Certified Medical Magazine by WMA, ACSA, HON
Domande frequenti
2
0
Menu

E 'necessario prendere pillole anticoncezionali prima di un trattamento di riproduzione assistita?

Da Dra. Lydia Pilar Suárez.
Ultimo aggiornamento: 14/11/2019

I contraccettivi sono caratterizzati da una doppia funzione inibitoria nel sistema riproduttivo: a livello ovarico bloccano l'ovulazione (se non c'è un ovulo, non può unirsi allo sperma nelle tube di Falloppio per formare un embrione), e a livello uterino atrofizzano l'endometrio in modo che, se c'è un ipotetico embrione, non si impianta.

Inoltre, va notato che l'effetto dei contraccettivi è transitorio, per cui il loro effetto inibitorio esiste solo durante l'assunzione del farmaco, e non più.

Così, questo tipo di farmaco è stato ampiamente utilizzato per evitare gravidanze indesiderate, ma tra gli altri usi, aiuta a regolare i cicli in quelle donne con periodi irregolari o in pazienti con amenorrea prolungata.

Pertanto, i contraccettivi sono utilizzati anche nel trattamento della riproduzione assistita. Non vengono utilizzati nel 100% dei cicli, ma hanno un posto in quelle donne che hanno cicli irregolari o che hanno bisogno di una pianificazione più accurata del trattamento (data di inizio delle mestruazioni, data della puntura ovarica o data del trasferimento embrionale).

Quando la paziente in trattamento ha le mestruazioni, viene eseguita un'ecografia per confermare lo stato dell'utero e delle ovaie. La contraccezione è consigliata a partire dal primo, secondo e anche terzo giorno di emorragia. Normalmente viene utilizzato per 12-14 giorni, ma ci sono casi in cui è necessario prolungarlo più a lungo, anche di diverse settimane.

Lo scopo del farmaco è quello di bloccare la funzione naturale dell'ovaio, che viene confermata dall'ecografia e/o dall'analisi ormonale, e di averla "a riposo" in modo che il trattamento possa essere iniziato in qualsiasi momento.

Dopo i giorni necessari, il contraccettivo viene rimosso e, dopo un periodo di lavaggio di circa 5 giorni, viene avviata la stimolazione ovarica controllata con le gonadotropine attraverso la via sottocutanea. A questo scopo si può eseguire un'ecografia di controllo, anche se non è assolutamente necessario.

Lettura consigliata: Farmaci per la stimolazione ovarica in AI e FIV.

Dra. Lydia Pilar Suárez
Dra. Lydia Pilar Suárez
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Oviedo nelle Asturie. Specializzazione in Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Clínico Universitario San Carlos di Madrid. Ha anche un Master in Riproduzione Umana dell'Universidad Rey Juan Carlos in collaborazione con l'IVI.
Numero associato: 64136
Ginecologa. Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Oviedo nelle Asturie. Specializzazione in Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Clínico Universitario San Carlos di Madrid. Ha anche un Master in Riproduzione Umana dell'Universidad Rey Juan Carlos in collaborazione con l'IVI. Numero associato: 64136.