Ricevente di ovuli: il tratamiento passo dopo passo

Da (embriologa), (ginecologo), (ginecologo), (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 14/05/2021

Oggi, molte donne trovano necessario ricorrere all'ovodonazione per soddisfare il loro desiderio di diventare madri. Si tratta di una decisione importante che non è facile da accettare per nessuno.

Tuttavia, grazie alla solidarietà delle donatrici di ovuli, le donne che soffrono di infertilità possono riuscire a rimanere incinte con un bambino sano e questo compensa tutte le paure e le insicurezze vissute all'inizio.

Inoltre, il trattamento dei ricevitori di ovociti è molto più semplice di quello della fecondazione in vitro (FIVET) con i propri ovociti, poiché consiste solo in un preparato endometriale. Questo rende il processo molto più sopportabile per la paziente e non soffre di tanta ansia.

Accettare le donazione di ovuli

Quando una donna o una coppia riceve la notizia che non potrà avere un figlio con i propri ovuli, la prima reazione che ha di solito è quella della non accettazione, soprattutto se la donna è ancora giovane.

Ipotizzando che il futuro bambino non avrà la stessa genetica della madre, si richiede tempo e, in molti casi, assistenza psicologica da parte della clinica di riproduzione assistita.

Infatti, il supporto psicologico è considerato una parte molto importante del trattamento di ovodonazione, in quanto può aiutare le coppie a superare il processo quotidiano, a ridurre il livello di ansia e a vedere tutto con più ottimismo.

D'altra parte, non tutte le coppie hanno bisogno di aiuto psicologico, poiché alcune di loro sono già consapevoli di avere problemi di infertilità e vedono nell'ovodonazione l'unico modo per avere un figlio.

Come viene selezionata la donatrice di ovuli?

Una volta che la donazione di ovuli è stata accettata dalla coppia ricevente, il personale della clinica deve trovare una donatrice compatibile per iniziare l'intero processo di ovodonazione.

A tal fine, è necessario cercare nella propria banca dati o, se del caso, nella banca degli ovuli con cui si lavora, una donatrice di ovuli che soddisfi le seguenti condizioni:

  • Gruppo sanguigno e fattore Rh compatibili con il ricevente.
  • Caratteristiche fenotipiche simili al destinatario: altezza, colore della pelle, colore degli occhi, colore dei capelli, ecc.

L'assegnazione del donatore sarà sempre effettuata cercando la massima somiglianza possibile con il ricevente e in nessun caso la coppia o la donna potrà scegliere le caratteristiche fisiche per capriccio.

Allo stesso modo, la clinica deve sempre garantire l'anonimato della donatrice di ovuli, ai sensi dell'articolo 5 della Legge 14/2006 sulle Tecniche di Riproduzione Umana Assistita.

D'altra parte, sempre più cliniche includono il test di compatibilità genetica nella batteria di prova del donatore in modo che si possa fare una migliore corrispondenza con la coppia ricevente. Q

uesto test consiste in un'analisi genetica della donatrice di ovuli e del partner maschile della ricevente, in modo da studiare se esiste un rischio di trasmissione di una malattia genetica al futuro bambino.

Se il test indica che entrambi sono portatori della stessa mutazione che potrebbe portare alla malattia, la donatrice di ovuli verrebbe scartata e la clinica ne cercherebbe un altro.

Trattamento di ovodonazione per il ricevente

Una volta selezionata la donatrice di ovuli, la coppia ricevente inizierà il trattamento di ovodonazione, che presenta lievi modifiche a seconda che si tratti di una donazione fresca o se gli ovuli sono congelati. Nel primo caso, è necessario sincronizzare il ciclo mestruale del donatore con quello del ricevente. Questo si ottiene somministrando normalmente i contraccettivi. A parte questo, il resto del trattamento del ricevente sarà effettuato nello stesso modo.

Preparazione dell'endometrio

Il trattamento ormonale ricevuto dalla persona che riceve l'ovulo è molto più delicato di quello che viene somministrato in una FIVET, in quanto non è necessaria alcuna stimolazione ovarica.

Questo trattamento è più focalizzato sulla preparazione dell'endometrio, lo strato interno dell'utero dove inizia l'impianto degli embrioni e la gestazione. Per fare questo, il destinatario dell'ovodonazione riceve un farmaco a base di estrogeni e progesterone.

D'altra parte, se la donna che riceve gli ovuli ha ancora la funzione ovarica, sarà necessario fare un passo precedente di soppressione pituitaria per fermare il flusso ormonale interno. A questo scopo, nel ciclo mestruale che precede l'ovodonazione, vi verranno dati gli analoghi di GnRH.

In seguito, descriveremo passo dopo passo tutti i trattamenti ormonali nella ricevente dell'ovulo.

GnRH Analoghi
consistono in iniezioni o spray nasale che vengono iniziati il giorno 22 del precedente ciclo mestruale. Il suo scopo è quello di mantenere le ovaie della paziente a riposo in modo che non influenzino il trattamento di ovodonazione. È inoltre possibile che il destinatario riceva solo contraccettivi orali.
Estrogeni
cominciano ad essere somministrate in dosi crescenti dopo il calo delle mestruazioni per far crescere l'endometrio. In genere si usano cerotti agli estrogeni, come Evopad, o compresse di estradiolo orale, come Meriestra.
Progesterone
la sua somministrazione inizia il giorno della puntura del donatore (se la donazione è fresca) o il giorno della fecondazione (se la donazione è in vitro). Il progesterone viene solitamente somministrato per via orale o vaginale e la sua funzione è quella di trasformare l'endometrio in modo che diventi ricettivo.

La crescita dell'endometrio della ricevente viene controllata mediante ultrasuoni fino a raggiungere lo spessore dell'endometrio adatto al trasferimento, che dovrebbe essere compreso tra 7 e 10 mm. Se necessario, il ginecologo può regolare la dose di farmaci ormonali durante il ciclo.

Fecondazione in vitro e coltura di embrioni

Una volta che gli ovuli della donatrice sono stati ottenuti nel laboratorio di FIVET, sia per puntura ovarica che per devetrificazione, il partner della ricevente dovrà recarsi in clinica per lasciare il campione di sperma con il quale verrà effettuata la fecondazione.

Questo campione seminale sarà elaborato in laboratorio per ottenere la migliore qualità di spermatozoi da capacità di formazione appropriato.

Gli ovuli maturi ottenuti dalla donatrice vengono poi fecondati con questi spermatozoi capacitati. Normalmente, la tecnica utilizzata per la fecondazione nei trattamenti di ovodonazione è l'iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI).

Il giorno dopo la fecondazione, l'embriologo controllerà il numero di embrioni fecondati e la loro qualità. Allo stesso modo, la qualità dell'embrione sarà valutata ogni giorno che gli embrioni passeranno in coltura, al fine di effettuare una migliore selezione e trasferire l'embrione o gli embrioni con una maggiore probabilità di impianto.

Se volete conoscere tutti i dettagli, potete continuare a leggere qui: Classificazione degli embrioni umani in base alla loro qualità.

Trasferimento di embrioni

Il trasferimento dell'embrione alla ricevente avverrà quando il suo endometrio sarà abbastanza spesso e ricettivo. Questa operazione è molto semplice e non richiede anestesia.

L'embrione o gli embrioni saranno introdotti nell'utero della donna utilizzando una cannula di trasferimento. Inoltre, il processo è guidato da un'ecografia, per controllare che gli embrioni siano depositati sul fondo dell'utero.

Il trasferimento embrionale può essere effettuato il giorno 3 o 5 dello sviluppo embrionale a seconda del paziente e del numero di embrioni ottenuti.

Poiché in un'ovodonazione si ottiene di solito un buon numero di embrioni di qualità, il trasferimento avviene di solito il quinto giorno, quando sono in fase di blastocisti e la loro probabilità di impianto è più alta.

D'altra parte, per quanto riguarda il numero di embrioni da trasferire, gli specialisti raccomandano il trasferimento di un solo embrione, poiché il tasso di gestazione con una ovodonazione è più alto e, quindi, il rischio di gravidanza multipla è maggiore se si trasferiscono 2 embrioni.

Nonostante ciò, sia la decisione sul numero di embrioni da trasferire che sul giorno del trasferimento sarà presa caso per caso e secondo le raccomandazioni di tutti gli specialisti coinvolti nel trattamento.

L’attesa della beta

Dopo il trasferimento dell'embrione inizia il periodo di attesa beta, che dura circa 15 giorni, fino a quando la donna può fare un test di gravidanza e scoprire se il trattamento ha avuto successo o meno.

Nel caso di ovodonazione, il ginecologo probabilmente istruirà la donna a continuare a prendere estrogeni e progesterone per integrare la fase luteale. Questa mediazione viene di solito somministrata fino alla 12a settimana di gravidanza.

Se il test di gravidanza è negativo, la donna deve interrompere tutti i farmaci per ridurre le mestruazioni e iniziare un altro ciclo mestruale.

Domande più frequenti

Quali sono le misure da adottare per la donazione di ovuli?

Da Dr. Sergio Rogel Cayetano (ginecologo).

Il primo passo per la FIVET con la donazione di ovuli dipende dalla coppia, e in molti casi è una decisione difficile. Una volta presa l'iniziativa, i pazienti devono visitare un centro di fiducia per iniziare l'intero trattamento.

Il professionista del centro si occuperà di selezionare la donatrice di ovuli più adatta, di stimolare le ovaie dell'ovodonatore, di preparare l'endometrio della donna ricevente a cui verranno trasferiti gli embrioni generati in laboratorio e del trasferimento stesso.
Continua a leggere

Qual è il tasso di successo dell'ovodonazione nella realizzazione di un bambino sano a casa?

Da Dr. Agustín Ballesteros (ginecologo).

La donazione di ovuli è una tecnica ad alte prestazioni che permette di ottenere una gravidanza nel 60% dei cicli eseguiti e raggiunge tassi di gravidanza cumulativi di oltre il 90% in soli 3 tentativi. La sua performance è indipendente dall'età della donna, il che la rende una grande soluzione per tutte quelle donne, qualunque sia la loro età, che hanno fallito i trattamenti convenzionali. Infatti, l'unico requisito di cui una donna ha bisogno è di avere un utero sano e di essere in buona salute, quindi non è consigliabile eseguirlo su donne oltre i 50 anni.

È possibile effettuare un'ovodonazione in un ciclo naturale?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Sì, quando si effettua un trasferimento di embrioni, non importa se gli embrioni provengono da ovuli propri o donati. Finché la donna ricevente ha cicli mestruali e ovulatori regolari, è possibile effettuare un trasferimento di embrioni in un ciclo naturale.

Tuttavia, non è conveniente fare un ciclo naturale se il trasferimento deve essere fresco, poiché è molto complicato sincronizzare il donatore con il ricevente e, quindi, la probabilità di successo sarebbe minore.

Per quanto riguarda il trattamento di adozione degli embrioni, questo può essere fatto anche in un ciclo naturale e, inoltre, questi embrioni saranno sempre crioconservati.

L'amniocentesi è necessaria in una gravidanza ovodonante?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Non in linea di principio. Gli ovuli donati provengono da donatori giovani e sani, nella maggior parte dei casi sotto i 30 anni. La probabilità che questi ovuli accumulino mutazioni genetiche è bassa e quindi non è necessario eseguire un'amniocentesi anche se la madre ricevente è in età materna avanzata. Lo screening combinato del primo trimestre viene solitamente effettuato perché non presenta complicazioni o rischi.

Tuttavia, è sempre consigliabile seguire le istruzioni del medico responsabile del controllo della gravidanza.

Lettura consigliata

Una volta ottenuta la gravidanza attraverso l'ovodonazione, la gestazione si evolve allo stesso modo di una gravidanza con i propri ovuli. La donna può avere gli stessi sintomi e anche il follow-up della gestazione è lo stesso. Potete saperne di più qui: Gravidanza mediante ovodonazione.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Ovodonante.com, 2017, Medicación para la receptora de ovodonación: preparación del endometrio, Rebeca Reus, https://ovodonante.com/preparar-endometrio-la-transferencia-embriones/

Glujovsky D, Pesce R, Fiszbajn, G, Sueldo C, Hart RJ, Ciapponi A. Endometrial preparation for women undergoing embryo transfer with frozen embryos or embryos derived from donor oocytes. Cochrane Gynaecology and Fertility Group 2010.

Robert F, Casper MD, Elena H, Yanushpolsky MD. Optimal endometrial preparation for frozen embryo transfer cycles: window of implantation and progesterone support. Fertil Steril 2016;105:867–72.

Ley 14/2006, de 26 de mayo, sobre técnicas de reproducción humana asistida. Jefatura del Estado «BOE» núm. 126, de 27 de mayo de 2006 Referencia: BOE-A-2006-9292

Colomé C, Carrasco M, Agramunt S, Checa MA, Carreras Collado R. Fertilidad en mujeres mayores de 40 años. Ginecología y Obstetricia Clínica. 2008; 9 (4): 216-227

Domande più frequenti: 'Quali sono le misure da adottare per la donazione di ovuli?', 'Qual è il tasso di successo dell'ovodonazione nella realizzazione di un bambino sano a casa?', 'È possibile effettuare un'ovodonazione in un ciclo naturale?' e 'L'amniocentesi è necessaria in una gravidanza ovodonante?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
Dr. Agustín Ballesteros
Dr. Agustín Ballesteros
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università di Valencia nel 1989. Specialista in Ginecologia e Ostetricia. Master in Riproduzione Umana dell'Università di Valencia nel 1994. Dottorato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Valencia nel 2001. Fondatore e direttore dell'IVI Murcia e dell'IVI di Barcellona. Presidente del SEF dal 2014. Continua a leggere Dr. Agustín Ballesteros
Numero associato: 39193
Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia all'Università di Navarra. Dottorato in Medicina e Chirurgia presso l'Università dei Paesi Baschi/Euskal Herriko Unibertsitatea. Specialista in Ginecologia e Ostetricia (MIR). Ha più di 30 anni di esperienza ed è professore ordinario all'Università dei Paesi Baschi. È anche professore al Master in Fertilità Umana presso l'Università Complutense di Madrid. Vicepresidente del SEF. Continua a leggere Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Numero associato: 484806591
Dr. Sergio  Rogel Cayetano
Dr. Sergio Rogel Cayetano
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università Miguel Hernández di Alicante con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia presso l'Ospedale Generale di Alicante. Ha ampliato la sua esperienza nella riproduzione assistita mentre lavorava in diverse cliniche di Alicante e Murcia, fino a quando nel 2011 è entrato a far parte dell'equipe medica di FIV Spain.

Continua a leggere Dr. Sergio Rogel Cayetano
Numero associato: 03-0309100
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.