Gravidanza al settimo mese: sintomi e sviluppo del bambino

Da (embrióloga).
Aggiornato il 06/10/2020

Con il settimo mese di gravidanza, che va dalla 25a alla 28a settimana, inizia il terzo e ultimo trimestre di gravidanza. Questo periodo segna l'inizio del conto alla rovescia per la consegna. Tuttavia, il bambino non ha acquisito la posizione finale per il parto.

Particolare attenzione deve essere prestata ai sintomi che la donna incinta può sperimentare durante questo periodo per evitare una possibile minaccia di parto prematuro.

Sintomi nelle donne incinte

In questa fase della gravidanza e fino quasi al momento del parto, i sintomi più tipici sono:

  • Stanchezza e sonno
  • Smagliature
  • Mal di spalle
  • Costipazione
  • Insonnia

Il disagio in questo mese di gravidanza è molto simile a quello dei mesi precedenti, anche se tende ad essere più acuto.

Insieme, il peso del bambino, della placenta, dell'utero e del liquido amniotico può superare i 6 kg. Questo rende molto più difficile eseguire qualsiasi attività di routine a causa del peso in eccesso da sostenere, che può farvi sentire a disagio. Pertanto, è importante essere prudenti e prestare particolare attenzione quando si cammina o si scende e si sale le scale per evitare incidenti.

Il cambiamento più evidente nel fisico di una donna è l'aumento del volume della pancia, poiché il bambino è praticamente formato e in questi ultimi mesi è dedicato quasi esclusivamente all'aumento di peso e di taglia.

In quest'ultimo trimestre, la placenta aumenta la domanda di flusso sanguigno per garantire una buona dieta e un buon apporto nutrizionale per il feto. Questo aumenta di conseguenza il lavoro del cuore, poiché il volume del sangue che circola nella madre può aumentare fino al 50% del suo volume abituale. Questo può essere provocatorio:

  • Edemas
  • Vene varicose
  • Problemi di tensione
  • Vertigini
  • Lipotimias

A causa dei sintomi sopra citati, è probabile che durante questo mese la ritenzione di liquidi sarà più marcata. È molto comune notare le gambe più gonfie, soprattutto nella zona dei polpacci, delle caviglie e dei piedi.

Per contrastare questo sintomo, è consigliabile dormire con le gambe alzate ed evitare di stare troppo in piedi.

Gli esperti raccomandano che se questo gonfiore si estende troppo nel tronco superiore o addirittura nel viso, si consiglia di consultare il proprio medico per escludere possibili problemi di pressione sanguigna come la pre-eclampsia, discussi nella sezione successiva.

Preeclampsia

Questa patologia ostetrica è una delle più comuni in questa fase della gravidanza.

Si tratta di una complicazione della gravidanza stessa, il cui sintomo principale è l'alta pressione sanguigna. Altri possibili sintomi sono:

  • Edemas
  • Aumento di peso esagerato
  • Mal di testa
  • Problemi di respirazione
  • Nausea e vomito
  • Bassa frequenza di minzione
  • Visione offuscata

Se questa patologia si presenta in forma lieve, si raccomanda di mantenere il riposo, aumentare il consumo di liquidi e seguire un controllo medico più rigoroso.

Se i sintomi sono più acuti, o la salute della donna o del bambino è a rischio, la donna incinta può essere raccomandata per il ricovero ospedaliero per ottenere un maggiore controllo di entrambi. C'è anche la possibilità di indurre il travaglio, perché solo così si può far scomparire questa situazione patologica.

Stato mentale

È molto normale che, a partire da questo settimo mese, la donna incinta cominci a sentirsi più sensibile nella sua mente. Tuttavia, questo aspetto dipende dal carattere di ogni persona e da come si sviluppa la gravidanza.

I cambiamenti emotivi sono molto più bruschi, non solo a causa dello squilibrio ormonale, ma anche perché la stanchezza che la gravidanza porta con sé comincia a pesare sull'umore della futura madre. Inoltre, il momento della nascita non è più contemplato così lontano, ed è quindi logico che i timori e le preoccupazioni su quando e come la nascita avrà luogo comincino a venire a galla.

Praticare esercizi di rilassamento, impegnarsi in attività divertenti e, soprattutto, approfittare dei momenti di intimità con il proprio partner aiuterà la donna incinta a distrarsi, a non preoccuparsi e a godersi le ultime settimane di gravidanza senza nervi.

Come sta il bambino?

Alla fine del settimo mese di gravidanza, il bambino può pesare più di un chilogrammo e avere una lunghezza di oltre 40 cm.

Uno dei cambiamenti più importanti in termini di sviluppo fetale è la diminuzione della quantità di liquido amniotico, che permette al bambino di aumentare le sue dimensioni.

Questa diminuzione è del tutto normale. È quindi importante differenziarlo dal fenomeno degli oligoidramnios, una diminuzione anomala della quantità di liquido amniotico.

Il bambino comincia ad avere pochissimo spazio nell'utero, rendendo più difficile il suo movimento. Anche così, i suoi movimenti sono vigorosi e potenti, poiché risponde già facilmente agli stimoli esterni.

Anatomicamente, il feto è già formato. Tuttavia, alcune funzioni e parti del suo corpo, come lo scheletro, devono ancora essere perfezionate e lo scheletro deve finire di ossificarsi.

Il sistema respiratorio è già virtualmente controllato dal sistema nervoso centrale. I movimenti respiratori che ha iniziato a praticare il mese prima sono più completi. Questo vi prepara al momento della nascita.

L'attività cerebrale del bambino è più evoluta: i primi schemi di sonno e di veglia cominciano ad essere stabiliti.

I suoi occhi, che già apre e chiude facilmente, sono più sensibili alla luce. Tuttavia, la sua pigmentazione non è ancora completa. Dovremo aspettare qualche mese dopo la nascita per scoprire il suo colore finale.

La placenta inizia a trasferire gli anticorpi dal corpo della madre al feto. In questo modo il bambino nascerà con l'immunità a certe malattie.

Il settimo mese settimana per settimana

I cambiamenti più importanti che avranno luogo durante queste settimane sono:

Settimana 25

Per tutta questa settimana, il futuro neonato comincia ad avere i capelli sulle ciglia e sulla testa, anche se questo non è definitivo. Gli occhi stanno per terminare il loro sviluppo, anche se, come detto, la loro pigmentazione finale non è stata stabilita.

Gli esperti consigliano di stimolare l'orecchio del bambino durante questa settimana, perché è il senso che si evolve di più in questi giorni. Anche se il feto è molto isolato dall'esterno, le onde sonore sono in grado di passare attraverso la pelle e nell'utero, il che stimola notevolmente l'attività cerebrale del bambino.

Settimana 26

Durante la ventiseiesima settimana il bambino esegue già, con totale normalità, molti riflessi che sta perfezionando. Per esempio: il riflesso labiale che vi permetterà di nutrirvi di latte materno. Inoltre, in risposta a rumori o urti, è in grado di estendere i suoi arti come meccanismo di difesa.

A questo punto della gravidanza, il bambino già ingoia ed espelle il liquido amniotico con totale normalità, che aiuta il corretto sviluppo del suo sistema digestivo su base giornaliera.

Settimana 27

Le misure approssimative del feto a questo punto della gravidanza sono lunghe 36 cm e pesano quasi 1 kg.

D'ora in poi sarà comune sentire il singhiozzo del bambino sotto forma di piccoli spasmi molto diversi dai tipici calci o movimenti. Questo di solito non dura a lungo e non dà fastidio al feto. Non riuscirete a sentirlo, perché i polmoni del bambino non hanno ancora aria.

Settimana 28

Il bambino inizia ad accumulare grasso sotto la pelle. Questo le conferisce un aspetto più umano, poiché le rughe che la pelle presentavano in precedenza stanno scomparendo e la pelle sta assumendo un tono più pallido.

In queste ultime settimane si dedica a perfezionare i suoi sensi e i suoi riflessi, che sono praticamente sviluppati.

La sua attività cerebrale è tale che si ritiene che possa già acquisire conoscenze. È in grado di riconoscere la voce di sua madre con assoluta chiarezza e persino di rispondere ad essa. La musica lenta o i ritmi lenti vi rilassano, mentre i rumori o i suoni forti possono farvi spaventare.

Consultazioni prenatali

Il settimo mese di gravidanza è considerato un mese tranquillo quando si tratta di test medici prenatali. Normalmente in questo mese non viene eseguita nessuna ecografia, poiché quella corrispondente al terzo trimestre viene fatta qualche settimana dopo: nell'ottavo mese di gestazione. Tuttavia, se è necessario un maggiore controllo, un test dell'immagine potrebbe essere eseguito senza problemi.

Come accennato in precedenza, occorre prestare particolare attenzione alla possibilità che in questo mese di gravidanza compaia la preeclampsia. Per questo motivo, molti specialisti raccomandano almeno un consulto medico con la donna incinta per misurare la pressione e controllare l'altezza e il peso. Il test può essere integrato con un esame del sangue.

Domande più frequenti

Qual è la posizione del bambino al 7° mese?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Sei già in posizione fetale, cioè con le gambe piegate, le ginocchia vicine al petto e le braccia incrociate. All'interno dell'utero non ha ancora assunto la posizione del parto, cioè la testa è nel bacino e la colonna vertebrale è sostenuta da quella della madre. Di solito, questa posizione viene acquisita a partire dalla 32a o 34a settimana, anche se dipende da ogni caso.

Sono incinta di 7 mesi e non riesco a dormire, cosa posso fare?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Ovviamente non è possibile dormire a pancia in giù a causa del volume dell'addome. Si raccomanda di dormire sul fianco, soprattutto sul lato sinistro, che facilita l'afflusso di sangue al feto. Tenere le gambe piegate e mettere un cuscino tra di loro è di solito una buona soluzione quando le gambe sono gonfie in periodi di gravidanza come questo.

È normale che si verifichi un'emorragia vaginale a 7 mesi?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

L'emorragia in gravidanza non deve sempre essere un sintomo di una situazione anomala. Tuttavia, nell'ultimo trimestre di gravidanza non è una situazione abituale. Pertanto, si consiglia di contattare immediatamente il proprio medico, qualunque sia stata la causa.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Alcolea Flores, S., Mohamed Mohamed D. Guía de cuidados en el embarazo. Consejos de su matrona. Hospital Universitario de Ceuta (Dirección Territorial de Ceuta e Instituto Nacional de Gestión Sanitaria (ed.). Colección Editorial de Publicaciones del INGESA. ISBN: 978-84-351-0408-1

Best Start Resource Centre (2016). A Healthy Start for Baby and Me. Ontario’s easy-to-read guide about pregnancy and birth. Toronto, Ontario, Canada. Copyright 2010, 2012, 2016 Health Nexus.

Consejería de Salud de la Junta de Andalucía (2002). Proceso Asistencial Integrado: Embarazo, Parto y Puerperio. Consejería de Salud, Junta de Andalucía. Sevilla.

Cunningham F, MacDonald P, Gant N et al. (1996). Adaptación maternal al embarazo. Masson SA. Cunningham F, MacDonald P, Gant N, et al. 4ª ed, Barcelona; pp. 201-237

Duyff, R.L. (2002). American Dietetic Association Complete Food and Nutrition Guide (2nd Ed.). Hoboken, New Jersey: John Wiley & Sons, Inc.

Dickason E, Silverman B, Schult M. (1996). Enfermería maternoinfantil (1.a ed.). Barcelona: Mosby-Doyma Libros.

Eugene S, Bonapace MD, Robert S, Fisher MD. (1998). Constipation and diarrhea in pregnancy. Gastroenterol Clin North Am; 27: 197- 211.

Gary F, Mc Donald P. (1996). Adaptación materna al embarazo. En: Gary F, MacDonald P, Grant N Lereso K, Gilstrap L, editores. Williams. Obstetricia (4.a ed.). Barcelona: Masson.

González Merlo J. (1992). Modificaciones fisiológicas producidas en el organismo materno por el embarazo. En: Williams. Obstetricia (4.a ed.). Barcelona: Masón.

Grupos de trabajo de la Guía de Embarazo y Parto, Guía de Salud Oral, y Guía de Lactancia Materna. Consejería de Sanidad, Dirección General de Salud Pública y Servicio de Salud del Principado de Asturias. Octubre de 2015.

Health Service Excecutive (Feidhmeannacht na Seirbhíse Sláinte) (2010). A guide to your pregnancy month by month. Breastfeeding.ie - Your breastfeeding support network. Order Code: HPM00341

March of Dimes, Pregnancy & Newborn Health Education Center. Exercise during Pregnancy. Retrieved March 11, 2008

National Health Service (NHS) (UK) (2009). The Pregnancy Book. Your complete guide to: A healthy pregnancy, Labour and childbirth, The first weeks with your new baby. Crown copyright 2009. Produced by COI for the Department of Health.

Obstetricia 4ª edición. J. González Merlo. Ed. Masson. Barcelona, 2003

Ramírez García O, Martín Martínez A, García Hernández JA. (2003). Duración del embarazo. Modificaciones de los órganos genitales y de las mamas. Molestias comunes del embarazo normal. Panamericana Ed. Tratado de Ginecología, Obstetricia y Medicina de la Reproducción. Cabero Roura L, Madrid.

The American College of Obstetricians and Gynecologists. (2005). Your Pregnancy and Birth (4th ed.). Washington, DC: Meredith Books.

The American College of Obstetricians and Gynecologists (2011). Frequently Asked Questions (FAQ156). Pregnancy.

The American Dietetic Association. (2008) Position of the American Dietetic Association: Nutrition and Lifestyle for a Healthy Pregnancy Outcome. Journal of the American Dietetic Association. 108:553-561.

U.S. Food and Drug Administration (FDA). Food Safety for Moms-To-Be. Retrieved April 09, 2010

Domande più frequenti: 'Qual è la posizione del bambino al 7° mese?', 'Sono incinta di 7 mesi e non riesco a dormire, cosa posso fare?' e 'È normale che si verifichi un'emorragia vaginale a 7 mesi?'.

Vedi di piú

Autore

 Victoria Moliner
Victoria Moliner
Embrióloga
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV), con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita dall'UV e dall'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Attualmente lavora come biologa di ricerca. Continua a leggere Victoria Moliner

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.