La preservazione della fertilità: congelare gli ovuli e lo sperma

Da (embriologo senior), (ginecologa), (embriologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 05/10/2020

Oggi, i progressi della medicina permettono di affrontare le soluzioni in modo che uomini e donne possano soddisfare il loro desiderio riproduttivo al momento giusto.

La preservazione della fertilità consiste nell'ottenere e congelare uova e sperma in cannucce o altri metodi di congelamento, e mantenerli immersi nell'azoto liquido per un tempo illimitato. Così, queste cellule possono essere conservate intatte fino al momento in cui si desidera avere figli e possono essere utilizzate in un trattamento di riproduzione assistita con un alto tasso di successo.

Il congelamento del tessuto ovarico e testicolare è un'alternativa alla crioconservazione di ovuli e sperma. Tuttavia, la sicurezza e l'efficacia di questi metodi non sono ancora state dimostrate.

Quando è necessario preservare la fertilità?

Principalmente, ci sono due casi specifici in cui si raccomanda di preservare la fertilità:

  • Pazienti oncologici: I trattamenti chemioterapici e radioterapici sono molto aggressivi e possono attaccare le cellule precursore di ovuli e sperma. In questi casi, i gameti possono essere congelati per evitare di dover ricorrere a donatori di ovuli e/o sperma in futuro.
  • Desiderio di ritardare la maternità: una donna nasce con un numero finito di ovuli, che diminuisce nel tempo. Inoltre, non solo la quantità di uova è ridotta, ma anche la loro qualità.

In una intervista, la dottoressa Irene Romero, specialista in Ginecologia e Ostetricia, ce lo dice:

Oggi ci piace parlare della conservazione della fertilità come opportunità. Un'opportunità per i pazienti di essere i loro stessi donatori nel caso in cui abbiano bisogno di ricevere un'ovodonazione.

Preservare la fertilità nelle donne

Oggi, il numero di donne che scelgono di preservare la loro fertilità è cresciuto notevolmente. La causa principale di questo aumento è stata la tendenza sempre più marcata a ritardare la maternità, sia per il ritmo di vita che per la situazione socio-economica in cui viviamo.

Altre ragioni per cui molte donne decidono di preservare la loro fertilità sono dovute al fatto che stanno per sottoporsi a un trattamento oncologico o che soffrono di malattie che colpiscono la riserva ovarica, come l'endometriosi.

Di seguito sono riportate le diverse alternative che le donne hanno a disposizione per preservare la loro funzione riproduttiva.

Vitrificazione degli ovuli

La vitrificazione degli ovuli è una tecnica di riproduzione assistita che consiste nella crioconservazione ultraveloce delle uova a basse temperature. Le uova sono conservate congelate in serbatoi di azoto liquido chiamati banchi di uova per un tempo illimitato senza perdere le sue caratteristiche fisiche e funzionali.

Pertanto, il vantaggio principale della vetrificazione degli ovociti è che mantiene sempre la qualità degli ovociti fino a quando la donna decide di utilizzarli.

Per poter vitrificare gli ovuli è necessario che la donna somministri il farmaco ormonale che farà maturare più ovuli in una volta sola, e quindi sia in grado di aspirarli direttamente dall'ovaio mediante puntura follicolare.

Le uova ottenute vengono poi congelate con il metodo della vetrificazione e conservate nella banca delle uova a tempo indeterminato. Quando una donna vuole diventare madre, dovrà ricorrere alla fecondazione in vitro (FIVET) con i suoi ovuli congelati.

Se desiderate maggiori informazioni su questa tecnica per preservare la fertilità femminile, potete leggere nel seguente articolo: Cos'è la vitrificazione degli ovuli e quali sono i suoi vantaggi?

Criopreservazione degli embrioni

Un'alternativa alla vetrificazione degli ovociti offerta alle coppie eterosessuali è il congelamento degli ovociti fecondati, quando hanno già iniziato a dividersi, cioè il congelamento degli embrioni.

Il processo di congelamento degli embrioni è simile a quello della vitrificazione delle uova. Gli embrioni vengono inseriti in un mezzo crioprotettivo e messi in cannucce di vitrificazione. Le cannucce vengono poi conservate in un banco di embrioni, dove rimangono congelate in azoto liquido fino al loro utilizzo.

Trasposizione ovarica

La trasposizione ovarica, nota anche come ovariopessia, è un metodo per preservare la fertilità femminile che previene possibili lesioni alle gonadi in caso di cancro.

Questa tecnica consiste nello spostare le ovaie in un'altra parte del corpo, con lo scopo di allontanarle dal luogo in cui deve essere eseguita la radioterapia. Una volta completato il trattamento del cancro, le ovaie vengono riportate nella loro posizione originale.

Congelamento del tessuto ovarico

Il congelamento del tessuto ovarico è una tecnica sperimentale, quindi non è ancora stata effettuata. Questo metodo di conservazione sarebbe raccomandato per le ragazze in età prepuberale con diagnosi di cancro.

La procedura di congelamento del tessuto ovarico prevede una biopsia per rimuovere piccoli pezzi della crosta delle ovaie della donna, dove gli ovuli si sviluppano da adulti. Va notato che la corteccia delle ovaie delle ragazze in età prepuberale contiene le cellule precursori degli ovuli.

Il tessuto immaturo estratto viene sezionato in fogli sottili e congelato in azoto liquido. Più tardi, una volta confermata la scomparsa del cancro e raggiunta l'età adulta, queste placche si autotrapiantano nell'ovaio o in un'altra parte del corpo, come il braccio.

Preservare la fertilità negli uomini

La conservazione della fertilità maschile si realizza attraverso il congelamento degli spermatozoi. Tuttavia, esiste un'altra tecnica sperimentale, il congelamento del tessuto testicolare, anche se non è ancora in pratica.

In ogni caso, la qualità seminale degli uomini che si sottoporranno al trattamento del cancro può essere alterata. Per questo motivo, è importante avere conoscenze sulla conservazione della loro fertilità. In questo modo, gli uomini avranno la possibilità di diventare genitori una volta che il cancro sarà passato.

Ciascuna delle opzioni per preservare la fertilità maschile è descritta in dettaglio qui di seguito.

Congelamento dello sperma

Quando un uomo è sottoposto a un trattamento anti-tumorale (radioterapia o chemioterapia), il congelamento dello sperma è l'opzione più semplice per preservare la fertilità maschile. Inoltre, è attualmente l'unica alternativa disponibile per preservare la funzione riproduttiva degli uomini.

Altri casi in cui è indicato il congelamento dello sperma sono i seguenti:

  • Pazienti che si stanno sottoponendo a vasectomia.
  • Pazienti con scarsa qualità dello sperma.
  • Pazienti con difficoltà ad ottenere il campione.
  • Donatori di sperma.
  • Transessuali.

Non sono necessari farmaci per congelare e conservare lo sperma. Semplicemente, l'uomo deve raccogliere un campione di sperma con una precedente astinenza sessuale di 3-5 giorni. Una volta ottenuto il campione, la sua qualità sarà analizzata in laboratorio mediante un seminogramma.

Infine, lo sperma viene elaborato per ottenere gli spermatozoi della migliore qualità e collocato in cannucce, che vengono sigillate e conservate in una banca del seme. I campioni di sperma congelati rimarranno in magazzino fino a quando l'uomo non deciderà di avere figli.

L'embriologo Antonio Alcaide ci dice che:

Il fattore limitante per il congelamento di un campione è la qualità del campione, la quantità di spermatozoi e il numero di spermatozoi che si muovono.

Congelamento dello tessuto testicolare

Il congelamento dei tessuti testicolari è una tecnica sperimentale che è raccomandata nei casi di giovani maschi che non hanno raggiunto la pubertà, e quindi non possono congelare il loro sperma.

Il processo è simile al congelamento del tessuto ovarico. Si tratta di rimuovere piccoli frammenti della corteccia dei tubuli seminiferi dei testicoli, dove si trovano le cellule germinali degli spermatozoi. Questo tessuto viene poi congelato fino a quando non può essere utilizzato.

Prezzi

I prezzi variano a seconda del trattamento e della complessità del processo. La tecnica più semplice ed economica è il congelamento dello sperma, che costa tra i 200 e i 700 euro.

Il congelamento delle uova e degli embrioni sono tecniche più complesse e laboriose, quindi il loro costo è più alto. Il congelamento degli embrioni può costare 3.500-6.000 euro, mentre il congelamento delle uova costa 2.500-4.000 euro. In entrambi i casi, è necessario un processo di stimolazione ormonale, quindi dovranno essere aggiunti da 1.000 a 1.200 euro in più per il farmaco, che di solito non è incluso nel prezzo.

Se state pensando di preservare la vostra fertilità per avere un bambino in futuro, vi consigliamo di utilizzare questo strumento. In 3 semplici passi vi permetterà di scoprire quali cliniche della vostra zona soddisfano i nostri rigorosi criteri di qualità. Inoltre, riceverete un rapporto con consigli utili quando visiterete le cliniche.

Domande più frequenti

Fino a che età le uova possono essere congelate? Possono essere congelate a 41 anni?

Da Sara Salgado (embriologa).

Non c'è un limite di età per congelarli, si può fare quando si vuole. Tuttavia, l'ideale è farlo quando la donna è giovane e i suoi ovuli sono di buona qualità. In questo modo, ci sarà una maggiore possibilità di successo quando il trattamento di fecondazione in vitro viene fatto per avere figli.

Come si può congelare lo sperma e gli ovuli a casa?

Da Sara Salgado (embriologa).

Queste cellule non possono essere congelate a casa, ma devono essere fatte in un centro medico specializzato. Affinché gli ovuli e lo sperma possano essere utilizzati in seguito, devono essere congelati in condizioni specifiche che non sono disponibili a casa. Inoltre, per congelare le uova, esse dovrebbero prima essere rimosse chirurgicamente.

Come si può mantenere vivo lo sperma?

Da Sara Salgado (embriologa).

Gli attuali metodi di congelamento dello sperma permettono di mantenere praticamente intatto lo sperma. Grazie ai crioprotettori che vengono utilizzati e al rapido congelamento che viene impiegato, si conservano senza subire danni e i tassi di sopravvivenza sono elevati.

Qual è la durata dello sperma congelato?

Da Sara Salgado (embriologa).

Possono essere mantenuti congelati a tempo indeterminato. Il metodo utilizzato per il congelamento permette di conservare i campioni senza danneggiarli e mantenendo praticamente intatte le loro caratteristiche fisiche e funzionali.

Lettura consigliata

In tutto l'articolo abbiamo parlato di congelamento e vitrificazione. Se volete conoscere la differenza tra questi due termini, vi consiglio di visitare il seguente articolo: Che cos'è il congelamento e vitrificazione dei gameti e degli embrioni?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Callejo J. Preservación de la fertilidad en la paciente oncológica. ED. Glosa 2009. The Practice Committes of the ASRM and teh SART. Madure oocyte criopreservation: a guideline. Fertil. Steril. 2012.

Domingo J. García Velasco JA Preservación de la fertilidad en pacientes con cáncer. Cuadernos de Medicina Reproductiva. Vol. 15 nº 1. 2009.

Fertility Assessment and treatment for people with fertility problems. NHS. NICE clinical guideline 156. February 2013.

Garcia Velasco JA et al. Five years' experience using oocyte vitrification to preserve fertility for medical and non-medical indications. Fertil.Steril. 2013

GrisJM y Callejo J. Preservación dela fertilidad: estrategias en pacientes sometidas a tratamientos citotóxicos antes de recurrir a la donación de ovocitos. En: Donación de Ovocitos. Nadal J. Ed: Momento Médico Iberoamericana 2010.

Callejo J y cols. Congelación de embriones por indicación oncológica y/o enfermedad grave. En: Donación de embriones. Nadal J. Ed. Momento Médico 2013.

Matorras R. y Hernández J. Estudio y tratamiento de la pareja estéril. Recomendaciones SEF 2007.

Nichole Wyndham, B.A. A persistent misperception: assisted reproductive technology can reverse the ‘‘aged biological clock’’. Fertil Steril 2012

Domande più frequenti: 'Fino a che età le uova possono essere congelate? Possono essere congelate a 41 anni?', 'Come si può congelare lo sperma e gli ovuli a casa?', 'Come si può mantenere vivo lo sperma?' e 'Qual è la durata dello sperma congelato?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dr. Antonio Alcaide Raya
Dr. Antonio Alcaide Raya
Embriologo senior
Laurea in Biologia ed esperto in Genetica Medica. Master in Biologia dello Sviluppo e Embriologia dell'Università di Valencia (UV). Membro del consiglio di amministrazione di ASEBIR e direttore del laboratorio di ReproFiv. Continua a leggere Dr. Antonio Alcaide Raya
Dra. Irene Romero Romeo
Dra. Irene Romero Romeo
Ginecologa
La dottoressa Irene Romero si è laureata in Medicina e Chirurgia all'Università della Cantabria nel 2014, con una specializzazione in Ginecologia e Ostetricia all'Ospedale Universitario di Cruces nel 2019. Attualmente lavora come ginecologo presso l'Ospedale Universitario di Basurto e la Clinica di Riproduzione di Bilbao. Continua a leggere Dra. Irene Romero Romeo
Numero associato: 484811822
 Marta Barranquero Gómez
Marta Barranquero Gómez
Embriologa
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV) e specializzato in Riproduzione Assistita presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH) in collaborazione con Ginefiv e in Genetica Clinica presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH). Continua a leggere Marta Barranquero Gómez
Numero associato: 3316-CV
 Sara Salgado
Sara Salgado
Embriologa
Laureato in Biochimica e Biologia Molecolare presso l'Università dei Paesi Baschi (UPV/EHU), con un Master in Riproduzione Umana Assistita dell'Università Complutense di Madrid (UCM). Esperto universitario in Tecniche diagnostiche genetiche dell'Università di Valencia (UV). Continua a leggere Sara Salgado
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.