Quattro mesi di gravidanza: i sintomi della madre e lo sviluppo del bambino

Da (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 05/10/2020

Il quarto mese di gravidanza segna l'inizio del secondo trimestre e va dalla 13a alla 16a settimana di gestazione. Le probabilità di aborto spontaneo sono più basse e i sintomi della madre sono più gestibili, poiché la nausea si riduce.

Il feto seguirà il suo sviluppo e crescerà da circa 8 cm a circa 18 cm e aumenterà il suo peso fino a circa 100 g. In alcuni casi, sarà già possibile capire se si tratta di un maschio o di una femmina tramite un’ecografia.

Sintomi nella madre

In questo mese di gravidanza, la pancia continua ad aumentare di volume e prende forma. E' comune che il ventre si noti già perché l'utero cresce e sale verso la cavità addominale, arrivando approssimativamente sotto l'ombelico.

Questa crescita provoca dolore all'addome e la vescica si comprime, il che rende più frequente il bisogno di urinare. Anche i nervi delle gambe possono essere compressi e possono verificarsi crampi notturni.

Anche il seno subisce dei cambiamenti, poiché la dimensione dei capezzoli aumenta, l'areola si scurisce e si notano più vene a causa dei cambiamenti nel flusso sanguigno della madre. Queste alterazioni vascolari possono anche portare a sanguinamento delle gengive e del naso, noti come gengivorragia e epistassi, rispettivamente.

Se finora non si è ingrassato troppo, tutto questo sviluppo renderà il cambiamento più evidente durante il quarto mese, raggiungendo i 4-5 kg in più in questi quattro mesi.

Questo mese è caratterizzato da una stabilizzazione degli ormoni. Rispetto al mese precedente, i livelli di gonadotropina corionica umana (sottounità beta-hCG) sono diminuiti e i livelli di estrogeni e progesterone continuano ad aumentare. Questa stabilizzazione fa sì che la nausea e il vomito si riducano o addirittura scompaiano.

L'aumento di estrogeni e progesterone causerà, entro la fine di questo mese, un aumento della produzione di melanina. Questo sarà accompagnato dalla comparsa di nei e dalla linea alba, che è un lineare scurimento della pelle dal pube all'ombelico o talvolta anche più in alto.

Anche i cambiamenti ormonali sono responsabili del fatto che in questa fase della gravidanza gli aborti spontanei cominciano ad essere frequenti. Questo perché i cambiamenti strutturali avvengono nel cervello per prepararsi alla maternità.

Anche le emozioni si stabilizzano e di solito prevale un carattere più positivo e tranquillo. La paura di perdere il bambino diminuisce, poiché gli organi vitali del bambino sono già formati e la placenta ha completato il suo sviluppo.

Alcune mamme saranno già in grado di notare i movimenti del feto all'interno, soprattutto quelle che non ne fanno uso per la prima volta, poiché le loro pareti uterine hanno meno tono muscolare.

Il secondo trimestre di gravidanza è spesso il più piacevole, perché di solito c'è meno disagio e la pancia non è ancora molto grande.

Cambiamenti nel bambino

Durante questo mese si verificano importanti cambiamenti nell'embrione:

  • Cresce da circa 8 cm di lunghezza all'inizio del quarto mese di gravidanza a circa 18 cm alla fine.
  • Anche il peso aumenta e alla fine del quarto mese il feto pesa circa 100 g.

In questo mese, il futuro bambino è già in grado di gestualità e di fare più movimenti. Poi vedremo come il feto si sviluppa di settimana in settimana:

Settimana 13 di gravidanza

A partire da questa settimana, il tessuto cartilagineo comincerà ad ossificarsi, cioè le ossa cominceranno ad indurirsi. D'altra parte, i reni fetali sono già funzionali e cominciano a formare urina.

Inoltre, durante la tredicesima settimana, sul feto inizia a crescere un pelo che alla fine coprirà quasi tutto il corpo, noto come lanugo. Comincerà con le sopracciglia e i baffi, vi aiuterà a trattenere il calore del corpo, e di solito cade prima della nascita.

Settimana 14 di gravidanza

A quattordici settimane cresce una piccola quantità di peli sulla testa e si formano le sopracciglia.

L'orecchio esterno si muove verso l'alto, fino ad avvicinarsi alla sua posizione finale sulla testa. Gli occhi sono enormi, chiusi e separati l'uno dall'altro. Tuttavia, si sono avvicinati un po' di più al mese precedente, il collo si è allungato e la forma del suo viso è ora quasi perfetta. Inoltre, si iniziano a vedere alcuni piccoli gesti facciali.

Anche le sue braccia sono cresciute e sono ora più proporzionate al resto del corpo. A questo punto dello sviluppo ha già le unghie delle mani.

Il vostro fegato è molto grande rispetto al resto degli organi interni perché ha il compito di produrre le cellule del sangue. A partire da questa settimana, il midollo aiuterà in questa funzione, ma il fegato continuerà ad essere essenziale per svolgerla. Quando il bambino nascerà, sarà il midollo a farlo.

L'intestino comincia a riempirsi di una sostanza densa chiamata meconio, che è composta da bile, muco e altre secrezioni.

A questo punto dello sviluppo, il feto si sta già muovendo abbastanza e ha molto spazio nell'utero per muoversi liberamente.

Settimana 15 di gravidanza

A quindici settimane, i capelli sulla testa e le sopracciglia diventano più spessi. I suoi movimenti continuano ad aumentare e lo si può anche vedere aprire e chiudere i pugni.

Si identificano anche molti gesti, come sbadigliare o aprire e chiudere la bocca. I muscoli del viso esercitano già il movimento di suzione, così si può iniziare a succhiare il pollice. Questo prepara i muscoli a nutrirsi del latte materno al momento della nascita.

Se il futuro bambino ha i geni per i capelli scuri, le cellule del pigmento nei follicoli piliferi iniziano a produrre il pigmento nero.

I suoi occhi sono ancora chiusi, ma le strutture oculari che gli permetteranno di vedere quando nascerà si stanno già formando.

Il sistema circolatorio e l'apparato urinario del futuro bambino sono già funzionali e anche i suoi polmoni, pur non respirando aria, sono attivi.

Settimana 16 di gravidanza

Dalla sedicesima settimana in poi, il corpo del feto continua a svilupparsi e a crescere molto. La testa e il corpo diventano più proporzionati e il collo prende forma.

Si muove sempre di più e alcuni di questi movimenti sono già controllati dal cervello. Il sistema nervoso comincia a funzionare, e una prova di ciò è il riflesso della pressione, che consiste nel trattenere qualsiasi oggetto che tocca il palmo della mano.

Il senso del tatto comincia a svilupparsi. Il suo peso sarà di circa 150-170 g. Le pieghe epidermiche appaiono sui palmi delle mani e delle dita: il nuovo essere ha già un'impronta digitale.

I suoi occhi sono ancora chiusi, ma è in grado di muoverli.

Amniocentesi

L'amniocentesi è un test diagnostico che prevede l'aspirazione di un piccolo campione di liquido amniotico per l'analisi. Permette la diagnosi di malformazioni del tubo neurale, disturbi metabolici o anomalie genetiche del futuro bambino, come la sindrome di Down.

È indicato nei pazienti che hanno un rischio maggiore di difetti congeniti o cromosomici nella prole, come le donne anziane o che hanno avuto precedenti gravidanze con tali problemi.

Si consiglia di non eseguirlo fino alla 15a settimana di gravidanza, perché se viene eseguito prima, il volume del liquido amniotico è ancora molto piccolo e il rischio per il feto è maggiore.

Negli ultimi anni, tuttavia, è diventato sempre meno utilizzato grazie all'emergere di nuovi metodi diagnostici che richiedono solo un prelievo di sangue dalla madre. Non sono invasivi per il feto e quindi più sicuri.

Domande più frequenti

I feti che provengono dalla FIVET o dall'ICSI si sviluppano allo stesso ritmo di quelli che sono stati concepiti naturalmente?

Da Dra. Elena Izquierdo Trechera (ginecologa).

La velocità di sviluppo del feto è indipendente dal fatto che la gravidanza sia ottenuta in modo naturale o attraverso tecniche di riproduzione assistita. Un concetto diverso sarebbe la crescita fetale in relazione alle settimane di gestazione che può essere influenzata da molteplici fattori e una maggiore incidenza di ritardo di crescita intrauterino nelle gravidanze secondarie alle tecniche di fertilità è stata descritta in relazione alle gravidanze spontanee.

Se nel mio caso non è indicato che dovrei fare un'amniocentesi, posso averne una che mi faccia sentire più a mio agio?

Da Rebeca Reus (embriologa).

L'amniocentesi è un test invasivo che può rappresentare un rischio per il feto e comprometterne la vitalità. Dobbiamo valutare dal punto di vista medico se le informazioni che fornirà sono sufficientemente preziose per assumerne il rischio. Pertanto, se il vostro ostetrico non ritiene necessario eseguire il test, è meglio seguire le sue istruzioni.

Sono al quarto mese di gravidanza, posso fare esercizio fisico?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Sì, infatti, in generale, è raccomandato. In questo mese, molte donne incinte si sentono di nuovo fisicamente bene e piene di energia. Inoltre, il rischio di aborto spontaneo è diminuito. Questo è un buon momento per iniziare qualche attività delicata, come camminare, yoga o nuotare.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Alcolea Flores, S., Mohamed Mohamed D. Guía de cuidados en el embarazo. Consejos de su matrona. Hospital Universitario de Ceuta (Dirección Territorial de Ceuta e Instituto Nacional de Gestión Sanitaria (ed.). Colección Editorial de Publicaciones del INGESA. ISBN: 978-84-351-0408-1

Consejería de Salud de la Junta de Andalucía (2002). Proceso Asistencial Integrado: Embarazo, Parto y Puerperio. Consejería de Salud, Junta de Andalucía. Sevilla.

Cunningham F, MacDonald P, Gant N et al. (1996). Adaptación maternal al embarazo. Masson SA. Cunningham F, MacDonald P, Gant N, et al. 4ª ed, Barcelona; pp. 201-237

Duyff, R.L. (2002). American Dietetic Association Complete Food and Nutrition Guide (2nd Ed.). Hoboken, New Jersey: John Wiley & Sons, Inc.

Dickason E, Silverman B, Schult M. (1996). Enfermería maternoinfantil (1.a ed.). Barcelona: Mosby-Doyma Libros.

Eugene S, Bonapace MD, Robert S, Fisher MD. (1998). Constipation and diarrhea in pregnancy. Gastroenterol Clin North Am; 27: 197- 211.

Gary F, Mc Donald P. (1996). Adaptación materna al embarazo. En: Gary F, MacDonald P, Grant N Lereso K, Gilstrap L, editores. Williams. Obstetricia (4.a ed.). Barcelona: Masson.

González Merlo J. (1992). Modificaciones fisiológicas producidas en el organismo materno por el embarazo. En: Williams. Obstetricia (4.a ed.). Barcelona: Masón.

Grupos de trabajo de la Guía de Embarazo y Parto, Guía de Salud Oral, y Guía de Lactancia Materna. Consejería de Sanidad, Dirección General de Salud Pública y Servicio de Salud del Principado de Asturias. Octubre de 2015.

Health Service Excecutive (Feidhmeannacht na Seirbhíse Sláinte) (2010). A guide to your pregnancy month by month. Breastfeeding.ie - Your breastfeeding support network. Order Code: HPM00341

March of Dimes, Pregnancy & Newborn Health Education Center. Exercise during Pregnancy. Retrieved March 11, 2008

National Health Service (NHS) (UK) (2009). The Pregnancy Book. Your complete guide to: A healthy pregnancy, Labour and childbirth, The first weeks with your new baby. Crown copyright 2009. Produced by COI for the Department of Health.

Obstetricia 4ª edición. J. González Merlo. Ed. Masson. Barcelona, 2003

Ramírez García O, Martín Martínez A, García Hernández JA. (2003). Duración del embarazo. Modificaciones de los órganos genitales y de las mamas. Molestias comunes del embarazo normal. Panamericana Ed. Tratado de Ginecología, Obstetricia y Medicina de la Reproducción. Cabero Roura L, Madrid.

The American College of Obstetricians and Gynecologists. (2005). Your Pregnancy and Birth (4th ed.). Washington, DC: Meredith Books.

The American College of Obstetricians and Gynecologists (2011). Frequently Asked Questions (FAQ156). Pregnancy.

The American Dietetic Association. (2008) Position of the American Dietetic Association: Nutrition and Lifestyle for a Healthy Pregnancy Outcome. Journal of the American Dietetic Association. 108:553-561.

U.S. Food and Drug Administration (FDA). Food Safety for Moms-To-Be. Retrieved April 09, 2010

Domande più frequenti: 'I feti che provengono dalla FIVET o dall'ICSI si sviluppano allo stesso ritmo di quelli che sono stati concepiti naturalmente?', 'Se nel mio caso non è indicato che dovrei fare un'amniocentesi, posso averne una che mi faccia sentire più a mio agio?' e 'Sono al quarto mese di gravidanza, posso fare esercizio fisico?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dra. Elena Izquierdo Trechera
Dra. Elena Izquierdo Trechera
Ginecologa
Laurea in Medicina presso l'Università Complutense di Madrid, specializzata in Ostetricia e Ginecologia, e Master in Riproduzione Umana presso l'Università Re Juan Carlos e l'IVI. Attualmente è ginecologa specializzata in riproduzione assistita presso l'Ospedale Ruber Juan Bravo Quironsalud. Continua a leggere Dra. Elena Izquierdo Trechera
Numero associato: 282866949
 Rebeca Reus
Rebeca Reus
Embriologa
Laureato in Biologia Umana (Biomedicina) presso l'Universitat Pompeu Fabra (UPF), con un Master ufficiale in Laboratorio di Analisi Clinica dell'UPF e un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita dell'Universidad de Valencia (UV). Continua a leggere Rebeca Reus
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.