Donazione di ovuli: requisiti, procedura e compensazione

Da (embriologa), (embriologo clinico senior), (embriologo senior), (embriologa), (embriologa), (ginecologa), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 20/10/2020

La donazione di ovuli è un atto altruistico in cui una donna giovane e sana decide di donare una piccola parte dei suoi ovuli ad una clinica di riproduzione assistita o ad una banca degli ovuli.

L'obiettivo di questa donazione anonima e solidale è che altre donne o coppie con problemi di infertilità possano avere questi ovuli donati e ottenere così la gravidanza desiderata.

Una volta superati tutti i test richiesti alla donatrice di ovuli, la procedura consiste fondamentalmente in due fasi:

Per compensare eventuali disagi causati durante il processo, le donatrici di ovuli riceveranno un compenso finanziario dalla clinica.

Di seguito trovate un indice con i 7 punti che tratteremo in questo articolo.

Come posso donare gli ovuli?

Poiché in Italia la donazione di ovuli non è consentita per legge, le persone che vogliono donare i loro ovuli dovranno recarsi in paesi come Spagna, dove la donazione di ovuli viene effettuata dal 1984. In molte occasioni, la donazione di ovuli è l'unica alternativa a disposizione di alcune donne per poter rimanere incinta e diventare madri.

Pertanto, la motivazione principale delle donatrici di ovuli dovrebbe essere quella di aiutare queste donne, molte delle quali hanno avuto un cancro o un'insufficienza ovarica precoce, in modo altruistico e di sostegno.

Requisiti

Prima di recarsi alla clinica di riproduzione assistita, le donne disposte a donare i loro ovuli devono verificare se soddisfano i requisiti richiesti dalla legislazione spagnola per effettuare la donazione. Li commentiamo qui di seguito:

  • Avere tra i 18 e i 35 anni.
  • Buona salute fisica e mentale.
  • Hanno una normale funzione ovulatoria
  • Nessuna malformazione, infezione e/o malattia genetica ereditaria
  • Da non adottare, in quanto è essenziale conoscere la storia medica dei parenti stretti
  • Non aver dato alla luce più di 6 figli

Potete leggere maggiori dettagli su tutte queste condizioni per la donazione di ovuli nel seguente articolo: Requisiti per la donazione di ovuli.

Prima visita informativa

Il processo di donazione degli ovuli inizia con una prima visita del potenziale donatore alla clinica per ottenere tutte le informazioni sul processo e risolvere eventuali dubbi.

Questa prima visita informativa non impegna in alcun modo il futuro donatore. Il personale della clinica si limiterà a condurre un colloquio e a verificare che la donna soddisfi tutti i requisiti per la donazione di ovuli.

Se questo è il caso e la donna è finalmente disposta a donare, verrà firmato un consenso informato per iniziare l'intero processo.

Va notato che a questo punto la donna non è ancora diventata una donatrice di ovuli, in quanto deve prima superare tutti gli esami medici necessari, di cui parleremo nella prossima sezione.

Selezione della donatrice di ovuli

I test medici e psicologici che le donatrici di ovuli devono superare sono i seguenti:

Esame ginecologico
viene fatta un'ecografia per controllare la riserva ovarica della donatrice.
Esami del sangue
il gruppo sanguigno del donatore viene controllato e si escludono malattie infettive come l'HIV, l'epatite B e C, la sifilide, ecc.
Studio genetico
viene eseguito un cariotipo per vedere tutti i cromosomi del donatore e, inoltre, il DNA viene studiato attraverso un test che analizza più di 600 possibili malattie genetiche.
Test psicologico
i questionari sono compilati con informazioni sulla storia medica della donatrice e dei suoi familiari. Viene inoltre effettuato un test psicologico per verificare che la donna non soffra di disturbi mentali.

Una volta verificato che la candidata soddisfi i requisiti e che sia fisicamente ed emotivamente preparata per la donazione, avrà una visita dal ginecologo e inizierà il trattamento.

Come si ottengono gli ovuli?

Il trattamento per ottenere gli ovuli consiste in una prima fase di stimolazione ovarica e poi in una puntura follicolare per poter estrarre gli ovuli per aspirazione.

Nella maggior parte delle cliniche, le donatrici di ovuli partecipano a un workshop iniziale in cui gli infermieri spiegano come somministrare il farmaco e rispondono a tutte le domande relative al trattamento.

Stimolazione ovarica

La stimolazione ovarica consiste nella somministrazione di farmaci ormonali con l'obiettivo di provocare uno sviluppo follicolare multiplo nelle ovaie della donatrice. In altre parole, le ovaie saranno in grado di produrre e maturare più follicoli ovarici contemporaneamente e quindi sarà possibile ottenere un numero elevato di ovuli alla puntura.

Per fare questo, il donatore deve somministrare quotidianamente il farmaco ormonale attraverso iniezioni fornite dalla clinica e seguendo le linee guida stabilite dal ginecologo.

Ogni protocollo di stimolazione è diverso per ogni donna. In generale, la stimolazione ovarica di solito dura circa 8-10 giorni.

Durante questo periodo, il donatore dovrebbe venire in clinica ogni due giorni circa per far controllare la stimolazione. Il ginecologo controllerà come crescono i follicoli e determinerà il giorno migliore per estrarre gli ovuli.

Puntura follicolare

La puntura ovarica o follicolare è una procedura chirurgica molto semplice per estrarre gli ovuli dalla donatrice. Si esegue in anestesia e dura circa 30 minuti.

Durante l'operazione, il ginecologo pungerà accuratamente i follicoli e aspirerà il liquido dall'interno, dove si trovano gli ovuli mature.

La donna passerà quindi un po' di tempo a riposare nella sala di recupero, ma non è necessario un ricovero in ospedale. Pertanto, la donatrice di ovuli potrà tornare a casa il giorno stesso, poche ore dopo la puntura, e seguire la sua solita routine

Circa due settimane dopo la donazione degli ovuli, la donna avrà di nuovo il ciclo mestruale, che segnerà la fine del ciclo di donazione e l'inizio di un nuovo ciclo mestruale.

Compensazione economica

In primo luogo, la donatrice di ovuli deve avere ben chiaro che la donazione di gameti è un atto volontario, altruistico e anonimo. In nessun caso conoscerai la donna o la coppia che è il destinatario o il bambino che è il risultato della donazione.

Nonostante ciò, e sebbene la vendita di ovuli sia proibita in Spagna, i donatori ricevono un compenso finanziario che varia tra gli 800 e i 1000 euro. Tale importo è stabilito dal Ministero della Salute ed è concesso per i possibili rischi e disagi derivanti dal processo di donazione.

Con questa somma di denaro compensiamo le spese di viaggio per recarsi in clinica, le possibili assenze dal lavoro, il disagio dovuto agli effetti collaterali dei farmaci, ecc. In nessun caso le cliniche possono pagare i donatori più soldi per ottenere i loro ovuli.

Se siete interessati a questo argomento, il seguente articolo tratta in modo più approfondito il compenso finanziario per la donazione di ovuli.

La maggior parte delle donatrici di ovuli segnala il processo di ovodonazione come un'esperienza positiva, poiché i rischi sono pochi e la soddisfazione di aiutare altre donne è grande

Lettura consigliata

Se volete saperne di più sul trattamento che le donatrici di ovuli ricevono, potete accedere al seguente articolo: Processo di donazione di ovuli.

D'altra parte, se siete interessati al trattamento che le destinatarie degli ovuli ricevono per diventare madri, potete leggere qui: Cos'è l'ovodonazione e qual è il prezzo del trattamento?

Domande più frequenti

Qual è il compenso finanziario che ricevono le donatrici di ovuli?

Da Dr. Emilio Gómez Sánchez (embriologo senior).

La prima cosa da chiarire è che in Spagna la Legge sulle Tecniche di Riproduzione Assistita non permette il pagamento o l'acquisto di ovociti. La donazione di ovuli deve essere un atto altruistico e naturalmente volontario, tra la donatrice e il centro medico, senza che la ricevente degli ovuli sia coinvolta in nessun momento.

Ciò che questa legge permette è che la donatrice riceva un compenso economico per i numerosi disagi che subirà, tra cui le spese di viaggio in clinica, la perdita di ore lavorative e, naturalmente, il disagio fisico causato dalla stimolazione ovarica e dalla puntura follicolare. La maggior parte dei centri opta per una somma di 900-1000 euro per le donatrici di ovuli.

Quali sono i vantaggi per le donatrici di ovuli?

Da Zaira Salvador (embriologa).

La maggior parte delle persone vede la donazione di ovuli come un modo per guadagnare soldi extra. Tuttavia, ciò che ricevete è una compensazione finanziaria per i disagi e i possibili rischi. La più grande soddisfazione che un donatore prova dopo aver completato l'intero processo è quella di aver aiutato qualcun altro ad avere un figlio.

Donare ovuli significa che lei è la mamma biologica del bambino nato dalla sua donazione?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Sì, la madre biologica di un bambino è la donna che eredita metà del suo DNA. Poiché il DNA è ereditato dai gameti da cui una persona è stata concepita, il donatore sarebbe la madre biologica del bambino e il ricevente la madre naturale.

Quali sono i rischi della donazione di ovuli a cui sono soggette le donatrici di ovuli

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

I rischi che possono derivare dal processo di donazione derivano principalmente dalla stimolazione ovarica e dalla puntura follicolare. Anche se si verifica occasionalmente e può essere evitata, una stimolazione ormonale mal controllata può portare alla sindrome di iperstimolazione ovarica (OHSS).

D'altra parte, la puntura follicolare, anche se semplice, è un'operazione che viene eseguita in anestesia e quindi non è completamente esente da rischi.

Se volete maggiori informazioni al riguardo, potete consultare questo articolo: Rischi di ovodonazione.

Vendere ovuli alle cliniche della fertilità più volte, è possibile?

Da Rebeca Reus (embriologa).

È necessario limitare il numero di volte che una donna può donare i suoi ovuli in quei paesi dove non ci sono ancora limiti. La possibilità che i figli concepiti da una donatrice incontrino più tardi nella vita solleva preoccupazioni per la salute della loro potenziale prole.

Molte giovani donne decidono di vendere i loro ovuli come mezzo per integrare il loro reddito grazie alla compensazione economica che ricevono. Le donatrici dovrebbero tuttavia essere consapevoli dei potenziali rischi a lungo termine e fare delle scelte di conseguenza.

Più volte una donna dona i suoi ovuli, maggiori sono le possibilità di una consanguineità involontaria. Se i bambini non sono consapevoli del loro patrimonio genetico, questo potrebbe rivelarsi un vero problema in futuro.

Che tipo di anestesia viene utilizzata per il prelievo degli ovuli? Locale o generale?

Da Rebeca Reus (embriologa).

L'anestesia utilizzata per il prelievo degli ovociti è di solito un'anestesia generale, anche se è una versione blanda che mantiene la donatrice addormentata solo durante l'intervento chirurgico (20-30 min).

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Ballesteros A, Castilla JA, Nadal J, Ruiz, M. Manifiesto de la SEF sobre la donación de gametos en España. Publicado a través de la Sociedad Española de Fertilidad (SEF).

Comisión Nacional de Reproducción Humana Asistida (CNRHA) (2015). Aspectos legales y éticos de la donación. En: Registro Nacional de Donantes de Gametos y Preembriones. Ministerio de Sanidad, Consumo y Bienestar Social de España.

Ley 14/2006, de 26 de mayo, sobre técnicas de reproducción humana asistida. Jefatura del Estado «BOE» núm. 126, de 27 de mayo de 2006 Referencia: BOE-A-2006-9292

Sociedad Española de Fertilidad (SEF) (febrero de 2012). “Saber más sobre fertilidad y reproducción asistida”. En colaboración con el Ministerio de Sanidad, Política Social e Igualdad del Gobierno de España y el Plan de Calidad para el Sistema Nacional de Salud.

Sociedad Española de la Fertilidad (SEF). Libro Blanco Sociosanitario. La Infertilidad en España Situación Actual y Perspectivas. Imago Concept & Image Development 2011.

Domande più frequenti: 'Qual è il compenso finanziario che ricevono le donatrici di ovuli?', 'Quali sono i vantaggi per le donatrici di ovuli?', 'Donare ovuli significa che lei è la mamma biologica del bambino nato dalla sua donazione?', 'Quali sono i rischi della donazione di ovuli a cui sono soggette le donatrici di ovuli', 'Vendere ovuli alle cliniche della fertilità più volte, è possibile?' e 'Che tipo di anestesia viene utilizzata per il prelievo degli ovuli? Locale o generale?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
Dr. Antonio González Utor
Dr. Antonio González Utor
Embriologo clinico senior
Laurea in biologia e dottorato in scienze biologiche all'Università di Siviglia. Titolo di Specialista in Riproduzione Umana Assistita concesso dal Collegio Ufficiale dei Biologi (COB) e dall'Associazione per lo Studio della Biologia della Riproduzione (ASEBIR). Certificato di Embriologo Clinico Senior di ESHRE e ASEBIR. Più di 30 anni di esperienza nei laboratori di riproduzione assistita. Continua a leggere Dr. Antonio González Utor
Dr. Emilio  Gómez Sánchez
Dr. Emilio Gómez Sánchez
Embriologo Senior
Laurea in Biologia all'Università di Siviglia. Ha un dottorato di ricerca in Biologia dell'Università di Valencia. Ha una vasta esperienza come embriologo specializzato in Medicina della Riproduzione ed è attualmente direttore del laboratorio di FIVET a Tahe Fertilidad. Continua a leggere Dr. Emilio Gómez Sánchez
Numero associato: 14075-MU
 Rebeca Reus
Rebeca Reus
Embriologa
Laureato in Biologia Umana (Biomedicina) presso l'Universitat Pompeu Fabra (UPF), con un Master ufficiale in Laboratorio di Analisi Clinica dell'UPF e un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita dell'Universidad de Valencia (UV). Continua a leggere Rebeca Reus
 Rocío Díaz Giraldez
Rocío Díaz Giraldez
Embriologa
Laureato in Biologia ed embriologa specializzata in Medicina della Riproduzione con diversi anni di esperienza nei laboratori. Attualmente è direttore del laboratorio di embriologia del YES! Reproducción di Siviglia. Continua a leggere Rocío Díaz Giraldez
Dra. Silvia Macías Arce
Dra. Silvia Macías Arce
Ginecologa
Laurea in medicina all'Università di Cadice, con specializzazione in Ostetricia e Ginecologia, e sotto-specializzazione in chirurgia endoscopica. Master in Riproduzione umana assistita dell'Università di Siviglia. Ha i titoli di Esperto in Esplorazione Ginecologica e Patologia Mammaria e Vulvariana, ed Esperto in Patologia Uterina, Menopausa e Riproduzione dell'Università di Barcellona. Continua a leggere Dra. Silvia Macías Arce
Numero associato: 411109763
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.