Minaccia di aborto: cause, sintomi e trattamento

Da (ginecologa), (embriologa), (ginecologo) e (invitra staff).
Aggiornato il 01/10/2020

La minaccia di aborto è uno stato di allerta che fa pensare ad un aborto spontaneo prima della 20a settimana di gravidanza. L'emorragia vaginale nelle prime settimane di gravidanza è un sintomo comune di questa situazione. Nel caso in cui si sospetti un rischio, è molto importante seguire una serie di fasi di cura per diminuire le probabilità di perdere il feto.

Cause e sintomi

L'aborto spontaneo, inteso come quello che avviene naturalmente senza intervento medico o chirurgico, è comune. Infatti, si verifica fino al 40% delle gravidanze ed è più comune nelle donne anziane.

Le sue cause possono essere sia fetali che materne, anche se in molti casi l'origine esatta dell'aborto non è nota e può essere dovuta ad una combinazione di diversi fattori (multifattoriali).

Ci sono diversi sintomi nelle donne in gravidanza che possono comportare il rischio di aborto spontaneo. Questi sintomi o segni sono molto vari ed è quindi importante che un medico, dopo aver valutato la situazione, determini se esiste un rischio reale di perdere il bambino.

Tra i sintomi più comuni, possiamo evidenziare:

  • Emorragia vaginale: Può essere pesante o leggera e può includere coaguli. Circa la metà delle donne con questo sintomo nel primo trimestre di gravidanza hanno un aborto spontaneo. Una delle cause più comuni di queste emorragie è rappresentata dagli ematomi intrauterini (piccoli accumuli di sangue nella cavità uterina), che nei casi più gravi possono sfociare in un distacco della placenta.
  • Crampi addominali: dolori o forte pressione nella pancia simile al dolore delle mestruazioni. Possono verificarsi con o senza emorragia vaginale.
  • Dolore lombare: forti punture nella parte bassa della schiena, nella zona lombare.
  • Sintomi della gravidanza: il disagio della gravidanza può essere ridotto o addirittura scomparire.

Test diagnostici

In caso di minaccia di aborto, il medico eseguirà prima un'ecografia vaginale o addominale per controllare la quantità di sanguinamento, lo sviluppo del bambino e il suo battito cardiaco. Inoltre, verrà effettuato un esame pelvico per testare il collo dell'utero.

Gli esami del sangue possono anche essere eseguiti per determinare:

  • Il livello di beta-hCG per alcuni giorni o settimane per confermare che la gestazione sta continuando.
  • L'emocromo completo (emocromo) per scoprire quanto sangue è andato perso.
  • Il livello di progesterone.
  • La misurazione dei globuli bianchi per scoprire se c'è un'infezione.

Trattamento

In caso di minaccia di aborto, il medico spiega alla paziente le linee guida che la donna incinta deve seguire, come ad esempio:

  • Evitare il rapporto sessuale.
  • Riposo relativo o assoluto, a seconda della gravità dei sintomi.
  • Evitare di mangiare salumi o cibi non trasformati a base di carne.
  • Non assumere farmaci non prescritti dal medico.

Si raccomanda inoltre alle donne di condurre uno stile di vita sano, con una dieta variata che fornisca tutti i nutrienti necessari, oltre ad evitare l'uso di droghe, alcol e tabacco.

Va tenuto presente che una minaccia di aborto non significa che si verificherà un aborto. Pertanto, è essenziale essere calmi e rilassati. Il supporto emotivo in questo momento è molto importante, oltre a seguire le indicazioni del medico.

In alcuni casi, il progesterone viene somministrato come trattamento farmacologico per prevenire l'aborto, anche se negli ultimi anni il suo uso è stato messo in discussione. La controversia nasce dal fatto che non si è dimostrata utile negli aborti spontanei, anche se è raccomandata in caso di aborti ricorrenti o ripetuti (cioè in situazioni di tre o più perdite gestazionali continue).

Domande più frequenti

C'è un rischio maggiore di aborto se la gravidanza è stata ottenuta attraverso tecniche di riproduzione assistita?

Da Carmen Ochoa Marieta (ginecologa).

No. Il rischio di aborto dopo i trattamenti di riproduzione assistita è paragonabile al rischio nella popolazione generale.

La qualità seminale può influenzare il rischio di aborto?

Da Dr. Sergio Rogel Cayetano (ginecologo).

Certamente, le alterazioni del DNA seminale o altre caratteristiche intrinseche dello sperma possono influenzare direttamente il rischio di aborto. Queste alterazioni sono più frequenti con i seminogrammi alterati, anche se possono esistere nel seme normale.

Così, in pazienti con aborti ripetuti sarebbe consigliabile studiare la frammentazione del DNA, la percentuale di spermatozoi apoptotici e forse un'analisi cromosomica dell'ibridazione in situ fluorescente (FISH) nel seme.

Quando si considera finita la minaccia dell'aborto?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Quanto dura la minaccia di aborto dipende da ogni paziente e spetta all'ostetrico valutare il rischio in ogni caso particolare. In generale, è più probabile che si verifichi nel primo trimestre di gravidanza, ma per definizione, la minaccia di aborto si estende di solito fino alla 20a settimana di gravidanza.

Quanto dura l'emorragia?

Da Rebeca Reus (embriologa).

L'emorragia può variare da paziente a paziente: non è prevista una durata specifica per essere considerata una minaccia di aborto. A seconda delle caratteristiche e della durata, il rischio di aborto sarà maggiore o minore. Ad esempio, più è abbondante, più è probabile che si verifichi l'aborto.

Lettura consigliata

In effetti, questo segno fa sì che molte future mamme si chiedano se è possibile avere dei periodi durante la gravidanza. Se ti sei posta questa domanda, questo articolo ti risponderà: puoi avere le mestruazioni quando sei incinta?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Aleman A, Althabe F, Belizán J, et al. Bed rest during pregnancy for preventing miscarriage. Cochrane Database Syst Rev 2005;(2): CD003576.

Arck PC, Rücke M, Rose M, et al. Early risk factors for miscarriage: a prospective cohort study in pregnant women. Reprod Biomed Online 2008;17(1):101–13.

Ben-Haroush A, Yogev Y, Mashiach R, et al. Pregnancy outcome of threatened abortion with subchorionic hematoma: possible benefit of bed-rest? Isr Med Assoc J 2003;5(6):422–4.

Gao HL, Hou XH, Guan YJ. Analysis on the risk factors for early spontaneous abortion. China Science and Technology Information 2012;1:107. Chinese

la Marca A, Morgante G, De Leo V. Human chorionic gonadotropin, thyroid function, and immunological indices in threatened abortion. Obstet Gynecol 1998;92(2):206–11.

Luise et al. Outcome of expectant management of spontaneous first trimester miscarriage: observational study; British Medical Journal 13 April 2002 pp. 873 - 875.

Lyle RC. Management of threatened miscarriage in early pregnancy. BMJ 1991;302(6789):1400–1.

Nielsen and Hahlin. Expectant management of first-trimester spontaneous abortion; Lancet 1995;345: 84 – 86.

Nybo Andersen AM, Wohlfahrt J, Christens P, et al. Maternal age and fetal loss: population based register linkage study. BMJ 2000; 320(7251):1708–12.

Papaioannou GI, Syngelaki A, Maiz N, et al. Ultrasonographic prediction of early miscarriage. Hum Reprod 2011;26(7):1685–92.

Szekeres-Bartho J, Wilczynski JR, Basta P, et al. Role of progesterone and progestin therapy in threatened abortion and preterm labour. Front Biosci 2008;13:1981–90.

Wang JX, Norman RJ,Wilcox AL. Incidence of spontaneous abortion among pregnancies produced by assisted reproductive technology. Hum Reprod 2004;19:272 – 227.

Domande più frequenti: 'C'è un rischio maggiore di aborto se la gravidanza è stata ottenuta attraverso tecniche di riproduzione assistita?', 'La qualità seminale può influenzare il rischio di aborto?', 'Quando si considera finita la minaccia dell'aborto?' e 'Quanto dura l'emorragia?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Carmen Ochoa Marieta
Carmen Ochoa Marieta
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università dei Paesi Baschi, con un dottorato in Medicina e Chirurgia dell'Università di Murcia. Attualmente dirige l'Unità di Riproduzione Assistita presso il Centro di Studi sulla Procreazione (CER SANTANDER) di Santander e l'Unità Diagnostica di Medicina della Riproduzione di Bilbao. Continua a leggere Carmen Ochoa Marieta
Numero associato: 484805626
 Rebeca Reus
Rebeca Reus
Embriologa
Laureato in Biologia Umana (Biomedicina) presso l'Universitat Pompeu Fabra (UPF), con un Master ufficiale in Laboratorio di Analisi Clinica dell'UPF e un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita dell'Universidad de Valencia (UV). Continua a leggere Rebeca Reus
Dr. Sergio  Rogel Cayetano
Dr. Sergio Rogel Cayetano
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università Miguel Hernández di Alicante con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia presso l'Ospedale Generale di Alicante. Ha ampliato la sua esperienza nella riproduzione assistita mentre lavorava in diverse cliniche di Alicante e Murcia, fino a quando nel 2011 è entrato a far parte dell'equipe medica di FIV Spain.

Continua a leggere Dr. Sergio Rogel Cayetano
Numero associato: 03-0309100
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.