Il processo della Fecondazione In Vitro

Da (embriologa), (ginecologa), (ginecologo), (embriologa), (ginecologo) e (invitra staff).
Aggiornato il 24/09/2020

La fecondazione in vitro (FIVET) si riferisce all'unione dell'ovulo della donna e dello sperma dell'uomo in laboratorio con l'obiettivo di generare embrioni.

La procedura per la FIV convenzionale e la FIV con iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (FIV-ICSI) è la stessa, tranne che per una fase: l'unione dell'ovulo e dello sperma. Pertanto, questo articolo descriverà in dettaglio ciascuna delle fasi necessarie per effettuare una FIVET in modo generale.

D'altra parte, il processo di FIVET non cambia se viene effettuato in una clinica privata o presso la Sistema Nazionale Sanitaria. L'unica differenza sarà data dai tempi di attesa e dai costi di elaborazione.

Cos'è il processo di FIV?

Fecondazione in vitro significa fondere i gameti (ovuli e sperma) in laboratorio per creare embrioni che saranno poi trasferiti nell'utero della donna per ottenere una gravidanza.

Prima di entrare a far parte dei gameti, è necessario seguire una serie di passi. Ognuno di questi è descritto in dettaglio qui di seguito.

Stimolazione ovarica controllata

La stimolazione ovarica consiste nel somministrare ormoni specifici alle donne per due scopi principali:

  1. Per ottenere che tutti gli ovuli che iniziano a crescere in quel ciclo, raggiungere la fase finale di maturazione. Nel ciclo naturale di una donna, solo uno degli ovuli raggiunge lo stadio finale di maturazione, che sarà rilasciato allo stadio dell'ovulazione. Pertanto, maggiore è la quantità e la qualità degli ovuli, maggiore è la probabilità di ottenere embrioni e il tasso di gravidanza aumenterà.
  2. Monitorare il ciclo ovarico e sapere approssimativamente quando le uova sono mature e quindi quando avverrà l'ovulazione. Questo aumenta le possibilità di successo.

Ci sono diversi protocolli medici per stimolare l'ovaio, anche se in genere consistono nella somministrazione di gonadotropine e analoghi di GnRH. Il medico stabilirà il trattamento più appropriato per ogni paziente.

Normalmente, la stimolazione ovarica dura 6-10 giorni, durante i quali la paziente dovrà visitare regolarmente il medico ogni 2 o 3 giorni. In questo modo, lo specialista monitorerà l'evoluzione dell'ovaio e potrà programmare la puntura al momento opportuno, cioè quando i follicoli ovarici raggiungeranno una dimensione di 16-18 mm.

In un'intervista con la dottoressa Elena Martin ci dice questo:

La stimolazione ovarica consiste nell'iniezione, generalmente sottocutanea, degli ormoni coinvolti nel processo di riproduzione, per circa 9-14 giorni.

Se volete conoscere i dettagli esatti di questa fase, visitate questo link: Stimolazione dell'ovaia.

Puntura follicolare

Una volta che i follicoli ovarici raggiungono la dimensione desiderata, il passo successivo è quello di ottenere le uova per puntura follicolare o ovarica. Si tratta di un intervento chirurgico eseguito in anestesia in cui il ginecologo perfora i follicoli ovarici ("sacche" contenenti gli ovuli) e ne aspira il contenuto. Decumulazione: in laboratorio, il liquido ottenuto dalla puntura viene analizzato alla ricerca degli ovuli.

Questo processo dura circa 30 minuti e il paziente non sente alcun dolore. Inoltre, la donna può tornare a casa quando la puntura ovarica è completa, quindi non è necessario il ricovero in ospedale.

Se volete saperne di più sulla puntura follicolare, potete visitare questo articolo: Che cos'è la puntura ovarica in un processo di FIVET?

Raccolta e preparazione dello sperma

Il campione di sperma si ottiene per masturbazione dopo un periodo di astinenza sessuale compreso tra 3 e 5 giorni. Pochi minuti dopo l'eiaculazione, il campione passa attraverso un processo noto come capacitazione dello sperma, che consiste nel rimuovere lo sperma di scarsa qualità e il plasma seminale. Così, il campione è concentrato in spermatozoi con motilità progressiva.

Ci sono alcuni casi in cui la masturbazione non permette di ottenere spermatozoi, per cui si cercherà di ottenerli mediante biopsia testicolare o aspirazione dell'epididimo. Questo tipo di campione richiede la fecondazione con il metodo ICSI, a causa della bassa quantità e della scarsa qualità dello sperma.

Fecondazione o fusione dei gameti

La fecondazione si riferisce al momento in cui l'ovulo e lo sperma si fondono per riunire la dotazione genetica di entrambi i genitori e dare origine al nuovo essere. L'unione può avvenire con più o meno intervento dell'embriologo. Tuttavia, in generale funziona come segue:

FIVET convenzionale
l'embriologo si limita a collocare gli ovuli e lo sperma nella stessa piastra di coltura, in attesa che quest'ultimo sia in grado di penetrare l'ovulo.
ICSI
l'embriologo è colui che deposita direttamente lo sperma all'interno dell'ovulo.

Nel seguente articolo si possono leggere tutte le differenze tra questi due tipi di fecondazione in vitro: Differenze tra FIV convenzionale e ICSI.

Controllo della fecundazione

Quando sono trascorse tra le 16 e le 20 ore dalla fecondazione, l'embriologo controlla se l'ovulo è stato correttamente fecondato o se c'è stato un errore che ha impedito la fusione. Per fare questo, analizza la presenza dei due corpuscoli polari (PC) e dei due pronuclei (NP), che si fonderanno per dare origine allo zigote (embrione monocellulare).

Coltivazione degli embrioni

Gli zigoti sono lasciati nella cultura per continuare la loro evoluzione, passando attraverso lo stadio embrionale e la blastocisti. Questi embrioni saranno lasciati in un'incubatrice specifica che mantiene le condizioni ideali di temperatura e di gas per la crescita embrionale fino al momento del trasferimento nell'utero della madre. Durante il periodo di permanenza in incubatrice, le loro condizioni saranno analizzate e la loro qualità sarà determinata.

Preparazione dell'endometrio

La paziente riceverà dei farmaci ormonali diversi dalla stimolazione ovarica per rendere il suo endometrio ricettivo, cioè in grado di interagire con l'embrione in modo che possa impiantarsi e iniziare la gravidanza.

L'endometrio deve avere un aspetto trilaminare e uno spessore di circa 7-10 mm per favorire l'impianto embrionale.

Nella maggior parte dei casi, il farmaco per la preparazione dell'endometrio è costituito da estrogeni e progesterone. Questi farmaci possono essere somministrati per via vaginale, orale o come cerotti. Se la FIVET viene effettuata allo stato fresco, il rilascio naturale di estrogeni viene spesso sfruttato e viene somministrato solo progesterone per sostenere la fase luteale.

Trasferimento di embrioni

In base alla qualità degli embrioni, viene selezionato l'embrione migliore, cioè quello con il maggior potenziale di impianto. Questo embrione viene trasferito nell'utero della futura madre attraverso una cannula specifica, in attesa di essere impiantato nell'endometrio uterino e quindi di produrre una gravidanza.

Il trasferimento è indolore e a breve termine. È un processo semplice che viene eseguito dal ginecologo in ufficio o in sala operatoria senza bisogno di anestesia.

Si consiglia di leggere questo articolo per maggiori informazioni relative a questa fase della FIVET: Trasferimento di embrioni: quando e come viene effettuato .

Congelamento degli embrioni

La legislazione spagnola consente il trasferimento di un massimo di tre embrioni, anche se uno o in alcuni casi due sono comuni. Tuttavia, il numero di embrioni ottenuti in un ciclo di FIVET può essere più alto. Per questo motivo, ci sono tre possibili destinazioni per quegli embrioni di buona qualità che non devono essere trasferiti:

  • Crioconservare gli embrioni per futuri trasferimenti di embrioni.
  • Donazione di embrioni ad altre persone con problemi di fertilità.
  • Donazione di embrioni à la la ricerca.

Il Dr. Miguel Dolz dettaglia nel video seguente i possibili destini di questi embrioni in eccesso:

Utilizzateli dalla coppia stessa per poter avere un secondo figlio o per riprovarci se non hanno ottenuto una gravidanza senza dover affrontare l'intero processo, donateli a scopo di ricerca sempre nel rispetto della legge, donateli a scopo riproduttivo se i requisiti di legge sono soddisfatti e, infine, distruggeteli quando la vita fertile della donna è terminata.

Test di gravidanza

Una volta effettuato il trasferimento embrionale, la donna dovrà attendere tra i 10 e i 15 giorni per effettuare un test di gravidanza e verificare se il trattamento FIVET ha avuto successo.

Il test di gravidanza può essere fatto sia sulle urine che sul sangue. Entrambe le tecniche si basano sul rilevamento dell'ormone beta-hCG, noto come "l'ormone della gravidanza". Per questo motivo, il periodo tra il trasferimento e il test di gravidanza è noto come "beta-spera".

Prezzo della FIVET

Il costo della fecondazione in vitro varia a seconda del centro in cui viene eseguito il trattamento e delle caratteristiche di ogni paziente. Può costare tra 3000 e 5000€.

Va notato che molti dei passaggi discussi sopra non sono inclusi nel budget iniziale, come il congelamento degli embrioni. Questo è considerato un processo separato e il suo prezzo è di 300-600€. Lo stesso vale per i farmaci per la stimolazione e per la preparazione dell'endometrio, che rende il trattamento circa 1000-1500€ più costoso.

La coppia deve essere ben informata su tutto ciò che è compreso nel budget iniziale, una volta deciso che il trattamento di procreazione assistita verrà effettuato.

È importante tenere presente che non sempre la gravidanza si ottiene al primo tentativo. Pertanto, si dovrebbe verificare il costo di ulteriori tentativi di intervento presso la clinica e se si effettua un qualsiasi tipo di sconto.

Domande più frequenti

Le pillole anticoncezionali vengono sempre somministrate prima di un trattamento di fertilità?

Da Manuel Aparicio Caballero (ginecologo).

Non necessariamente. Un ciclo di stimolazione ovarica può iniziare tra il 1° e il 4° giorno delle mestruazioni senza l'uso di contraccettivi. Tuttavia, hanno molti usi nella nostra specialità.

I contraccettivi possono essere somministrati perché alcune cisti follicolari (chiamate anche follicoli persistenti) vengono osservate prima di eseguire una stimolazione ovarica. In questo caso, vengono utilizzati per almeno 14-15 giorni per ridurre il follicolo e lasciare le ovaie allo stato basale, pronte per iniziare la stimolazione ovarica. Sono molto utili anche nelle pazienti con endometriosi, poiché, in alcuni casi, possono ridurre i sintomi e le dimensioni di alcuni endometriomi.

Uno dei principali vantaggi dei contraccettivi è che riducono il rischio di asincronia durante la stimolazione ovarica. Un'asincronia non è altro che la crescita accelerata di alcuni follicoli e, quindi, un risultato peggiore quando si esegue la puntura ovarica. In questo modo si otterrebbero molti meno ovociti rispetto al paziente e un risultato non ottimale.

Un altro vantaggio è che aiutano a pianificare l'inizio della stimolazione ovarica e quindi la distribuzione del carico di lavoro dei centri di riproduzione assistita. Tuttavia, l'abuso di contraccettivi per più di 2 settimane prima di una stimolazione ovarica può portare a una risposta più lenta e a risultati peggiori.

Com'è la procedura FIVET con gli embrioni congelati?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

La FIV con embrioni congelati consiste direttamente nella preparazione dell'endometrio e nel trasferimento degli embrioni nell'utero della madre. Le fasi della stimolazione ovarica, della puntura follicolare e della coltura embrionale sono bypassate, poiché gli embrioni sono già stati creati e crioconservati.

Qual è la durata della procedura di fecondazione in vitro?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

La fecondazione in vitro dura circa un ciclo femminile, cioè circa 30 giorni. Dall'inizio del ciclo mestruale, che è segnato dal momento del ciclo mestruale, la donna comincia ad essere stimolata. Circa 6-10 giorni dopo si programmerà la puntura follicolare, in cui si otterranno gli ovuli, che saranno fecondati e daranno origine agli embrioni. Questi saranno tenuti in coltura e dopo 3-5 giorni, a seconda dei casi, saranno trasferiti nell'utero della madre. A questo punto, saranno passati circa 15 giorni.

Due settimane dopo il trasferimento, saremo in grado di fare il test di gravidanza e verificare se il trattamento ha avuto successo.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

ACE, Association of Clinical Embryologists (2003). Accreditation Standards and Guides for IVF Laboratories.

Alper M, Brinsden PR, Fischer R, Wikland M (2002). Is your IVF program good? Hum Reprod; 17: 8-10.

Bourgain C, Devroey P. The endometrium in stimulated cycles for IVF. Hum Reprod Update 2003;9:515 – 522.

Brian, K. (2010). The Complete Guide to IVF: An Insider’s Guide to Fertility Clinics and Treatments. Published by Hachette Digital, Londres.

The Practice Committee of the American Society for Reproductive Medicine and the Practice Committee of the Society for Assisted Reproductive Technology. Criteria for number of embryos to transfer: a committee opinion. Fertil Steril 2013; 99(1):44-6.

Gianaroli L, Plachot M, van Kooij R, Al-Hasani S, Dawson K, DeVos A, Magli MC, Mandelbaum J, Selva J, van Inzen W (2000). ESHRE guidelines for good practice in IVF laboratories. Committee of the Special Interest Group on Embryology of the European Society of Human Reproduction and Embryology. Hum Repro; 15: 2241-6.

Lenton, E. (1993) Natural cycle versus stimulated cycle IVF. /. Assist. Reprod. Genet., 10,406-08.

Mantikou E, Youssef MA, van Wely M, van der Veen F, Al-Inany HG, Repping S, et al. Embryo culture media and IVF/ICSI success rates: a systematic review. Hum Reprod Update 2013;19:210–20.

Mayer J, Jones EL, Dowling-Lacey D, Nehchiri F, Muasher SJ, Gibbons WE, Oehninger SC. Total quality improvement in the IVF laboratory: choosing indicators of quality. Reprod BioMed Online 2003;7:695- 9.

Nijs, M. and Geerst, L. (1993) Prevention of multiple pregnancies in an IVF program. Fertil. Steril., 59, 1245-1250.

Domande più frequenti: 'Le pillole anticoncezionali vengono sempre somministrate prima di un trattamento di fertilità?', 'Com'è la procedura FIVET con gli embrioni congelati?' e 'Qual è la durata della procedura di fecondazione in vitro?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
Dra. Elena Martín Hidalgo
Dra. Elena Martín Hidalgo
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia all'Università di Salamanca, con specializzazione in Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Virgen de la Salud di Toledo. È specialista in medicina della riproduzione e attuale direttore medico della clinica Reprofiv. Continua a leggere Dra. Elena Martín Hidalgo
Numero associato: 28454504653
 Manuel Aparicio Caballero
Manuel Aparicio Caballero
Ginecologo
Laureato in Medicina presso l'Università di Murcia, specializzato in Ostetricia e Ginecologia, e Master in Riproduzione Umana presso l'Università Rey Juan Carlos e l'IVI. Attualmente è ginecologo presso la Clinica della fertilità di Tahe. Continua a leggere Manuel Aparicio Caballero
Numero associato: 303008030
 Marta Barranquero Gómez
Marta Barranquero Gómez
Embriologa
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV) e specializzato in Riproduzione Assistita presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH) in collaborazione con Ginefiv e in Genetica Clinica presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH). Continua a leggere Marta Barranquero Gómez
Numero associato: 3316-CV
Dr. Miguel Dolz Arroyo
Dr. Miguel Dolz Arroyo
Ginecologo
Laureato in Medicina e Chirurgia presso la Facoltà di Medicina dell'Università di Valencia nel 1988 e Dottorato in Medicina nel 1995, specializzato in Ostetricia e Ginecologia. È un esperto in Medicina della Riproduzione, con più di 20 anni di esperienza nel settore, ed è attualmente direttore medico e fondatore della FIV Valencia. Continua a leggere Dr. Miguel Dolz Arroyo
Numero associato: 464614458
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.