Certified Medical Magazine by WMA, ACSA, HON
Domande frequenti
2
0
Menu

Quali sono i vantaggi della nascita in acqua?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).
Ultimo aggiornamento: 07/11/2016

Si tratta di un tipo di parto in cui la donna partorisce con la metà inferiore del corpo immersa in acqua calda. Questo favorisce il rilassamento e quindi rende il parto più facile per molte donne. Inoltre, il passaggio dal grembo materno all'esterno è più graduale e quindi meno traumatico per il bambino, che sarà avvolto dall'acqua calda durante i primi secondi di vita.

È importante notare che non tutte le nascite possono avvenire sott'acqua, poiché in alcune condizioni può essere controindicato. È quindi indispensabile consultare sempre il proprio medico.

Per effettuare questo tipo di parto è necessario che la dilatazione uterina abbia raggiunto i 3-5 cm. Se la donna entra in acqua troppo presto, le contrazioni possono rallentare. Tuttavia, quando la dilatazione è attiva, l'acqua ne accorcia la durata.

Si raccomanda che la madre resti in acqua per non più di due ore, perché questo potrebbe rilassarla troppo e complicare l'espulsione del feto.

Potete leggere l'intero articolo a: Il parto: preparazione, tipi e possibili complicazioni ( 35).
 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica.
Embriologa. Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica.