Indicazioni della Microiniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI)

Da (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 29/09/2020

L'iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI) è una tecnica di riproduzione assistita che viene utilizzata più spesso per fecondare gli ovuli in laboratorio durante un trattamento di fecondazione in vitro (FIVET).

In precedenza, si era soliti fecondare gli ovuli con il metodo convenzionale: gli ovuli e lo sperma venivano incubati insieme per alcune ore fino a quando non si univano. Al contrario, l'ICSI è sempre più utilizzata senza la necessità di un chiaro beneficio per i pazienti.

Nonostante ciò, l'ICSI è talvolta indicata, in quanto offre tassi di gravidanza migliori rispetto alla FIV convenzionale, soprattutto in presenza di gravi problemi di infertilità.

Infertilità maschile

La scarsa qualità seminale è uno dei motivi principali per utilizzare l'ICSI durante il trattamento di riproduzione assistita.

Il vantaggio dell'ICSI rispetto ad un fattore maschile, sia esso lievemente moderato o grave, è di poter scegliere lo sperma migliore per fecondare l'ovulo.

Pertanto, le indicazioni per l'ICSI tenendo conto della sterilità maschile sono le seguenti:

  • Oligozoospermia
  • Asthenozoospermia
  • Teratozoospermia
  • Cryptozoospermia
  • Azoospermia
  • Combinazione di alterazioni, come oligoastenotheratozoospermia

Nei casi più lievi, sarà necessario valutare se eseguire una FIV convenzionale o una ICSI, ma quando il fattore spermatico è grave, l'ovulo può essere fecondato solo con la microiniezione di uno spermatozoo al suo interno.

Si noti che, in totale assenza di spermatozoi, gli spermatozoi per l'ICSI dovranno essere preventivamente ottenuti con una biopsia testicolare o aspirazione dell'epididimo, che sarà possibile se il tipo di azoospermia è ostruttiva.

Quando l'azoospermia è secretoria, non ci sarà formazione di sperma e quindi l'unica opzione riproduttiva per il maschio sarà la donazione di sperma. Altre indicazioni relative all'uomo per l'ICSI sono le seguenti:

  • Aneiaculazione o eiaculazione retrograda, in cui si può ottenere lo sperma dalle urine.
  • Uomini con malattie infettive, come l'HIV o l'epatite
  • Campioni di sperma di valore: sperma congelato in pazienti che si sono sottoposti a radioterapia/chemioterapia o uomini che hanno subito una vasectomia.

Se siete interessati a saperne di più, potete inserire il seguente post: Cosa causa la sterilità maschile?

Infertilità femminile

È più raro trovare un'indicazione femminile specifica che richieda un ICSI. Tuttavia, possiamo citare i seguenti casi:

Il motivo per utilizzare l'ICSI quando si ottengono poche o scarse uova di scarsa qualità è quello di garantire che la fecondazione avvenga.

In situazioni in cui la zona pellucida degli ovuli si ispessisce, sarà difficile che gli spermatozoi la attraversino da soli in una FIV convenzionale. Pertanto, è necessario microiniezioni. Gli embrioni risultanti da questa fecondazione avranno probabilmente bisogno di una schiusa assistita.

Altre indicazioni

Ci sono altre situazioni in cui è necessario ricorrere ad un ICSI, sia per altre cause di sterilità, sia perché le condizioni del trattamento lo richiedono. Ecco alcuni esempi:

  • Fallimenti di fecondazione
  • Precedenti fallimenti di FIVET
  • Fallimenti precedenti di inseminazione artificiale
  • Sterilità immunologica da anticorpi antisperma
  • Microiniezione di salvataggio per la non fertilizzazione dopo la FIV convenzionale
  • Nella maturazione in vitro degli ovociti
  • Fecondazione in vitro con diagnosi genetica preimpianto (DGP)
  • Quando si utilizzano ovuli o sperma di una donatrice
  • Nella devetrificazione degli ovuli

Nel caso della DGP, le uova vengono sempre fecondate dall'ICSI per evitare che le cellule di granulosa rimangano attaccate alla sua superficie, poiché queste potrebbero contaminare il blastomero biopsiato e causare un errore diagnostico.

D'altra parte, quando le uova provengono da una devitrificazione, è anche necessario microiniettarle tramite ICSI in quanto sono decumulate, cioè senza cellule granulose intorno ad esse.

Prima di fare un ICSI o vitrificazione degli ovuli, è necessario fare una decumulazione per rimuovere le cellule dal gruppo che lo circonda.

Per tutti questi motivi, la tecnica ICSI è quella che ha permesso di preservare la fertilità delle donne. Se gli ovuli non potevano essere fecondati dall'ICSI, non potevano nemmeno essere preventivamente vitrificati.

Domande più frequenti

Uno spermatozoo immobile potrebbe fecondare l'ovulo attraverso l'ICSI?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Sì. L'ICSI viene utilizzato anche in casi gravi di astenozoospermia. Se non è possibile trovare sperma in movimento, uno spermatozoo immobile verrà microiniettato. La fecondazione è possibile finché questo spermatozoo era vivo e il suo DNA era intatto.

Qual è l'indicazione principale per fare la FIVET con l'ICSI?

Da Dr. Óscar Oviedo Moreno (ginecologo).

Esistono due tipi di tecniche di fecondazione in vitro: la FIVET stessa e l'iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi. L'indicazione principale per eseguire una FIVET è un conteggio di spermatozoi mobili superiore a 3 milioni di spermatozoi. Pertanto, qualsiasi campione di sperma al di sotto di questo conteggio sarà indicativo di ICSI (grave fallimento maschile).

Altre possibili indicazioni per l'ICSI sarebbero il precedente fallimento della FIVET, campioni di sperma con teratozoospermia o pazienti che richiedono un trattamento con diagnosi genetica preimpianto.

L'ICSI è efficace come la FIV convenzionale?

Da Zaira Salvador (embriologa).

In genere, l'ICSI offre un tasso di gravidanza più elevato rispetto alla FIV convenzionale. Tuttavia, questo dipende molto dalla causa della sterilità e dalla capacità dell'embriologo di microiniettare lo sperma nell'ovulo. Va notato che il personale del laboratorio deve avere molta pratica ed esperienza per poter eseguire correttamente questa tecnica.

Un uomo con teratozoospermia può avere l'ICSI?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Infatti, è una delle indicazioni maschili, poiché l'ICSI permette la selezione dello spermatozoo con la migliore morfologia per la microiniezione. Inoltre, per i casi di teratozoospermia grave, esiste una tecnica migliorata dell'ICSI chiamata IMSI, che permette di osservare gli spermatozoi in modo più dettagliato per una migliore selezione.

Potete saperne di più qui: Cos'è l'IMSI?

Qual è il successo dell'ICSI con la PGD?

Da Zaira Salvador (embriologa).

La diagnosi genetica preimpianto spesso influisce sullo sviluppo degli embrioni, per cui si ottengono tassi di successo inferiori. In questo caso, la probabilità di consegna per ciclo con PGD è del 14%.

Lettura consigliata

L'ICSI è un ulteriore passo nel lungo processo di fecondazione in vitro. Se volete sapere in dettaglio come si svolge l'intero trattamento, vi consigliamo di leggere il seguente post: Come avviene il processo ICSI passo dopo passo?

A volte è difficile stabilire se sia meglio fare la FIVET convenzionale o l'ICSI. Nel seguente articolo parliamo di questo: FIVET o ICSI?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

Dr. Óscar Oviedo Moreno
Dr. Óscar Oviedo Moreno
Ginecologo
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Caldas (Colombia) e specialista in Medicina Interna della Pontificia Universidad Javeriana di Bogotà. Laurea approvata in Spagna nel 2003. Specializzato in Ginecologia e Ostetricia presso l'Università Complutense di Madrid, con formazione presso l'Ospedale Clínico Universitario San Carlos de Madrid. Esperto in Medicina della Riproduzione e laureato in Ecografia Ostetrico- Ginecologica (livelli I, II e III). Continua a leggere Dr. Óscar Oviedo Moreno
Numero associato: 282858310
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.