Dopo l’inseminazione artificiale

Da (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 23/09/2020

Dopo un processo di inseminazione artificiale (IA), sia coniugale (CAI) che con sperma di donatore (DAI), la paziente deve attendere circa 14 giorni per effettuare un test di gravidanza per confermare se il trattamento ha avuto successo.

Durante questi giorni di beta-attesa, la donna potrà continuare con la sua abituale routine quotidiana, ad eccezione di casi specifici in cui il medico indica il riposo. Inoltre, è possibile avvertire alcuni sintomi legati ai farmaci ormonali, che possono essere confusi con i sintomi della gravidanza.

Riposo dopo l'IA

Il trattamento di inseminazione artificiale termina con l'introduzione dello sperma condensato nell'utero della donna con l'aiuto di una cannula flessibile. La fecondazione tra l'ovulo e lo sperma avverrà naturalmente poche ore o giorni dopo.

Questa procedura viene eseguita nell'ambulatorio del ginecologo e non è necessario entrare in sala operatoria, in quanto è molto semplice e quasi indolore.

Una volta effettuata l'inseminazione, si consiglia di far riposare la donna per 15-25 minuti sulla barella o nella sala di recupero, se questo è il caso per il suo maggiore comfort e la sua tranquillità.

Tuttavia, non è necessario riposare dopo un'inseminazione artificiale, né aumenta le probabilità di successo, a meno che il ginecologo non lo indichi per qualche motivo particolare.

Dopo che la donna o la coppia ha lasciato la clinica, può continuare la sua vita normale: andare al lavoro, guidare, fare attività ricreative come camminare, andare al cinema, ecc.

Tempo di attesa

Subito dopo l'inseminazione artificiale inizia il periodo noto come beta-spera, che durerà fino al giorno del test di gravidanza.

La beta-spera dell'IA dura circa 15 giorni e durante questo periodo di incertezza la donna può avvertire un disagio dovuto al trattamento della fertilità.

Sintomi della IA

È consuetudine che la donna riceva, fin dal giorno dell'inseminazione, un trattamento ormonale con progesterone per mantenere lo stato ideale dell'utero e favorire l'impianto dell'embrione.

Questa somministrazione di progesterone durante l'attesa del Beta, più gli altri farmaci ormonali utilizzati durante la stimolazione ovarica, può portare ad effetti collaterali di varia intensità nelle donne.

Di seguito elenchiamo i possibili sintomi dopo un'inseminazione artificiale:

  • Gonfiore di pancia
  • Dolore addominale
  • Disturbi nell'utero dovuti all'inserimento della cannula
  • Marrone tinto di marrone
  • Minzione frequente.
  • Seni gonfi
  • Scarico vaginale chiaro o giallo
  • Fatica

Le donne spesso confondono questi effetti collaterali dei farmaci con i sintomi della gravidanza, il che è un errore. Questo disagio è caratteristico dell'inseminazione artificiale e può verificarsi indipendentemente dal risultato positivo o negativo del test di gravidanza.

Quando fare un test di gravidanza?

Il test di gravidanza, sia nelle urine che nel sangue, sarà eseguito quando indicato dal ginecologo. La cosa più comune è aspettare circa 15 giorni dopo l'IA, tempo sufficiente per il beta-hCG e può essere rilevato dal test di gravidanza.

Se si fa un test di gravidanza precocemente, c'è il rischio di ottenere un falso negativo perché l'ormone non può ancora essere rilevato. Allo stesso modo, un falso positivo potrebbe anche essere ottenuto se il test viene eseguito troppo presto, poiché si tratterebbe di rilevare l'ormone hCG utilizzato nell'IA per indurre l'ovulazione.

Se volete sapere il momento più affidabile per fare un test di gravidanza, potete leggere qui: Quando fare un test di gravidanza?

Per quanto riguarda il modo di fare il test, sia nel sangue che nelle urine, entrambi i metodi sono affidabili se fatti al momento giusto. Tuttavia, è sempre più consigliabile fare l'esame del sangue quantitativo dopo un trattamento di riproduzione assistita.

In caso di risultato negativo del test, la donna dovrebbe avere un'emorragia vaginale corrispondente alle mestruazioni nei prossimi giorni. Durante questo inizio del ciclo, la donna può fare un nuovo tentativo, poiché le inseminazioni artificiali possono essere eseguite consecutivamente.

Raccomandazioni

In generale, si raccomanda alle donne di seguire il loro stile di vita normale dopo l'IA, a meno che non abbiano un lavoro molto pesante o che non comporti qualche rischio. In questo caso, il medico potrebbe concedere un congedo di malattia.

Oltre a questo, vi indicheremo alcuni consigli che possono aiutare le donne dopo l'inseminazione artificiale:

  • Mantenere i rapporti sessuali tra le otto e le dodici ore dopo l'IA, poiché le contrazioni uterine favoriscono l'ascesa degli spermatozoi depositati nell'utero.
  • Evitate gli sforzi fisici pesanti: non portate pesi e sostituite gli sport ad alta intensità con altri più morbidi.
  • Non essere a conoscenza di tutti i possibili sintomi o metterli in relazione con la gravidanza.
  • Non ossessionatevi per il possibile risultato. È importante rimanere molto positivi, ma anche prepararsi ad un possibile negativo.
  • Tenerti occupato aiuta a pensare ad altre cose e riduce lo stress associato al trattamento, quindi pianifica le attività per le 2 settimane di beta-spera.
  • Consultate uno specialista se avete sintomi molto fastidiosi o se avete un forte sanguinamento vaginale prima del tempo.
  • Non cambiate o abbandonate i vostri farmaci ormonali da soli.
  • Condividete i sentimenti con il vostro partner e sostenervi a vicenda.

Domande più frequenti

Quanto dura l'inseminazione artificiale e quanto tempo devo rimanere in clinica una volta terminata l'inseminazione?

Da Dra. Esther Marbán Bermejo (ginecologa).

Il tempo per l'inseminazione artificiale di solito impiega circa 5 minuti se non ci sono difficoltà. Dopo il processo, la paziente rimarrà a riposo per 20-30 minuti e poi lascerà la clinica con le istruzioni fino al giorno del test di gravidanza.

Il riposo dopo l'inseminazione non è obbligatorio, in quanto non è stato dimostrato che migliori il tasso di gravidanza.
Continua a leggere

Bisogna riposare dopo un'inseminazione artificiale?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Dopo l'inseminazione artificiale intrauterina, il medico può consigliare di stare sdraiati per qualche minuto per incoraggiare gli spermatozoi ad alzarsi e la donna a riprendersi. Tuttavia, gli studi hanno confermato che questo riposo dopo l'IA non aumenta la probabilità di gravidanza.

Una volta a casa, la donna può continuare la sua routine quotidiana e condurre una vita normale, facendo attenzione a non sforzarsi e a non portare un peso eccessivo.

È normale sanguinare dopo l'inseminazione artificiale?

Da Zaira Salvador (embriologa).

No, anche se ci può essere una piccola chiazza o una leggera emorragia come risultato dell'inseminazione stessa, quando la cannula viene inserita attraverso la cervice.

Se, invece, dopo l'IA ci sono giorni di forte sanguinamento, è molto probabile che ciò sia dovuto al calo delle mestruazioni e, quindi, al fallimento della tecnica.

L'inseminazione artificiale fa male?

Da Zaira Salvador (embriologa).

In linea di principio, no. Si tratta quindi di una tecnica che viene eseguita senza anestesia. D'altra parte, è possibile che il paziente soffra di un leggero disagio o di piccoli sintomi come coliche o dolori addominali dopo l'inseminazione artificiale.

Tuttavia, finché non è un dolore grave, non deve essere allarmante. In casi specifici in cui il dolore è insopportabile, è consigliabile consultare uno specialista.

Quali sono i sintomi della gravidanza dopo un'inseminazione artificiale positiva?

Da Zaira Salvador (embriologa).

I sintomi della gravidanza variano molto tra le donne. Ci sono donne che sentono i primi sintomi subito dopo il processo e altre che non notano nulla di diverso fino a uno stadio più avanzato della gravidanza.

In ogni caso, è raro notare i sintomi della gravidanza prima di 15 giorni dopo l'inseminazione artificiale, ad eccezione dell'emorragia da impianto che può verificarsi in alcune donne.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Karlstrom P-O, Bergh T, Lundkvist O. A prospective randomized trial of artificial insemination versus intercourse in cycles stimulated with human menopausal gonadotropin or clomiphene citrate. Fertil Steril 1993:59;554–9.

Khan JA, Sunde A, Von During V, Sordal T, Molne K. Intrauterine insemination. Ann NY Acad Sci 1991;626:452–60.

Plosker SM, Jacobson W, Amato P. Predicting and optimizing success in an intrauterine insemination programme. Hum Reprod 1994;9:2014–21.

Rubenstein BB, Strauss H, Lazarus ML, Hankin H. Sperm survival in women. Fertil Steril 1951;2:15–9.

Sharif K, Afnan M, Lashen H, Elgend M, Morgan C, Sinclair L. Is bed rest following embryo transfer necessary? Fertil Steril 1998;69:478– 81.

Tomlinson MJ, Amissah-Arthur JB, Thompson KA, Kasraie JL, Bentick B. Prognostic indicators for intrauterine insemination (IUI): statistical model for IUI success. Hum Reprod 1996;11:1892–6.

World Health Organization. Laboratory manual for the examination of human sperm and sperm-cervical mucus interaction. 3rd ed. New York: Cambridge University Press, 1992:43–4.

Domande più frequenti: 'Quanto dura l'inseminazione artificiale e quanto tempo devo rimanere in clinica una volta terminata l'inseminazione?', 'Bisogna riposare dopo un'inseminazione artificiale?', 'È normale sanguinare dopo l'inseminazione artificiale?', 'L'inseminazione artificiale fa male?' e 'Quali sono i sintomi della gravidanza dopo un'inseminazione artificiale positiva?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

Dra. Esther  Marbán Bermejo
Dra. Esther Marbán Bermejo
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università di Alcalá, con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia presso l'Ospedale Generale Universitario Gregorio Marañón di Madrid. Ha diversi anni di esperienza come ginecologa specializzata in riproduzione assistita. Continua a leggere Dra. Esther Marbán Bermejo
Numero associato: 282859737
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.