Il ciclo naturale nel trasferimento embrionario

Da (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 08/06/2021

Il trasferimento di embrioni è l'ultima fase di un trattamento di fecondazione in vitro (FIVET). L'embrione o gli embrioni che sono stati sviluppati in laboratorio vengono trasferiti nell'utero della madre in modo che l'impianto possa avvenire.

A volte è necessario congelare gli embrioni e rimandare il trasferimento ad un ciclo successivo. D'altra parte, gli embrioni rimasti da un ciclo di FIVET sono anche crioconservati per l'uso nei futuri tentativi.

In questi casi, verrà effettuato un trasferimento di embrioni congelati, che può avvenire in un ciclo naturale o in un ciclo sostitutivo.

Trasferimento di embrioni crioconservati

Uno dei parametri più importanti quando si esegue un trasferimento embrionale che garantisce il successo della FIVET è la condizione dell'endometrio.

Affinché l'impianto embrionale avvenga, cioè l'unione dell'embrione con il grembo materno, l'endometrio deve essere ricettivo.

Lo spessore ottimale dell'endometrio che indica la ricettività uterina è di 7-10 mm, oltre ad osservare un aspetto trilaterale con gli ultrasuoni.

Normalmente, per ottenere un endometrio ricettivo e fare il trasferimento embrionale, gli specialisti della riproduzione assistita utilizzano farmaci ormonali in ciò che è noto come ciclo di sostituzione.

Questa mediazione ormonale si basa su estrogeni e progesterone, con i quali è possibile controllare il ciclo mestruale in modo esogeno e quindi aumentare le probabilità di gravidanza.

Cos'è un ciclo naturale?

Il trasferimento embrionale in un ciclo naturale, a differenza del caso precedente, consiste nello sfruttare la normale crescita dell'endometrio grazie all'effetto degli ormoni endogeni prodotti dalle ovaie.

Questi ormoni endogeni sono estrogeni, prodotti nella fase proliferativa del ciclo mestruale, e progesterone prodotto dal corpo luteo nella fase secretoria.

Per effettuare un trasferimento di embrioni congelati in un ciclo naturale, è necessario avere cicli mestruali regolari ed essere normo-ovulatori.

Dal decimo giorno del ciclo mestruale è consigliabile eseguire 2 ecografie per valutare lo stato dell'endometrio e dell'ovulazione e programmare il giorno del trasferimento.

Normalmente il trasferimento avviene tanti giorni dopo l'ovulazione quanti sono i giorni di sviluppo dell'embrione. Per esempio, se l'embrione congelato è una blastocisti di 5 giorni, sarà trasferito nell'utero 5 giorni dopo l'ovulazione in un ciclo naturale.

Vantaggi

Tutti i vantaggi che si ottengono effettuando un ciclo naturale durante una FIVET sono dovuti al fatto che non sono necessari farmaci ormonali. Li commentiamo qui di seguito:

  • Gli effetti collaterali sono minori, anche inesistenti.
  • Il trattamento non è così drenante dal punto di vista emotivo, poiché non c'è bisogno di essere vigili sulla somministrazione del farmaco.
  • La spesa economica è molto più bassa in quanto non è necessario acquistare i farmaci ormonali.
  • Le visite dal ginecologo per i controlli sono minori.
  • Dopo il trasferimento dell'embrione non sono necessari ulteriori farmaci ormonali.

Nonostante ciò, alcuni specialisti dicono alle donne di prendere il progesterone dopo il trasferimento embrionale, anche se hanno avuto un ciclo naturale.

Svantaggi

Il ciclo naturale non è un'opzione per tutti i pazienti di riproduzione assistita, poiché alcuni dei suoi svantaggi riducono la probabilità di successo del trattamento. Tra questi, troviamo quanto segue:

  • La funzione ovarica e i cicli mestruali regolari sono necessari.
  • C'è meno flessibilità in termini di giorni per andare ai controlli e programmare il trasferimento.
  • Esiste un rischio maggiore di annullamento del trasferimento a causa dell'ovulazione precoce.

Per quanto riguarda l'esperienza professionale, il Dr. Gorka Barrenetxea ci dice che:

L'uso dei cicli naturali richiede un monitoraggio più rigoroso perché la produzione ormonale endogena di quella donna deve essere controllata. Quando usiamo estrogeni o progesterone somministrati per via esogena sappiamo già la quantità che stiamo somministrando e quindi il monitoraggio è meno rigoroso.

Preferiamo effettuare il trasferimento di embrioni vitrificati mediante un ciclo sostitutivo.

Domande più frequenti

Quando è indicato un criotrasferimento a ciclo naturale?

Da Zaira Salvador (embriologa).

L'indicazione principale per il trasferimento di embrioni in un ciclo naturale è il fallimento dell'impianto. Quando i pazienti di riproduzione assistita hanno avuto ripetuti fallimenti di impianti nei precedenti trasferimenti, il ciclo naturale è una delle opzioni più utilizzate.

È possibile effettuare un'ovodonazione in un ciclo naturale?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Sì, quando si effettua un trasferimento di embrioni, non importa se gli embrioni provengono da ovuli propri o donati. Finché la donna ricevente ha cicli mestruali e ovulatori regolari, è possibile effettuare un trasferimento di embrioni in un ciclo naturale.

Tuttavia, non è conveniente fare un ciclo naturale se il trasferimento deve essere fresco, poiché è molto complicato sincronizzare il donatore con il ricevente e, quindi, la probabilità di successo sarebbe minore.

Per quanto riguarda il trattamento di adozione degli embrioni, questo può essere fatto anche in un ciclo naturale e, inoltre, questi embrioni saranno sempre crioconservati.

Qual è il tasso di successo di un trasferimento di embrioni a ciclo naturale?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Il tasso di gravidanza per trasferimento di embrioni congelati in un ciclo naturale è simile a quello ottenuto in un ciclo sostituito. La cosa più importante è analizzare tutti i fattori di ogni trattamento e di ogni paziente e, in questo modo, applicare il protocollo che può beneficiare maggiormente in ogni caso.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia all'Università di Navarra. Dottorato in Medicina e Chirurgia presso l'Università dei Paesi Baschi/Euskal Herriko Unibertsitatea. Specialista in Ginecologia e Ostetricia (MIR). Ha più di 30 anni di esperienza ed è professore ordinario all'Università dei Paesi Baschi. È anche professore al Master in Fertilità Umana presso l'Università Complutense di Madrid. Vicepresidente del SEF. Continua a leggere Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Numero associato: 484806591
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.