Cos’è l’ovodonazione e quanto costa?

Da (embriologa), (ginecologa), (esperto in gestione della salute), (ginecologo), (embriologa), (embriologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 25/11/2020

La fecondazione in vitro (FIVET) con donazione di ovociti è un trattamento di riproduzione assistita che permette alla donna ricevente di ottenere una gravidanza utilizzando gli ovociti di una donatrice anonima.

E' anche conosciuto come ovodonazioneed è indicato per quelle donne che non possono avere figli con i propri ovuli, sia perché sono in età materna avanzata, sia perché soffrono di qualche alterazione genetica o di qualsiasi altro problema con i loro gameti.

Uno dei vantaggi della FIV con ovodonazione, sia con lo sperma del partner che con quello del donatore, è che ha un'alta probabilità di successo ed è per questo che sempre più donne si rivolgono ad essa per diventare madri.

Indicazioni

La FIVET con donazione di ovuli non è di solito il trattamento di prima scelta quando una donna o una coppia si reca in una clinica della fertilità, poiché le pazienti di solito vogliono provare prima la gravidanza con i propri gameti. Tuttavia, le situazioni in cui l'ovodonazione è chiaramente indicata sono le seguenti:

  • Pazienti senza funzione ovarica, a causa di insufficienza ovarica primaria, insufficienza ovarica precoce, assenza di ovaie o menopausa.
  • Pazienti con funzione ovarica, ma che non possono usare i loro ovuli a causa di anomalie genetiche trasmissibili, fallimenti ripetuti in precedenti cicli di FIVET o perché hanno più di 40 anni.

Quest'ultima causa è la più frequente, poiché con l'età la qualità degli ovociti diminuisce: aumenta la probabilità che gli embrioni ottenuti presentino anomalie cromosomiche che compromettono la loro vitalità e causano aborti. Inoltre, aumenta notevolmente le possibilità di avere un bambino con la sindrome di Down.

Selezione della donatrice di ovuli

L'ovodonazione è un processo molto controllato. Per poter essere eseguito, il candidato ovodonante deve soddisfare una serie di requisiti legali, medici ed etici.

Per poterlo fare, dovrai passare attraverso un processo di selezione che valuta la tua idoneità ad essere un donatore, in cui vengono studiati sia la tua condizione fisica che gli aspetti psicologici.

Per essere idoneo al programma di donazione di ovuli, la futura donatrice deve avere un'età compresa tra i 18 e i 35 anni, in buone condizioni psicofisiche e non essere portatrice di malattie genetiche, ereditarie o infettive che possono essere trasmesse alla prole.

Va notato che si tratta di un processo altruistico, volontario e totalmente anonimo: l'identità della donatrice di ovuli rimarrà sempre riservata.

Tipi di Ovodonazione

A seconda dell'origine degli ovuli, esistono due tipi principali di ovodonazione: la donazione di ovuli freschi o la donazione di ovuli vetrificati.

Tuttavia, oggi possiamo includere in questa classificazione anche altri due tipi di ovodonazione: gli ovuli da banca e la mini ovodonazione o la donazione di ovuli in comune.

Di seguito, parleremo in modo più dettagliato di ogni tipo di infertilità maschile:

Donazione di ovuli freschi

In questi casi, la donatrice e la ricevente degli ovuli devono avere il ciclo ormonale sincronizzato, in modo che la donatrice sia stimolata mentre la ricevente prepara il suo endometrio.

In altre parole, nello stesso ciclo, gli ovuli della donatrice vengono estratti e, dopo 3 o 5 giorni, gli embrioni vengono trasferiti nell'utero della ricevente.

Lo svantaggio di questa tecnica è che se la donatrice non risponde bene alla stimolazione ovarica, la ricevente potrebbe dover attendere il ciclo successivo per eseguire il trasferimento, che comporta più farmaci ormonali e maggiore stress emotivo.

Donazione di ovuli vitrificati

Qui non è necessario che donatore e ricevente siano sincronizzati. In primo luogo, si ottengono gli ovociti del donatore e quelli maturi vengono congelati con la tecnica della vetrificazione.

Una volta trovato un ricevente compatibile, questi ovuli vengono devitalizzati e fecondati con lo sperma della coppia o di un donatore compatibile in caso di doppia donazione.

Come nel caso precedente, la ricevente dovrà anche eseguire il trattamento di preparazione dell'endometrio prima del trasferimento dell'embrione, ma questo non sarà coordinato con la donatrice.

Lo svantaggio di questo metodo è che il numero di uova disponibili per la fecondazione può diminuire perché non tutte sopravvivono allo scongelamento. Anche così, gli attuali tassi di sopravvivenza sono molto buoni grazie all'ottimizzazione della tecnica di vetrificazione degli ovociti.

Banca di ovuli

Come abbiamo già detto nelle sezioni precedenti, gli ovuli della donatrice possono essere utilizzati sia freschi che congelati. Se l'ovodonazione è fresca, sarà necessario sincronizzare i cicli della donatrice e della ricevente. Altrimenti, dopo aver ottenuto le uova, saranno congelate fino al momento della fecondazione, quando saranno scongelate.

Per questa seconda opzione, la clinica della fertilità può avere le proprie donatrici (la propria banca degli ovuli) o, al contrario, lavorare in coordinamento con una banca degli ovuli esterna.

Secondo l'esperto di gestione sanitaria Javier Suarez:

Avere un banco di ovuli esterno per i trattamenti di ovodonazione ha molteplici vantaggi, come la varietà dei fenotipi.

Una banca di ovuli è un dipartimento incaricato di ottenere, valutare e poi distribuire gli ovuli delle donatrici. Grazie alla loro attività, le banche degli ovuli dispongono di un ampio e vario database di donatori. Per questo motivo, possono rispondere a quasi tutte le richieste delle cliniche.

Questo permette ai centri riproduttivi di offrire un trattamento di ovodonazione quasi immediatamente, poiché è raro non trovare una donatrice compatibile nella banca degli ovuli.

Mini-ovodonazione

La mini-ovodonazione consiste nella donazione di un numero minore di ovuli. Mentre in una ovodonazione completa la ricevente ottiene tutti gli ovuli recuperati dalla donatrice, che possono essere tra 8 e 10, nella mini-ovodonazione ne riceve solo 4 o 5.

Come ci dice il direttore medico della clinica di FIVET a Valencia, il dottor Miguel Dolz, la mini-vodonazione ha due scopi:

Questioni economiche
il prezzo è notevolmente ridotto e quindi più donne e coppie possono accedere a questo trattamento.
Non generare embrioni in eccesso
su tutte le donne o coppie che vogliono avere un figlio solo attraverso l'ovodonazione. In questo modo non si generano embrioni in eccesso che devono essere successivamente donati o vitrificati, con le conseguenti spese di mantenimento.

Inoltre, il dottor Miguel Dolz afferma anche questo:

Il tasso di gravidanza per ciclo eseguito in una mini-vodonazione è lo stesso di quello di una donazione completa di ovuli.

La mini-ovodonazione è anche nota come donazione di ovuli condivisi, in quanto gli ovuli estratti da una donatrice possono essere utilizzati per due o più riceventi, sempre nel rispetto della legislazione vigente che stabilisce che non possono nascere più di 6 figli dallo stesso donatore, compresi i propri figli.

Procedura di ovodonazione passo dopo passo

Una volta che la donatrice di ovuli è stata accettata, è possibile avviare il ciclo di ovodonazione. Il processo consiste nelle seguenti fasi:

Stimolazione ovarica de la donante

L'ovodonante è un trattamento ormonale di stimolazione ovarica per ottenere lo sviluppo di più uova che in un ciclo naturale, in cui solo una di esse maturerebbe, aumentando così le possibilità di successo.

Poi, per mezzo della puntura follicolare, si ottengono le uova sviluppate. Quelli maturi vengono fecondati in laboratorio con lo sperma del partner del ricevente o di un donatore di sperma anonimo, a seconda delle caratteristiche di ogni coppia.

Gli embrioni risultanti vengono mantenuti in coltura e il loro sviluppo viene valutato fino al giorno del trasferimento degli embrioni alla donna ricevente.

Preparazione endometriale del ricevente

Prima del trasferimento embrionale, la ricevente viene sottoposta a un trattamento di preparazione endometriale in modo che gli embrioni possano essere impiantati nell'utero.

Per fare questo, estrogeni e progesterone devono essere somministrati, per via orale, vaginale o a chiazze, in modo che l'endometrio raggiunga lo spessore appropriato (7-10 mm) e diventi ricettivo.

Il trasferimento dell'embrione nella cavità uterina del ricevente avverrà tra 3 e 6 giorni dopo la fecondazione. L'embrione o gli embrioni della migliore qualità saranno scelti per il trasferimento (per legge il massimo è 3) e il resto sarà vetrificato per l'uso nei cicli successivi, sia per fare un altro tentativo nel caso in cui la gravidanza non venga raggiunta in questo, sia per avere un altro figlio in seguito.

Circa 10-12 giorni dopo il trasferimento dell'embrione, si analizzano i livelli dell'ormone β-hCG per scoprire se la gestazione è stata raggiunta o meno.

Risultati clinici della donazione di ovociti

Poiché si utilizzano uova di buona qualità provenienti da donne giovani e sane, i tassi di successo dell'ovodonazione sono superiori a quelli della FIVET con i propri ovuli.

Come ci dice l'embriologo Rocio Diaz:

Nei pazienti più anziani, aumentiamo il tasso di gravidanza quando si sottopongono al trattamento di riproduzione assistita con ovuli da donatrice giovane.

Secondo il rapporto statistico pubblicato dalla Società Spagnola di Fertilità nel 2018 (Registro nazionale di attività 2018-Registrazione SEF), nel caso di una nuova donazione, la percentuale di gravidanza per trasferimento in un ciclo di ovodonazione è del 55,1% e il tasso di parto per trasferimento è del 41,4%.

Nel caso della donazione di ovociti vitrificati, queste percentuali sono leggermente diminuite, al 50,6,6% e al 37,4%, rispettivamente.

Prezzi

L'esecuzione della FIVET con ovodonazione rende più costoso il trattamento di riproduzione assistita, poiché i farmaci per stimolare la donatrice e la compensazione finanziaria per il disagio causato devono essere pagati.

Mentre un trattamento FIVET/ICSI con ovuli propri costa tra i 3.500 e i 5.500 euro, se si aggiunge la donazione di ovuli, il prezzo può variare tra i 4.000 e i 9.000 euro a seconda della clinica di fertilità e del tipo di ovodonazione.

Il vantaggio della FIVET con ovodonazione è che gli ovuli sono di alta qualità e la paziente di solito ottiene una gravidanza all'inizio. È quindi possibile risparmiare il costo dei cicli accumulati che si dovrebbero effettuare se le uova fossero nostre.

Domande più frequenti

È possibile donare ovuli e sperma allo stesso tempo?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Sì, è la cosiddetta doppia donazione. Si tratta di eseguire un processo di FIVET utilizzando sia ovuli che sperma di donatori e non di futuri genitori.

La donazione di ovuli freschi o vetrificati è migliore?

Da Blanca Paraíso (ginecologa).

L'ovodonazione con uova vetrificate ha tassi di gravidanza molto simili a quelli delle uova fresche. L'unica differenza può essere nel numero di uova raccolte. Inoltre, è anche di vitale importanza avere il tasso di sopravvivenza della devetrificazione degli ovuli.
Continua a leggere

Quali sono i rischi della donazione di ovuli?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Molti donatori, prima di essere coinvolti nel processo di ovodonazione, temono le conseguenze che questa tecnica può avere, in quanto si ritiene che sia una procedura pericolosa e che possa persino portare al cancro.

Tuttavia, la donazione di ovuli è un processo sicuro con pochissimi effetti collaterali, di cui la donatrice viene informata prima di iniziare in qualsiasi clinica. Una di queste è la sindrome da iperstimolazione ovarica, che sta diventando sempre più rara.

Qual è il numero di tentativi di successo con l'ovodonazione?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Non esiste un numero fisso di tentativi di ovodonazione raccomandati. Dipenderà dalle caratteristiche di ogni situazione di infertilità. Ci sono coppie che ci provano più volte e quelle che gettano la spugna dopo due o tre processi di ovodonazione.

Se ho un bambino con ovuli da donatore, mi assomiglierà?

Da Rebeca Reus (embriologa).

L'informazione genetica (DNA) dell'embrione trasferito sarà quella della donatrice. Tuttavia, quando si sceglie un donatore per un ricevente, le caratteristiche fisiche di entrambi si cerca di essere il più possibile simili. Pertanto, è probabile che assomigli al destinatario.

Inoltre, l'ambiente materno durante la gravidanza influenza l'espressione di alcuni geni (attraverso l'epigenetica) e può anche influenzare alcuni geni legati a tratti fisici, come avviene nella trasmissione di alcune malattie. Tuttavia, non si sa ancora nulla e sono necessari ulteriori studi per confermarlo.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Braga DP, Setti AS, Figueira RC, Azevedo Mde C, Iaconelli A Jr, Lo Turco EG, Borges E Jr. Freeze-all, oocyte vitrification, or fresh embryo transfer? Lessons from an egg-sharing donation program. Fertil Steril. 2016 Sep 1;106(3):615-22.

Glujovsky D, Pesce R, Fiszbajn, G, Sueldo C, Hart RJ, Ciapponi A. Endometrial preparation for women undergoing embryo transfer with frozen embryos or embryos derived from donor oocytes. Cochrane Gynaecology and Fertility Group 2010.

Kushnir VA, Gleicher N. Fresh versus cryopreserved oocyte donation. Curr Opin Endocrinol Diabetes Obes. 2016 Dec;23(6):451-457.

Ley 14/2006, de 26 de mayo, sobre técnicas de reproducción humana asistida. Jefatura del Estado «BOE» núm. 126, de 27 de mayo de 2006 Referencia: BOE-A-2006-9292

Ovodonante.com, 2017, FIV con ovodonación: pasos del tratamiento para las receptoras, Rebeca Reus, https://ovodonante.com/donacion-de-ovulos/

Sociedad Española de Fertilidad. Registro Nacional de Actividad 2017-Registro SEF (ver)

Domande più frequenti: 'È possibile donare ovuli e sperma allo stesso tempo?', 'La donazione di ovuli freschi o vetrificati è migliore?', 'Quali sono i rischi della donazione di ovuli?', 'Qual è il numero di tentativi di successo con l'ovodonazione?' e 'Se ho un bambino con ovuli da donatore, mi assomiglierà?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
 Blanca Paraíso
Blanca Paraíso
Ginecologa
La dott.ssa Blanca Paraíso è laureata in medicina e ha conseguito il dottorato presso l'Università Complutense di Madrid (UCM). Ha anche un diploma in Scienze Statistiche della Salute. È un medico esperto in Ginecologia e Procreazione Assistita. Continua a leggere Blanca Paraíso
Numero associato: 454505579
 Javier Suárez
Javier Suárez
Esperto in gestione della salute
Laureato in scienze economiche all'Università di Siviglia, con un Executive Master in International Business Management presso la Scuola di Organizzazione Industriale e un Master in Sanità Pubblica ed Epidemiologia dell'Università Pompeu Fabra. Corso in Senior Management delle Istituzioni Sociali a cura dell'Istituto Internazionale San Telmo. Oltre 10 anni di esperienza nella gestione della salute. Continua a leggere Javier Suárez
Dr. Miguel Dolz Arroyo
Dr. Miguel Dolz Arroyo
Ginecologo
Laureato in Medicina e Chirurgia presso la Facoltà di Medicina dell'Università di Valencia nel 1988 e Dottorato in Medicina nel 1995, specializzato in Ostetricia e Ginecologia. È un esperto in Medicina della Riproduzione, con più di 20 anni di esperienza nel settore, ed è attualmente direttore medico e fondatore della FIV Valencia. Continua a leggere Dr. Miguel Dolz Arroyo
Numero associato: 464614458
 Rebeca Reus
Rebeca Reus
Embriologa
Laureato in Biologia Umana (Biomedicina) presso l'Universitat Pompeu Fabra (UPF), con un Master ufficiale in Laboratorio di Analisi Clinica dell'UPF e un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita dell'Universidad de Valencia (UV). Continua a leggere Rebeca Reus
 Rocío Díaz Giraldez
Rocío Díaz Giraldez
Embriologa
Laureato in Biologia ed embriologa specializzata in Medicina della Riproduzione con diversi anni di esperienza nei laboratori. Attualmente è direttore del laboratorio di embriologia del YES! Reproducción di Siviglia. Continua a leggere Rocío Díaz Giraldez
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.