Avere un bambino con l’HIV: opzioni riproduttive e possibili rischi

Da (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 02/10/2020

Oggi, le persone affette dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV) possono avere una migliore qualità di vita grazie ai progressi della medicina e dei farmaci disponibili per curare la malattia.

Tuttavia, le coppie in cui uno o entrambi i partner sono sieropositivi dovrebbero prendere diverse precauzioni quando hanno un figlio, sia per evitare l'infezione, sia per evitare di trasmettere l'infezione alla prole.

In ogni caso, è importante che la coppia chieda un parere medico quando cerca una gravidanza, faccia tutti i test necessari e abbia un controllo completo durante tutta la gravidanza una volta raggiunta la gravidanza.

Come si trasmette l'HIV?

L'HIV è un retrovirus che colpisce il sistema immunitario delle persone infette legandosi e distruggendo i linfociti CD4, un tipo di cellula del sistema immunitario che produce anticorpi.

L'HIV non è in grado di riprodursi una volta che ha infettato una persona. Per fare questo, prende di mira i linfociti CD4 e usa i suoi macchinari interni per moltiplicarsi. Il numero di copie del virus nel sangue delle persone colpite è il cosiddetto carica virale.

Per quanto riguarda le vie di trasmissione dell'infezione da HIV, le più importanti sono le seguenti:

  • Sesso non protetto
  • Scambio di aghi tra tossicodipendenti
  • Contatto con il sangue attraverso le ferite
  • Trasmissione verticale: da madre a feto durante la gravidanza o il parto

Va notato che l'HIV non è la stessa cosa dell'AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita). In particolare, l'AIDS è lo stadio più grave della malattia da HIV, in cui il sistema immunitario è gravemente indebolito e incapace di difendere il corpo.

Di conseguenza, possono verificarsi malattie opportunistiche, infezioni o neoplasie che minacciano seriamente la vita delle persone colpite.

Nonostante ciò, una persona sieropositiva non deve sviluppare l'AIDS. Queste persone possono essere in grado di controllare la loro carica virale con farmaci antiretrovirali e condurre una vita completamente normale, anche considerando la possibilità di avere figli.

Gravidanza per la riproduzione assistita

Le coppie sierodiscordanti in cui un solo membro è sieropositivo possono diventare genitori grazie alle tecniche di riproduzione assistita.

Sia l'inseminazione artificiale (IA) che la fecondazione in vitro (FIV) sono tecniche adatte per ottenere una gravidanza senza che l'uomo e la donna abbiano un contatto fisico attraverso il rapporto sessuale. In questo modo si evita il rischio di contagio reciproco.

La scelta della tecnica dipenderà anche dallo stato di fertilità dell'individuo, dall'età della donna e dalla qualità del seme dell’uomo.

Una volta raggiunta la gravidanza, la donna dovrebbe essere monitorata e ricevere un trattamento speciale per prevenire la trasmissione dell'HIV al suo futuro bambino, se ne è affetta.

Maschio con HIV

Se l'uomo è sieropositivo, c'è il rischio di trasmissione attraverso lo sperma se ha rapporti sessuali non protetti con il partner. In particolare, l'HIV non si trova nello sperma, ma nel plasma seminale, che è la miscela di fluidi che compongono lo sperma.

Pertanto, il modo migliore per ottenere una gravidanza è quello di separare gli spermatozoi dal liquido seminale dove si trovano le particelle virali. Questo si ottiene con un lavaggio seminale che si fa nei laboratori della clinica della fertilita'.

Dopo questo lavaggio, il campione di sperma viene congelato e una piccola quantità viene analizzata per assicurarsi che l'HIV sia stato completamente eliminato. Questo test, chiamato PCR, consiste nel cercare materiale genetico del virus nel campione lavato.

Una volta che il campione di sperma si è dimostrato idoneo e privo di HIV, si esegue un'IA o una FIV a seconda delle caratteristiche di ogni partner. Tuttavia, ci sono specialisti che preferiscono FIVET con ICSI al posto della IA, poiché lo sperma viene introdotto direttamente nell'ovulo e si evita qualsiasi rischio di contagio.

Non importa quale sia la carica virale del maschio. Il lavaggio seminale è una tecnica molto efficace che riesce a rimuovere tutte le particelle di HIV.

Donna con HIV

Se la donna è sieropositiva, il trattamento di riproduzione assistita mira ad evitare il rischio di essere infettata dall'uomo.

Pertanto, l'inseminazione artificiale è una buona opzione se i requisiti per essa sono soddisfatti: buona riserva ovarica, età della donna inferiore ai 36 anni, tube di Falloppio permeabili e qualità seminale ottimale.

Lo sperma del maschio viene introdotto direttamente nell'utero della donna e la fecondazione avviene nelle tube di Falloppio. Le uova non contengono particelle virali e l'impianto avverrà senza problemi.

Tuttavia, prima di sottoporsi al trattamento per rimanere incinta, una donna deve sottoporsi ad un esame del sangue per valutare la sua carica virale. Se è molto elevato, si deve seguire il trattamento con antiretrovirali e aspettare che diminuisca per ridurre il rischio di trasmissione al feto.

Il rischio di trasmissione verticale o perinatale (dalla madre al feto) appare durante la gravidanza, poiché il feto si nutre delle sostanze nutritive che gli arrivano dal sangue della madre attraverso la placenta, così come durante il parto e l'allattamento.

D'altra parte, in caso di problemi di fertilità che implichino l'esecuzione di una FIVET, la clinica di riproduzione assistita eseguirà il processo con le massime condizioni di sicurezza, sia per il personale della clinica che per il resto dei pazienti.

Il modo più comune è quello di separare i pazienti sieropositivi spazialmente e temporalmente dal resto: utilizzare sale operatorie diverse e/o in momenti diversi della giornata, utilizzare guanti doppi e smaltire tutto il materiale utilizzato.

Gravidanza naturale con l'HIV

Oggi, una coppia sierodiscordante può avere un figlio in modo naturale e sicuro, senza rischio di infezione da HIV, seguendo un protocollo specifico di cura e monitoraggio della gravidanza naturale controllata.

Infatti, più di 120 bambini sono già nati in Spagna da coppie sierodiscordanti che hanno rapporti sessuali non protetti. Inoltre, negli ultimi anni il rischio di trasmissione verticale è stato ridotto dal 30 all'1 per cento grazie al trattamento antiretrovirale.

Per tentare una gravidanza naturale con l'HIV, devono essere soddisfatti i seguenti requisiti:

  • La carica virale della persona colpita deve essere molto bassa o non rilevabile (<50 copie/ml).
  • Non ci sono altre malattie sessualmente trasmissibili.
  • Non avere problemi di fertilità che rendono difficile la gravidanza.
  • La gestazione inizia con la fecondazione e l'impianto dell 'embrione dopo il sesso non protetto nei giorni di fertilità della donna.

È meglio monitorare il ciclo mestruale di una donna e utilizzare i test di ovulazione per aumentare le possibilità di gravidanza e ridurre il rischio di infezione.

Nei giorni non fertili, è consigliabile continuare ad usare il preservativo.

Gravidanza e parto

Una volta raggiunta la gravidanza, la donna dovrà effettuare un follow-up completo e specializzato per tutta la durata della gravidanza, che varierà a seconda che sia la persona sieropositiva o il suo partner.

Madre sieronegativa

Quando il partner maschile è sieropositivo, la non rilevabilità del virus nel liquido seminale deve essere confermata prima di tentare una gravidanza.

Dopo un test di gravidanza positivo, la donna dovrebbe essere sottoposta al test per l'HIV all'inizio della gravidanza. I controlli sierologici saranno poi ripetuti nel terzo e sesto mese di gestazione.

Inizialmente, la gravidanza in una coppia sierodiscordante è sempre considerata ad alto rischio. Tuttavia, se tutti i test sono negativi e la donna non soffre di complicazioni, gli ultimi mesi di gravidanza vengono seguiti normalmente.

Infine, va sottolineata l'importanza di avere rapporti sessuali protetti durante tutta la gravidanza, poiché l'infezione della madre durante la gravidanza aumenta notevolmente il rischio di infezione del feto.

Madre sieropositiva

Il protocollo di follow-up della gravidanza cambia quando la donna è sieropositiva. Anche i controlli sierologici dovrebbero essere effettuati ogni 3 mesi per confermare che la carica virale è ancora non rilevabile.

Inoltre, la donna continuerà il trattamento antiretrovirale, purché i farmaci non contengano componenti teratogeni. Il parto di una donna sieropositiva avverrà con un cesareo programmato per evitare contrazioni del travaglio e la rottura del sacco amniotico. In questo modo si riduce il più possibile la possibilità di trasmissione dell'HIV al bambino.

Dopo il parto, il vostro bambino sarà sottoposto al test per la carica virale dopo la nascita e ai mesi 1, 3, 6, 12 e 18 di età.

È anche importante sapere che i nati da madri con HIV devono essere allattati artificialmente al seno, poiché il latte materno può trasmettere l'HIV.

Domande più frequenti

Quali opzioni riproduttive hanno le coppie sierodiscordanti per avere un figlio senza rischio di contagio?

Da Dra. Esther Marbán Bermejo (ginecologa).

Una relazione sierodiscordante è una relazione in cui un partner ha una malattia infettiva trasmissibile come l'HIV e l'altro no. Può essere applicata anche ad altre malattie come l'epatite C e l'epatite B.

Nei casi in cui il partner maschile ha la malattia, il modo principale per eliminare il rischio di infezione è quello di effettuare un lavaggio seminale. Lo sperma viene elaborato in laboratorio, viene lavato e una frazione viene inviata per confermare con tecniche di biologia molecolare che non vi è alcuna traccia di infezione nel campione. In tal caso, il campione che rimarrà congelato potrebbe essere utilizzato in modo sicuro per un ulteriore trattamento.

Se la donna è portatrice dell'infezione, è importante che abbia una carica virale non rilevabile o bassa prima di iniziare il trattamento. In caso di elevata carica virale, si raccomanda di effettuare il trattamento prima di iniziare l'ART al fine di ridurre al minimo la presenza del virus e il rischio di trasmissione al bambino. Allo stesso modo, se il trattamento è necessario durante la gravidanza, deve essere adeguatamente regolato e approvato dallo specialista che lo segue. In questa situazione di trattamento adeguato, carico virale non rilevabile, il rischio di trasmettere l'infezione al feto è molto basso.

Come si può trasmettere l'HIV al feto durante la gravidanza?

Da Zaira Salvador (embriologa).

In generale, se la madre è sieropositiva ma mantiene una buona salute, il rischio di infezione per il feto è minimo perché la placenta funge da barriera protettiva per le particelle di HIV.

Tuttavia, la placenta può essere indebolita dalle seguenti cause: malnutrizione, infezioni dell'utero, recente infezione da HIV e AIDS.

Inoltre, l'amniocentesi o altre procedure invasive non devono essere eseguite su donne in gravidanza con HIV.

Quale trattamento può seguire una donna incinta con HIV?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Questo dipenderà da diversi fattori che il medico responsabile del monitoraggio della gravidanza dovrà tenere in considerazione. Normalmente, la donna potrà continuare il trattamento ricevuto fino ad ora se sarà efficace, anche se potrebbero esserci delle modifiche.

Attualmente, la terapia combinata altamente efficace nota come TARGA ha permesso di ridurre notevolmente il rischio di trasmissione perinatale.

La zidovudina, nota anche come Azidotimidina, AZT o retrovir,, è uno di questi farmaci che viene spesso usato in combinazione con altri antiretrovirali, come la lamivudina e la nevirapina. Oltre a ridurre la carica virale, Zidovudine attraversa la placenta e offre anche una protezione diretta al feto.

Che cosa posso fare durante la gravidanza con l'HIV?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Oltre a tutti i commenti sui farmaci antiretrovirali, è importante che la donna segua tutte le raccomandazioni del medico e si sottoponga a regolari controlli ecografici per assicurarsi che il bambino cresca correttamente.

In generale, la donna dovrebbe prendersi cura di se stessa come in qualsiasi altra gravidanza: non fumare, non bere alcolici, seguire una dieta sana ed equilibrata, ecc.

Inoltre, è molto importante mantenere i rapporti sessuali con il preservativo per tutta la gravidanza, anche se la coppia è anche sieropositiva. Ci sono diversi ceppi di HIV e, in caso di una nuova infezione, ci sarebbe un rischio maggiore sia per la madre che per il feto.

La nascita di una donna sieropositiva deve necessariamente avvenire con il parto cesareo?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Non necessariamente. Come abbiamo detto, un cesareo programmato è l'opzione più sicura per evitare di trasmettere l'HIV dalla madre al bambino durante il parto. Tuttavia, le donne con una carica virale inferiore a 1.000 copie/ml e che sono in terapia farmacologica efficace possono avere un parto vaginale con un tasso di rischio inferiore all'1%.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

Dra. Esther  Marbán Bermejo
Dra. Esther Marbán Bermejo
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università di Alcalá, con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia presso l'Ospedale Generale Universitario Gregorio Marañón di Madrid. Ha diversi anni di esperienza come ginecologa specializzata in riproduzione assistita. Continua a leggere Dra. Esther Marbán Bermejo
Numero associato: 282859737
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.