Cos’è l’endometriosi? – Sintomi, diagnosi e trattamento

Da (ginecologo), (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 28/09/2020

L'endometriosi è una malattia cronica benigna che colpisce il 10-15% delle donne in età riproduttiva. Consiste nella comparsa e nella crescita del tessuto endometriale, che riveste l'interno dell'utero, in altre sedi al di fuori della cavità uterina.

Questa crescita anomala si verifica principalmente nella cavità pelvica, sia nel peritoneo che negli organi situati in quella cavità. Può apparire principalmente sulle ovaie di una donna e causare un tipo di ciste chiamato endometrioma. Può anche trovarsi nelle tube di Falloppio o in luoghi più insoliti come l'intestino.

L'endometriosi può causare l'infertilità femminile, così come altri disagi nella vita quotidiana di una donna. Pertanto, le donne con endometriosi hanno probabilmente bisogno di un trattamento di riproduzione assistita quando desiderano una gravidanza.

Definizione

Durante il ciclo mestruale di una donna, lo strato interno dell'utero, noto come endometrioL'embrione viene rinnovato ogni mese per offrire la possibilità di ospitare un embrione e dare origine ad una gravidanza. Se ciò non avviene, l'endometrio si sviluppa sotto forma di mestruazioni.

L'endometriosi è una patologia derivata dall'alterazione dell'endometrio durante il ciclo mestruale. Invece di crescere nell'utero, il tessuto endometriale si sviluppa in altri luoghi al di fuori dell'utero, il che può causare forti emorragie e dolore.

L'endometriosi è abbastanza comune nelle donne in età fertile e può portare alla sterilità anche nel 30-50% delle donne che ne soffrono.

L'endometriosi è una malattia ormono-dipendente, cioè subisce cambiamenti a seconda degli ormoni che agiscono sul ciclo mestruale della donna: estrogeni e progesterone.

In particolare, il rilascio di estrogeni contribuisce in misura maggiore allo sviluppo dell'endometriosi. Tuttavia, sono stati studiati anche casi prima della pubertà e nelle donne in menopausa.

Tipi di piastre endometriali

Le placche di tessuto endometriale che si formano all'esterno della cavità uterina possono avere dimensioni diverse a seconda della gravità dell'endometriosi. È quindi importante differenziare i 3 tipi esistenti per valutare l'endometriosi. Dalla minore alla maggiore gravità, i tipi di placche endometriali sono i seguenti:

Impianti
sono piccole e poco profonde.
Nodi
sono più grandi e possono essere invasive.
Endometriomi
quando si formano cisti sulle ovaie, chiamate anche cisti di cioccolato o cisti endometriosiche.

Località principali

L'endometriosi può apparire in diversi organi del corpo. Generalmente, le placche di tessuto endometriale si trovano nella cavità pelvica, dove si trovano i genitali, ma possono anche comparire in aree extragenitali.

Pertanto, a seconda della vostra posizione specifica, possiamo effettuare la seguente classificazione dell'endometriosi:

Endometriosi ovarica
che si trova nelle ovaie. È possibile che si formino le cisti ovariche endometriosiche di cui abbiamo parlato.
Endometriosi tubarica
situato nelle tube di Falloppio.
Endometriosi pelvica
situato nei legamenti uterini o nella sacca di Douglas (spazio tra il retto e la vagina), tra gli altri.
Endometriosi peritoneale
situato superficialmente nelle ovaie e nella zona del peritoneo superficiale.
Endometriosi rettovaginale
che si trova in un tessuto tra il retto e la vagina, sotto la sacca di Douglas.
Endometriosi interna o adenomiosi
si riferisce all'invasione dell'endometrio nel miometrio, lo strato muscolare interno dell'utero.
Altre aree esterne
per esempio, l'endometriosi che si trova nella zona addominale o in altri organi che non fanno parte del sistema riproduttivo, come la vescica, gli ureteri, l'intestino, il retto o i polmoni.

L'endometriosi può non essere limitata alla superficie, ma può colpire l'interno dell'organo. Questo sarebbe un tipo di endometriosi più grave, noto come endometriosi infiltrativa profondache potrebbero ostacolare il corretto funzionamento dell'organo.

Sintomi e conseguenze

L'endometriosi non provoca sintomi nella maggior parte delle donne che ne sono affette, a meno che non sia grave.

Tuttavia, alcune donne con endometriosi hanno alcuni sintomi, il più comune dei quali è il dolore durante le mestruazioni.

Come abbiamo discusso, gli impianti endometriali rispondono ai cambiamenti ormonali. Pertanto, quando si verifica un'emorragia mestruale, anche questi impianti sanguinano, il che provoca un'emorragia che non può uscire.

Il sangue proveniente da placche endometriali che non possono essere evacuate verso l'esterno provoca l'infiammazione dei tessuti dove si trovano e la formazione di cicatrici, dando origine a quelle che vengono chiamate aderenze endometriali.

Anche altri sintomi possono comparire più o meno frequentemente. Di seguito parleremo di tutti questi possibili sintomi dell'endometriosi nelle donne:

  • Dolori pelvici, addominali e lombari, solitamente associati alle mestruazioni.
  • Dispaurenia: dolore durante o dopo il sesso.
  • Metrorragia: emorragia premestruale o emorragia tra un ciclo mestruale e l'altro.
  • Più abbondanti e più durature le mestruazioni.
  • Ematuria: dolore e sanguinamento durante la minzione o la defecazione, specialmente se c'è stitichezza.
  • Stanchezza, affaticamento e dolore alla schiena.
  • Sintomi psicologici nei casi più gravi per prevenire uno stile di vita normale.

Va notato che l'intensità di questi sintomi non dipende dal grado di endometriosi. Se una donna ha sintomi di endometriosi, questi sono altrettanto evidenti anche se l'endometriosi è lieve, moderata o grave.

Ciò che sembra esistere è una relazione diretta tra la difficoltà di concepimento e il tipo di lesione.

Gradi di endometriosi

L'endometriosi può essere classificata in livelli o gradi a seconda delle lesioni causate e della loro gravità, anche se non esiste un modo generalizzato per farlo.

La classificazione più utilizzata oggi è quella raccomandata dall'American Society for Reproductive Medicine (ASRM), di cui parliamo qui di seguito:

Endometriosi di grado 1 (minimo)
appaiono impianti isolati senza aderenze.
Endometriosi di grado 2 (minimo)
le placche endometriosiche sono superficiali e inferiori a 5 cm. Ci possono essere aderenze alla superficie del peritoneo e dell'ovaio, ma altri organi non sono interessati.
Endometriosi di grado 3 (moderata)
ci sono noduli endometriali multipli e molti di essi sono invasivi. Inoltre, ci possono essere adesioni anche sulle provette o sulle ovaie.
Endometriosi di grado 4 (grave)
le placche endometriali sono multiple, poco profonde e profonde. Formano grandi cisti di tessuto endometriale nell'ovaio che si riempiono di sangue (le cisti del cioccolato).

Nei casi più gravi di endometriosi di grado IV, la maternità surrogata o la gravidanza surrogata, comunemente nota come maternità surrogata, può essere l'unica opzione per avere un figlio.

Cause

Attualmente non si conosce l'origine esatta dell'endometriosi. Tuttavia, ci sono diverse teorie che spiegano la loro possibile formazione.

Discuteremo oggi le cause più comuni dell'endometriosi:

Mestruazione retrograda
l'endometrio non viene completamente rimosso durante le mestruazioni e, di conseguenza, alcuni frammenti endometriali scorrono all'indietro attraverso le tube di Falloppio, che possono poi depositarsi sugli organi pelvici.
Disturbi del sistema immunitario
questa teoria si basa sull'incapacità del corpo di una donna di distruggere gli impianti endometriali situati al di fuori della cavità uterina.
Metaplasia
trasformazione di tessuti esterni all'utero in tessuti endometriali in risposta a fattori genetici o ambientali.
Trapianto vascolare
alcuni frammenti endometriali possono viaggiare attraverso i vasi sanguigni o linfatici e impiantati in aree lontane.

Molto probabilmente, c'è un meccanismo multifattoriale che spiega l'endometriosi.

Una volta che saremo riusciti a scoprire l'eziologia di questa malattia, sarà possibile trovare terapie più efficaci che riusciranno a curare definitivamente l'endometriosi.

Fattori di pratiche rischiose.

È stato dimostrato che ci sono alcuni fattori di rischio che possono favorire la comparsa dell'endometriosi nelle donne, anche se non sempre è così. Li commentiamo qui di seguito:

  • Avere una madre o una sorella con endometriosi, in quanto potrebbe essere ereditaria.
  • Aspetto delle mestruazioni in giovane età.
  • Non ho ancora avuto figli.
  • Avere cicli mestruali brevi, cioè avere il ciclo mestruale più spesso (polimenorrea).
  • Pesanti emorragie (ipermenorrea) e mestruazioni di lunga durata (7 giorni o più).
  • Presentare un imene chiuso che impedisce l'uscita delle mestruazioni.
  • Avendo subito un intervento chirurgico all'utero, per esempio dopo un parto cesareo o un curettage.

Va notato che le donne più colpite dall'endometriosi sono quelle di età compresa tra i 30 e i 50 anni, con un'età media di 37 anni. Tuttavia, anche le donne adolescenti possono essere affette da endometriosi. In realtà, ci sono casi eccezionali in ragazze tra i 12 e i 15 anni.

D'altra parte, i focolai endrometrici pelvici sono stati descritti anche in età menopausale, anche se il loro aspetto è più raro.

Diagnosi di endometriosi

Il primo segnale di allarme di una possibile endometriosi è un forte dolore durante le mestruazioni. In questo caso, il ginecologo dovrebbe fare al paziente un esame fisico approfondito, soprattutto esaminando la zona pelvica.

Un'ecografia transvaginale può aiutare a visualizzare cisti endometriotiche nell'ovaio o noduli profondi in altre aree. Tuttavia, per una diagnosi accurata e sicura, sarà necessario un intervento chirurgico per visualizzare le lesioni causate dall'endometriosi.

La risonanza magnetica nucleare (RNM) può essere utilizzata anche nei pazienti in cui la diagnosi non è chiara con gli ultrasuoni o prima dell'intervento chirurgico, per determinare con precisione la posizione e la profondità delle lesioni.

Il ginecologo sarà sicuro della diagnosi solo quando eseguirà una laparoscopia, che è un intervento chirurgico minore in anestesia generale in cui, utilizzando un tubo dotato di lente e luce, si potrà osservare l'interno della cavità addominale. Tuttavia, poiché si tratta di una procedura costosa e a causa dei rischi che comporta per il paziente, si cerca di evitare di eseguirla.

Le ultime ricerche cercano di trovare biomarcatori dell'endometriosi che forniscano una diagnosi eseguendo un semplice esame del sangue o delle urine. Questi marcatori sarebbero sostanze create dal nostro corpo in risposta alla malattia o create dalla malattia stessa.

Marcatori dell'endometriosi sono già stati scoperti nel liquido endometriale, come il marcatore tumorale CA-125, quindi la loro analisi permetterebbe di individuare la malattia. Tuttavia, ad oggi, il suo valore diagnostico è limitato.

Trattamento

Attualmente non esiste un trattamento farmacologico in grado di curare definitivamente l'endometriosi, ma esistono diversi approcci per cercare di rendere la malattia il più gestibile possibile.

L'endometriosi, essendo regolata ormonalmente, sarà presente per tutta la vita riproduttiva della donna. A volte può estendersi oltre, durante la menopausa.

A seconda della gravità dei sintomi del paziente, della sua età e del suo desiderio riproduttivo, possono essere eseguiti i seguenti trattamenti:

Antidolorifici
in caso di endometriosi lieve, possono essere sufficienti farmaci antidolorifici. Tuttavia, questo farmaco non è sufficiente in tutti i pazienti.
Ormonale
somministrare gli ormoni coinvolti nel ciclo mestruale permette di rallentare lo sviluppo del tessuto endometriale. Esempi di questi trattamenti si trovano con i contraccettivi orali.
Chirurgico
nei casi più gravi si può scegliere il trattamento chirurgico dell'endometriosi. A seconda della posizione e dell'estensione del tessuto, verrà eseguita una tecnica chirurgica o un'altra.

Come possiamo vedere, il trattamento può essere analgesico, ormonale o chirurgico a seconda di come l'endometriosi viene colpita. Nei casi più lievi, il trattamento consisterà in antidolorifici per il dolore. Nei casi più gravi, in cui il dolore è cronico, la chirurgia può essere la soluzione.

La paziente deve essere informato dei vantaggi e degli svantaggi di ogni trattamento, poiché alcuni, come quelli ormonali, possono essere incompatibili con il desiderio di avere figli.

Gravidanza con endometriosi

Come abbiamo detto, non tutte le donne con endometriosi soffriranno di sterilità. Tuttavia, si verifica nel 40% dei casi, essendo il terzo motivo di consultazione ginecologica per la sterilità femminile.

In primo luogo, l'endometriosi colpisce la riserva ovarica, sia in termini di quantità che di qualità delle uova. Con il progredire dell'endometriosi, il tessuto ovarico sano viene perso e sostituito da tessuto endometriale. Infatti, la chirurgia stessa per rimuovere gli endometriomi dall'ovaio può contribuire a questa diminuzione della riserva ovarica.

D'altra parte, l'endometriosi può colpire anche le tube di Falloppio. Da un lato, gli impianti endometriali possono bloccare le tube, il che impedisce l'incontro e la fecondazione dell'ovulo e dello sperma. Anche la funzionalità delle tube può essere compromessa e impedire il corretto trasporto dell'embrione all'utero anche in caso di fecondazione.

In conclusione, è probabile che le donne con endometriosi debbano ricorrere alla riproduzione assistita per avere figli. A seconda della gravità, vengono utilizzati i seguenti trattamenti:

È interessante notare che, una volta raggiunta la gravidanza, ha un effetto protettivo sullo sviluppo dell'endometriosi. Le ovaie sono tenute a riposo e quindi non vi è alcun rilascio di estrogeni per favorire lo sviluppo di endometriomi.

Domande più frequenti

Quali tipi di endometriosi esistono?

Da Zaira Salvador (embriologa).

L'endometriosi può manifestarsi in diversi punti, come nelle ovaie, nelle tube di Falloppio, dietro l'utero, nei legamenti uterini, nella cavità pelvica e, più raramente, in aree come la vescica o i polmoni.

A seconda di dove si sviluppa il tessuto endometriale, lo distinguiamo:

  • Endometriosi ovarica
  • Endometriosi tubarica o Fallopica
  • Endometriosi pelvica
  • Endometriosi rettale
  • Endometriosi intestinale
  • Endometriosi peritoneale

Quali soluzioni hanno le donne con problemi di fertilità dovuti all'endometriosi?

Da Dr. Antonio Requena Miranda (ginecologo).

In effetti, l'endometriosi è un problema molto importante nel mondo occidentale e una delle cause fondamentali della sterilità. Le soluzioni che possiamo fornire dalla Riproduzione Assistita a questo problema dipenderanno dal grado di gravità dell'endometriosi (i casi lievi di solito beneficiano di trattamenti semplici, mentre i casi più gravi possono richiedere la Fecondazione in Vitro). Inoltre, al momento, con la possibilità di congelare gli ovuli della paziente, è possibile fare questa "riserva" di fertilità nelle donne con casi gravi che possono finire con la perdita di entrambe le ovaie.

L'endometriosi è uguale all'endometrite?

Da Zaira Salvador (embriologa).

No. L'endometrite si riferisce all'infiammazione o all'irritazione dell'endometrio all'interno dell'utero, eventualmente dovuta a un'infezione batterica.

Al contrario, endometriosi significa l'invasione dell'endometrio in altri tessuti al di fuori dell'utero, le cui cause non sono ancora confermate.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

ADAEC. Endometriosis: Documento de consenso S.E.G.O. La voz digital [periódico digital] 2007.

Adamson GD, et al. Creating solutions in endometriosis: global collaboration through the World Endometriosis Research Foundation. J of Endometriosis 2010;2(1):3-6.

Allen C, Hopewell S, Prentice A. Non-steroidal anti-inflammatory drugs for pain in women with endometriosis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2005, Issue 4.

American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). Medical management of endometriosis. Washington (DC): American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG); 1999 Dec. 14 p. (ACOG practice bulletin; no. 11).

ASRM American Society for Reproductive Medicine. Endometriosis. Guía para pacientes. En: Serie de Información para pacientes. Revisado en 2013. Birmingham, Alabama.

Clement PB. The pathology of endometriosis: a survey of the many faces of a common disease emphasizing diagnostic pitfalls and unusual and newly appreciated aspects. Adv Anat Pathol. 2007; 14(4):241-60

Davis L, Kennedy SS, Moore J, Prentice A. Modern combined oral contraceptives for pain associated with endometriosis. Cochrane Database of Systematic Reviews: Reviews 2007, Issue 3.

Di W, Guo SW. Curr Opin Obstet Gynecol. The search for genetic variants predisposing women to endometriosis. 2007; 19(4):395-401.

Dra. MA. Martínez Zamora. (2013). Actualización sobre la etiopatogenia de la endometriosis. Hospital Clínic Universitari de Barcelona. Acadèmia de Ciències Mèdiques i de la Salut de Catalunya i de Balears, Societat Catalana d’Obstetricia i Ginecologia

European Society for Human reproduction (ESHRE). Guideline for the diagnosis and treatment of endometriosis. Human Reproduction, 2005; 20(10):2698-2704.

Giudice LC. Endometriosis. Clinical Practice. N Engl J Med 2010;362(25):2389-98.

Guo S-W, et al. Reassessing the evidence for the link between dioxin and endometriosis: from molecular biology to clinical epidemiology. Mol Hum Reprod 2009;15(10):609-24.

Hughes E, Fedorkow D, Collins J, Vandekerckhove P. Ovulation suppression for endometriosis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2003, Issue 3.

Husby GK1, Haugen RS, Moen MH. Diagnostic delay in women with pain and endometriosis. Acta Obstet Gynecol Scand. 2003 Jul;82(7):649-53.

Moen MH and Magnus P. The familial risk of endometriosis. Acta Obstet Gynecol Scand 1993;72(7):560-4.

Nnoaham KE, et al. Impact of endometriosis on quality of life and work productivity: a multicenter study across ten countries. Fertil Steril 2011;96(2):366-373.

Rogers PA, et al. Priorities for endometriosis research: recommendations from an international consensus workshop. Reprod Sci 2009;16(4):335-46.; Adamson GD, et al. Creating solutions in endometriosis: global collaboration through the World Endometriosis Research Foundation. J of Endometriosis 2010;2(1):3-6.

Royal College of Obstetricians and Gynaecologists. The investigation and management of endometriosis. London: RCOG; 2006. Green-top Guideline No. 24.

Simoens S, Hummelshoj L, D'Hooghe T. Endometriosis: cost estimates and methodological perspective. Hum Reprod Update. 2007; 13(4):395-404.

Society of Obstetricians and Gynaecologists of Canada. Consensus guidelines for the management of chronic pelvic pain. Ottawa: SOGC; 2005. SOGC Clinical Practice Guidelines No 164.

Vigano P, et al. The relationship of endometriosis and ovarian malignancy: a review. Fertil Steril 2008;90(5):1559-70.

Vigano P, Somigliana E, Vignali M, Busacca M, Blasio AM. Genetics of endometriosis: current status and prospects. Front Biosci. 2007; 12:3247-55.

Wieser F, Cohen M, Gaeddert A, Yu J, Burks-Wicks C, Berga SL, Taylor RN. Evolution of medical treatment for endometriosis: back to the roots? Hum Reprod Update. 2007; 13(5):487-99.

Domande più frequenti: 'Quali tipi di endometriosi esistono?', 'Quali soluzioni hanno le donne con problemi di fertilità dovuti all'endometriosi?' e 'L'endometriosi è uguale all'endometrite?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dr. Antonio Requena Miranda
Dr. Antonio Requena Miranda
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università Complutense di Madrid, con specializzazione in Ostetricia e Ginecologia dell'Università Autonoma di Madrid. Ha una lunga carriera come ginecologo specializzato in riproduzione assistita ed è attualmente direttore generale dell'IVI. Continua a leggere Dr. Antonio Requena Miranda
Numero associato: 282841142
 Blanca Paraíso
Blanca Paraíso
Ginecologa
La dott.ssa Blanca Paraíso è laureata in medicina e ha conseguito il dottorato presso l'Università Complutense di Madrid (UCM). Ha anche un diploma in Scienze Statistiche della Salute. È un medico esperto in Ginecologia e Procreazione Assistita. Continua a leggere Blanca Paraíso
Numero associato: 454505579
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.