I rischi della donazione di ovuli

Da (embriologa), (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 29/09/2020

Quando una donna decide di donare i suoi ovuli affinché un'altra donna con problemi di fertilità possa ottenere una gravidanza, passa attraverso due fasi che possono comportare un certo rischio:

Stimolazione ovarica
la donatrice riceve un farmaco ormonale per attivare esogeneamente la produzione e la maturazione degli ovuli nell'ovaio.
Puntura follicolare
consiste in una semplice procedura per l'estrazione degli ovuli che rappresenta la fine dell'intero processo di donazione.

Entrambe le procedure sono sicure, anche se hanno alcuni effetti che potrebbero portare a conseguenze dannose per il donatore. Pertanto, il processo di donazione degli ovuli può causare disagio alla donatrice.

Leggeri rischi di donazione di ovuli

Normalmente, i sintomi avvertiti dal donatore dalla somministrazione del farmaco ormonale sono minimi e simili a quelli avvertiti durante le mestruazioni o leggermente più intensi.

Questo farmaco per la stimolazione ovarica è autosomministrabile dalla stessa donatrice tramite iniezioni sottocutanee nell'addome. Gli effetti collaterali più comuni sono i seguenti:

  • Cambiamenti di umore o di carattere.
  • Leggero gonfiore e/o disagio nella zona addominale dovuto alle punture.
  • Aumento del volume corporeo.
  • Gambe un po' pesanti.
  • Secchezza vaginale.
  • Fatica.

D'altra parte, la puntura follicolare è un breve intervento chirurgico eseguito sotto sedazione. Non ci sono rischi particolari oltre a quelli dell'anestesia ricevuta. Si effettua per ottenere le uova nell'ovodonante.

Sindrome da iperstimolazione ovarica

Uno dei pericoli della donazione di ovuli è la sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS) a causa dei farmaci ormonali. Questo è l'effetto collaterale più grave dovuto al disagio che provoca nel corpo.

L’OHSS si verifica quando il farmaco ormonale non funziona come previsto o quando il corpo del donatore risponde più intensamente di quanto dovrebbe, con il risultato di sviluppare molti più follicoli nell'ovaio di quanto previsto.

L'iniezione dell'ormone hCG per innescare l'ovulazione prima della puntura follicolare è ciò che produce la sindrome da iperstimolazione ovarica. Per questo motivo, è necessario annullare il ciclo di ovodonazione se c'è il sospetto o il rischio di soffrirne.

L'aumento della risposta dell'ovaio provoca una maggiore permeabilità dei vasi sanguigni che porta all'extravasazione dei fluidi fuori dal flusso sanguigno, che può compromettere la funzione del fegato, del sistema ematologico, renale e respiratorio. Pertanto, la OHSS può diventare potenzialmente grave nei casi più gravi.

I sintomi più moderati che la donatrice di ovuli può sentire quando soffre di OHSS sono:

  • Gravi mal di testa.
  • Aumento del volume ovarico.
  • Ascite: accumulo di liquido nella cavità addominale.
  • Vertigini.
  • Vomitare.
  • Debolezza.
  • Dolore addominale e lombare acuto.

Questo disagio nelle donne causato da OHS scompare una volta che le mestruazioni sono basse. Le ovaie recuperano la loro dimensione normale e il liquido libero viene riassorbito, riducendo così il gonfiore.

Va notato che la OHSS si verifica occasionalmente quando si donano ovuli, poiché i controlli dei farmaci e le ecografie per determinare la risposta ovarica nelle donatrici sono molto rigorosi. Inoltre, è possibile prevenire l'OHSS sostituendo l'uso di hCG per innescare l'ovulazione con analoghi GnRH o LH ricombinanti.

In breve, il verificarsi di OHSS è molto raro e può essere evitato in caso di sospetto. Solo il 4% dei pazienti che si recano nei centri di riproduzione assistita per il trattamento ne soffre in genere.

Rischi della estrazione di ovuli

Per catturare gli ovuli maturati nelle ovaie della donatrice è necessario eseguire una puntura follicolare. Si tratta di un'operazione chirurgica molto semplice per il ginecologo.

Un ago di aspirazione viene inserito attraverso la vagina e nell'ovaio. L'interno dei follicoli ovarici viene poi aspirato con l'aiuto di una macchina ad ultrasuoni. Il paziente viene sedato durante tutto il processo in modo che non senta alcun dolore.

Le possibili complicazioni che possono derivare da questo intervento sono molto poche e, in generale, di rischio minimo. Nei giorni successivi alla puntura, il donatore può avere una leggera chiazza vaginale. Un altro svantaggio di passare in sala operatoria in questo caso è il rischio di infezione batterica o fungina nel tratto riproduttivo femminile.

Raccomandazioni per i donatori

All'inizio del processo di ovodonazione è normale avere molti dubbi e pensieri contrari. È molto importante che uno specialista discuta i possibili vantaggi e svantaggi della donazione e risolva tutte le preoccupazioni della futura donatrice.

Una volta iniziata la stimolazione ormonale, è fondamentale che la donatrice informi il personale medico dei sintomi che sta sperimentando durante il trattamento.

Il processo di donazione deve essere avviato con assoluta convinzione e decisione da parte della donatrice.

Le informazioni possono prevenire gravi conseguenze come lo sviluppo di OHSS. Per questo motivo, i professionisti insistono affinché i donatori si rechino in clinica in caso di sintomi gravi o di intenso disagio.

In caso di sospetto di SHO o di qualsiasi altro disturbo, il ciclo sarà semplicemente annullato e potrà essere ripreso in seguito.

Domande più frequenti

La donazione di ovuli può compromettere la fertilità di una donatrice?

Da Dr. Sergio Rogel Cayetano (ginecologo).

La risposta è no. Per capire questo, bisogna introdurre un altro concetto, il ciclo ovarico incessante. Questo ciclo accompagna la donna per tutta la vita, anche prima di avere le mestruazioni. Circa tre mesi prima del ciclo di 14 giorni, che tutti conosciamo come il ciclo mestruale inizia, la donna attiva alcune delle migliaia di microscopici follicoli che sono dormienti nel suo ovaio (follicoli primordiali). Questi follicoli attivati diventano i cosiddetti follicoli antrali, che saranno protagonisti di una feroce lotta per l'ovulazione.

Attraverso la stimolazione ovarica, tutti i follicoli antrali, o quasi tutti, vengono stimolati in modo che possano raggiungere la maturità ed essere estratti per puntura. Tutti questi ovociti, tranne uno, sarebbero stati attratti in un ciclo naturale.

Pertanto, la FIVET e l'ovodonazione non anticipano la menopausa, così come l'assunzione di contraccettivi non la fa apparire in seguito.

È pericoloso donare ovuli?

Da Zaira Salvador (embriologa).

La donazione degli ovuli è un processo che richiede la somministrazione di farmaci ormonali alla futura donatrice, così come il passaggio attraverso la sala operatoria per l'estrazione degli ovuli. Pertanto, ci sono una serie di rischi prima e dopo la donazione di ovuli, che sono dettagliati in questo post.

Non è pericoloso nella misura in cui ci sono gravi conseguenze per la salute, ma è importante che la donatrice sia consapevole dei possibili sintomi per evitare lo sviluppo della sindrome da iperstimolazione ovarica.

Quali sono i vantaggi per le donatrici di ovuli?

Da Zaira Salvador (embriologa).

La maggior parte delle persone vede la donazione di ovuli come un modo per guadagnare soldi extra. Tuttavia, ciò che ricevete è una compensazione finanziaria per i disagi e i possibili rischi. La più grande soddisfazione che un donatore prova dopo aver completato l'intero processo è quella di aver aiutato qualcun altro ad avere un figlio.

Fa male donare gli ovuli?

Da Marta Barranquero Gómez (embriologa).

No. La donazione degli ovuli viene effettuata sotto sedazione leggera, in modo che l'ovodonatore non senta alcun dolore.

Tuttavia, è vero che durante l'intero processo di donazione, la donatrice può sentire un certo disagio per la somministrazione del farmaco ormonale per la stimolazione ovarica. Tra questi la presenza di lividi, stanchezza o pesantezza generale.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Ballesteros A, Castilla JA, Nadal J, Ruiz M. Manifiesto de la SEF sobre la donación de gametos en España. Publicado a través de la Sociedad Española de Fertilidad (SEF).

Matorras R, Hernández J (eds). Estudio y tratamiento de la pareja estéril: Recomendaciones de la Sociedad Española de Fertilidad, con la colaboración de la Asociación Española para el Estudio de la Biología de la Reproducción, de la Asociación Española de Andrología y de la Sociedad Española de Contracepción. Adalia, Madrid 2007.

Uroz V, Guerra L. Donation of eggs in assisted reproduction and informed consent. Med Law. 2009 Sep;28(3):565-75.

Domande più frequenti: 'La donazione di ovuli può compromettere la fertilità di una donatrice?', 'È pericoloso donare ovuli?', 'Quali sono i vantaggi per le donatrici di ovuli?' e 'Fa male donare gli ovuli?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Marta Barranquero Gómez
Marta Barranquero Gómez
Embriologa
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV) e specializzato in Riproduzione Assistita presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH) in collaborazione con Ginefiv e in Genetica Clinica presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH). Continua a leggere Marta Barranquero Gómez
Numero associato: 3316-CV
Dr. Sergio  Rogel Cayetano
Dr. Sergio Rogel Cayetano
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università Miguel Hernández di Alicante con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia presso l'Ospedale Generale di Alicante. Ha ampliato la sua esperienza nella riproduzione assistita mentre lavorava in diverse cliniche di Alicante e Murcia, fino a quando nel 2011 è entrato a far parte dell'equipe medica di FIV Spain.

Continua a leggere Dr. Sergio Rogel Cayetano
Numero associato: 03-0309100
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.