Fecondazione in vitro: Definizione e Prezzo

Da (ginecologo), (embriologa) e (embriologa).
Aggiornato il 11/09/2020

La fecondazione in vitro (FIVET) è una tecnica di riproduzione assistita altamente complessa utilizzata in tutti i centri di fertilità per aiutare le coppie o le donne single che hanno difficoltà ad ottenere una gravidanza.

Il successo di questo trattamento dipende da molti fattori, ma l'età della donna è uno dei più importanti. Influenzerà anche se gli spermatozoi maschili sono di buona qualità.

A causa del costo dei farmaci ormonali e di tutta la tecnologia utilizzata per eseguire la FIVET, il prezzo totale di questa tecnica di riproduzione assistita è piuttosto alto.

Di seguito trovate un indice con i 12 punti che tratteremo in questo articolo.

Definizione di fecondazione in vitro

La fecondazione in vitro è un trattamento di fertilità che consiste nel rimuovere gli ovuli dalle ovaie della donna per mezzo di una puntura follicolare e poi fecondarli in laboratorio con lo sperma del maschio. Poi, si osserva l'evoluzione degli embrioni in coltura fino a quando non vengono trasferiti nell'utero della futura madre per ottenere una gravidanza.

A seconda della tecnica utilizzata per fondere i gameti (ovuli e sperma) in un embrione, si distinguono i seguenti tipi di FIVET:

FIVET convenzionale
gli ovuli e lo sperma vengono messi nella stessa piastra di coltura in attesa che possano fondersi da soli.
Iniezione intracitoplasmatica dello sperma (ICSI)
lo sperma viene introdotto direttamente nell'ovulo attraverso una microiniezione.

L'esecuzione dell'uno o dell'altro metodo dipenderà dalle condizioni di infertilità di ogni coppia, così come dalle preferenze di ogni centro di riproduzione assistita. In ogni caso, le fasi di trattamento precedenti in entrambi i tipi di FIVET sono le stesse.

Differenza tra FIVET e inseminazione artificiale

L'inseminazione artificiale (IA) è un'altra tecnica di riproduzione assistita più semplice della FIV. L'IA consiste nell'introdurre lo sperma del maschio nell'utero della donna e nel permettere che la fecondazione avvenga naturalmente.

Pertanto, la FIVET è più complessa e richiede più passaggi durante tutto il trattamento, compresa una piccola procedura chirurgica per rimuovere gli ovuli nella puntura follicolare.

Nonostante questo, la probabilità di gravidanza è più alta in FIV che con l'IA, quindi è di solito la tecnica applicata in un numero maggiore di casi.

Quando è necessaria la FIVET?

Ci sono diverse situazioni sterili che possono portare una coppia ad aver bisogno della tecnica della FIVET per ottenere una gravidanza. L'infertilità può essere dovuta a problemi sia maschili che femminili o anche ad una combinazione di entrambi.

Di seguito sono riportate le indicazioni più comuni per la fecondazione in vitro:

Infertilità maschile

Nei casi di infertilità maschile moderata o grave, la fecondazione in vitro può essere utilizzata per cercare di ottenere una gravidanza:

Oligozoospermia
assenza di sperma nell'eiaculato.
Asthenozoospermia
spermatozoi lenti o immobili.
Teratozoospermia
sperma di forma anormale nella testa, nel collo e/o nella coda.
Cryptozoospermia
la concentrazione di sperma è quasi zero.
Oligoastenotheratospermia
combinazione di diverse modifiche.

Infertilità femminile

Nelle donne, di solito ci sono complicazioni nelle seguenti aree:

Fattore endocrino ovarico
problemi ormonali che causano alterazioni del ciclo mestruale, anovulazione, ecc.
Fattore tubarico
alterazioni nelle tube di Falloppio che causano un'ostruzione.
Fattore uterino
malformazioni nell'utero, tumori come polipi o fibromi, endometriosi, ecc.
Fattore cervicale
alterazioni della cervice uterina che impediscono il passaggio degli spermatozoi nella cavità uterina.

Requisiti per la FIVET

Per poter applicare la fecondazione in vitro, la donna deve essere in grado di produrre ovuli. Inoltre, è necessario che non abbia problemi o anomalie uterine che impediscano l'impianto dell'embrione o l'evoluzione della gestazione.

Nel caso dell'uomo, i requisiti variano a seconda del tipo di FIVET che si intende effettuare. Se la qualità seminale lo permette, cioè se si dispone di un numero di spermatozoi mobili compreso tra 1 e 3 milioni/ml, di solito si effettua la FIV convenzionale. Se invece gli spermatozoi hanno gravi problemi di mobilità, morfologia o concentrazione, verrà scelto l'ICSI.

Quando i campioni di sperma non provengono da eiaculato, come nel caso di una biopsia testicolare, è necessaria anche una ICSI, poiché la loro qualità è solitamente molto bassa. Lo stesso vale per lo sperma congelato o gli ovuli vetrificati.

In ogni caso, anche se i requisiti per la FIV convenzionale sono soddisfatti, ci sono cliniche della fertilità che preferiscono eseguire l'ICSI.

D'altra parte, se la donna ha una riserva ovarica ridotta e non è possibile ottenere ovuli maturi, può eseguire la FIVET con ovuli da donatrice.

In cosa consiste la fecondazione in vitro?

Il processo di FIVET è complicato, in quanto ci sono diversi passi che devono essere fatti per ottenere il successo finale del trattamento. Ne discuteremo uno per uno qui sotto:

  1. Stimolazione ovarica controllata: la donna riceve un farmaco ormonale per circa 10 giorni per stimolare la produzione di ovuli e ottenere così un numero maggiore di ovuli. Inoltre, questo farmaco permette di controllare il momento dell'ovulazione, aumentando così la probabilità che gli ovuli ottenuti siano maturi e adatti alla fecondazione.
  2. Puntura ovarica o follicolare: è la procedura chirurgica in cui gli ovuli maturi vengono estratti dall'ovaio. Si esegue per aspirazione, dura circa 20-30 minuti e richiede l'anestesia.
  3. Raccolta e preparazione dello sperma: il campione maschile viene generalmente raccolto mediante masturbazione, anche se può essere ottenuto anche mediante aspirazione di epididimo o biopsia testicolare. Lo sperma subisce quindi un processo di capacitazione dello sperma che renderà lo sperma capace di fecondare e dare origine all'embrione.
  1. Fecondazione: uovo e sperma vengono fusi, sia da soli (FIV convenzionale) che per microiniezione (ICSI). Se volete saperne di più sulle differenze tra i due modi di fondere i gameti potete leggere questo articolo: Differenze tra FIVET e ICSI.
  2. Coltura degli embrioni: una volta che l'ovulo è stato fecondato, gli embrioni vengono lasciati in una specifica incubatrice che mantiene le condizioni ottimali per lo sviluppo embrionale. L'evoluzione si osserva fino al trasferimento, che può avvenire il giorno 3 o il giorno 5-6 dello sviluppo.
  3. Preparazione dell'endometrio: la donna riceve estrogeni e progesterone in modo che il suo endometrio (strato uterino dove gli embrioni si impiantano) abbia il giusto aspetto e spessore per favorire l'impianto.
  4. Trasferimento di embrioni: l'embrione o gli embrioni della migliore qualità saranno scelti e trasferiti nell'utero della futura madre in attesa dell'impianto e dell'inizio della gravidanza. Anche se si raccomanda di trasferire un solo embrione, in Italia sono ammessi al massimo 3 embrioni.
  5. Congelamento degli embrioni
    gli embrioni non trasferiti rimasti di buona qualità sono crioconservati con il metodo di vetrificazione per un uso successivo.
  6. Test di gravidanza: circa 14 giorni dopo la puntura follicolare, la donna può effettuare il test di gravidanza che rileva l'ormone beta-hCG, prodotto dall'impianto embrionale.

Risultati e probabilità di gravidanza

Come per tutte le tecniche di riproduzione assistita, il successo del trattamento si misura in base a diversi fattori, tra i quali l'età del paziente è uno dei più influenti.

Gli specialisti sono riusciti a stabilire alcuni parametri di successo per il trattamento della FIVET. Sono i prossimi:

  • 40% nelle donne sotto i 35 anni.
  • Tra il 27-36% nelle donne di età compresa tra i 35 e i 37 anni.
  • Tra il 20-26% nelle donne di età compresa tra i 38 e i 40 anni.
  • Tra il 10-13% nelle donne oltre i 40 anni.

Quando si parla e si confrontano i tassi di successo tra diverse tecniche o tra diversi centri riproduttivi, è importante tenere conto di cosa intendiamo per successo, poiché ci sono momenti in cui si danno risultati in termini di probabilità di gravidanza, probabilità di parto, probabilità di un bambino sano a casa, ecc.

Il vero successo della FIVET si riferisce alla nascita di un bambino sano e non solo al raggiungimento della gravidanza, poiché purtroppo non tutte le gravidanze sono evolutive.

Vantaggi e svantaggi

Come per altre tecniche riproduttive, come l'inseminazione artificiale, la fecondazione in vitro presenta sia vantaggi che svantaggi. Li commentiamo qui di seguito:

Vantaggi della FIVET

I principali vantaggi della fecondazione in vitro sono i seguenti:

  • Tassi di successo elevati.
  • Permette la gravidanza in coppie con gravi problemi di fertilità. In particolare, l'ICSI offre la possibilità di fecondazione in casi di fattore maschile grave come l'azoospermia ostruttiva.
  • È possibile eseguire il processo con ovuli e sperma della donatrice, permettendo così la gravidanza in molti casi di infertilità.
  • In generale, i possibili effetti collaterali non sono gravi.

Svantaggi della FIVET

Tuttavia, la FIVET presenta anche una serie di svantaggi di cui dobbiamo tenere conto:

  • Il paziente deve autosomministrare i farmaci ormonali, che possono portare a complicazioni.
  • Richiede un intervento chirurgico in anestesia che, pur essendo un'operazione semplice e breve, non è completamente esente da rischi.
  • Il suo prezzo è più alto rispetto ad altre tecniche riproduttive come l'IA.

Indipendentemente dal fatto che si faccia la FIVET convenzionale o l'ICSI, gli svantaggi sono gli stessi.

Rischi potenziali

Come abbiamo visto nella sezione precedente, la stimolazione ovarica e la puntura follicolare eseguita nel processo di FIVET può dare origine ad alcuni rischi di cui la paziente deve essere consapevole prima di iniziare il trattamento. Li commentiamo qui di seguito:

Sindrome da iperstimolazione ovarica (OHS)
si verifica come risultato dell'alta risposta della donna ai farmaci per la stimolazione ovarica. C'è un aumento delle dimensioni delle ovaie e l'extravasazione dei fluidi fuori dal flusso sanguigno a causa della maggiore permeabilità dei vasi sanguigni. In casi estremi, può compromettere il fegato, il sangue, i reni e l'apparato respiratorio.
Gravidanza multipla
se viene trasferito un solo embrione, la probabilità di gravidanza multipla è bassa. Tuttavia, se vengono trasferiti due embrioni, c'è una probabilità del 6% di avere una gravidanza gemellare e se ne vengono trasferiti tre, la probabilità di avere due gemelli è del 12% mentre la probabilità di avere tre gemelli è del 3%. In ogni caso, queste tariffe dipenderanno da altri fattori come l'età materna o le condizioni dell'utero.
Aborto involuntario
circa il 20% delle gravidanze ottenute con la FIVET termina con l'aborto spontaneo e la maggior parte si verifica nelle prime settimane di gravidanza. In ogni caso, come nel caso di una gravidanza multipla, questo dipenderà dall'età della paziente e dalle condizioni di ogni donna o coppia.
Gravidanza ectopica
si tratta di una gravidanza in cui l'embrione si è impiantato al di fuori della cavità uterina. Tra il 2% e il 5% delle donne che si sottopongono al trattamento di FIVET possono soffrire di una gravidanza ectopica. Questo dato contrasta con il circa 1% dei casi in cui questo tipo di gravidanza può avvenire naturalmente.

Prezzo della FIVET

La fecondazione in vitro costa circa 3.000-5.000 euro. Il prezzo varia a seconda delle esigenze di ogni situazione, della clinica della fertilità in cui il trattamento deve essere eseguito, dei test necessari, ecc.

Normalmente, il farmaco che il paziente riceve non è incluso nel budget iniziale. I farmaci per la stimolazione costano di solito tra i 1000 e i 1200 euro e quelli per la preparazione dell'endometrio circa 300 euro.

Le tecniche complementari come la diagnosi genetica preimpianto (PGD) o la coltura a lungo termine hanno un costo aggiuntivo. Pertanto, è molto importante esaminare attentamente le spese che sono o non sono incluse nel prezzo indicato dallo specialista.

Va notato che non sempre la gravidanza si ottiene al primo tentativo di FIVET, per cui è consigliabile consultare il costo del congelamento degli embrioni e del trasferimento del ciclo sostitutivo per i tentativi futuri.

D'altra parte, ci sono anche centri di riproduzione assistita che offrono sconti speciali dal secondo o terzo tentativo di FIVET.

Intervista con il Dr. Gorka Barrenetxea

Il Dr. Gorka Barrenetxea, ginecologo specializzato in riproduzione assistita presso la clinica Reproducción Bilbao, ci parla della fecondazione in vitro e di tutte le sue peculiarità in un’intervista.

Domande più frequenti

Quali effetti negativi possono avere i farmaci per la FIVET?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Da Fertility Madrid

I farmaci utilizzati nella riproduzione assistita possono produrre vari effetti collaterali come mal di testa, sbalzi d'umore, dolori addominali, vampate di calore e gonfiore. A volte possono produrre la sindrome da iperstimolazione ovarica.

Con la stimolazione ovarica si sviluppano più ovuli che in un ciclo naturale, ma questo non causa la menopausa prima. Le donne nascono già con un numero finito di uova e la maturazione non ha alcun effetto e non farà terminare prima la fase riproduttiva.

È vero che c'è un aumento del rischio di gravidanza multipla in FIVET?

Da Marta Barranquero Gómez (embriologa).

Sì, la spiegazione di questo è che i pazienti spesso scelgono di trasferire due embrioni invece di uno per aumentare le possibilità di successo della fecondazione in vitro.

Tuttavia, la tendenza attuale nella maggior parte dei centri di riproduzione assistita è quella di trasferire un unico embrione di alta qualità per evitare i possibili rischi che una gravidanza multipla può scatenare.

Quali sono i sintomi di una FIV positiva?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Dopo una FIVET riuscita, cioè dopo un test di gravidanza positivo, i sintomi non devono essere diversi da quelli di una gravidanza naturale. Il farmaco somministrato può causare qualche disagio particolare come gonfiore o pesantezza, ma in linea di principio questo non deve cambiare.

Quale tipo di FIV è migliore, la FIV convenzionale o l'ICSI?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Non c'è tecnica migliore di un'altra, in quanto entrambe hanno vantaggi e svantaggi. A seconda delle caratteristiche di ogni coppia e della loro situazione di infertilità, sarà più consigliabile effettuare l'uno o l'altro metodo per fecondare l'ovulo.

Ci saranno casi come, ad esempio, situazioni di astenozoospermia grave, in cui sarà necessario effettuare l'ICSI per avere una possibilità di ottenere una gravidanza. Tuttavia, in altri casi, come le alterazioni dell'ovulazione o l'ostruzione delle tube, la FIV convenzionale può risolvere il problema.

La FIV convenzionale è più vicina al processo naturale e richiede meno manipolazioni. Tuttavia, con l'ICSI siamo un passo più vicini alla gravidanza, poiché costringiamo l'unione di ovuli e sperma.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Alper M, Brinsden PR, Fischer R, Wikland M (2002). Is your IVF program good? Hum Reprod; 17: 8-10.

Andersen AN, Gianaroli L, Felberbaum R, de Mouzon J, Nygren KG (2005). Assisted reproductive technology in Europe, 2001. Results generated from European registers by ESHRE. Hum Reprod; 20: 1158 – 1176.

Andersen AN, Goossens V, Ferraretti AP, Bhattacharya S, Felberbaum R, de Mouzon J, Nygren KG, The European IVF-monitoring (EIM) Consortium, for the European Society of Human Reproduction Embryology (ESHRE) (2008). Assisted reproductive technology in Europe, 2004: results generated from European registers by ESHRE. Hum Reprod; 23: 756 – 771.

ASRM, American Society for Reproductive Medicine (2002). Revised minimum standards for in vitro fertilization, gamete intrafallopian transfer, and related procedures. A Practice Committee Report. Guidelines and Minimum Standards.

Aytoz A., Camus M., Tournaye H., Bonduelle M., Van Steirteghem A. and Devroey P. (1998): Outcome of pregnancies after intracytoplasmic sperm injection and the effect of sperm origin and quality on this outcome. Fertil. Steril. 70: 500-505.

Broekmans FJ, Kwee J, Hendriks DJ, Mol BW, Lambalk CB (2006). A systematic review of tests predicting ovarian reserve and IVF outcome. Hum Reprod Update; 12:685-718.

ESHRE Capri Workshop Group. Intracytoplasmic sperm injection (ICSI) in 2006 (2007): evidence and evolution. Hum Reprod Update;13:515 – 526.

Fernández A, Castilla JA, Martínez L, Núñez AI, García-Peña ML, Mendoza JL, Blanco M, Maldonado V, Fontes J, Mendoza N (2002). Indicadores de calidad asistencial en un programa de FIV/ICSI. Rev Iberoam Fertil; 19: 249-52.

Gianaroli L, Plachot M, van Kooij R, Al-Hasani S, Dawson K, DeVos A, Magli MC, Mandelbaum J, Selva J, van Inzen W (2000). ESHRE guidelines for good practice in IVF laboratories. Committee of the Special Interest Group on Embryology of the European Society of Human Reproduction and Embryology. Hum Repro; 15: 2241-6

Goverde AJ, McDonnell J, Vermeiden JP, Schats R, Rutten FF, Schoemaker J (2000). Intrauterine insemination or in-vitro fertilisation in idiopathic subfertility and male subfertility: a randomised trial and cost-effectiveness analysis. Lancet; 355: 13 –18.

Johnson MD (1998). Genetic risks of intracytoplasmic sperm injection in the treatment of male infertility: recommendations for genetic counseling and screening. Fertil Steril;70(3):397-411.

Jones H.W. and Schrader C. (1988): In-Vitro Fertilization and Other Assisted Reproduction. Annals of The New York Academy of Sciences, Vol. 541, New York.

Moomjy M, Sills ES, Rosenwaks Z, Palermo GD (1998). Implications of complete fertilization failure after intracytoplasmic sperm injection for subsequent fertilization and reproductive outcome. Hum Reprod; 13:2212 – 2216.

Pashayan N, Lyratzopoulos G, Mathur R (2006). Cost-effectiveness of primary offer of IVF vs. primary offer of IUI followed by IVF (for IUI failures) in couples with unexplained or mild male factor subfertility. BMC Health Serv Res; 6: 80.

Domande più frequenti: 'Quali effetti negativi possono avere i farmaci per la FIVET?', 'È vero che c'è un aumento del rischio di gravidanza multipla in FIVET?', 'Quali sono i sintomi di una FIV positiva?' e 'Quale tipo di FIV è migliore, la FIV convenzionale o l'ICSI?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia all'Università di Navarra. Dottorato in Medicina e Chirurgia presso l'Università dei Paesi Baschi/Euskal Herriko Unibertsitatea. Specialista in Ginecologia e Ostetricia (MIR). Ha più di 30 anni di esperienza ed è professore ordinario all'Università dei Paesi Baschi. È anche professore al Master in Fertilità Umana presso l'Università Complutense di Madrid. Vicepresidente del SEF. Continua a leggere Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Numero associato: 484806591
 Marta Barranquero Gómez
Marta Barranquero Gómez
Embriologa
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV) e specializzato in Riproduzione Assistita presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH) in collaborazione con Ginefiv e in Genetica Clinica presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH). Continua a leggere Marta Barranquero Gómez
Numero associato: 3316-CV
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.