Come si fa un’inseminazione artificiale?

Da (embriologa), (embriologa), (embriologa), (ginecologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 19/10/2020

L'inseminazione artificiale (IA) è una tecnica di riproduzione assistita a bassa complessità che consiste nell'introdurre lo sperma nell'utero di una donna. Per fare questo, lo specialista controlla l'ovulazione con farmaci ormonali per aumentare la probabilità di gravidanza.

Si tratta di una procedura semplice che si svolge nella pratica ginecologica abituale. L'IA non richiede l'anestesia, in quanto una cannula di inseminazione è semplicemente inserita e non è dolorosa.

Cos'è il processo di IA?

L'inseminazione artificiale è un semplice processo di riproduzione assistita in cui il ginecologo è responsabile dell'introduzione degli spermatozoi, precedentemente formati in laboratorio, nell'utero della donna.

Il processo di inseminazione artificiale comprende le fasi di stimolazione, la raccolta dello sperma, l'elaborazione di laboratorio e l'inseminazione.

Stimolazione dell'ovulazione

Questa fase di IA dura tra i 10 e i 12 giorni. Al paziente devono essere somministrati quotidianamente farmaci ormonali in piccole dosi. Con questo farmaco, l'obiettivo è quello di stimolare l'ovaio in modo controllato per ottenere la maturazione di più di un uovo, che è ciò che accade naturalmente. È importante studiare lo sviluppo ovarico e regolare la dose di farmaci ormonali per evitare la maturazione di molte uova.

A differenza della fecondazione in vitro (FIV), normalmente solo 1-2 follicoli devono svilupparsi nell'IA. Se la stimolazione ovarica non è controllata, può aumentare il rischio di gravidanza multipla.

Controllo del ciclo

Come già detto, attraverso l'ecografia transvaginale si può controllare la maturazione dei follicoli. Inoltre, lo specialista richiederà un esame del sangue per valutare i livelli di estradiolo del paziente.

I follicoli sono le strutture dell'ovaio all'interno delle quali si sviluppano gli ovuli. Non tutti i follicoli visti contengono sempre un uovo, può succedere che il follicolo sia vuoto.

Quando il ginecologo osserva che la dimensione di uno o due follicoli raggiunge i 16-18 millimetri, l'ovulazione è indotta dalla somministrazione dell'ormone hCG.

Questo ormone viene somministrato di solito il giorno 12-14 del ciclo di una donna e viene fatto con una sola puntura. La funzione dell'ormone beta hCG è di permettere ai follicoli di rilasciare il loro contenuto, cioè le ovuli. Così, lasciano l'ovaia e vanno alle tube di Falloppio, dove attendono l'arrivo degli spermatozoi per la fecondazione.

Pertanto, l'inseminazione o l'introduzione del campione di sperma è prevista circa un giorno dopo, poiché l'ovulazione avviene 36 ore dopo la somministrazione di hCG.

Raccolta e preparazione dello sperma

Lo stesso giorno in cui viene eseguita l'IA, il campione di sperma viene raccolto per essere preparato in laboratorio. Il campione di sperma si ottiene per masturbazione dopo un periodo di astinenza sessuale compreso tra 3 e 5 giorni.

Una volta ottenuto lo sperma, esso viene lavorato in quello che è noto come capacitazione dello sperma. L'obiettivo è quello di concentrare il campione su spermatozoi di qualità superiore. In questo modo vengono rimossi lo sperma immobile, lo sperma morto e anche il plasma seminale.

Questo processo di selezione dello sperma avviene naturalmente in tutto il tratto riproduttivo femminile. Per quando, quando la capacitazione degli spermatozoi viene eseguito in laboratorio, facilita la selezione degli spermatozoi e aumenta le possibilità di successo del trattamento. Il campione di sperma condensato viene poi introdotto nella cannula di inseminazione.

Se si tratta di un'inseminazione artificiale da donatore (IAD), il campione di sperma deve essere stato congelato per almeno 6 mesi. Pertanto, sarà scongelato il giorno dell'inseminazione. L’capacitazione di tale campione può essere fatto sia prima del congelamento che dopo lo scongelamento.

Può anche accadere che il campione di sperma del partner venga congelato per motivi diversi. In tal caso, si applicherebbe la stessa procedura prevista per la IAD.

Potete leggere di più sul processo di preparazione dello sperma in questo articolo: Capacitazione dello esperma.

Inseminazione

Per eseguire la procedura di inseminazione vera e propria, la donna viene posta in posizione ginecologica e il medico inserisce la cannula carica di sperma attraverso la vagina nell'utero. Una volta lì, gli spermatozoi si depositano lentamente nella cavità uterina.

Per visualizzare il percorso della cannula e controllare il luogo di deposito degli spermatozoi, l'inseminazione viene effettuata in modo guidato dagli ultrasuoni, cioè sotto l'ecografia addominale. Grazie all'ecografia, possiamo anche evitare di lacerare le pareti uterine della paziente, che potrebbero compromettere l'impianto dell'embrione.

Il processo dell'IA non è doloroso, anzi, è simile ad un esame ginecologico o ad una citologia.

Lo sperma sopravvive all'interno del sistema riproduttivo femminile per 3-5 giorni, mentre l'ovulo ha un tempo di sopravvivenza di sole 24 ore. Pertanto, è importante eseguire l'inseminazione dopo aver indotto l'ovulazione con l'ormone hCG, in quanto questo assicura che l'ovulo e lo sperma si trovino nel tratto riproduttivo femminile.

Altre tecniche di inseminazione

L'IA viene solitamente eseguita per via intrauterina. Tuttavia, esistono altri tipi di inseminazione artificiale, anche se stanno diventando meno frequenti. Sono tutti elencati di seguito:

Inseminazione artificiale intrafallopica
lo sperma viene messo direttamente nelle tube di Falloppio. È molto insolito perché richiede un intervento maggiore che non è giustificato da un aumento significativo dei tassi di gravidanza.
Inseminazione artificiale intracervicale
gli spermatozoi si depositano sulla cervice, quindi devono viaggiare più lontano per raggiungere le tube di Falloppio che nell'inseminazione intrauterina.
Inseminazione artificiale intravaginale
gli spermatozoi sono posizionati sul fondo della vagina, proprio come avviene con i normali rapporti sessuali. Questo tipo di inseminazione artificiale viene utilizzato quando l'uomo non può eiaculare all'interno della vagina a causa di problemi come la disfunzione erettile o l'eiaculazione retrograda.
Inseminazione artificiale intrafollicolare
gli spermatozoi vengono applicati direttamente all'interno del follicolo, cioè intorno all'ovulo. In pratica, questo tipo di IA è in disuso, in quanto è molto complicato dal punto di vista tecnico e qualche tipo di lesione può essere creata più facilmente nel paziente. Inoltre, l'IA intrafollicolare non aumenta le possibilità di ottenere una gestazione rispetto all'inseminazione artificiale intrauterina.

Dopo l'inseminazione

Una volta effettuata l'inseminazione, la donna deve riposare per circa 15-30 minuti. Dopo questo periodo, il paziente può continuare la sua vita normale, anche se si raccomanda di non fare sforzi eccessivi e di avere un atteggiamento rilassato.

D'altra parte, gli specialisti spesso istruiscono le donne ad assumere progesterone vaginale per migliorare la preparazione dell'endometrio (strato interno dell'utero) e per aiutare gli embrioni ad impiantarsi nell'utero.

Una volta trascorsi 12-15 giorni dal momento dell'inseminazione, la paziente può sottoporsi ad un esame del sangue per l'ormone beta-hCG che determinerà se è stato impiantato o meno e quindi se è incinta. Un'altra opzione è quella di fare un test di gravidanza delle urine, anche se questi test sono di solito meno accurati delle analisi del sangue.

È importante che la paziente abbia pazienza e aspetti di fare il test di gravidanza il giorno indicato, poiché farlo in anticipo può portare a risultati errati (falsi positivi e falsi negativi). Secondo la dottoressa Valeria Sotelo:

Il tasso normale di gravidanza per l'inseminazione è di circa il 15-20%.

In caso di risultato negativo del test di gravidanza, l'inseminazione artificiale può essere eseguita nuovamente modificando il modello di stimolazione o controllando meglio i tempi dell'ovulazione. La donna può iniziare un nuovo ciclo di inseminazione artificiale consecutivo o può lasciare il prossimo tentativo per dopo. La possibilità di una gravidanza non è influenzata dalla spaziatura dei tentativi.

Prezzi

Se i pazienti non soddisfano i requisiti di servizio sanitario nazionale della loro comunità o non vogliono il servizio pubblico direttamente, possono recarsi in una clinica privata. In questo caso, il costo dell'IA può variare a seconda del centro, dei test inclusi nel budget o dell'origine del campione di sperma. Tuttavia, l'IA è una delle tecniche più economiche nella riproduzione assistita.

Il prezzo dell'IA con lo sperma della coppia, detta anche IA coniugale, varia da 600 a 1.000 euro. Al contrario, l'IA con sperma del donatore (AID) costa di più, tra i 1.100 e i 1.700 euro.

Inoltre, va notato che il prezzo dei farmaci per la stimolazione ovarica e la preparazione dell'endometrio non è normalmente incluso nel budget.

Domande più frequenti

Quanto dura il processo di inseminazione artificiale?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Se contiamo solo il momento effettivo dell'inseminazione, il tempo è di circa 15 minuti più altri 15-30 minuti di riposo. D'altra parte, se parliamo dell'intera procedura, compreso il tempo di somministrazione dei farmaci, parliamo di due mesi:

  • Un mese per controllare il ciclo con i contraccettivi
  • Due settimane di stimolazione ovarica fino all'ovulazione
  • Un giorno per il processo di inseminazione
  • Più o meno altre due settimane fino al test di gravidanza

In ogni caso, poiché dipendiamo dalla risposta di ogni donna ai farmaci e dalle caratteristiche di ogni situazione, i tempi possono essere leggermente modificati.

È necessario regolare il ciclo ovarico prima dell'inseminazione artificiale?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Anche se è comune monitorare da vicino il ciclo mestruale di una donna prima di iniziare il trattamento per l'inseminazione artificiale, questo non sempre viene fatto.

Il ginecologo molto probabilmente prescriverà un trattamento con contraccettivi ormonali un mese prima dell'IA, in quanto regolano il ciclo e facilitano il processo. Tuttavia, se la donna ha cicli molto regolari, è possibile che questo passo venga saltato.

L'inseminazione artificiale può essere fatta senza stimolazione ovarica, cioè senza prendere farmaci ormonali?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Sì, è la cosiddetta inseminazione artificiale ciclo naturale. Consiste nel controllare quando l'ovulazione naturale avviene per mezzo di ecografie ed effettuare l'inseminazione proprio il giorno stesso o il giorno prima.

La probabilità di successo sarebbe praticamente la stessa di quella ottenuta con i rapporti sessuali. E 'possibile che un po' più alto a causa della formazione dello sperma.

È più comune fare un'inseminazione singola o doppia? Qual è la differenza?

Da Sara Salgado (embriologa).

Entrambi i tipi di inseminazione sono di solito fatti allo stesso modo. La differenza principale è la tempistica dell'iniezione dell'ormone hCG per indurre l'ovulazione e che, in caso di doppia inseminazione, la donna deve venire in clinica due giorni di fila per ripetere il processo.
Continua a leggere

Quali sono i rischi associati all'inseminazione artificiale?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Come abbiamo indicato, questo processo è semplice e quindi soggetto a poche complicazioni e rischi. Gli unici problemi che potrebbero sorgere sono legati alla stimolazione ovarica.

Pertanto, è essenziale che questo trattamento sia controllato da uno specialista in grado di misurare la risposta di ogni donna in modo personalizzato e, sulla base di questo, di adattare il protocollo di medicazione.

D'altra parte, è importante controllare lo sviluppo ovarico per evitare gravidanze multiple. Questo tipo di gravidanza è più rischioso sia per la madre che per i bambini.

Lettura consigliata

Come già detto, in un processo di inseminazione artificiale è necessaria una fase precedente di stimolazione ovarica dolce, che dura tra i 10 e i 12 giorni. Potete saperne di più su questo passo qui: Stimolazione ovarica controllata nell’ inseminazione artificiale.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Allegra A, Marino A, Coffaro F, Scaglione P, Sammartano F, Rizza G, Volpes A (2007). GnRH antagonist-induced inhibition of the premature LH surge increases pregnancy rates in IUI-stimulated cycles. A prospective randomized trial. Hum Reprod; 22: 101 – 108.

Boomsma CM, Heineman MJ, Cohlen BJ, Farquhar C (2007). Semen preparation techniques for intrauterine insemination (Review). Cochrane Database Syst Rev; Art No.: CD004507.

Goldberg JM, Mascha E, Falcone T, Attaran M (1999). Comparison of intrauterine and intracervical insemination with frozen donor sperm: a meta-analysis. Fertil Steril; 72(5):792-5.

Gomez-Polomares JL, Juliia B, Acevedo-Martin B, Martinez-Burgos M, Hernandez ER, Ricciarelli E (2005). Timing ovulation for intrauterine insemination with a GnRH antagonist. Hum Reprod;20:368 – 372.

Ragni G, Somigliana E, Vegetti W. (2004) Timing of intrauterine insemination: where are we? Fertil Steril;82:25 – 26.

The ESHRE Capri Workshop Group (2009). Intrauterine insemination. Human Reproduction Update; 15 (3): 265–277.64

Domande più frequenti: 'Quanto dura il processo di inseminazione artificiale?', 'È necessario regolare il ciclo ovarico prima dell'inseminazione artificiale?', 'L'inseminazione artificiale può essere fatta senza stimolazione ovarica, cioè senza prendere farmaci ormonali?', 'È più comune fare un'inseminazione singola o doppia? Qual è la differenza?' e 'Quali sono i rischi associati all'inseminazione artificiale?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
 Marta Barranquero Gómez
Marta Barranquero Gómez
Embriologa
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV) e specializzato in Riproduzione Assistita presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH) in collaborazione con Ginefiv e in Genetica Clinica presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH). Continua a leggere Marta Barranquero Gómez
Numero associato: 3316-CV
 Sara Salgado
Sara Salgado
Embriologa
Laureato in Biochimica e Biologia Molecolare presso l'Università dei Paesi Baschi (UPV/EHU), con un Master in Riproduzione Umana Assistita dell'Università Complutense di Madrid (UCM). Esperto universitario in Tecniche diagnostiche genetiche dell'Università di Valencia (UV). Continua a leggere Sara Salgado
Dra. Valeria Sotelo
Dra. Valeria Sotelo
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Buenos Aires, con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. Master in Chirurgia Videolaparoscopica e specialista in Tocoginecologia. Membro associato del SEF e del SEGO. Oltre 10 anni di esperienza nel campo della Medicina della Riproduzione

. Continua a leggere Dra. Valeria Sotelo
Numero associato: 030309166
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.