Quanti ovuli devono essere ottenuti per la FIVET?

Da (embriologa), (ginecologo), Numero associato: 3435-CV (embriologa), () e BSc, MSc (psicologa).
Aggiornato il 09/12/2021

Praticamente tutti i processi di fecondazione in vitro (FIVET) includono il trattamento di stimolazione ovarica. Lo scopo è quello di favorire la maturazione di più di un uovo, che è ciò che avviene naturalmente, per ottenere un numero maggiore di uova e aumentare le probabilità di gravidanza.

Di fronte a questo trattamento, molte donne si pongono la seguente domanda: quanti ovuli devono essere ottenuti per ottenere una gravidanza in un processo di FIVET? Anche se non c'è un'unica risposta, in questo articolo chiariamo questa domanda.

Risposta alla stimolazione ovarica

Il processo di stimolazione ovarica applicato nei trattamenti di FIV-ICSI si basa sulla somministrazione di ormoni per controllare esternamente il ciclo ovarico. Dura circa 8 giorni e può essere prolungata se il medico indica l'uso di contraccettivi nel ciclo precedente.

Questa risposta varia da una donna all'altra a seconda delle qualità di ogni donna, del programma di cura indicato, dello stato di fertilità della donna, ecc. Così, possiamo distinguere tre tipi di donne in base alla loro risposta alla stimolazione ovarica:

  • Low responders: secondo la SEF (Società Spagnola di Fertilità), si tratta di donne da cui è stato possibile ottenere solo un massimo di 3 ovuli è la puntura follicolare dopo la stimolazione. Ci sono altre entità che considerano il limite di 5 uova. In questo gruppo troviamo donne con una bassa riserva ovarica, generalmente dovuta all'età, e anche quelle con alcune patologie che impediscono di ottenere un numero maggiore di ovuli.
  • Normoresponders: La maggior parte delle donne sono incluse in questo gruppo. Dopo la stimolazione ovarica, è possibile ottenere un buon numero di uova. Generalmente, questo valore è compreso tra 6-7 e 9-10 uova per ciclo.
  • Hyperresponders: questo gruppo corrisponde a donne da cui si possono ottenere in media 20 ovociti per ciclo. Di solito sono giovani donne senza problemi di fertilità. Un esempio di donne hiperresponders si trova nei donatori. Anche se eccezionali, ci sono casi in cui sono state ottenute fino a 50 uova in un unico ciclo.

È molto importante che, durante il periodo di stimolazione ovarica, la donna veda uno specialista per ecografie e controlli analitici. In questo modo, il ginecologo potrà valutare la risposta dell'ovaio al farmaco ormonale somministrato e aggiustare la dose se necessario.

Significato clinico

Il fatto che una donna sia in un gruppo di risposta ovarica o in un altro non è indicativo della patologia. Per esempio, una donna di 45 anni è normalmente un basso responder. In effetti, si ottengono pochi ovuli nella puntura perché la sua riserva ovarica è bassa, essendo vicina alla menopausa.

D'altra parte, ci si aspetta che una donna sana di 20 anni risponda eccessivamente alla stimolazione, quindi sarà essenziale controllare la dose di farmaci in modo appropriato. Meno comunemente, questa giovane donna mostrava una risposta bassa.

Il prezzo del trattamento può variare notevolmente a seconda dei test o delle tecniche incluse o meno, come il seminogramma, i farmaci, lo studio della fertilità, le visite mediche, la lunga coltura, la vetrificazione degli embrioni rimanenti, ecc.

In questo strumento è possibile ottenere prezzi dettagliati (cosa è e cosa non è incluso) da molte cliniche e una serie di consigli, in modo da poter fare le domande giuste quando si va per la prima visita.

Stima del numero di ovociti

La puntura ovarica (o follicolare) è la procedura chirurgica in cui si ottengono gli ovuli dopo la stimolazione ovarica. Lo scopo di questa operazione è quello di estrarre le uova quando si trovano in una fase di maturazione ovarica nota come metafase II. Questo è lo stadio ottimale per ottenere un embrione vitale dopo la fecondazione da parte dello spermatozoo.

Per poter programmare la puntura follicolare al momento giusto, prima che avvenga l'ovulazione spontanea, e per poter prevedere approssimativamente il numero di ovuli che otterremo, si analizzano questi due aspetti: la dimensione follicolare e la concentrazione di estradiolo.

Ogni follicolo sviluppa un ovocita al suo interno, ma è possibile che, al momento della puntura, alcuni follicoli non abbiano un ovocita all'interno o che alcuni ovociti ottenuti siano immaturi e quindi non adatti alla fecondazione.

Pertanto, il numero di ovociti recuperati dopo la puntura ovarica può essere inferiore al numero di follicoli visti nei giorni precedenti nelle ecografie o stimato secondo l'estradiolo.

La dimensione dei follicoli

Utilizzando l'ecografia transvaginale, il medico misura la dimensione dei follicoli. Con la maturazione dell'uovo, il follicolo aumenta di dimensione. Quando un follicolo è lungo circa 16-18 mm, si stabilisce che si è sviluppato a sufficienza perché un ovocita maturo possa esistere al suo interno. La puntura sarà programmata circa 24-48 ore dopo aver trovato follicoli di queste dimensioni.

Questo è quindi un modo per calcolare il numero approssimativo di uova mature che verranno estratte durante la puntura.

La concentrazione di estradiolo nel sangue

È stato stabilito che ogni follicolo maturo corrisponde a circa 200-300 pg/ml di estradiolo. Tenendo conto di questi dati, possiamo determinare il numero di follicoli maturi in base alla concentrazione di estradiolo.

Una concentrazione di estradiolo di 3000 pg/ml ci farebbe pensare che il ginecologo potrebbe perforare circa 15 follicoli, cioè estrarre circa 15 uova.

Quantità o qualità degli ovuli?

Lo scopo di un processo di fecondazione in vitro è quello di ottenere un bambino sano. Per ottenere ciò, è necessario ottenere embrioni vitali, capaci di impiantarsi nell'utero della madre e che diano luogo a una gestazione in evoluzione. Per questo possiamo dire che non è tanto importante la quantità quanto la qualità dell'ovocita (e, ovviamente, degli spermatozoi).

È vero che maggiore è il numero di ovuli, maggiore è la probabilità di creare embrioni vitali e, quindi, di raggiungere il successo riproduttivo. Tuttavia, se gli ovuli ottenuti non sono di buona qualità, sarà più difficile ottenere il concepimento anche se ne sono stati estratti molti nella puntura.

D'altra parte, se abbiamo meno ovuli ma di alta qualità, è probabile che si ottenga almeno un embrione in grado di impiantarsi nell'utero e dare origine a una gestazione.

D'altra parte, dobbiamo tenere presente che il numero di uova non sempre corrisponde al numero di embrioni. Degli ovociti maturi ottenuti, non tutti si fecondano correttamente e, tra quelli fecondati, alcuni si bloccano durante lo sviluppo embrionale.

Per questo motivo, è importante ottenere un buon numero di ovuli di qualità, per avere un maggior numero di embrioni vitali. In questo modo, questi embrioni possono essere vitrificati e trasferiti in cicli successivi, sia perché il primo tentativo non ha avuto successo, sia perché si desidera più prole.

In ogni caso, e per concludere, dobbiamo sottolineare che non è solo una questione di quantità, ma anche di qualità degli ovociti.

Domande più frequenti

Qual è il numero ideale di ovuli per la FIVET?

Da Dr. Mark P. Trolice (ginecologo).

Anche se il successo può essere raggiunto con un solo embrione normale, i risultati sono notevolmente migliorati se il numero di ovociti ottenuti è elevato (normalmente tra 10 e 15 ovociti), anche se è vero che un numero molto eccessivo può finire per diminuire la qualità delle uova.

Sul totale delle uova estratte, circa il 60-80% sarà maturo e, di queste, il 70-80% sarà fecondato. Quando si verifica la divisione embrionale, c'è una probabilità del 50-60% di raggiungere lo stadio di blastocisti (5° giorno di sviluppo), che sarebbe lo stato ottimale per l'impianto o per il congelamento.

La qualità o la quantità delle uova è più importante in un ciclo di FIVET?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Entrambi gli aspetti sono importanti. Tuttavia, la qualità dell'uovo è fondamentale, perché se la qualità è bassa, il numero di uova che otterremo non avrà importanza, poiché è probabile che nessuna di esse permetterà la gravidanza dopo la fecondazione.

Quanti follicoli sono necessari per la FIV?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Non c'è un numero fisso, anche se da 6 a 8 di solito è considerato buono. Dobbiamo tener conto del fatto che non tutti i follicoli contati prima della puntura daranno origine alle uova, né tutte le uova ottenute saranno di buona qualità o nel giusto stato di maturazione. Per questo motivo è importante avere un buon numero di follicoli: maggiore è il numero di follicoli, maggiore è la probabilità di ottenere un buon numero di uova.

Il mio ginecologo mi ha detto che si aspettano di ottenere 4 uova mature nel prelievo, va bene?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

In condizioni normali, 4 uova sono un numero basso. Tuttavia, a seconda della situazione e dell'età, può essere un buon numero prognostico. In ogni caso, l'importante è che queste 4 uova siano di buona qualità. Se almeno uno di essi è di ottima qualità e permette di ottenere un embrione capace di impiantarsi, si otterrà la gravidanza. In questo caso, 4 uova saranno sufficienti per raggiungere l'obiettivo: la gestazione.

Lettura consigliata

Se volete saperne di più sulla procedura di stimolazione ovarica, potete visitare il seguente link: Che cos'è la stimolazione ovarica? - Processo, farmaci e sintomi.

Se, d'altra parte, sei interessato a saperne di più sulla puntura follicolare, ti consigliamo di leggere questo articolo: Che cos'è la puntura follicolare in una procedura di FIVET?.

Facciamo ogni sforzo per fornirvi informazioni della massima qualità.

🙏 Per favore condividi questo articolo se ti è piaciuto. 💜💜 Aiutaci a continuare!

Bibliografia

Dickey RP, Taylor SN, Lu PY, Sartor BM, Rye PH, Pyrzak R (2002). Effect of diagnosis, age, sperm quality, and number of preovulatory follicles on the outcome of multiple cycles of clomiphene citrate-intrauterine insemination. Fertil Steril;78:1088 – 1095.

Ghesquiere SL, Castelain EG, Spiessens C, Meuleman CL, D’Hooghe TM. Relationship between follicle number and (multiple) live birth rate after controlled ovarian hyperstimulation and intrauterine insemination. Am J Obstet Gynecol 2007;197:589.e1– 5

Hamoda H, Sunkara S, Khalaf Y, Braude P, El-Toukhy T. Outcome of fresh IVF/ICSI cycles in relation to the number of oocytes collected: a review of 4,701 treatment cycles. Hum Reprod 2010;25:147.

Kably Ambe A, Estevez Gonzalez S, Carballo Mondragon E, Dura´n Monterrosas L. Comparative analysis of pregnancy rate/captured oocytes in an in vitro fertilization program. Ginecol Obstet Mex 2008; 76:256 – 260. Spanish.

Kyoung YM,Hoon K, Joong YL, Jung RL, et al. Nomogram to predict the number of oocytes retrieved in controlled ovarian stimulation. Clin Exp Reprod Med 2016;43:112-118.

Letterie G, Marshall L, Angle M. The relationship of clinical response, oocyte number, and success in oocyte donor cycles. J Assist Reprod Genet 2005;22:115 – 117.

López-Rioja MJ, Campos-Cañas JA, Recio-López Y, Quiroz-Garza G, Sánchez-González M, HinojosaRodríguez K, Laresgoiti Servitje E. Número óptimo de ovocitos: modelo de predicción para fertilización in vitro. Ginecol Obstet Mex. 2017 nov;85(11):735-747.

Meniru GI, Craft IL. Utilization of retrieved oocytes as an index of the efficiency of superovulation strategies for in-vitro fertilization treatment. Hum Reprod 1997;12:2129– 2132.

Molina Hita Ma. del M, Lobo Martinez S, Gonzalez Varea, Montejo Gadea JM, Garijo Lopez E, Cuadrado Mangas C. Correlation between the number of oocytes and the pregnancy rate in IVF-ICSI cycles. Revista Iberoamericana de Fertilidad y Reproduccion Humana 2008; 25:153 – 159. Spanish

Steward RG, Lan L, Shah AA, Yeh JS, et al. Oocyte number as a predictor for ovarian hyperstimulation syndrome and live birth: an analysis of 256,381 in vitro fertilization cycles. Fertil Steril 2014;101:967-973.

Sunkara SK, Rittenberg V, Raine-Fenning N, Bhattacharya S, et al. Association between the number of eggs and live birth in IVF treatment: an analysis of 400 135 treatment cycles. Hum Reprod 2011;26:1768-1774.

Van der Gaast MH, Eijkemans MJ, van der Net JB, de Boer EJ, et al. Optimum number of oocytes for a successful first IVF treatment cycle. Reprod Biomed Online 2006;13:476-480.

Domande più frequenti: 'Qual è il numero ideale di ovuli per la FIVET?', 'La qualità o la quantità delle uova è più importante in un ciclo di FIVET?', 'Quanti follicoli sono necessari per la FIV?' e 'Il mio ginecologo mi ha detto che si aspettano di ottenere 4 uova mature nel prelievo, va bene?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
Dr. Mark P. Trolice
Dr. Mark P. Trolice
Ginecologo
Dottore in Medicina, specializzato in Ginecologia e Ostetricia, della Rutgers Robert Wood Johnson Medical School nel New Jersey (USA). Professore associato presso il Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia della University of Central Florida College of Medicine. Direttore della Clinica Fertility Care: The IVF Center. Titolo di Top Doctor in America. Continua a leggere Dr. Mark P. Trolice
 Silvia Azaña Gutiérrez
Silvia Azaña Gutiérrez
Numero associato: 3435-CV
Embriologa
Laureata in Biologia Sanitaria presso l'Università di Alcalá e specializzata in Genetica Clinica presso la stessa università. Master in Riproduzione Assistita dell'Università di Valencia in collaborazione con le cliniche IVI. Continua a leggere Silvia Azaña Gutiérrez
 Víctor Montalvo Pallés
Víctor Montalvo Pallés
Laureato in Genetica presso l'Università Autonoma di Barcellona (UAB) e Master in Biologia della Riproduzione e Tecniche di Riproduzione Assistita presso l'UAB e l'Istituto Universitario Dexeus, con diverse pubblicazioni scientifiche nel campo della Genetica. Corso di Medicina Genomica di Precisione. Continua a leggere Víctor Montalvo Pallés
Adattato al italiano da:
 Cristina  Algarra Goosman
Cristina Algarra Goosman
BSc, MSc
Psicologa
Laureata in Psicologia presso l'Università di Valencia (UV) e specializzata in Psicologia Clinica presso il Centro Universitario Europeo e formazione specifica in Infertilità: Aspetti giuridici, medici e psicosociali presso l'Università di Valencia (UV) e ADEIT.
Continua a leggere Cristina Algarra Goosman
Numero membro: CV16874

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.