Che significa “essere fertile” e quali sono i fattori che influenzano la fertilità?

Da (embriologa), (embriologa senior), (ginecologo) e (invitra staff).
Aggiornato il 21/09/2020

La fertilità è la capacità di riprodursi o di procreare. Negli esseri umani, la fertilità maschile e femminile differiscono per alcuni aspetti. Uno di questi è l'effetto dell'età, poiché gli anni riproduttivi di una donna sono limitati. Oltre al tempo, ci sono altri fattori che possono influenzare il raggiungimento della gravidanza, come le irregolarità del ciclo mestruale, le alterazioni della funzione delle ovaie o i fallimenti nella produzione di sperma.

Quali fattori influenzano la fertilità?

Nell'uomo, ci sono molti fattori che determinano la capacità di procreare, sia negli uomini che nelle donne. Tra i punti salienti, troviamo:

  • L'età riproduttiva.
  • La capacità di fare sesso.
  • La salute di entrambi i genitori.
  • La qualità del seme.
  • La qualità degli ovuli.
  • La capacità di una donna di gestare.

Fertilità maschile

La fertilità maschile dipende direttamente dalla produzione di sperma, dalla qualità dello sperma e dalla capacità di uscire dallo sperma.

Gli uomini nascono con organi maschili immaturi e, con l'inizio della pubertà, si verificano cambiamenti ormonali che permettono agli spermatozoi di iniziare a generare lo sperma nei testicoli.

All'interno dei testicoli, in strutture chiamate tubuli seminiferi, gli spermatozoi sono prodotti in modo permanente. Vengono poi trasportati attraverso il vaso deferente ed espulsi attraverso l'uretra per eiaculazione.

Qualsiasi alterazione che influenzi uno qualsiasi di questi passaggi influenzerà, in misura minore o maggiore, la fertilità maschile.

In alcuni studi è stato dimostrato che la qualità seminale può diminuire con l'età, poiché alcuni parametri come la concentrazione o la mobilità peggiorano. Tuttavia, questi cambiamenti nella fertilità maschile non sono così pronunciati come nel caso delle donne, e si può essere padre biologico anche dopo i 50 anni.

Se volete saperne di più sulla sterilità maschile, potete visitare il seguente link: Cos'è la sterilità maschile?

Fertilità femminile

La fertilità di una donna dipende principalmente dalla qualità dei suoi ovuli, così come dalla sua capacità di ovulare e di portare a termine correttamente la gravidanza.

Il sistema riproduttivo di una donna funziona in modo molto diverso da quello di un uomo. Ciò significa che ci sono anche notevoli differenze nella fertilità di entrambi.

Nel caso delle donne, dal momento in cui nascono, hanno già tutti gli ovuli che avranno per tutta la vita. In altre parole, il numero di ovuli di una donna è limitato e viene determinato alla nascita.

Ecco le fasi principali della fertilità femminile:

  • Pubertà: con l'arrivo dellapubertà iniziano i cicli mestruali e, quindi, le mestruazioni.
  • Periodo fertile: durante i cicli mestruali, all'interno delle ovaie, avviene lo sviluppo di una serie di follicoli (le strutture che contengono gli ovociti) e la totale maturazione e successiva liberazione di un ovulo maturo. Fisiologicamente, questo processo si verifica ogni mese fino all'avvicinarsi della menopausa.
  • Menopausa: man mano che si avvicina, i cicli diventano più irregolari o inesistenti. Dopo il loro arrivo, che di solito avviene intorno ai 50 anni, la fase riproduttiva femminile termina. Tuttavia, la fertilità di una donna diminuisce molto prima.

Il periodo più fertile per le donne è quello intorno ai 20 anni. A partire dai 30 anni, la loro capacità riproduttiva diminuisce, e un declino più pronunciato si verifica a partire dai 35 anni. È al momento del tuo quarantesimo compleanno che la fertilità peggiora drasticamente, il che rende le probabilità di rimanere incinta naturalmente molto basse.

Tuttavia, bisogna tener presente che ogni donna ha un ritmo di sviluppo diverso e che queste età possono cambiare in modo significativo.

Inoltre, ci sono altri fattori esterni di stile di vita che possono influenzare notevolmente la fertilità di una donna. Come ci dice il dottor Toño Lara:

L'obesità, il sottopeso e lo stress riducono la fertilità della donna.

Ciclo della fertilità femminile

Sebbene una donna sia fertile durante tutto il ciclo mestruale, le probabilità di rimanere incinta variano durante il ciclo.

È durante l'ovulazione (quando l'ovulo viene rilasciato dalle ovaie nelle tube di Falloppio) e nei giorni che lo circondano che la gravidanza è più probabile che venga raggiunta. Questo perché durante questo periodo è più facile per l'ovulo e lo sperma incontrarsi e quindi si verifica la fecondazione.

In un ciclo regolare, l'ovulazione avviene circa il 14° giorno del ciclo, o circa 14 giorni dopo l'inizio dell'ultimo ciclo. Pertanto, la finestra più fertile della donna si trova in quel giorno.

Data la data in cui ci si aspetta che lei abbia un'ovulazione e aumentando la frequenza dei rapporti sessuali in quella settimana, le possibilità di ottenere una gravidanza aumenteranno. Sulla base di queste informazioni, i calendari dell'ovulazione o le calcolatrici possono essere utili per trovare la gestazione.

Nonostante ciò, il giorno esatto dell'ovulazione può cambiare da una donna all'altra. Ci possono essere anche variazioni nella vita di una donna tra un ciclo mestruale e l'altro, soprattutto se ha cicli mestruali irregolari o se c'è un problema di ovulazione. Per questo motivo, queste informazioni non sono sempre applicabili e talvolta è necessario ricorrere ad altri metodi, come i test di ovulazione o i trattamenti di induzione dell'ovulazione.

Studio della fertilità

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), una coppia è considerata affetta da problemi di fertilità quando non è in grado di ottenere una gravidanza in evoluzione dopo 12 mesi di sesso non protetto. A quel tempo, gli studi clinici sarebbero già stati indicati per determinare quale potesse essere il motivo della sterilità.

Per le coppie in cui la donna ha più di 35 anni, si raccomanda di iniziare questi studi se non c'è gestazione dopo 6 mesi di sesso non protetto. È necessario che questi studi siano effettuati in una clinica di riproduzione assistita per poter fare una diagnosi corretta attraverso uno studio di fertilità personalizzato di ogni membro della coppia.

In primo luogo, si dovrebbe fare un ampio colloquio (anamnesi) in modo che il medico possa determinare quali test saranno necessari per identificare la causa dei problemi di fertilità.

Negli uomini, il test più informativo è di solito il spermiogramma, che consiste nel valutare un campione di sperma sia microscopicamente che macroscopicamente. Per le donne, sia l'analisi ormonale che il conteggio dei follicoli antrali mediante ecografia transvaginale sono i test più comuni.

In tutte le coppie, il cariotipo viene solitamente analizzato anche per escludere anomalie cromosomiche come causa della sterilità.

A seconda dei risultati ottenuti, saranno richiesti ulteriori test o sarà indicato il trattamento migliore per consentire alla coppia di realizzare il proprio sogno di diventare genitori.

Domande più frequenti

È consigliabile per gli uomini congelare lo sperma per preservare la loro fertilità?

Da Dra. Rocío Núñez Calonge (embriologa senior).

Anche se ci sono studi che collegano l'aumento dell'età maschile ai problemi di fertilità, la verità è che non esiste una chiara associazione.

La produzione di sperma nel testicolo avviene in modo continuo, a differenza della formazione di ovuli nelle donne. Per questo motivo, negli uomini, il congelamento dello sperma in modo preventivo non ha tanto senso quanto nel caso delle donne, nelle quali, a partire dai 35 anni, il numero e la qualità degli ovociti diminuisce.

A meno che non ci sia una patologia che influenzi la produzione di sperma, il maschio si sottoporrà alla chemio o alla radioterapia, o alla chirurgia (come nel caso più comune delle vasectomie), non è necessario congelare lo sperma per il futuro.

Posso aumentare la mia fertilità?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Una vita sana può migliorare la capacità riproduttiva. Ad esempio, alcuni studi hanno cercato di collegare il ruolo degli antiossidanti nella formazione di nuove cellule sessuali (gametogenesi).

Tuttavia, nei casi in cui la fertilità è gravemente compromessa, sarà difficile migliorare la fertilità e l'opzione migliore sarà quella di ricorrere a trattamenti di riproduzione assistita.

La sterilità negli uomini si può invertire?

Da Victoria Moliner (embrióloga).

Dipende dal motivo per cui l'uomo ha problemi riproduttivi. Ad esempio, se l'infertilità è dovuta ad un fattore genetico, non può essere invertita, ma se l'infertilità è dovuta ad un'ostruzione del deferente vasale o all'assunzione di un farmaco che influisce sulla produzione di spermatozoi, è possibile eseguire un trattamento chirurgico o interrompere il farmaco.

Posso distinguere il mio livello di fertilità dal mio flusso?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Le perdite vaginali cambiano di consistenza durante tutto il ciclo mestruale. Per esempio, è più abbondante al momento dell'ovulazione, quindi può aiutarci a sapere quali giorni sono più fertili.

Tuttavia, se ci sono cambiamenti che rendono la gravidanza difficile, come una bassa riserva ovarica o cambiamenti nelle tube, non saranno rilevati da questo metodo, quindi non è un'indicazione di fertilità in quanto tale.

Va inoltre notato che non dovrebbe essere usato come metodo contraccettivo, in quanto è molto pericoloso.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

 Rebeca Reus
Rebeca Reus
Embriologa
Laureato in Biologia Umana (Biomedicina) presso l'Universitat Pompeu Fabra (UPF), con un Master ufficiale in Laboratorio di Analisi Clinica dell'UPF e un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita dell'Universidad de Valencia (UV). Continua a leggere Rebeca Reus
Dra. Rocío  Núñez Calonge
Dra. Rocío Núñez Calonge
Embriologa Senior
Laurea in Scienze Biologiche presso l'Università Complutense di Madrid. Ha una lunga carriera scientifica e come direttore di laboratori. Attualmente è direttore scientifico della Clinica Tambre. Continua a leggere Dra. Rocío Núñez Calonge
Dr. Toño Lara González
Dr. Toño Lara González
Ginecologo
Dottore in Medicina e Chirurgia con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. Coordinatore di tecniche di riproduzione assistita con una vasta esperienza nel campo della Medicina della Riproduzione. Continua a leggere Dr. Toño Lara González
Numero associato: 313102990
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.