.

Practice Committee of the American Society for Reproductive Medicine. Testing and interpreting measures of ovarian reserve: a committee opinión. Fertil Steril 2015.

Raffi F, Metwally M, Amer S. The impact of excision of ovarian endometrioma on ovarian reserve: a systematic review and meta-analysis. J Clin Endoc Metab 2012.

Somigliana E, Berlanda N, Benaglia L, Vigano P, Vercellini P, Fedele L. Surgical excision of endometriomas and ovarian reserve: a systematic review on serum antimüllerian hormone level modifications. Fertil Steril 2012.

Uncu G, Kasapoglu I, Ozerkan K, Seyhan A, Yilmaztepe AO, Ata B. Prospective assessment of the impact of endometriomas and their removal on ovarian reserve and determinants of the rate of decline in ovarian reserve. Hum Reprod 2013.

Domande più frequenti: 'In che modo la riserva ovarica influisce sul trattamento della FIVET?', 'Esiste un metodo artigianale per misurare la riserva ovarica e la fertilità?', 'Esiste un trattamento per una bassa riserva ovarica che permetta la gravidanza?', 'È normale avere una bassa riserva ovarica a 40 anni?' e 'Esiste una relazione tra la riserva ovarica e la qualità degli ovociti?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
Dr. Miguel Dolz Arroyo
Dr. Miguel Dolz Arroyo
Ginecologo
Laureato in Medicina e Chirurgia presso la Facoltà di Medicina dell'Università di Valencia nel 1988 e Dottorato in Medicina nel 1995, specializzato in Ostetricia e Ginecologia. È un esperto in Medicina della Riproduzione, con più di 20 anni di esperienza nel settore, ed è attualmente direttore medico e fondatore della FIV Valencia. Continua a leggere Dr. Miguel Dolz Arroyo
Numero associato: 464614458
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.