Controllo medico in gravidanza: test, analisi ed ecografie

Da (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 14/10/2020

La gravidanza è un nuovo stato fisiologico in una donna che non deve causare problemi alla sua salute e a quella del futuro bambino che aspetta. Tuttavia, è molto importante monitorare adeguatamente l'intero periodo di gestazione per individuare eventuali alterazioni e prevenirle in tempo.

Da quando il controllo medico della gravidanza si è diffuso e il parto in ospedale è stato introdotto, la mortalità perinatale è diminuita significativamente nelle società industrializzate, essendo molto più bassa della mortalità materna e fetale nei paesi sottosviluppati o in via di sviluppo.

Pertanto, è molto importante che tutte le donne incinte abbiano un'assistenza prenatale precoce, regolare, completa e di qualità, secondo la Società Spagnola di Ginecologia e Ostetricia (SEGO).

Prima visita

Non appena una donna scopre di essere incinta, dovrebbe prendere un appuntamento con il suo ginecologo per iniziare le cure prenatali.

Alla prima visita, detta di assunzione, si aprirà l'anamnesi del paziente, che dovrebbe includere tutte queste informazioni:

  • Storia della famiglia e della coppia il più possibile dettagliata.
  • Storia medica e possibili patologie che possono essere aggravate.
  • Anamnesi ostetrica: gravidanze precedenti, aborti spontanei, interruzione di gravidanza, parti, ecc.
  • Caratteristiche del ciclo mestruale, interventi chirurgici precedenti, assunzione di contraccettivi, ecc.
  • Data dell'ultimo periodo mestruale per il calcolo delle settimane di gravidanza

Il ginecologo eseguirà poi un esame fisico della paziente, che si basa sulla palpazione dei genitali e del seno, la misurazione del peso e dell'altezza per calcolare l'IMC, il rilevamento della pressione sanguigna, ecc.

Altri possibili test complementari sono i seguenti:

  • Test di Coombs: compatibilità del gruppo sanguigno della madre e del feto.
  • Urinalisi: leucociti, glucosio, albumina, ecc.
  • Esami del sangue: emocromo, glicemia, TSH, colesterolo, ferro, ecc.
  • Sierologie: rosolia, sifilide, toxoplasmosi, epatite B e HIV.
  • Citologia

A seconda di tutti i risultati ottenuti, il ginecologo darà alla donna tutte le raccomandazioni nutrizionali e le cure necessarie per il corretto sviluppo della gravidanza.

Primo trimestre di gravidanza

In tutti i successivi controlli di gravidanza, il ginecologo eseguirà un esame fisico e prenderà le misure del peso e della pressione sanguigna.

L'ecografia del primo trimestre, che in molti casi è la prima ecografia della donna, deve essere fatta tra le 11 e le 13 settimane di gravidanza, e di solito viene fatta per via vaginale. Gli obiettivi di questa ecografia sono i seguenti:

  • Identificare il numero di embrioni e di sacche gestazionali.
  • Ascoltate il battito cardiaco dell'embrione.
  • Prendere le misure dell'embrione per stimare le settimane di gravidanza insieme alla Data dell'ultimo periodo mestruale.
  • Misurare la traslucenza nucale.
  • Osservare la morfologia dell'embrione.
  • Osservare l'utero e le strutture circostanti.

Poi parleremo dei test diagnostici che possono essere fatti per verificare che il feto sia sano e non abbia anomalie cromosomiche.

Test prenatali non invasivi

Questo test prevede l'analisi del DNA fetale ottenuto da un semplice campione di sangue della madre. Può essere eseguita a partire dalla nona settimana di gravidanza e presenta molteplici vantaggi.

Le alterazioni genetiche che possono essere rilevate nel DNA fetale sono quelle che influenzano il numero di cromosomi: sindrome di Down, sindrome di Edwards, sindrome di Patau e quelle relative ai cromosomi sessuali.

Questo test non invasivo è sempre più utilizzato per la sua semplicità e la mancanza di rischi sia per il feto che per la madre. Inoltre, il numero di test invasivi eseguiti, come l'amniocentesi, è stato notevolmente ridotto. Tuttavia, va notato che il test del DNA fetale del sangue materno non è coperto dalla previdenza sociale o dall'assicurazione sanitaria privata. Pertanto, le donne che lo desiderano dovranno pagarne il prezzo.

Triplo screening

Lo screening combinato del primo trimestre, noto anche come triplo screening, è un test specifico per stimare il rischio di anomalie cromosomiche nel feto.

Questa stima si basa sui seguenti parametri che il ginecologo ottiene dall'esame del sangue e dall'ecografia del primo trimestre:

  • La piega nucale o la traslucidità
  • Marcatori biochimici: proteina placentare associata alla gravidanza (PAPP-A) e beta-hCG libero.
  • Età della madre, peso, numero di feti, ecc.

I valori ottenuti vengono confrontati con le tabelle realizzate secondo uno schema di normalità in relazione alla settimana di gravidanza.

A seconda dell'indice di rischio (IR) ottenuto nello screening triplo, sarà necessario o meno effettuare altri test diagnostici invasivi per escludere alterazioni cromosomiche.

IR ≥ 1 in 50
c'è il rischio di malattie cromosomiche. Per confermare il risultato si dovrà effettuare un'amniocentesi o una biopsia corionica.
IR 1 in 50 - 1 in 250
rischio medio. Si raccomanda di eseguire un test del DNA fetale sul sangue materno e, a seconda del risultato, un test prenatale invasivo o non invasivo.
IR < 1 su 250
il rischio è molto basso.

Una volta superato il triplo test di screening ed essendo incinta di oltre 12 settimane, il rischio di aborto spontaneo è molto più basso e la donna si sente più rilassata.

Secondo trimestre di gravidanza

A partire dalla 15a settimana di gravidanza, i valori di alfa-fetoproteina (AFP), beta-hCG ed estriolo (E3) nel sangue materno sono determinati per uno screening biochimico doppio o triplo.

Questi parametri sono indicatori di possibili anomalie strutturali del feto, in particolare di difetti di chiusura del tubo neurale:

Valori AFP elevati
indicano una gravidanza multipla o la presenza di spina bifida o anencefalia nel feto.
Bassi valori AFP
sono indicativi di trisomie sui cromosomi 21 o 18.
Bassi valori di estriolo libero o non coniugato
fanno sospettare la presenza di alterazioni dei cromosomi 13, 18 o 21.

Per generalizzare le unità di misura di queste misure ed evitare variazioni in base all'età gestazionale, si misura in Me/Me (multipli della mediana). È considerato un risultato normale quando i valori sono compresi tra 0,5 e 2,5 MoM. Il valore normale è 1 MoM, quindi più ci si allontana da questo valore, peggiore è il risultato.

Si sospettano problemi nello sviluppo fetale quando i valori di AFP e beta-hCG sono inferiori a 0,4 o superiori a 2,5 e il valore di estriolo è inferiore a 0,5.

Ecografia morfologica

L'ecografia del secondo trimestre, nota anche come ecografia morfologica, dovrebbe essere fatta tra la 18° e la 22° settimana di gravidanza.

È uno degli ultrasuoni più importanti di tutta la gravidanza e i suoi obiettivi sono i seguenti:

  • Fate un esame morfologico completo del feto.
  • Determinare il sesso maschile o femminile.
  • Fare biometria: misurare la testa, l'addome e il femore, ecc. per controllare il corretto sviluppo fetale.
  • Studio della placenta, del cordone ombelicale e del liquido amniotico.
  • Studio del cuore e della circolazione attraverso le arterie uterine.

Con i risultati di questa ecografia e lo screening biochimico, il ginecologo determinerà la necessità di ulteriori test prenatali come discusso di seguito.

Biopsia coriale

La biopsia corionica consiste nell'ottenere i villi coriali dalla placenta per via vaginale o transaddominale con l'obiettivo di realizzare un cariotipo delle cellule fetali.

Si tratta di un test prenatale invasivo, ma serve a confermare la diagnosi di screening biochimico o di test del DNA fetale. È stato anche possibile identificare falsi positivi o negativi dei test precedenti.

Il vantaggio della biopsia corionica è che può essere eseguita prima dell'amniocentesi, tra le 10 e le 14 settimane di gestazione. Tuttavia, si tratta di una tecnica più difficile che comporta maggiori rischi.

Amniocentesi

L'amniocentesi è un test prenatale invasivo che prevede la rimozione di un campione di liquido amniotico attraverso la parete addominale della madre con un sottile ago e il monitoraggio ad ultrasuoni.

Il liquido amniotico contiene cellule fetali, che possono essere analizzate così come quando si fa la biopsia corionica e identificare possibili alterazioni genetiche.

L'amniocentesi viene solitamente eseguita tra le 15 e le 20 settimane di gestazione in donne in età materna avanzata, con una storia di bambini con malattie cromosomiche, a rischio di trasmettere malattie genetiche ereditarie o quando i valori del triplo schermo sono stati alterati.

Terzo trimestre di gravidanza

Tra la 34a e la 36a settimana di gravidanza, la donna dovrà sottoporsi a un'ecografia del terzo trimestre per verificare i seguenti parametri:

  • Identificare la vitalità e la statica fetale.
  • Controllate la crescita del feto e la sua posizione.
  • Determinare il volume del fluido amniotico e diagnosticare eventuali alterazioni.
  • Visualizzare la placenta e controllarne la posizione.
  • Guardare il cordone ombelicale e assicuratevi che non circondi il collo del bambino.

Questa ecografia può fornire informazioni sul parto: quando sarà, come sarà, le precauzioni che la donna dovrà prendere, ecc.

Il test di O'Sullivan

Il test di O'Sullivan è un test per determinare il livello di glucosio nel sangue e per diagnosticare se una donna ha il diabete gestazionale.

Si fa in tutte le donne incinte tra le 24 e le 28 settimane di gestazione, anche se se ci sono fattori di rischio dovrebbe essere fatto prima.

Se si ottiene un risultato positivo (glucosio ≥ 140 mg/dl o 7,8 mmol/L), la donna dovrà sottoporsi ad un secondo test di sovraccarico di glucosio per confermare la diagnosi.

Monitoraggio fetale

Da tre a quattro settimane prima della data di scadenza, la donna dovrà presentarsi per un controllo settimanale per monitorare il benessere del feto.

Questo è ciò che è noto come monitoraggio fetale antepartum e consiste nel registrare il battito cardiaco fetale e il ritmo e l'intensità delle contrazioni della madre.

Una volta raggiunte le 40 settimane di gravidanza, se il parto non si muove naturalmente, il medico indicherà se è necessario indurlo o programmare un parto cesareo alla data più opportuna.

Domande più frequenti

Quante volte è consigliabile recarsi al consulto prenatale durante la gravidanza?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Secondo la Società Spagnola di Ginecologia e Ostetricia (SEGO), una donna con una gravidanza che sta progredendo senza complicazioni dovrebbe partecipare alla consultazione prenatale con la seguente periodicità:

  • Fino alla settimana 36: ogni 4-6 settimane.
  • Dalla settimana 37 alla settimana 40: ogni 1-2 settimane.
  • Dopo la settimana 40: da 1 a 3 volte a settimana.

Cos'è lo screening combinato del primo trimestre?

Da Dr. Óscar Oviedo Moreno (ginecologo).

Il triplo screening non rappresenta una diagnosi, ma è un test statistico basato su marcatori biochimici presenti nel sangue materno che stabilisce un indice di rischio.

Non fornisce informazioni sullo stato effettivo del bambino, ma si basa su un semplice calcolo delle probabilità.
Continua a leggere

Quali test possono essere eseguiti durante la gravidanza per individuare anomalie nel feto?

Da Zaira Salvador (embriologa).

I test più importanti per sapere che la gravidanza sta progredendo correttamente e che il feto è in buona salute sono, in primo luogo, l'ecografia di 12 settimane e lo screening triplo, e in secondo luogo, l'ecografia morfologica di 20 settimane.

È anche importante evidenziare l'amniocentesi nelle donne che presentano fattori di rischio, poiché è l'unico test che garantisce al 100% che il feto non abbia alterazioni genetiche.

È necessario fare alcune vaccinazioni durante la gravidanza?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Solo se il ginecologo pensa che sia conveniente per la donna essere immunizzata contro qualche malattia contro cui non è stata precedentemente vaccinata. Va sottolineato che, durante la gravidanza, possono essere somministrati solo vaccini inattivati contro virus, batteri e tossoidi come la difterite, il tetano, il colera, il meningococco, il pneumococco, l'epatite, la rabbia, la poliomielite, ecc.

Il vaccino antinfluenzale dovrebbe essere offerto anche a tutte le donne in gravidanza nei periodi dell'anno in cui sono più suscettibili all'infezione.

Lettura consigliata

Dopo 40 settimane di gestazione, arriva il tanto atteso momento del parto. Se volete sapere tutti i dettagli sulla nascita, potete accedere al seguente post: Come avviene la nascita?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

Dr. Óscar Oviedo Moreno
Dr. Óscar Oviedo Moreno
Ginecologo
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Caldas (Colombia) e specialista in Medicina Interna della Pontificia Universidad Javeriana di Bogotà. Laurea approvata in Spagna nel 2003. Specializzato in Ginecologia e Ostetricia presso l'Università Complutense di Madrid, con formazione presso l'Ospedale Clínico Universitario San Carlos de Madrid. Esperto in Medicina della Riproduzione e laureato in Ecografia Ostetrico- Ginecologica (livelli I, II e III). Continua a leggere Dr. Óscar Oviedo Moreno
Numero associato: 282858310
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.