Fibroidi uterini: Tipi, sintomi, diagnosi e trattamenti

Da (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 02/10/2020

La miomatosi uterina è la comparsa di fibromi uterini, che sono tumori benigni che si sviluppano nell'utero a partire dal suo muscolo liscio: il miometrio. Sono anche chiamati fibromiomi, fibromiomi o leiomiomi. Il trattamento dipenderà principalmente dai sintomi della donna, dall'età e dal desiderio riproduttivo.

Cos'è un fibroma e quali sono le sue cause?

I fibromi sono i tumori benigni più comuni nelle donne. Normalmente sono presentati in forme multiple, ma possiamo trovarli anche in solitario.

Possono essere asintomatici, quindi la loro incidenza effettiva non è nota con precisione. Tuttavia, si stima che una donna su quattro in età fertile ne abbia una su quattro. Di solito vengono diagnosticati tra i 30 e i 40 anni.

Le cause esatte sono sconosciute, ma è noto che il loro aspetto e la loro crescita sono influenzati dagli ormoni del ciclo mestruale, principalmente estrogeni. Uno squilibrio ormonale e un aumento del livello di estrogeni nel corpo può portare alla comparsa di questo tipo di tumore, che non è altro che la crescita di una massa anomala di tessuto muscolare.

Dopo la menopausa, poiché i livelli di estrogeni nel sangue diminuiscono, non si formano nuovi fibromi e quelli presenti di solito diminuiscono di dimensioni, anche se non scompaiono.

Se c'è crescita di fibromi dopo la menopausa, può indicare una trasformazione tumorale maligna.

Alcuni studi hanno anche scoperto che i fibromi possono avere cause genetiche, quindi c'è una certa predisposizione genetica a svilupparli.

Tipi

Tutti i fibromi hanno origine dal miometrio. Tuttavia, esistono tre tipi di fibromi a seconda della loro posizione e della direzione in cui crescono:

Subserosos
crescono nella cavita' addominale. Possono comprimere gli organi adiacenti se si sviluppano molto, ma di solito sono asintomatici. Sono i più comuni (55%).
Intramurale
sono mantenuti nello spessore del miometrio. Proliferano nella parte centrale del miometrio e aumentano le dimensioni dell'utero. Sono anche frequenti (40%).
Submuco
crescono nella cavita' uterino. Sono i meno frequenti (5%), ma causano il maggior numero di sintomi, in quanto aumentano le emorragie mestruali (ipermenorrea) e possono portare all'anemia da carenza di ferro. Hanno più possibilità di diventare cattivi.

Inoltre, i fibromi sottomucosi e sottomucosi possono diventare peduncolati, il che significa che sono attaccati all'utero solo da un sottile stelo chiamato peduncolo. Se è attorcigliato, può causare forti dolori.

Sintomi

Come abbiamo già detto, in molte occasioni, i fibromiomi non causano solitamente alcun sintomo. Tuttavia, in alcune donne, a seconda della posizione, della dimensione e della direzione della crescita tumorale, possono causare:

  • Sanguinamento tra un periodo e l'altro (metrorragia)
  • Mestruazioni più lunghe e abbondanti (menorragia)
  • Regnanti dolorosi (dismenorrea)
  • Sesso doloroso (dispareunia)
  • Dolore pelvico e gonfiore addominale
  • Sensazione di compressione e pressione nella vescica, nell'uretere e nel retto
  • Minzione frequente
  • Anemia

Diagnosi

La diagnosi dei fibromi è di solito fatta con un esame fisico della zona pelvica, seguito da un'ecografia addominale o transvaginale per confermare la loro presenza. La diagnosi è più difficile nei pazienti con obesità, in quanto la palpazione costa di più.

Altre tecniche più complesse possono essere eseguite anche per confermare la diagnosi ed escludere altri tipi di alterazioni come tumori ovarici o infiammazioni delle tube:

Isteroscopia
prevede l'inserimento di una telecamera attraverso la vagina per ispezionare l'interno della cavità uterina. È utile per la diagnosi e la rimozione dei fibromi sottomucosi.
Laparoscopia
una telecamera viene inserita attraverso un piccolo foro nell'addome per visualizzarne l'interno. Permette l'osservazione dei fibromi suberosali e anche la loro estrazione.
Sonoisterografia
consiste nell'eseguire un'ecografia mentre si inietta una soluzione salina nell'utero per migliorare la visualizzazione dell'utero.
Risonanza magnetica
permette di creare immagini utilizzando potenti magneti e onde radio. Non viene eseguita di routine a causa del suo prezzo.
Tomografia assiale computerizzata (TAC)
consiste nel fare molte radiografie per ottenere un'immagine 3D dell'area pelvica. Questa tecnica è anche raramente utilizzata per diagnosticare i fibromi.
Biopsia endometriale
prelevando un campione di tessuto, permette la diagnosi di tumori maligni.

Trattamento

Il trattamento della miomatosi dipenderà dall'età del paziente e dal desiderio di avere figli, oltre che dalle dimensioni e dal peso dei fibromi. Chi è asintomatico e di piccole dimensioni non ha bisogno di essere trattato, ma solo controllato.

Trattamenti non invasivi

Permettono di ritardare o di evitare l'intervento chirurgico. Il sito più comuni sono:

Antidolorifici
per gestire il dolore dei piccoli fibromi.
Contraccettivi ormonali
per regolare le mestruazioni e il dolore che provoca.
Trattamento ormonale con agonisti GnRH
diminuisce il livello di estrogeni nel sangue causando una situazione simile alla menopausa, quindi bisogna tener conto dei suoi effetti collaterali. Il trattamento migliora i sintomi, ma non fa scomparire il fibroma, quindi quando il farmaco viene sospeso, ricresce.

Trattamenti invasivi

Nei casi in cui i sintomi non possono essere alleviati dai farmaci, si sceglie il trattamento chirurgico. Ci sono diverse opzioni:

Embolizzazione dell'arteria uterina
viene utilizzato per i piccoli fibromi, interrompe l'afflusso di sangue al fibroma, causandone il restringimento o la completa scomparsa. Questo si ottiene introducendo microparticelle nelle arterie uterine attraverso un catetere.
Miomectomia
è la rimozione dei fibromi, preservando l'utero. Questa tecnica è usata da quelle donne che intendono avere figli. Non garantisce che in futuro non si possano far ricrescere i fibromi. Può essere eseguita mediante isteroscopia (fibromi sottomucosio) o laparoscopia (fibromi sottomucosio).
Isterectomia
è la rimozione parziale o totale dell'utero. Questo intervento viene eseguito su donne anziane che non hanno più intenzione di avere figli.

Relazione con la fertilità e la gravidanza

La presenza di fibromi uterini è stata associata all'infertilità femminile, anche se solo l'1-2,4% delle pazienti infertili ha fibromi uterini come unica causa del problema della sterilità. Quelle che possono rendere più difficile la gravidanza sono quelle sottomucose, poiché colpiscono direttamente la cavità uterina.

Uno dei problemi causati dai fibromi è che possono spremere le tube di Falloppio, il che impedisce all'uovo di essere fecondato. Impianto endometriale.

D'altra parte, questi tumori sono stati collegati ad aborti ripetuti, poiché, a seconda delle dimensioni dell'utero, possono impedire il normale sviluppo dell'embrione. I pazienti in età fertile che ritengono che questi cambiamenti possano rendere più difficile la gravidanza dovrebbero sottoporsi a una miomectomia.

Domande più frequenti

Se voglio avere figli, qual è il miglior trattamento per la miomatosi?

Da Carmen Ochoa Marieta (ginecologa).

Nella medicina della riproduzione, spesso si adotta un atteggiamento conservatore nei confronti dei fibromi, ma la prima cosa da fare è sapere di che taglia sono e se invadono o meno la cavità uterina.

I fibromi uterini possono essere cancerogeni?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Sì, alcuni fibromi possono svilupparsi in tumori maligni, ma questo è molto raro, come solo lo 0,5%. Questi tumori sono chiamati leomiosarcomi.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

 Carmen Ochoa Marieta
Carmen Ochoa Marieta
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università dei Paesi Baschi, con un dottorato in Medicina e Chirurgia dell'Università di Murcia. Attualmente dirige l'Unità di Riproduzione Assistita presso il Centro di Studi sulla Procreazione (CER SANTANDER) di Santander e l'Unità Diagnostica di Medicina della Riproduzione di Bilbao. Continua a leggere Carmen Ochoa Marieta
Numero associato: 484805626
 Rebeca Reus
Rebeca Reus
Embriologa
Laureato in Biologia Umana (Biomedicina) presso l'Universitat Pompeu Fabra (UPF), con un Master ufficiale in Laboratorio di Analisi Clinica dell'UPF e un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita dell'Universidad de Valencia (UV). Continua a leggere Rebeca Reus
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.