Quali sono le indicazioni per l’inseminazione artificiale?

Da (embriologa), (ginecologo), (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 07/10/2020

L'inseminazione artificiale (IA) è una tecnica di riproduzione assistita a basso costo e bassa complessità. Normalmente, è indicato quando c'è difficoltà a raggiungere l'utero in modo naturale.

Tuttavia, questa tecnica non sempre consente di ottenere una gravidanza, poiché devono essere soddisfatti alcuni requisiti essenziali. Per questo motivo, molti si chiedono quando dovrebbe essere effettuata l'inseminazione artificiale.

A seconda del problema di infertilità e delle circostanze di ogni paziente, verrà indicata un'IA coniugale o un'IA donatrice. In questo articolo spieghiamo in dettaglio i casi in cui ogni tipo di inseminazione artificiale è raccomandato.

Di seguito trovate un indice con i 7 punti che tratteremo in questo articolo.

Indicazioni della IAC

L'inseminazione artificiale coniugale (IAC) o l'inseminazione omologa è una tecnica di riproduzione assistita in cui si utilizza lo sperma del partner. Si raccomanda quando la donna ha meno di 35-37 anni.

La stessa coppia può essere coinvolta in una o più di queste situazioni, che saranno discusse di seguito. Se entrambi i membri della coppia sono colpiti, si tratta di un caso di sterilità di origine mista, poiché l'impossibilità di ottenere una gravidanza è causata da problemi sia nell'uomo che nella donna.

Sterilità di origine femminile.

L’IAC è indicato nei casi in cui il problema è dovuto alla sterilità della donna, purché la causa sia:

Fattore cervicale
cambiamenti nella qualità del muco della cervice uterina che impediscono agli spermatozoi di raggiungere l'utero o le tube di Falloppio, in quanto funge da barriera.
Fattore uterino
anomalie nell'anatomia o nel funzionamento dell'utero, come malformazioni uterine, fibromi uterini, endometriosi, aderenze intrauterine, ecc.
Vaginismo
contrazione involontaria dei muscoli della vagina, che impedisce il deposito di sperma.
Disfunzione ovulatoria
irregolarità dell'ovulazione come l'anovulazione, la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), ecc.

Sterilità maschile

L'inseminazione artificiale tramite matrimonio è indicata anche nei casi in cui il problema è di origine maschile, come nel caso di una donna:

  • Alterazioni della qualità dello sperma che si possono osservare dopo un seminogramma in un uomo. Si riferisce ad una riduzione della qualità, della quantità e della morfologia degli spermatozoi.
  • Incapacità di depositare sperma nella vagina, che può essere dovuta a eiaculazione precoce, impotenza psicogena, ipospadia o eiaculazione retrograda
  • Casi di oligoasthenotheratozoospermia : campioni seminali con problemi di bassa quantità, motilità e morfologia degli spermatozoi.

Sterilità di origine sconosciuta

La sterilità di origine sconosciuta (EOD) è quella sterilità che si verifica quando i test di fertilità sulla coppia (sia uomini che donne) indicano risultati normali, ma la gravidanza non è ancora raggiunta.

Da un lato, la donna ha cicli mestruali regolari e un utero con una morfologia normale. Inoltre, è privo di polipi o fibromi, cioè non presenta alterazioni uterine.

D'altra parte, il maschio non presenta alcuna anomalia e il suo seminogramma mostra valori all'interno del range di normalità, quindi la sua qualità spermatica è buona in relazione alla morfologia, alla quantità, alla mobilità, ecc.

Sterilità causata dall'immunodeficienza

L'IAH è raccomandata quando c'è un disturbo immunitario che può essere dovuto alla presenza di anticorpi anti-sperma (ESA), che influisce sulla motilità degli spermatozoi, sulla penetrazione del muco cervicale o anche sull'interazione di gameti (ovuli e sperma).

Se tali anticorpi SSA sono presenti nel muco cervicale, la soluzione sarebbe quella di depositare lo sperma del coniuge direttamente nell'utero. Questo impedisce alle difese della vagina della donna di attaccare.

Indicazioni della IAD

Nell'inseminazione artificiale da donatore (IAD), come suggerisce il nome, si utilizza lo sperma di un donatore anonimo e viene indicato nei casi discussi di seguito.

Assenza di un partner maschile

Nei casi in cui non ci sia un partner maschile e vi sia il desiderio di ottenere una gravidanza, si può effettuare l'inseminazione artificiale con sperma di un donatore. Tra queste vi sono donne single che scelgono di essere madri o coppie di donne.

A tal fine, devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • Per le donne senza un partner maschile che non sembrano avere problemi di fertilità, il limite di età è di 40 anni invece che di meno di 35-37 anni come nella IAC.
  • Nessuna storia di infezioni genitali e chirurgia pelvica.
  • Nessuna endometriosi di tipo III o di tipo IV, cioè rispettivamente endometriosi moderata o grave.

Con il partner maschile senza possibilità di apporto di sperma

Nel caso di coppie maschili e femminili, l'inseminazione artificiale con sperma di un donatore può essere richiesta a causa di una serie di fattori. Li commentiamo qui di seguito:

  • Grave infertilità maschile come l'azoospermia secretoria. In questo caso, non ci sono spermatozoi nel seme e la fecondazione non sarà possibile.
  • Storia di malattia genetica nel maschio e mancanza di trattamento con diagnosi genetica preimpianto (PGD).
  • Malattia sessualmente trasmissibile nel maschio dopo vari lavaggi dello sperma. Ciò significa che nei pazienti sieropositivi (affetti da HIV, epatite B...) devono essere effettuati lavaggi seminali. Questo separa lo sperma dagli altri componenti dello sperma e riduce il rischio di trasmissione alla madre e al bambino. Se, dopo i test molecolari per controllare i lavaggi successivi, viene ancora identificata una carica virale, si ricorre all'inseminazione con sperma di donatore.
  • L'incompatibilità Rh della coppia. Questo accade quando la madre è Rh negativo e il padre è Rh positivo. Se il feto eredita il Rh-positivo dal padre, quando il sangue materno e quello fetale entrano in contatto, vengono prodotti anticorpi materni (difese). Ciò ha conseguenze negative sulla gravidanza, poiché può portare ad aborti spontanei. Normalmente la madre è isoimmunizzata in modo che non ci sia alcun problema, ma in alcuni casi può non essere risolto e viene indirizzata ad un AID.

Quando non eseguire un'inseminazione artificiale

L'inseminazione artificiale è la tecnica di riproduzione assistita che richiede il minimo intervento da parte dello specialista.

Molti decidono di andarci perché è più comodo e meno costoso. Tuttavia, se i requisiti non sono soddisfatti, potrebbe non esserci alcuna possibilità di ottenere una gravidanza con questo metodo.

Per poter effettuare un'inseminazione artificiale, sia coniugale che da donatrice, la donna deve conformarsi:

  • Avere tubi permeabili, cioè che il passaggio attraverso di essi non sia bloccato. Questo può essere controllato tramite laparoscopia o isterosalpingografia (HSG).
  • Essere in grado di ovulare, sia spontaneamente che attraverso farmaci ormonali.
  • Età della donna sotto i 35-37 anni. Questo perché con l'età la riserva ovarica diminuisce e la probabilità di gravidanza si riduce. Ciò non significa che sarà impossibile per queste donne rimanere incinta con questo metodo, ma molte volte le probabilità sono così basse che non ne vale la pena. In questi casi si raccomanda la fecondazione in vitro.

Così, ad esempio, se una donna si è fatta legare le tube, non può, in nessun caso, essere sottoposta all'inseminazione artificiale, né con lo sperma del marito né con quello di un donatore. Il motivo è che le sue tube sono bloccate e lo sperma non sarà mai in grado di soddisfare l'ovulo per fecondarlo; pertanto non soddisfa uno dei requisiti fondamentali per eseguire un'inseminazione artificiale. La soluzione in questo caso sarebbe quella di eseguire un trattamento di fecondazione in vitro.

In relazione alla parte maschile, è necessario che lo sperma abbia una buona qualità in modo che gli spermatozoi siano in grado di attraversare da soli l'intero sistema riproduttivo femminile, raggiungere le tube di Falloppio e fecondare l'ovulo.

Se la qualità seminale del futuro padre non è adeguata, le possibilità sarebbero di effettuare una fecondazione in vitro (FIVET), o di utilizzare lo sperma del donatore con una qualità spermatica eccellente.

Domande più frequenti

Quando si raccomanda l'IA?

Da Dr. Gustavo Daniel Carti (ginecologo).

L'inseminazione artificiale (IA) è la tecnica di riproduzione assistita a bassa complessità che consiste nel collocare lo sperma del partner o del donatore nell'utero della donna. Le indicazioni più frequenti sono la sterilità senza causa apparente e i casi di fattore maschile con lievi alterazioni.

A 35 anni posso fare l'inseminazione artificiale?

Da Dra. Laura García de Miguel (ginecologa).

A 35 anni si può fare l'inseminazione artificiale. Si tratta di un'età favorevole poiché, a partire dai 38 anni, non si consiglia di ricorrere all'inseminazione, ma piuttosto alla fecondazione in vitro (poiché la qualità degli ovuli e le possibilità di gravidanza sono inferiori).

Se tutti i parametri per lo studio della riserva ovarica, della permeabilità tubarica e dei parametri seminali sono corretti, a 35 anni si può effettuare l'inseminazione artificiale, sperando in un buon risultato. Si consigliano tre o quattro cicli di inseminazione. Ciò significa che, se dopo tre o quattro tentativi (in tre o quattro mesi diversi) la gravidanza non è stata raggiunta, si raccomanda di passare alla fecondazione in vitro.

Se ho un tubo permeabile e l'altro ostruito, posso essere madre con l'inseminazione artificiale?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Se almeno una delle tube di Falloppio è permeabile, lo sperma e l'ovulo possono entrare in contatto e permettere la fecondazione. Pertanto, la gravidanza è possibile con una sola tuba di Falloppio.

Tuttavia, è importante notare che la probabilità di successo è minore.

È necessario un preparato prima di sottoporsi all'inseminazione artificiale?

Da Marta Barranquero Gómez (embriologa).

Prima di sottoporsi all'inseminazione artificiale, deve esserci una stimolazione ovarica. Saranno effettuati vari controlli ad ultrasuoni per determinare il momento più appropriato per l'inseminazione.

Quali sono i rischi dell'inseminazione artificiale?

Da Marta Barranquero Gómez (embriologa).

Non è una tecnica molto pericolosa, ma tra i rischi più importanti vi è la possibilità di gravidanza multipla, gravidanza ectopica o di iperstimolazione ovarica.

Se desiderate maggiori informazioni sulla vostra domanda, vi consigliamo di leggere l'articolo Rischi e conseguenze dell'inseminazione artificiale.

Lettura consigliata

In questo articolo abbiamo fatto riferimento ai due requisiti fondamentali che il paziente deve soddisfare per garantire un minimo di successo in un'inseminazione artificiale. Per altre condizioni necessarie, cliccare qui: Requisiti di base per l'inseminazione artificiale intrauterina.

Se state considerando l'inseminazione artificiale come trattamento di riproduzione assistita per avere un bambino, vi consigliamo di leggere attentamente il seguente articolo per conoscere in dettaglio il processo: Come viene effettuata l'inseminazione artificiale passo dopo passo?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Corson SC, Batzer FF: Homologous artificial insemination. J Reprod Med 26:231, 1981.

Dixon RE, Buttram VC Jr, Schum CW: Artificial insemination using homologous semen: a review of 158 cases. Fertil Steril 27:647, 1976.

Kim YJ, Park CW, Ku SY. Indications of intrauterine insemination for male and non-male factor infertility.Semin Reprod Med. 2014 Jul;32(4):306-12. doi: 10.1055/s-0034-1375183.

Levine BA, Grifo JA. Intrauterine insemination and male subfertility. Urol Clin North Am. 2008 May;35(2):271-6, ix. doi: 10.1016/j.

Meeken CI: The infertile patient: guidelines for successful workup. Postgrad Med 68:139, 1980.

Nachtigall RD, Faure N, Glass RH: Artificial insemination of husband's sperm. Fertil Steril 32:141, 1979.

Nunley WC Jr, Kitchin JD III, Thiagarajah S: Homologous insemination .. Fertil Steril 30:510, 1978.

Pfeffer WH, Wallach EE, BeckWW, Barrett ATM: Artificial insemination with husband's semen: prognostic factors. Fertil Steril 34:356, 1980.

Scott JZ, Nakamura RM, Mutch J, Davajan V: The cervical factor in infertility: diagnosis and treatment. Fertil Steril 28:1289, 1977.

Speichinger JP, Mattox JH: Homologous artificial insemination and oligospermia. Fertil Steril 27:135, 1976.

Domande più frequenti: 'Quando si raccomanda l'IA?', 'A 35 anni posso fare l'inseminazione artificiale?', 'Se ho un tubo permeabile e l'altro ostruito, posso essere madre con l'inseminazione artificiale?', 'È necessario un preparato prima di sottoporsi all'inseminazione artificiale?' e 'Quali sono i rischi dell'inseminazione artificiale?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
Dr. Gustavo Daniel  Carti
Dr. Gustavo Daniel Carti
Ginecologo
Il dottor Gustavo Daniel Carti è laureato in medicina e specializzato in ostetricia e ginecologia all'Università di Buenos Aires. Continua a leggere Dr. Gustavo Daniel Carti
Numero associato: 07/0711274
Dra.  Laura  García de Miguel
Dra. Laura García de Miguel
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università Autonoma di Barcellona, con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia presso l'Ospedale Universitario Sant Joan de Déu. Ha un Master in Riproduzione Umana dell'Università Complutense di Madrid ed è attualmente direttore medico della Clinica Tambre di Madrid. Continua a leggere Dra. Laura García de Miguel
Numero associato: 280843059
 Marta Barranquero Gómez
Marta Barranquero Gómez
Embriologa
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV) e specializzato in Riproduzione Assistita presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH) in collaborazione con Ginefiv e in Genetica Clinica presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH). Continua a leggere Marta Barranquero Gómez
Numero associato: 3316-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.