Cos’è un polipo endometriale o uterino? – Sintomi e trattamento

Da (embriologa) e (ginecologo).
Aggiornato il 23/09/2020

Polipi uterini, chiamati anche polipi endometriali La causa più comune della protrusione del tessuto endometriale è la cavità uterina. Il sintomo più comune è il sanguinamento. Possono anche rendere difficile ottenere una gravidanza. La maggior parte sono benigni, ma alcuni di questi polipi possono causare il cancro. Il trattamento di scelta consiste nella sua rimozione mediante isteroscopia chirurgica, un'operazione molto semplice che di solito non presenta complicazioni.

Definizione e cause

I polipi endometriali compaiono quando prolifera un'area dello strato basale dell'endometrio, che non viene modificata dagli ormoni del ciclo mestruale e non viene eliminata ad ogni ciclo mestruale.

Con le mestruazioni, lo strato endometriale esterno (l'endometrio funzionale) viene eliminato. Questo lascia lo strato basale endometriale con il polipo nell'utero, che continua a crescere e ad individualizzarsi.

Sebbene siano stati proposti diversi meccanismi, le cause che portano alla formazione di queste strutture non sono note con esattezza. Tuttavia, è noto che essi tendono a crescere quando i livelli di estrogeni sono alti.

Fattori di rischio e di protezione

Ci sono una serie di fattori che possono aumentare il rischio di un polipo uterino. Sono i prossimi:

  • Alta concentrazione di estrogeni.
  • L'anovulazione cronica, cioè avere cicli mestruali senza ovulazione.
  • Insufficienza luteale: insufficiente produzione di progesterone da parte del corpo luteo.
  • Età: il rischio aumenta con l'età e appare per lo più tra i 40 e i 65 anni.
  • Uso di tamoxifene, un farmaco utilizzato nel trattamento del cancro al seno.
  • Infiammazione uterina cronica.
  • Trattamenti ormonali nelle donne in post-menopausa.
  • Obesità e pressione alta.
  • Alcune rare malattie genetiche, come la sindrome di Lynch o la sindrome di Cowden.

Va notato che avere alcune delle caratteristiche di cui sopra non significa che si debbano avere polipi endometriali: significa solo che le probabilità di svilupparne uno sono più alte.

D'altra parte, sembrano esserci anche una serie di fattori protettivi che possono diminuire la probabilità che si sviluppino polipi a causa del loro effetto antiestrogenico sull'endometrio, come i contraccettivi ormonali e i progestinici puri.

Tipi di polipi

Possiamo classificare i polipi uterini in diversi tipi a seconda del loro aspetto e della loro composizione:

Funzionale, funzionale o tipico
sembrano simili all'endometrio normale. Possono avere cambiamenti proliferativi o secretori. A seconda di ciò che predomina nella loro composizione (componente ghiandolare o stromale), li suddividiamo in ghiandolari, fibroglandolari e fibrosi.
Cistica
nascono dalla cistificazione dei polipi ghiandolari.
Iperplastica
hanno cambiamenti simili all'iperplasia endometriale. I polipi endometriali iperplastici senza atipia sono benigni. Se hanno l'atipia, sono considerate precancerose.
Atrofico
sono quelle che troviamo spesso nei pazienti in menopausa.
Maligno
le cellule del polipo subiscono un processo maligno e sono cancerogene.

Distinguiamo anche due tipi di polipi a seconda della loro forma:

Pedicula
hanno uno stelo di impianto più stretto.
Sessile
la loro base di impianto è ampia, cioè sono più lusinghieri.

Sintomi

Normalmente i piccoli polipi sono asintomatici e la donna non si rende conto di averli. Gravidanza multipla (nel 50% dei casi).

Tuttavia, quando il polipo cresce e sanguina, si verifica il suo sintomo più caratteristico: un forte sanguinamento durante le mestruazioni (ipermenorrea).

Anche il sanguinamento tra un ciclo mestruale e l'altro (metrorragia) e anche il sanguinamento dopo il sesso è un sintomo comune. Si ritiene che il 10-30% del sanguinamento irregolare sia legato alla presenza di polipi endometriali. In realtà, sono la causa principale nella fase vicina alla menopausa.

Un altro sintomo che una donna può avere è l'anemia dovuta a frequenti e pesanti emorragie causate da polipi. Possono anche avere dolori dovuti alla dilatazione cervicale.

Inoltre, possono influire sulla fertilità, in quanto sono legati a problemi di raggiungimento e mantenimento della gravidanza.

Infertilità e gravidanza

I polipi possono essere una causa di sterilità e infertilità, poiché possono impedire l'impianto dell'embrione o causare aborti spontanei.

L'esatto meccanismo con cui causano questi problemi non è noto, ma si sospetta che possa essere dovuto al fatto che essi influenzano lo sviluppo dell'endometrio causando emorragie e creando un ambiente non adatto all'impianto, influenzando anche la ricettività endometriale.

Si è anche visto che i pazienti con polipi hanno una proteina aumentata che inibisce l'unione tra l'ovulo e lo sperma: la glicodelina. Pertanto, un altro passo che può essere alterato è la fecondazione.

Tra il 15% e il 32% delle donne con problemi di sterilità hanno polipi nell'utero. I piccoli polipi, inferiori a 2 cm, non fanno diminuire i tassi di gravidanza nei pazienti sottoposti a trattamenti di fecondazione in vitro (FIVET), ma triplicano i tassi di aborto. Pertanto, il ripristino di una normale cavità uterina può essere un fattore importante per aumentare le possibilità di successo di queste terapie.

Polipi uterina e cancro

I polipi endometriali, poiché comportano una crescita anomala delle cellule tissutali uterine, sono considerati tumori. Tuttavia, la maggior parte sono benigni e non causano gravi problemi. Solo il 5% circa diventa cancerogeno o precanceroso.

La probabilità che un polipo diventi un tumore maligno è maggiore se si è in fase post-menopausa, se si prende il tamoxifene, o se si hanno periodi pesanti o irregolari.

Farmaci e trattamenti

I polipi si trovano di solito dal ginecologo negli esami transvaginali ad ultrasuoni di routine. Tuttavia, per confermare la diagnosi, possono essere eseguite le seguenti tecniche:

Sonoisterografia (o idrosonografia)
consiste nell'eseguire un'ecografia transvaginale aggiungendo una soluzione salina sterile o siero attraverso la vagina per staccare le pareti interne dell'utero e avere una migliore visione del polipo.
Isteroscopia
un piccolo intervento ambulatoriale che consiste nell'introduzione di un endoscopio, che ha un piccolo materiale da operare, insieme a una luce e a una piccola telecamera all'interno della cavità uterina. In questo modo si ottiene un'immagine digitale dell'interno della cavità. Può essere fatto con o senza anestesia locale.

Il metodo di scelta per confermare la diagnosi è l'isteroscopia, che a sua volta permette una biopsia del polipo, o la rimozione o la resezione del polipo (polipectomia mediante isteroscopia chirurgica).

Un altro modo per rimuovere i piccoli polipi è la raschiatura della cavità uterina, che si chiama curettage o curettage. Tuttavia, questo metodo è meno efficace e, se la base non è completamente resecata, possono verificarsi ricadute, cioè recidive.

Indipendentemente dal trattamento utilizzato, una volta rimosso il polipo, una piccola parte di esso viene inviata al laboratorio di patologia per le analisi per confermare che si tratta di un tipo di polipo benigno.

La polipectomia viene utilizzata per qualsiasi polipo endometriale che presenta sintomi. Si raccomanda di rimuovere il polipo quando è più grande di 1 cm, anche se non presenta sintomi, poiché può diventare canceroso.

Trattamenti di riproduzione assistita

In tutte le donne che si sottoporranno al trattamento di riproduzione assistita, è consigliabile rimuovere il polipo prima di iniziare il trattamento.

Fortunatamente, in questi pazienti, la diagnosi di polipi è di solito rapida, poiché uno dei primi test effettuati prima di iniziare questi trattamenti è un'ecografia transvaginale, in cui si può sospettare la presenza di polipi e, in tal caso, il paziente può essere indirizzato per l'isteroscopia.

Nel caso in cui la diagnosi venga fatta una volta iniziato il trattamento, si deciderà cosa fare in ogni caso su base individuale: eseguire il trasferimento o congelare gli embrioni e cancellarli per trattare il polipo.

Domande più frequenti

Il tipo di polipo endometriale influenza la gravidanza?

Da Dr. Ricardo Navarro Martín (ginecologo).

Un polipo endometriale è una crescita benigna all'interno della cavità uterina e, a seconda delle sue dimensioni, può influenzare l'impianto embrionale.

I polipi endometriali possono andare via da soli?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Alcuni polipi uterini sono in grado di scomparire da soli, soprattutto se sono piccoli. Degenerano, si staccano e vengono rimossi durante le mestruazioni, il che può essere un po' più doloroso del solito. Tuttavia, quando producono sintomi o si sospetta che siano oncologici, si raccomanda di rimuoverli.

Si parla di pseudopolipi quando si tratta di zone endometriali ispessite con un aspetto simile a quello dei polipi e di dimensioni inferiori a 1 cm e che scompaiono dopo le mestruazioni.

Una delle differenze con i miomi, che sono tumori del ventre uterino formati da tessuto muscolare, è che questi ultimi non scompaiono da soli, possono solo diminuire di dimensioni.

Anche le giovani donne possono avere polipi endometriali?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Sì, anche se è meno frequente che questo tipo di paziente sviluppi polipi, questa alterazione può verificarsi. Come in altri casi, la decisione di rimuoverli sarà presa in base all'anamnesi del paziente, alla dimensione del polipo e alla probabilità che sia cancerogeno.

Un polipo endometriale è lo stesso di un fibroma uterino sottomucoso?

Da Rebeca Reus (embriologa).

No, anche se entrambe sono crescite anomale nell'utero e possono a volte apparire molto simili all'isteroscopia.

Un mioma sottomucoso è un tumore formato da tessuto muscolare che cresce dal miometrio nella cavità uterina. A differenza della maggior parte dei polipi, la sua vascolarizzazione superficiale è impressionante.

Tuttavia, i polipi fibroglandolari sono altamente vascolarizzati e più consistenti, il che significa che possono essere confusi con i miomi.

Esiste un trattamento naturale per rimuovere o prevenire i polipi endometriali?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Si dice che mangiare alcuni alimenti, come lo zenzero, la cannella o i semi di senape, può aiutare ad eliminare naturalmente questi polipi. Tuttavia, non vi sono prove scientifiche che siano disponibili rimedi casalinghi efficaci.

Per quanto riguarda la prevenzione, anche questo è difficile da fare, poiché non si conoscono le cause esatte della loro formazione. Mantenere una dieta sana, ricca di antiossidanti, può essere benefico, ma non vi è alcuna prova scientifica di questo.

Evitare i fattori di rischio noti può essere un modo per evitare. Tuttavia, poiché a volte si tratta di trattamenti (ad es. Tamoxifene o terapia ormonale sostitutiva), è difficile farlo, in quanto forniscono un beneficio maggiore del rischio che comportano. Soprattutto in questi casi, sarà molto importante effettuare regolari controlli ginecologici per ottenere una diagnosi precoce.

Il modo più sicuro per trattare questi polipi sono i metodi descritti nell'articolo. Tenendo presente che possono essere causa di cancro, non è consigliabile correre rischi inutili.

I polipi uterini sono contagiosi?

Da Rebeca Reus (embriologa).

No. Ci sono alcuni fattori di rischio che possono aumentare le possibilità di sviluppare polipi, ma non c'è contagio tra le persone.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

 Rebeca Reus
Rebeca Reus
Embriologa
Laureato in Biologia Umana (Biomedicina) presso l'Universitat Pompeu Fabra (UPF), con un Master ufficiale in Laboratorio di Analisi Clinica dell'UPF e un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita dell'Universidad de Valencia (UV). Continua a leggere Rebeca Reus
Dr. Ricardo  Navarro Martín
Dr. Ricardo Navarro Martín
Ginecologo
Il Dr. Ricardo Navarro Martin è un ginecologo con una vasta esperienza, specializzato in riproduzione assistita. È anche Professore Associato nel Dipartimento di Chirurgia, Ginecologia e Ostetricia dell'Università di Saragozza. Continua a leggere Dr. Ricardo Navarro Martín
Numero associato: 505010075

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.