Che cos’è l’impianto embrionale e quando avviene?

Da (ginecologo), (embriologa), (embriologa clinica senior), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 24/09/2020

L'impianto dell'embrione è il processo attraverso il quale l'embrione, che ha circa 7 giorni di vita dalla fecondazione, aderisce all'endometrio e inizia la gestazione.

Dopo questo, l'embrione inizierà il suo sviluppo e quello delle strutture che permettono la sua nutrizione, come il sacco vitellino e la placenta.

Inoltre, inizierà anche la sintesi dell'ormone beta-hCG e la donna sentirà i primi sintomi della gravidanza.

Di seguito trovate un indice con i 7 punti che tratteremo in questo articolo.

Condizioni per l’impianto

L'impianto di embrioni non si ottiene in tutti i cicli mestruali, anche se il sesso non protetto viene effettuato durante i giorni fertili. È necessario creare il giusto ambiente uterino, dove l'endometrio e l'embrione possano interagire.

Pertanto, l'impianto non è sicuro al 100% nemmeno nei cicli di riproduzione assistita, anche se la fecondazione ha avuto luogo in laboratorio e gli embrioni di buona qualità vengono trasferiti.

In seguito discuteremo i fattori più importanti per l'impianto di un embrione e quindi per ottenere una gravidanza.

Fattori legati all'embrione

Affinché un embrione possa attaccarsi all'endometrio, deve essere allo stadio di blastocisti. In questa fase del suo sviluppo, ha circa 200-400 celle e si compone di due parti ben differenziate:

Massa interna della cellula
è ciò che alla fine darà origine all'embrione.
Trophoectoderm
sono le cellule più esterne che formeranno la placenta e altri attacchi embrionali.

Inoltre, prima dell'impianto la blastocisti deve anche essersi staccata dalla sua zona pellucida, lo strato esterno che la circonda, e aver raggiunto il suo massimo grado di espansione: la blastocisti nata.

Un altro fattore molto importante che determinerà se l'impianto si verifica è la qualità dell'embrione, che può essere valutata solo in pazienti sottoposti a trattamento di fecondazione in vitro (FIVET).

D'altra parte, nei cicli in cui la fecondazione avviene naturalmente nelle tube di Falloppio, deve avvenire anche il corretto trasporto dell'embrione dalla provetta all'utero.

Fattori legati all'endometrio

L'endometrio è lo strato più interno dell'utero, che si rinnova ad ogni ciclo mestruale per accogliere l'embrione durante la gravidanza. Per questo motivo, se l'impianto non viene effettuato, l'endometrio si sviluppa e viene rimosso ogni mese sotto forma di mestruazione.

Durante tutto il ciclo mestruale, l'endometrio si ispessisce e cambia gradualmente grazie all'azione degli ormoni sessuali femminili: estrogeni e progesterone. Affinché l'impianto embrionale possa avvenire, l'endometrio deve essere ricettivo. Questo si ottiene quando il suo spessore endometriale è compreso tra 7-10 mm e sembra trilaminato.

Oltre a questo, alcune molecole devono essere espresse anche nell'utero, come citochine, integrine, molecole di adesione e fattori di crescita, che sono responsabili di mediare un dialogo stretto con l'embrione.

Quando avviene l'impianto?

Come abbiamo già detto, il nidificazione dell'embrione avverrà solo quando l'endometrio sarà ricettivo. L'endometrio è ricettivo durante la fase nota come finestra di impiantoche dura circa 4 giorni.

Per la maggior parte delle donne, la finestra di impianto va dal 20° giorno al 24° giorno del ciclo mestruale. A questo punto, se la fecondazione è avvenuta, la blastocisti avrà circa 6 o 7 giorni e sarà pronta per l'impianto.

Tuttavia, ci sono donne con una finestra di impianto spostata, che può portare al fallimento dell'impianto e alla sterilità.

In breve, l'impianto avviene in un momento specifico del ciclo mestruale, quando l'endometrio passa da uno stato non ricettivo a uno ricettivo sotto l'influenza degli ormoni e c'è sincronia tra l'embrione e l'endometrio.

Fasi di impianto

Una volta stabilito il dialogo tra l'embrione e l'endometrio materno, avviene l'impianto embrionale o il nidificazione, di solito nel terzo medio della parte posteriore dell'utero.

Descriveremo ora ciascuna delle fasi in cui si articola questo periodo di attuazione.

Trattenimento e pre-contatto

Intorno ai 5 e 6 giorni di sviluppo, l'embrione inizia a schiudersi fino a quando non perde la sua zona pellucida, la membrana proteica esterna che lo protegge nei primi giorni dopo la fecondazione.

Con l'aumento delle dimensioni dell'embrione, la zona pellucida si assottiglia fino a rompersi. Infine, l'embrione riesce a lasciarlo attraverso una serie di contrazioni e comincia ad interagire con l'endometrio.

Nei pazienti sottoposti a trattamento di FIVET, è possibile trasferire nell'utero blastocisti già covate, sia perché la cova è avvenuta in coltura, sia perché è stata effettuata l'eclosione assistita.

L'eclosion assistita può promuovere l'impianto di embrioni. Se siete interessati a leggere questo articolo, potete accedere al seguente post: L’eclosione assistita prima di un trasferimento.

Opposizione

Durante questa fase, l'embrione cerca la sua posizione sul tessuto endometriale e rimane immobile mentre si orienta, in modo che la sua massa cellulare interna punti verso l'endometrio per consentire la corretta formazione della placenta in seguito.

I cosiddetti pinopodi svolgono qui un ruolo molto importante: proiezioni citoplasmatiche delle cellule epiteliali endometriali che aiutano la blastocisti ad entrare in contatto.

È stato dimostrato che questi pinopodi sono chiari marcatori morfologici della ricettività endometriale e compaiono solo durante la finestra di impianto, scomparendo intorno al 24° giorno del ciclo.

Adesione

Il trofoectoderma della blastocisti aderisce all'epitelio endometriale ed è legato dall'azione delle molecole di adesione: integrine β1, β3 e β4, L-selectine, proteoglicani, fibronectine, ecc.

Ciò avviene circa 7 giorni dopo la fecondazione, quando la blastocisti ha già un diametro di 300-400 µm.

Invasione

La blastocisti, più precisamente il trofoblasto o trofoectoderma embrionale, prolifera nell'endometrio, sposta le cellule epiteliali e infine invade lo stroma endometriale, entrando in contatto con il sangue della madre.

L'intero meccanismo di invasione è controllato da citochine, molecole che fungono da mediatori dell'impianto e permettono un dialogo tra l'embrione e l'endometrio.

In risposta a questo dialogo, si attiva la blastocisti e si avvia la differenziazione del trofoblasto in citofago e sintrofago.

In particolare, è il synthotrophoblast che acquisisce la capacità invasiva. Sintetizza enzimi proteolitici come serinproteasi, metalloproteasi e collagenasi che rompono la membrana basale dell'epitelio endometriale e permettono l'ingresso completo della blastocisti.

Questa distruzione dell'endometrio durante la penetrazione del sinistrofilo è la causa della leggera emorragia vaginale di cui soffrono alcune donne e che può essere confusa con una mestruazione anomala. E' la ben nota emorragia da impianto.

Anche se a prima vista può sembrare semplice per una blastocisti impiantare nell'endometrio materno, questo processo è molto complesso e non ancora pienamente compreso.

Domande più frequenti

Quanto sono importanti le citochine nel processo di impianto embrionale?

Da Dr. Manuel Muñoz (ginecologo).

Le citochine sono proteine che regolano le interazioni tra le diverse cellule del corpo e quindi contribuiscono al "dialogo" tra di esse. È logico pensare che questa interazione o dialogo tra l'endometrio e l'embrione sia modulato, tra l'altro, da questo insieme di proteine chiamate citochine. La loro funzione è fondamentale, e ogni giorno si capisce un po' meglio quale sia il loro ruolo e quale sia la loro reale rilevanza.

Qual è la differenza tra fecondazione e impianto?

Da Sara Salgado (embriologa).

La fecondazione è l'unione tra l'ovulo e lo sperma per creare un nuovo essere: l'embrione, che si svilupperà durante tutta la gravidanza. L'impianto, invece, è il processo attraverso il quale l'embrione entra nell'endometrio (lo strato che ricopre l'utero internamente) per formare la placenta e quindi potersi nutrire e crescere durante la gravidanza.

Cosa viene impiantato? L'ovulo, l'embrione o il feto?

Da Sara Salgado (embriologa).

L'embrione è quello che penetra l'endometrio durante l'impianto. Una volta avvenuta la fecondazione, non si parla più di ovulo, ma di cigote. Una volta formato lo zigote, si divide per dare origine a quello che chiamiamo embrione. A partire dall'ottava settimana di gravidanza, l'embrione viene chiamato feto.

Sentite dolore durante l'impianto embrionale?

Da Sara Salgado (embriologa).

Si può notare un leggero disagio come con le mestruazioni, ma non ci sono dolori significativi. Normalmente la donna non si accorge di nulla e non si rende conto che l'impianto è avvenuto fino a quando non fa un test di gravidanza e risulta positiva.

L'impianto embrionale può essere impiantato in modo anomalo?

Da Sara Salgado (embriologa).

Sì, può impiantarsi nel posto sbagliato al di fuori dell'utero. Si tratta di una gravidanza ectopica e può verificarsi, ad esempio, nelle tube di Falloppio.

È anche possibile che l'embrione si impianti correttamente nell'endometrio ma non possa continuare il suo sviluppo, cioè che porti ad una gestazione non rivoluzionaria. Questo può accadere perché c'è una certa alterazione nell'embrione, sia nel suo sviluppo che nei suoi geni.

Un esempio di gestazione non rivoluzionaria è la gravidanza biochimica, in cui si forma il sacco gestazionale, ma non c'è il feto al suo interno. In questo tipo di gravidanza si verifica un aborto spontaneo, di solito molto precoce.

Come faccio a sapere se l'embrione si è impiantato? Ci sono sintomi?

Da Sara Salgado (embriologa).

Per scoprire se si è verificato un impianto, è necessario effettuare un test di gravidanza. È necessario attendere, a circa 15 giorni dall'ovulazione, o fino a un ritardo nelle mestruazioni, affinché il risultato di questo test sia affidabile.

Una donna può anche avere sintomi di gravidanza come il sanguinamento da impianto.

Potete consultare questo articolo per saperne di più sui sintomi che possono apparire dopo l'impianto embrionale: Sintomi dell'impianto.

C'è un modo per incoraggiare l'impianto?

Da Sara Salgado (embriologa).

Ci sono una serie di trucchi che possono aiutare a migliorare le possibilità di impianto. Avere un umore positivo, ridurre lo stress, mantenere una dieta equilibrata, fare esercizio fisico moderato ed evitare sostanze nocive come l'alcool, il tabacco e la caffeina possono contribuire in qualche modo ad ottenere l'impianto.

Quanti giorni ci vogliono per l'impianto dell'ovulo fecondato?

Da Zaira Salvador (embriologa).

L'impianto dell'embrione dura circa 4-5 giorni, dal momento in cui la blastocisti si schiuderà fino a quando il trofoectoderma invaderà completamente l'endometrio.

Questo avviene tra i 5 e gli 8 giorni di sviluppo embrionale, cioè il tempo necessario all'embrione per impiantarsi dopo la fecondazione tra l'ovulo e lo sperma.

Lettura consigliata

Nel corso di una gestazione, l'impianto embrionale avviene nella quarta settimana di gravidanza, prima dell'inizio del secondo mese. Se volete conoscere tutti i dettagli che accadono in questa settimana, potete continuare a leggere qui: Settimana 4 di gravidanza.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Norberto López Serna. Biología del desarrollo. Cuaderno de trabajo. Capítulo 9: Implantación. McGraw-Hill 2012; ISBN: 978-607-15-0657-3

Mardon H, Grewal S, Mills K. Experimental models for investigating implantation of the human embryo. Semin Reprod Med 2007; 25:410 – 417.

Borini A, Lagalla C, Cattoli M, Sereni E, Sciajno R, Flamigni C, Coticchio G: Predictive factors for embryo implantation potential. Reprod Biomed Online 2005, 10:653–668.

Domande più frequenti: 'Quanto sono importanti le citochine nel processo di impianto embrionale?', 'Qual è la differenza tra fecondazione e impianto?', 'Cosa viene impiantato? L'ovulo, l'embrione o il feto?', 'Sentite dolore durante l'impianto embrionale?', 'L'impianto embrionale può essere impiantato in modo anomalo?', 'Come faccio a sapere se l'embrione si è impiantato? Ci sono sintomi?', 'C'è un modo per incoraggiare l'impianto?' e 'Quanti giorni ci vogliono per l'impianto dell'ovulo fecondato?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dr. Manuel Muñoz
Dr. Manuel Muñoz
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia all'Università di Alicante nel 1992. Specialista in Ostetricia e Ginecologia e Dottore in Medicina dell'Università di Valencia (2012). Sottospecialità in Medicina della Riproduzione all'IVI Valencia. Livello III di ecografia del SESEGO. Direttore di IVI Alicante e IVI Elche. Continua a leggere Dr. Manuel Muñoz
Numero associato: 3005457
 Sara Salgado
Sara Salgado
Embriologa
Laureato in Biochimica e Biologia Molecolare presso l'Università dei Paesi Baschi (UPV/EHU), con un Master in Riproduzione Umana Assistita dell'Università Complutense di Madrid (UCM). Esperto universitario in Tecniche diagnostiche genetiche dell'Università di Valencia (UV). Continua a leggere Sara Salgado
Dra. Silvia Jiménez Bravo
Dra. Silvia Jiménez Bravo
Embriologa clinica senior
Laurea e dottorato di ricerca in Biologia presso l'Università Complutense di Madrid (UCM). Certificazione in Embriologia Clinica da parte dell'Associazione per lo Studio della Biologia della Riproduzione (ASEBIR). Direttore del laboratorio di Embriologia presso Reprofiv. Continua a leggere Dra. Silvia Jiménez Bravo
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.