Malattie genetiche e DGP: Situazione attuale in Italia

Da (embriologo senior), (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 22/10/2020

La diagnosi genetica DGP o preimpiantazionale è una tecnica utilizzata nella riproduzione assistita per garantire che gli embrioni trasferiti nell'utero siano privo di alterazioni genetiche, sia che si tratti di malattie ereditarie che di anomalie cromosomiche.

La DGP viene effettuata nel corso di un trattamento di fecondazione in vitro (FIV), quando gli embrioni sono stati in coltura per 3 o 5 giorni ed è possibile una biopsia blastometrica.

Le indicazioni per la DGP sono, da un lato, il rischio di trasmissione di malattie ereditate da uno o da entrambi i genitori o, dall'altro, quando gli ovuli e lo sperma sono di scarsa qualità e possono accumulare mutazioni nel loro DNA.

Ma non tutti i paesi offrono la possibilità di far eseguire la DGP per gravi malattie ereditarie.

Prima di iniziare il trattamento, i pazienti devono quindi informarsi se questo metodo è consentito nel loro paese. Se la situazione giuridica vieta la DGP, un'opzione sarebbe quella di farla eseguire all'estero.

In questo articolo spieghiamo come si svolge la PGD in Spagna.

Indicazioni

La DGP permette di individuare embrioni con alterazioni della sequenza del DNA che possono portare ad aborti spontanei o, peggio ancora, alla nascita di bambini malati.

Molte di queste malattie sono ereditarie, cioè si trasmettono dai genitori ai figli. Pertanto, una coppia che ha una malattia genetica o sa di essere portatrice può essere sicura di avere un figlio sano grazie a questo metodo.

Altre anomalie genetiche, invece, appaiono de novo negli embrioni dopo la fecondazione. In questo caso, l'indicazione per la DGP è quando la donna ha avuto ripetuti aborti o se è in età materna avanzata.

Nel corso di un trattamento di FIVET con PGD, dopo aver ottenuto i risultati, gli embrioni diagnosticati con l'alterazione genetica vengono scartati. Una volta ottenuti i risultati, gli embrioni sani saranno trasferiti nell'utero della madre o vitrificati per futuri tentativi.

Infine, va notato che le alterazioni del DNA di un essere umano possono essere differenziate tra

Alterazioni genetiche
influenzano uno o più geni.
Alterazioni cromosomiche
influenzano uno o più cromosomi.

Secondo il Dr. Antonio Alcaide, embriologo specialista in DGP: Attualmente, la PGD può essere utilizzata dalle coppie che ottengono una gravidanza dopo il trasferimento di diversi embrioni di buona qualità, dalle coppie che hanno aborti spontanei ricorrenti, dalle coppie che hanno più di 38 anni e da tutti coloro che sono portatori o affetti da una specifica malattia genetica.

In tutto questo post commenteremo ciascuno di questi tipi di disturbi e forniremo esempi dei più importanti disturbi che richiedono la DGP.

Malattie di origine genetica

Le malattie genetiche sono quelle causate dalla mutazione del genoma nella sequenza di un singolo gene (alterazioni monogeniche) o di più geni (alterazioni poligeniche).

Inoltre, se la mutazione è presente nelle cellule germinali dell'essere umano, cioè negli ovuli e/o nello sperma, queste malattie saranno trasmissibile ai figli.

La probabilità di ereditare un'alterazione genetica dipende dal tipo di eredità di ogni patologia. È così che vengono classificate le malattie di origine genetica:

Autosomico dominante

Si tratta di quelle alterazioni che riguardano i cromosomi non sessuali. La persona soffrirà della malattia ereditando una sola copia del gene difettoso da uno dei genitori, che sarà anche lui malato.

La probabilità di trasmettere la malattia da un genitore affetto ai propri figli è del 50%.

Di seguito trovate l'elenco delle più caratteristiche malattie autosomiche dominanti:

  • Acondroplasia
  • Atassia spinocerebellare SCA1 e SCA3
  • Charcot-Marie-Tooth
  • Distrofia facioscapulo-omerale
  • Distrofia miotonica (Steinert)
  • Malattia di Albers-Schomberg
  • Sclerosi tuberosa di tipo 1
  • Sclerosi tuberosa di tipo 2
  • Esostosi multipla ereditaria
  • Malattia di Huntington
  • Neoplasia Endocrina Multipla 1 e 2
  • Neurofibromatosi di tipo 1 e 2
  • Osteogenesi o Osteogenia Imperfetta
  • Famiglia di paraparesi spastica
  • Malattia del rene policistico, AD. Collegato a PKD1
  • Malattia del rene policistico, AD. Collegato a PKD2
  • Poliposi adenomatosa familiare
  • Retinite Pigmentosa
  • Sindrome di Lynch - cancro al colon ereditario, non poliposi
  • Sindrome di Marfan
  • Sindrome di Noonan
  • Sindrome di Von Hippel-Lindau

In questi casi particolarmente gravi di malattie ereditarie, la coppia non ha nemmeno bisogno dell'approvazione della Commissione Nazionale di Riproduzione Umana Asistita (CNRHA).

Autosomico recessivo

Come nel caso precedente, si tratta di alterazioni che interessano i cromosomi non sessuali. Invece, perché una persona soffra della malattia, deve ereditare le due copie del gene difettoso, una dal padre e una dalla madre.

Nel caso di ereditare una copia normale e una difettosa, sarete solo il portatore dell 'alterazione genetica. I portatori non soffrono della malattia, ma hanno la possibilità di trasmetterla alla loro prole.

La probabilità di avere un figlio malato se i genitori sono portatori è del 25%, mentre c'è una probabilità del 50% che il bambino sia portatore della mutazione e solo il 25% che il bambino nasca totalmente sano.

Successivamente, è riportato un elenco delle più importanti malattie autosomiche recessive:

  • Aciduria glutarica tipo 1
  • Acidemia propionica A
  • Acidemia propionica A
  • L'anemia di Fanconi
  • Atassia di Friedreich
  • Atrofia muscolare spinale (AMS)
  • α-Talassemia
  • β-Talassemia
  • Difetto di glicosilazione (CDG1A)
  • Deficit 21-Idrossilasi
  • Deficit di L-CHAD
  • Displasia idrostatica ectodermica (sindrome di Clouston)
  • Malattia di Gaucher
  • Fibrosi cistica (CF)</
  • Gangliosidosi
  • Immunodeficienza combinata grave, alymphocytic
  • Leucodistrofia metacromatica
  • Linfoistiocitosi familiare
  • Mucopolisaccaridosi IIIA (San Filippo A)
  • Osteopetrosi maligna infantile
  • Malattia renale policistica (ARPKD)
  • Sordità neurosensoriale congenita non sindromica
  • Tirosinemia di tipo 1

In questo caso, alcune di queste malattie richiedono l'autorizzazione preventiva del CNRHA per procedere con il trattamento FIVET con DGP. Tuttavia, la stragrande maggioranza delle domande viene alla fine approvata.

Dominante legato a X

Sono mutazioni che colpiscono i geni che si trovano sul cromosoma X. Essendo dominanti, queste malattie si manifestano sia negli uomini che nelle donne. Le donne malate hanno il 50% di possibilità di trasmettere la malattia a tutti i loro figli. Gli uomini interessati, invece, la trasmetteranno sempre alle loro figlie, mentre i figli maschi saranno sani. Questo tipo di eredità è molto raro. Tuttavia, possiamo citare le seguenti malattie a dominanza X:

  • Incontinenza Pigmentaria
  • Rachitismo ipofosfatemico
  • Sindrome di Fabry
  • Sindrome di Rett

La frequenza di queste malattie è più alta nelle donne che negli uomini a causa del tipo di eredità. Tuttavia, la gravità dei sintomi è molto maggiore nei maschi perché hanno una sola copia del cromosoma X.

recessivo legato alla X

Sono anche mutazioni che colpiscono i geni che si trovano sul cromosoma X.

Poiché sono recessive, sarà necessario che una donna erediti entrambe le copie difettose dai suoi genitori per avere la malattia. Se ereditano solo una delle copie, le donne sono portatrici di queste malattie.

Nonostante ciò, poiché gli uomini hanno un solo cromosoma X, avranno sempre la malattia anche se ricevono una sola copia.

Tra le malattie recessive legate alla X possiamo trovare:

  • Adrenoleukodystrophy
  • Carenza di Ornitina transcarbamilasi
  • Distrofie muscolari di Duchenne e Becker
  • Il morbo di Norrie
  • Emofilia
  • Miopatia miotubolare
  • Mucopolisaccaridosi I (sindrome di Hurler)
  • Mucopolisaccaridosi III (sindrome di Hunter)
  • Sindrome di Alport
  • Sindrome X fragile
  • Sindrome di Lesch-Nyhan

A seconda delle condizioni di ciascun genitore e del rischio di trasmissione di una malattia legata al cromosoma sessuale, la selezione del genere del futuro bambino da parte della PGD sarà o non sarà consentita con l'obiettivo di non trasmettere la malattia.

Collegato al cromosoma Y

Si tratta di mutazioni che interessano i geni situati sul cromosoma Y. Questo tipo di ereditarietà è nota come Ereditarietà olandese.

Poiché il cromosoma Y è presente solo nei maschi, tutti i figli maschi dei genitori colpiti avranno la malattia e rischieranno di trasmetterla ai loro futuri figli.

Le donne non hanno un cromosoma Y, quindi non avranno mai la malattia.

Infine, è importante notare che le malattie genetiche legate al cromosoma Y sono molto rare. Una delle più importanti è l'infertilità dovuta alle microdeleezioni del cromosoma Y.

Malattie di origine genetica

Le malattie cromosomiche, chiamate anche disturbi cromosomici, sono quelle che influenzano il numero o la struttura dei cromosomi.

Come per le malattie genetiche, questi tipi di anomalie possono essere ereditati. Tuttavia, possono anche essere il risultato di una meiosi difettosa, che si traduce in ovuli o sperma anomali.

Le cause dei difetti della meiosi sono varie: donne sopra i 38 anni, trattamenti oncologici, farmaci, ecc.

Alcune alterazioni cromosomiche sono compatibili con la vita, dando luogo a individui con diversi gradi di affettazione a seconda del cromosoma alterato. Altri, invece, sono incompatibili con la vita e daranno luogo ad embrioni che non si impianteranno o che causeranno aborti ricorrenti.

In seguito, discuteremo i tipi di alterazioni cromosomiche esistenti:

Alterazioni numeriche

La dotazione cromosomica umana è di 46 cromosomi, 23 dalla madre e 23 dal padre.

Le alterazioni del numero di cromosomi che ogni individuo ha sono note come aneuploidie e ne esistono i seguenti tipi:

Monosomie
alla persona manca un cromosoma. Il caso più evidente è la sindrome di Turner, in cui la donna ha un solo cromosoma sessuale X (cariotipo 45,X0).
Trisomie
la persona ha un cromosoma in piu'. Gli esempi più comuni sono: sindrome di Down (tre cromosomi 21), sindrome di Patau (tre cromosomi 13), sindrome di Edwards (tre cromosomi 18), sindrome di Klinefelter (cariotipo 47,XXY).

Mentre le suddette malattie cromosomiche sono compatibili con la vita, altre come la trisomia 15 o la trisomia 22 non lo sono.

Il 60% degli aborti del primo trimestre sono dovuti ad aneuploidia, così come il 6% dei nati morti.

Modifiche strutturali

Le alterazioni strutturali dei cromosomi sono quelle in cui si è verificata una rottura e una riorganizzazione dei frammenti cromosomici. I tipi che esistono sono i seguenti:

Traslocazioni
il trasferimento di un frammento da un cromosoma ad un altro. Le traslocazioni possono essere bilanciate, quando il cambiamento di struttura non produce alcuna perdita o guadagno di materiale genetico, o sbilanciate, quando c'è una perdita o un guadagno di DNA. Esiste anche un tipo di traslocazione, la traslocazione robertsoniana, in cui due cromosomi acrocentrici vengono fusi insieme, implicando un rischio di trasmissione di trisomie.
Inserti
un frammento di cromosoma si sposta all'interno di un altro cromosoma.
Inversione
comporta un riordinamento intracromosomico, cioè un frammento cromosomico viene invertito.
Cromosoma ad anello
le estremità del cromosoma si rompono e il cromosoma viene fatto circolare. Ha effetti gravi perché il cromosoma interessato può diventare inattivo.

La DGP è consentita in Italia?

Con una modifica della legislazione, la legge 40/2004 non permette più alcuna forma di manipolazione degli embrioni e quindi nessuna diagnosi genetica preimpianto.

Le coppie che hanno malattie ereditarie trasmissibili non possono avere una diagnosi genetica preimpianto.

Ecco perché molti genitori italiani da sogno viaggiano in paesi stranieri la cui legislazione consente questa tecnica.

In Spagna, ad esempio, è consentito l'uso della diagnosi genetica preimpianto per individuare malattie ereditarie. Per fare questo, prima dell'uso è necessaria l'approvazione della Commissione Nazionale di Riproduzione Umana Asistita.

Ma ci sono casi particolarmente gravi di malattie ereditarie che non richiedono il permesso previo.

Domande più frequenti

Gli embrioni sono tutti euploidi di grado A?

Da Blanca Paraíso (ginecologa).

La risposta è un clamoroso no. Gli embrioni sono classificati in diverse qualità a seconda della loro morfologia. Tuttavia, anche se un embrione è di altissima qualità morfologica, non possiamo garantire che sia cromosomicamente normale.

È vero che esiste una certa correlazione tra la qualità dell'embrione e l'euploidia. Questa associazione è più forte quando la qualità viene valutata allo stadio di blastocisti, poiché durante i primi giorni lo sviluppo embrionale dipende dall'energia dell'ovocita stesso, mentre dal 2-3° giorno di sviluppo si attiva il genoma embrionale e lo sviluppo dell'embrione dipende in gran parte dal proprio materiale genetico.
Continua a leggere

Si può fare una PGD per prevenire la sindrome di Down?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Sì, sia a causa dell'età materna avanzata che di un'alterazione del cariotipo, è consigliabile eseguire la PGD su queste donne per evitare la nascita di un bambino con la sindrome di Down. Questa malattia è caratterizzata dalla presenza del cromosoma 21 triplicato, invece di avere solo due cromosomi 21, uno del padre e uno della madre.

In Italia, tuttavia, l'applicazione della PGD non è possibile e in questo caso si raccomanda ai pazienti di recarsi all'estero.

Come si possono diagnosticare le malattie genetiche nel feto?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Le donne che sono già incinte e che rischiano di trasmettere una malattia genetica potranno sapere con certezza se il bambino che aspettano è malato solo attraverso un'amniocentesi o un prelievo di villi coriali.

Una volta ottenuto il risultato, se viene confermato che il feto è affetto dalla malattia, la donna o la coppia dovrà decidere se continuare la gravidanza o interromperla.

Lettura consigliata

Se siete interessati a conoscere passo dopo passo come è il trattamento FIVET con la PGD, vi invitiamo a continuare a leggere nel seguente post: Qual è la procedura della diagnosi genetica preimpianto?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Molecular Genetics Laboratory: La Diagnosi Preimpianto dopo l’approvazione della legge 40/2004. https://www.laboratoriogenoma.eu/pgd.asp

Angell, R.R., Xian, J and Keith, J. (1993) Chromosome anomalies in human oocytes in relation to age. Hum. Reprod., 8, 1047–1054.

Buster, J.E. and Carson, S.A. (1989) Genetic diagnosis of the preimplantation embryo. Am. J. Med. Genet., 34, 211–216.

Delhanty, J.D.A. and Handyside, A.H. (1995) The origin of genetic defects in the human and their detection in the preimplantation embryo. Hum. Reprod. Update, 1, 201–215.

Florensa, M. (2011). Diagnóstico genético preimplantacional para enfermedades de aparición tardía. Rev. Asoc. Est. Biol. Rep., Vol. 16, Nº 1, pág. 45-46.

Genetic Alliance; District of Columbia Department of Health. Understanding Genetics: A District of Columbia Guide for Patients and Health Professionals. Washington (DC): Genetic Alliance; 2010 Feb 17. Appendix H, Chromosomal Abnormalities.

Genetics Home Reference (Nov 7, 2018). Inheriting Genetic Conditions. In: Help Me Understand Genetics. Lister Hill National Center for Biomedical Communications U.S. National Library of Medicine National Institutes of Health Department of Health & Human Services.

Harper, J.C. (1996) Preimplantation diagnosis of inherited diseases by embryo biopsy: an update of the world figures. J. Assist. Reprod. Genet., 11, 132–143.

Mastenbroek S, Twisk M, van Echten-Arends J, Sikkema-Raddatz B, Korevaar JC, Verhoeve HR, Vogel NE, Arts EG, de Vries JW, Bossuyt PM et al. (2007). In vitro fertilization with preimplantation genetic screening. N Engl J Med; 357: 9– 17.

Domande più frequenti: 'Gli embrioni sono tutti euploidi di grado A?', 'Si può fare una PGD per prevenire la sindrome di Down?' e 'Come si possono diagnosticare le malattie genetiche nel feto?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dr. Antonio Alcaide Raya
Dr. Antonio Alcaide Raya
Embriologo senior
Laurea in Biologia ed esperto in Genetica Medica. Master in Biologia dello Sviluppo e Embriologia dell'Università di Valencia (UV). Membro del consiglio di amministrazione di ASEBIR e direttore del laboratorio di ReproFiv. Continua a leggere Dr. Antonio Alcaide Raya
 Blanca Paraíso
Blanca Paraíso
Ginecologa
La dott.ssa Blanca Paraíso è laureata in medicina e ha conseguito il dottorato presso l'Università Complutense di Madrid (UCM). Ha anche un diploma in Scienze Statistiche della Salute. È un medico esperto in Ginecologia e Procreazione Assistita. Continua a leggere Blanca Paraíso
Numero associato: 454505579
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.