Processo di donazione di ovuli

Da (ginecologa), (infermiera per la riproduzione assistita), (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 23/09/2020

Le donne che vogliono diventare donatrici di ovuli dovranno recarsi in una clinica di riproduzione assistita per scoprirlo e, se sono interessate e soddisfano i requisiti di legge, superare una serie di test medici e psicologici.

Una volta che una donna è considerata idonea a donare ovuli, dovrà sottoporsi ad un trattamento di fertilità che consiste fondamentalmente in due fasi:

È così che si ottengono gli ovuli della donatrice, che possono essere fecondati freschi o vetrificati e conservati per una futura ricevente di ovuli.

Selezione della donatrice di ovuli

La procedura per diventare una donatrice di ovuli inizia con due colloqui personali presso il centro di riproduzione assistita scelto per effettuare la donazione. Queste interviste consistono in quanto segue:

Prima intervista
una coordinatrice della clinica spiega alla candidata donatrice qual è il trattamento, quali sono i vantaggi e i possibili rischi, purché abbia tutte le informazioni necessarie.
Secondo intervista
la storia medica della futura donatrice viene aperta e lei firma il consenso informato attraverso il quale indica il suo desiderio e l'impegno ad essere una donatrice di ovuli. In questo secondo colloquio, la donna incontra anche lo psicologo del centro per fare una valutazione psicologica per determinare se è mentalmente preparata ad assumere ciò che comporta l'essere una donatrice di ovuli.

Senza l'approvazione dello psicologo, anche se gli esami medici hanno risultati corretti, la donna non può essere accettata come donatrice di ovuli.

Poi il processo di selezione della donatrice di ovuli continua con un ginecologo per eseguire tutti gli esami fisici e gli esami medici che determineranno se il vostro stato di salute è giusto per la donazione di ovuli.

Come ci dice il coordinatore delle cure infermieristiche e dell'assistenza, Rocio Fuentes:

Le donatrici di ovuli sono sottoposte a test approfonditi. Un check-up ginecologico che consiste in uno striscio vaginale, esame del seno, colture vaginali, ecc.; una batteria per escludere anemia o malattie sessualmente trasmissibili e, successivamente, un'analisi genetica per verificare che non siano portatori di alcune malattie più comuni nel nostro Paese.

Una volta verificato che tutti gli esami medici e psicologici siano stati eseguiti correttamente e che la donna soddisfi tutti i requisiti della legge 14/2006, viene ammessa dal centro come donatrice di ovuli.

Potete ottenere tutte queste informazioni in modo più dettagliato nel seguente articolo: Quali sono i requisiti per la donazione di ovuli?

Procedura di donazione degli ovuli

Il trattamento della fertilità per la donazione di ovuli consiste fondamentalmente nella somministrazione di farmaci ormonali per causare lo sviluppo follicolare multiplo nelle ovaie e quindi nell'estrazione degli ovuli cresciuti attraverso una semplice procedura chirurgica.

Nelle sezioni seguenti descriveremo in dettaglio queste due procedure.

Stimolazione ovarica

Questa fase del trattamento può variare a seconda di ogni donatrice e del tipo di ovodonazione, cioè se deve essere effettuata una donazione di ovuli freschi o se gli ovuli devono essere vetrificati.

Nel primo caso, sarebbe necessario sincronizzare il ciclo mestruale del donatore con quello del ricevente, utilizzando prima le pillole anticoncezionali.

Indipendentemente dall'uso o meno di un contraccettivo, la stimolazione ovarica controllata viene avviata all'inizio del ciclo mestruale, quando arrivano le mestruazioni, e consiste nel somministrare alla donatrice iniezioni sottocutanee di farmaci ormonali per produrre la maturazione simultanea di più ovuli.

Questi farmaci contengono ormoni gonadotropinici come principi attivi, questi sono FSH e LH, e anche alcuni analoghi dello GnRH per prevenire l'ovulazione spontanea.

In sintesi, si tratta di due diversi tipi di iniezioni che il donatore dovrà somministrare secondo le indicazioni del ginecologo. Normalmente, i donatori ricevono un foglio illustrativo dei farmaci che specifica la quantità e il giorno in cui ogni farmaco deve essere iniettato.

Durante la stimolazione ovarica, a partire dal settimo giorno del ciclo mestruale circa, la donatrice dovrà recarsi in clinica per un controllo continuo e per l'osservazione dell'evoluzione dei follicoli ovarici. Questi controlli vengono effettuati mediante ultrasuoni vaginali e prelievi di sangue ogni due o tre giorni.

Una volta che i follicoli ovarici hanno raggiunto i 18-20 mm, la donatrice deve farsi un ultimo tipo di iniezione con l'ormone hCG che serve a indurre l'ovulazione.

È molto importante che quest'ultima iniezione sia fatta circa 32-34 ore prima della puntura follicolare, poiché se passa più tempo, potrebbe verificarsi un'ovulazione spontanea e tutte le uova potrebbero andare perse.

Puntura ovarica

La puntura ovarica o follicolare per l'estrazione degli ovociti dalle ovaie della donatrice consiste in un intervento chirurgico molto semplice che viene eseguito sotto sedazione.

La procedura consiste in una puntura transvaginale guidata da ultrasuoni che dura circa 15-20 minuti.

Il ginecologo utilizzerà un ago di aspirazione per aspirare ciascuno dei follicoli che sono cresciuti, all'interno dei quali si trovano le uova. Il fluido follicolare passerà attraverso un sistema di aspirazione sotto pressione negativa per raggiungere i tubi di raccolta, che saranno sistematicamente trasmessi al laboratorio.

Dopo questa procedura, la donatrice viene ricoverata in clinica per alcune ore fino a quando non si riprende dall'anestesia. Nei giorni successivi all'operazione è importante tenersi in contatto con il centro di riproduzione assistita per assicurarsi che non sorgano complicazioni.

Una volta che arriva il prossimo periodo del donatore, l'intero processo è finito e lei può continuare a vivere una vita normale. Se volete donare di nuovo gli ovuli, dovreste aspettare un periodo di tempo ragionevole di 4-5 mesi.

Domande più frequenti

Può una donna di età superiore ai 18 anni essere una donatrice di ovuli?

Da Dra. Estefanía Rodríguez Ferradas (ginecologa).

Qualsiasi donna di età superiore ai 18 anni che sia interessata a donare ovuli può contattare una clinica di riproduzione per iniziare il processo di selezione. Questo processo è molto impegnativo e alla fine solo le donne che lo completano in modo soddisfacente potranno donare.

Il processo di donazione di ovuli inizia con un colloquio ginecologico con uno studio della storia medica e del background familiare. Viene eseguito un esame ginecologico completo, compresa una valutazione della riserva ovarica. Il passo successivo è un colloquio psicologico e un esame del sangue con uno studio degli ormoni, delle malattie infettive e delle malattie genetiche.

Una volta superate tutte queste fasi e se si ottengono risultati soddisfacenti, il candidato all'ovodonazione può quindi effettuare la prima donazione di ovuli.

Questo processo di selezione è necessario per la sicurezza delle pazienti che si recano nei centri di fertilità per sottoporsi a trattamenti di ovodonazione o FIVET con ovuli da donatrice.

Quali passi deve compiere una donna per donare gli ovuli?

Da Dra. Rut Gómez de Segura (ginecologa).

Prima di donare ovuli, la prima cosa da fare è essere ben informati sul processo, il coinvolgimento e la legislazione in Spagna.

La legge spagnola stabilisce che la donazione deve essere altruista, anonima e che le donne devono avere tra i 18 e i 35 anni.

Ci sono quattro fasi principali da seguire per le potenziali candidate donatrici di ovuli:

  1. Test psicologici e medici.
  2. Stimolazione ovarica.
  3. Puntura ovarica.
  4. Controllare gli ultrasuoni.

Continua a leggere

Quanti ovuli vengono solitamente raccolti da una donatrice di ovuli?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Poiché le donatrici di ovuli sono giovani donne con buone riserve ovariche, il numero di ovuli recuperati dopo la stimolazione ovarica e la puntura follicolare è superiore a quello ottenuto nelle pazienti che soffrono di infertilità.

È difficile determinare esattamente quante uova possono essere raccolte, ma di solito si ottengono tra le 10 e le 20 uova mature.

Quanto dura il processo di donazione degli ovuli?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Il tempo totale che può richiedere l'accettazione di una donatrice di ovuli e l'intero processo dipende un po' dal tempo necessario per effettuare gli esami medici e i colloqui con gli specialisti, cioè la prima parte della procedura.

Una volta che la donatrice è stata accettata, la stimolazione ovarica dura circa 12-14 giorni fino alla puntura follicolare. Questo è il tempo che il donatore dovrà impiegare quotidianamente per la somministrazione di farmaci ormonali.

La donazione di ovuli fa male?

Da Zaira Salvador (embriologa).

La donazione di ovuli è indolore perché viene eseguita in anestesia in sala operatoria. Tuttavia, la donna può avere qualche disagio dovuto ai farmaci ormonali somministrati durante la stimolazione ovarica, come gonfiore addominale, ematomi nel punto di iniezione, affaticamento, ecc.

Potete saperne di più su questi sintomi o effetti collaterali nel seguente articolo: Rischi e conseguenze della donazione di ovuli.

Lettura consigliata

Il processo di stimolazione ovarica in una donazione di ovuli è praticamente uguale a quello seguito dalle pazienti sottoposte a trattamento di fecondazione in vitro (FIVET). Se volete saperne di più su tutti gli aspetti correlati, potete continuare a leggere qui: Cos'è la stimolazione ovarica?

Allo stesso modo, la puntura follicolare viene fatta nello stesso modo nei donatori come nei pazienti in FIVET. Ecco il processo nel dettaglio: cos'è la puntura follicolare?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Alper MM, Fauser BC. Ovarian stimulation protocols for IVF: is more better than less? Reprod Biomed Online. 2017 Apr;34(4):345-353.

Caligara C, Navarro J, Vargas G, Simón C, Pellicer A, Remohí J. The effect of repeated controlled ovarian stimulation in donors. Hum Reprod. 2001 Nov;16(11):2320-3.

Kalugina AS, Gabaraeva VV, Shlykova SA, Tatishcheva YA, Bystrova OV. Comparative efficiency study of fresh and vitrified oocytes in egg donation programs for different controlled ovarian stimulation protocols. Gynecol Endocrinol. 2014 Oct;30 Suppl 1:35-8.

Melnick AP, Rosenwaks Z. Oocyte donation: insights gleaned and future challenges. Fertil Steril. 2018 Nov;110(6):988-993.

Ovodonante.com, 2017, Donar óvulos paso a paso: ¿Cuál es el procedimiento para ser donante?, Rebeca Reus, https://ovodonante.com/donar-ovulos/

Material gráfico facilitado por Ginemed Madrid.

Domande più frequenti: 'Può una donna di età superiore ai 18 anni essere una donatrice di ovuli?', 'Quali passi deve compiere una donna per donare gli ovuli?', 'Quanti ovuli vengono solitamente raccolti da una donatrice di ovuli?', 'Quanto dura il processo di donazione degli ovuli?' e 'La donazione di ovuli fa male?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dra. Estefanía  Rodríguez Ferradas
Dra. Estefanía Rodríguez Ferradas
Ginecologa
La dottoressa Estefanía Rodríguez Ferradas è laureata in medicina presso l'Università di Navarra e ha un dottorato di ricerca presso l'Università dei Paesi Baschi. È anche esperta in Riproduzione e Genetica Medica. Continua a leggere Dra. Estefanía Rodríguez Ferradas
Numero associato: 202007777
 Rocío Fuentes Dorado
Rocío Fuentes Dorado
Infermiera per la riproduzione assistita
Diploma di infermiere presso la Scuola Universitaria di Scienze della Salute di Siviglia. Esperto universitario in Riproduzione Assistita per Infermieri dell'Università Rey Juan Carlos (URJC) di Madrid. Più di 8 anni di esperienza come coordinatore infermieristico e infermiere specializzato nella riproduzione assistita. Continua a leggere Rocío Fuentes Dorado
Dra. Rut Gómez de Segura
Dra. Rut Gómez de Segura
Ginecologa
Il Dr. Rut Gómez de Segura è laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Alcalá de Henares. Ha sviluppato la specializzazione in Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Costa del Sol di Marbella. Attualmente è il direttore medico della clinica di IVF Spain Madrid per la riproduzione assistita. Continua a leggere Dra. Rut Gómez de Segura
Numero associato: 28/2908776
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.