Farmaci per la stimolazione ovarica in AI e FIV

Da (ginecologa), (ginecologa), (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 26/10/2020

Quando una donna si sottopone a un trattamento di fertilità, è necessario somministrare dei farmaci per stimolare le ovaie. Questo è noto come stimolazione ovarica controllata (COS).

I farmaci per la stimolazione ovarica contengono ormoni che agiscono naturalmente nel ciclo mestruale e la loro funzione è quella di far maturare più di un ovulo.

A seconda del trattamento di fertilità e del numero di uova richieste, uno o due per l'inseminazione artificiale (IA) e diversi per la fecondazione in vitro (FIV), la stimolazione dovrebbe essere più o meno gentile. Questo viene controllato regolando la dose ormonale ed effettuando un controllo ad ultrasuoni.

A cosa servono i farmaci ormonali?

All'inizio di ogni ciclo mestruale, un gruppo di ovuli inizia a maturare nell'ovaio in piccole sacche piene di liquido - i follicoli. Questo è ciò che è noto come coorte follicolare.

A causa del flusso ormonale tra ipotalamo, ipofisi e ovaie, alla fine solo uno di questi follicoli riesce a svilupparsi completamente e a diventare un follicolo preovulatorio. Il resto dei follicoli degenerano e le uova al loro interno si perdono.

Gli ormoni FSH e LH secreti dalla ghiandola pituitaria sono responsabili della regolazione di tutto lo sviluppo follicolare e permettono l'ovulazione di un follicolo verso la metà del ciclo mestruale.

Poiché nella riproduzione assistita è necessario ottenere diversi follicoli maturi per aumentare le possibilità di gravidanza, è essenziale somministrare alla donna un farmaco ormonale specifico durante il ciclo mestruale.

Questi farmaci hanno lo scopo di "ingannare le ovaie" per permettere all'intera coorte follicolare di maturare. In questo modo, i follicoli ovarici destinati a degenerare riescono a crescere contemporaneamente e danno origine a uova mature che possono essere fecondate.

Tipi di farmaci ormonali

Ci sono diversi farmaci con ormoni per eseguire la stimolazione ovarica controllata, ma in generale possono essere raggruppati in due gruppi: gli analoghi di GnRH e le gonadotropine.

Entrambi i tipi di farmaci hanno funzioni diverse e sono essenziali per qualsiasi trattamento di inseminazione artificiale o di fecondazione in vitro, anche se ci sono eccezioni come la FIVET nel ciclo naturale.

Successivamente, discuteremo i farmaci inclusi in ogni tipo e la funzione che svolgono durante un ciclo di riproduzione assistita.

GnRH Analoghi

Questi farmaci servono a scavalcare tutti gli ormoni interni che agiscono sul ciclo mestruale di una donna con due obiettivi: permettere che la stimolazione ovarica inizi in modo coordinato con la crescita di tutti gli ovuli in una sola volta e anche per prevenire l'ovulazione naturale. Di seguito, spieghiamo in dettaglio il suo meccanismo di azione.

Lo GnRH è un ormone secreto dall'ipotalamo la cui funzione è quella di regolare la secrezione ormonale da parte dell'ipofisi. Entrambe le ghiandole, ipotalamo e ipofisi, si trovano nel cervello e sono molto importanti nel sistema riproduttivo.

Con i farmaci analoghi allo GnRH, l'obiettivo è quello di imitare la funzione dell'ormone naturale, ma in modo tale che l'ipofisi sia bloccata dalla secrezione degli ormoni FSH e LH.

In questo modo si ottiene uno stato di soppressione dell'ipofisi in cui il flusso ormonale tra il cervello e le ovaie viene inibito e il ciclo mestruale viene fermato.

Per la loro struttura e il loro modo di agire, si distinguono due tipi di analoghi di GnRH:

Agonisti di GnRH
legarsi al recettore GnRH nella ghiandola pituitaria e causare prima un improvviso rilascio di gonadotropine (effetto flare-up). Tuttavia, dopo diversi giorni di somministrazione continua, i recettori di GnRH sono bloccati. I marchi di questi farmaci agonisti GnRH sono Decapeptyl, Procrin e Synarel. I primi due sono somministrati per iniezione, ma il Synarel consiste in un inalatore nasale facile da usare.
GnRH Antagonisti
il loro effetto inibitorio è più immediato, quindi riescono a bloccare l'ipofisi dopo poche ore di somministrazione. Questo vantaggio rende il numero di forature necessarie per il COS molto più basso, il che è più comodo per le donne. I marchi di questi farmaci antagonisti dello GnRH sono Cetrotide e Orgalutran. Entrambi sono somministrati per iniezione sottocutanea.

In breve, anche se entrambi i farmaci agiscono in modo diverso, il loro scopo è lo stesso: bloccare il controllo del ciclo ovarico da parte del cervello per controllare lo sviluppo dell'intera coorte follicolare alla stessa velocità.

Gonadotropine

In un normale ciclo mestruale, le gonadotropine sono gli ormoni responsabili della crescita di un singolo follicolo in una delle ovaie di una donna, che rilascerà un ovulo maturo nelle tube di Falloppio in modo che possa avvenire la fecondazione naturale.

I farmaci utilizzati nella stimolazione ovarica contengono gonadotropine per svolgere questa stessa funzione, ma su larga scala. Le funzioni di ciascuna delle gonadotropine sono descritte di seguito:

Farmaci con FSH
è l'ormone follicolo-stimolante. Questi farmaci inducono uno sviluppo follicolare multiplo in cui più ovuli maturano contemporaneamente nelle ovaie. I nomi commerciali dei farmaci contenenti FSH sono Gonal-f, Puregon, Ovaleap, Bemfola, Fostipur, Rekovelle ed Elonva. Sono tutti somministrati per iniezione sottocutanea.
Farmaci con LH
è l'ormone luteinizzante, che può essere utilizzato in aggiunta all'FSH per cercare di riprodurre il più possibile le condizioni del ciclo mestruale naturale. I farmaci che contengono LH, oltre a FSH, sono Menopur, Meriofert, HMG-lepori e Pergoveris. Sono tutti somministrati per iniezione sottocutanea.
Farmaci con hCG
è l'ormone gonadotropina corionica umana. Viene iniettato 32-36 ore prima della puntura follicolare per indurre la maturazione finale delle uova. Il farmaco più noto contenente hCG è l'Ovitrelle e consiste in un'unica iniezione sottocutanea.

Poiché l'hCG provoca l'ovulazione circa 36 ore dopo la somministrazione, è necessario raccogliere le uova dall'ovaio prima che vengano rilasciate naturalmente nelle tube di Falloppio e che vadano perse.

Questo è il motivo principale per cui è così importante iniettare il farmaco ormonale nel momento esatto indicato dal ginecologo specializzato in riproduzione assistita.

Molte donne che hanno errori di medicazione hanno dovuto cancellare il loro ciclo EOC a causa di una scarsa risposta o di un'ovulazione spontanea.

Un'altra cosa che i pazienti di riproduzione assistita dovrebbero tenere a mente è che il ginecologo può indicare due diversi farmaci da somministrare insieme durante la stimolazione. Per esempio, Gonal-f e Menopur.

Farmaci per la preparazione dell'endometrio

Anche se non fa parte della stimolazione ovarica, le donne che subiscono un ciclo di riproduzione assistita dovrebbero anche essere medicate per la preparazione dell'endometrio. I farmaci utilizzati per questo scopo sono composti principalmente da ormoni sessuali che sono naturalmente secreti dall'ovaio (estrogeni e progesterone) e vengono avviati subito dopo la puntura follicolare.

I farmaci utilizzati per la preparazione dell'endometrio sono i seguenti:

Farmaci estrogeni
la sua funzione è quella di provocare la crescita dell'endometrio in modo che aumenti gradualmente di spessore. I farmaci estrogeni sono solitamente somministrati in cicli sostitutivi per il trasferimento di embrioni congelati o ovodonati. Alcuni nomi commerciali per i farmaci con estrogeni sono Evopad, Meriestra e Progynova. La sua somministrazione è di solito con cerotti transdermici o pillole orali.
Farmaci a base di progesterone
la sua funzione è quella di provocare una maturazione delle cellule endometriali in modo che l'endometrio diventi ricettivo e gli embrioni possano impiantarsi. Il progesterone è sintetizzato naturalmente dal corpo luteo dell'ovaio dopo l'ovulazione. Tuttavia, i farmaci progesterone nei trattamenti di fertilità offrono buoni risultati nel sostenere la fase luteale. Alcuni nomi commerciali sono Utrogestan, Progeffik, Crinone e Prolutex. Il modo più comune di somministrare il progesterone è tramite ovuli vaginali, anche se è possibile farlo anche per via orale, con iniezioni o sotto forma di gel.

Lo spessore dell'endometrio gioca un ruolo molto importante nell'impianto embrionale, quindi una buona preparazione dell'endometrio è essenziale per ottenere finalmente la gestazione.

Come confermato dal dottor Miguel Dolz: Ci sono diverse strategie per cercare di migliorare la ricettività endometriale o la ricettività uterina in quelle pazienti che hanno una scarsa ricettività.

Protocolli di stimolazione ovarica

Attualmente, ci sono due protocolli o metodi per la somministrazione di farmaci ormonali durante il COS: il protocollo lungo e il protocollo corto.

Le principali differenze tra i due sono la durata e il numero di iniezioni da effettuare. Il medico responsabile del trattamento deve decidere quale dei due protocolli seguire e la dose di farmaco necessaria ad ogni donna, adattandosi sempre alle sue caratteristiche e con l'obiettivo di ottenere il maggior successo possibile.

Protocollo lungo

Si inizia con la somministrazione di un farmaco agonista di GnRH nel ciclo mestruale precedente, il 21° giorno del ciclo. Circa 10-14 giorni dopo, la donna avrà le sue mestruazioni.

A questo punto può iniziare la stimolazione ovarica con le gonadotropine. Tra il primo e il terzo giorno del ciclo, il medico vi dirà la dose giornaliera di ormoni di farmaci FSH che dovreste assumere.

Quando si osserva con l'ecografia che i follicoli ovarici hanno raggiunto la dimensione appropriata (tra 18 e 20 mm) e che anche i livelli di estradiolo sono ottimali, il medico indicherà alla donna che deve iniettare l'hCG per causare la maturazione finale.

La puntura follicolare dovrà essere eseguita prima di 36 ore per evitare l'ovulazione spontanea.

L'immagine seguente mostra un programma di medicazione di un paziente che ha seguito un lungo protocollo di stimolazione, che è durato 22 giorni tra il primo giorno e il giorno della puntura follicolare.

Protocollo breve

In questo caso, la stimolazione ovarica inizia con la somministrazione di gonadotropine all'inizio del ciclo mestruale, tra il primo e il terzo giorno dopo il calo delle mestruazioni. Nel ciclo mestruale precedente, è comune che una donna riceva pillole anticoncezionali per coordinare il suo ciclo.

Dopo circa 5 giorni di stimolazione e sviluppo dei follicoli, è necessario somministrare un farmaco antagonista GnRH per evitare il picco di LH endogeno che scatenerebbe l'ovulazione.

Le iniezioni del farmaco antagonista devono essere effettuate giornalmente fino alla puntura follicolare programmata. A questo punto, il medico ordinerà al paziente di interrompere tutti i farmaci e di iniettare un induttore di ovulazione, che in questo caso ha due opzioni:

  • Somministrare Ovitrelle con l'ormone hCG.
  • Somministrare un agonista di GnRH, come Decapeptyl, per sfruttare l'effetto flare up e indurre il rilascio interno di LH.

La puntura follicolare dovrà essere eseguita prima di 36 ore per evitare l'ovulazione spontanea.

L'immagine seguente mostra un programma di stimolazione per un paziente che ha seguito un breve protocollo di stimolazione, che è durato 10 giorni tra il primo giorno di somministrazione della gonadotropina e il giorno della puntura follicolare.

Avete maggiori informazioni su questo protocollo di stimolazione nel seguente post: Cos'è un breve protocollo di FIV con gli antagonisti di GnRH?

La durata di un protocollo di stimolazione breve è di circa 8-12 giorni, mentre in un protocollo lungo devono essere aggiunti circa 10-15 giorni di preparazione precedente.

Stimolazione ovarica personalizzata

A seconda del trattamento di riproduzione assistita indicato alla paziente, saranno necessari più o meno ovuli per raggiungere il successo:

  • Inseminazione artificiale 1 o 2 ovuli
  • FIVET: da 6 a 18 ovuli

Pertanto, il tipo di stimolazione ovarica e, soprattutto, la dose di farmaci ormonali somministrati dipenderà dal numero di ovuli da ottenere.

Nonostante ciò, ci sono altri fattori legati al paziente che sono decisivi nel determinare il dosaggio dei farmaci ormonali e il protocollo di stimolazione:

  • Età
  • Indice di massa corporea (IMC)
  • Livello basale di FSH
  • Conteggio dei follicoli antrali
  • Risposta ovarica nei precedenti trattamenti
  • Patologie o condizioni che interessano le ovaie, come l'endometriosi o le ovaie policistiche

Per questo si dice che la stimolazione ovarica è personalizzata, cioè adattata ad ogni paziente, alle sue caratteristiche e alle sue esigenze.

Potete saperne di più nel seguente articolo: Cos'è la stimolazione ovarica?

Domande più frequenti

Quanti giorni devo prendere i farmaci per la stimolazione ovarica?

Da Dra. Elena Izquierdo Trechera (ginecologa).

Il trattamento per la stimolazione ovarica dura di solito 8-11 giorni, ma dipende da ogni paziente e dalla sua risposta al farmaco. L'importante è eseguire gli ultrasuoni di controllo per mantenere il farmaco nel tempo indicato e ottenere così la migliore risposta possibile per ogni paziente.

E 'necessario prendere pillole anticoncezionali prima di un trattamento di riproduzione assistita?

Da Dra. Lydia Pilar Suárez (ginecologa).

Non tutti i trattamenti riproduttivi richiedono la contraccezione in anticipo, ma c'è posto per essa in quelle donne che hanno cicli irregolari o che hanno bisogno di una pianificazione più accurata del trattamento (data di inizio delle mestruazioni, data della puntura ovarica o data del trasferimento embrionale).

Si deve anche tener conto del fatto che non vi sono prove scientifiche che l'uso di contraccettivi diminuisca il successo del trattamento riproduttivo.
Continua a leggere

Qual è il prezzo dei farmaci per la stimolazione ovarica?

Da Zaira Salvador (embriologa).

I farmaci per la stimolazione ovarica in un'inseminazione artificiale richiedono una dose ormonale più bassa e sono quindi più economici. Il suo costo è di solito di circa 200-300 euro. Nel caso della FIVET, il numero di uova da rimuovere dall'ovaio è più alto. Pertanto, anche la dose ormonale è più alta e il farmaco diventa più costoso, fino a 1.000-1.200 euro.

Lettura consigliata

Ci sono molti ormoni femminili coinvolti nel processo di riproduzione, che sono secreti da vari organi come l'ipofisi o l'ovaio. Se sei interessato a questo argomento, puoi continuare a leggere nel prossimo post: Ormoni sessuali maschili e femminili - come funzionano?

Gli ormoni LH e FSH controllano il ciclo mestruale di una donna e le sue diverse fasi. Se volete saperne di più, cliccate qui: Il ciclo mestruale: cosa succede in ogni sua fase?

Per maggiori informazioni su come vengono eseguiti i trattamenti di fertilità, potete leggere il seguente articolo: Tecniche di riproduzione assistita.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Allegra A, Marino A, Coffaro F, Scaglione P, Sammartano F, Rizza G, Volpes A (2007). GnRH antagonist-induced inhibition of the premature LH surge increases pregnancy rates in IUI-stimulated cycles. A prospective randomized trial. Hum Reprod; 22: 101 – 108.

Arici A, Byrd W, Bradshaw K, Kutteh WH, Marshburn P, Carr BR (1994). Evaluation of clomiphene citrate and human chorionic gonadotropin treatment: a prospective, randomized, crossover study during intrauterine insemination cycles. Fertil Steril;61:314 – 318.

Balasch J, Ballescà JL, Pimentel C, Creus M, Fàbregues F, Vanrell JA (1994). Late low-dose pure follicle stimulating hormone for ovarian stimulation in intrauterine insemination cycles. Hum. Reprod.; 9: 1863– 1866.

Bhattacharya S, Harrild K, Mollison J, Wordsworth S, Tay CCK, Harrold A, McQueen D, Lyall H, Johnston L, Burrage J et al. (2008). Clomifene citrate or unstimulated intrauterine insemination compared with expectant management for unexplained infertility: pragmatic randomised controlled trial. BMJ;337:716 – 723.

Coroleu B, Devesa M, y Alvarez M. Guía 18. Estimulación ovárica para FIV-ICSI en los ciclos con presunción de baja respuesta. Servicio de Medicina de la Reproducción Departamento de Obstetricia, Ginecología y Reproducción Hospital Universitario Quirón Dexeus, Barcelona. Sociedad Española de Fertilidad (SEF) y Sociedad Española de Ginecología y Obstetricia (SEGO)

Ferraretti AP et al. (2011). ESHRE consensus on definition of poor response to ovarian stimulation for in vitro fertilization: the Bologna criteria. Hum Reprod; 26: 1616-24.

Griesinger G. y col. (2006). GnRH-antagonists in ovarian stimulation for IVF in patients with poor response to gonadotropins, polycystic ovary syndrome, and risk of ovarian hyperstimulation: a meta-analysis. Reproductive BioMedicine Online; 13: 628-638.

Hamdine O. et al. (2015). Ovarian response prediction in GnRH antagonist treatment for IVF using anti-Müllerian hormone. Hum. Reprod.; 39: 170-8.

Lehert P, Kolibianakis EM, Venetis CA. y col. (2014). Recombinant human follicle-stimulating hormone (r-FSH) plus recombinant luteinizing hormone versus r-FSH alone for ovarian stimulation during assisted reproductive technology: a systematic review and meta-analysis. Reproductive Biology and Endocrinology; 12: article 17.

Nelson SM (2013). Biomarkers of ovarian response: current and future applications. Fertil. Steril.; 99: 963-9.

Rodríguez Gálvez, I., Tocino Díaz, A., Fernández Sánchez, M. Fármacos en la estimulación ovárica: clomifeno, gonadotropinas, análogos GnRH, hCG. En: Unidad 06, Bloque I: Esterilidad femenina. Máster en Reproducción Humana de la Universidad Rey Juan Carlos y el Instituto Valenciano de Infertilidad (IVI).

Domande più frequenti: 'Quanti giorni devo prendere i farmaci per la stimolazione ovarica?', 'E 'necessario prendere pillole anticoncezionali prima di un trattamento di riproduzione assistita?' e 'Qual è il prezzo dei farmaci per la stimolazione ovarica?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dra. Elena Izquierdo Trechera
Dra. Elena Izquierdo Trechera
Ginecologa
Laurea in Medicina presso l'Università Complutense di Madrid, specializzata in Ostetricia e Ginecologia, e Master in Riproduzione Umana presso l'Università Re Juan Carlos e l'IVI. Attualmente è ginecologa specializzata in riproduzione assistita presso l'Ospedale Ruber Juan Bravo Quironsalud. Continua a leggere Dra. Elena Izquierdo Trechera
Numero associato: 282866949
Dra. Lydia Pilar Suárez
Dra. Lydia Pilar Suárez
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Oviedo nelle Asturie. Specializzazione in Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Clínico Universitario San Carlos di Madrid. Ha anche un Master in Riproduzione Umana dell'Universidad Rey Juan Carlos in collaborazione con l'IVI. Continua a leggere Dra. Lydia Pilar Suárez
Numero associato: 64136
Dr. Miguel Dolz Arroyo
Dr. Miguel Dolz Arroyo
Ginecologo
Laureato in Medicina e Chirurgia presso la Facoltà di Medicina dell'Università di Valencia nel 1988 e Dottorato in Medicina nel 1995, specializzato in Ostetricia e Ginecologia. È un esperto in Medicina della Riproduzione, con più di 20 anni di esperienza nel settore, ed è attualmente direttore medico e fondatore della FIV Valencia. Continua a leggere Dr. Miguel Dolz Arroyo
Numero associato: 464614458
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.