Cos’è l’astenozoospermia? – Definizione, cause e trattamento

Da (embriologo), (embriologa), (embriologa), (embriologa), (ginecologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 29/09/2020

L'astenozoospermia o astenospermia è un'alterazione dello sperma che si riferisce a problemi di mobilità dello sperma. Quando gli spermatozoi hanno problemi di mobilità, sono colloquialmente noti come spermatozoi pigri, lenti o immobili.

Se l'uomo ha un'alta percentuale di spermatozoi vaganti, è difficile ottenere una gravidanza in modo naturale. Pertanto, è necessaria una qualche tecnica di riproduzione assistita.

Questo articolo spiega le cause della scarsa mobilità degli spermatozoi, come individuarla e il trattamento solitamente applicato a questo disturbo seminale.

Di seguito trovate un indice con i 10 punti che tratteremo in questo articolo.

Definizione

L'astenozoospermia o astenospermia consiste in un'alterazione della qualità seminale causata da una diminuzione della percentuale di spermatozoi mobili. A volte questa alterazione è accompagnata da oligospermia, cioè da una bassa concentrazione di spermatozoi nel seme eiaculato.

Un uomo è considerato affetto da astenozoospermia quando almeno il 60% dello sperma è immobile.

L'astenozoospermia è una causa di infertilità maschile, poiché gli spermatozoi non sono in grado di raggiungere l'ovulo e fertilizzarlo a causa della loro mancanza di mobilità. Questo aumenta le possibilità di rimanere incinta.

Se desiderate maggiori informazioni sull'oligospermia, potete visitare il seguente link: Cos'è l'oligospermia - Cause, tipi e trattamenti.

Diagnosi

L'astenozoospermia non provoca manifestazioni cliniche, quindi l'uomo può fare sesso. Tuttavia, quando si cerca di ottenere una gravidanza è complicato.

Il seminogramma o spermiogramma è il test diagnostico utilizzato per analizzare il seme dell'uomo. In questo modo, uno dei parametri valutati è la mobilità e la motilità degli spermatozoi.

Analisi della mobilità

L'analisi dello sperma viene effettuata depositando una goccia di sperma nella camera di conteggio (telecamera Makler o telecamera Neubauer) e viene osservata al microscopio. In seguito, si nota il movimento di circa 100 spermatozoi.

Quando si esegue questo studio è importante sapere se gli spermatozoi si muovono o meno, ma bisogna anche analizzare il modo in cui si muovono. Pertanto, si determina l'analisi della mobilità degli spermatozoi:

Progressivo
gli spermatozoi sono in grado di avanzare a distanza, il che permetterebbe loro di passare attraverso il sistema riproduttivo femminile e di fecondare l'ovulo.
Forma di movimento
lo sperma può muoversi a zigzag, in cerchio o in linea retta.
Velocità
lo sperma può muoversi velocemente o lentamente.

L'astenozoospermia viene diagnosticata se nel campione di sperma viene osservato un numero elevato di spermatozoi immobili, lenti o non progressivi.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stabilisce valori di riferimento per la marcatura della qualità di un campione di sperma. In particolare, è indicato che si tratta di un caso di astenozoospermia quando l'analisi dello sperma mostra:

  • Valori inferiori al 40% degli spermatozoi con mobilità totale (progressiva e non progressiva)
  • Valori inferiori al 32% degli spermatozoi con mobilità progressiva, cioè in grado di muoversi e di avanzare a distanza con quel movimento

Classificazione in base alla gravità

A seconda della percentuale esatta di spermatozoi immobili nel campione di sperma analizzato, il grado di astenozoospermia sarà più o meno grave.

Di seguito, si distinguono due livelli di astenozoospermia secondo la gravità stabilita: lieve o grave.

Non esistono criteri precisi per distinguere i casi gravi da quelli lievi di astenozoospermia. La differenza fondamentale si basa sulla velocità e sulla forma dei movimenti, così come sul numero di spermatozoi che sono immobili.

Leggero o moderato

Si dice che un campione di sperma abbia una lieve astenozoospermia quando la percentuale di spermatozoi mobili o non mobili è compresa tra il 60% e il 75%.

È essenziale considerare il tipo di movimento, poiché se almeno una piccola quantità viene spostata in linea retta, si può vedere il progresso.

Grave

L'astenospermia grave o grave viene diagnosticata quando c'è una percentuale molto alta di spermatozoi con bassa o nessuna motilità.

Anche se non c'è un valore specifico, si può dire che si tratta di un caso di astenozoospermia grave quando la percentuale di spermatozoi immobili è vicina al 75-80% o anche superiore.

È importante anche tener conto non solo della motilità totale, ma anche del tipo di motilità: se ci sono troppo pochi spermatozoi con motilità progressiva e rapida, parleremo anche di astenozoospermia grave.

Cause

Le cause che possono influenzare la motilità degli spermatozoi e causare l'astenozoospermia sono diverse e non sono state definite con precisione. Può essere dovuto a fattori ambientali, infezioni, alterazioni genetiche o immunologiche, ecc.

Tuttavia, è noto che la motilità dello sperma può essere influenzata dai seguenti fattori:

  • Presenza di anticorpi anti-sperma.
  • Uso eccessivo di alcol, tabacco, marijuana e altre droghe.
  • Età avanzata. È stato studiato un significativo calo della mobilità a partire dai 45 anni di età.
  • Febbre.
  • Esposizione ad agenti tossici come fertilizzanti, solventi chimici, ecc.
  • Infezioni che colpiscono lo sperma.
  • Una cattiva alimentazione con una dieta inadeguata o malsana. Una dieta sana ed equilibrata è essenziale per una buona mobilità dello sperma.
  • Esposizione prolungata al calore.
  • Problemi testicolari.
  • Trattamenti oncologici come chemioterapia e radioterapia.
  • Vasectomia.
  • Varicocele. È la presenza di vene dilatate nel cordone spermatico e nello scroto.

Allo stesso modo, la presenza di altre alterazioni dello sperma come la teratozoospermia o l'oligospermia può portare all'astenozoospermia. In breve, tutte queste alterazioni si riferiscono alla scarsa qualità degli spermatozoi.

Va ricordato che il termine teratozoospermia si riferisce alle alterazioni che influenzano la forma o la morfologia degli spermatozoi. Oligospermia, invece, si riferisce ad una bassa concentrazione di spermatozoi nel seme.

Cause genetiche

Se l'uomo non presenta spermatozoi nel suo campione di sperma o se gli spermatozoi hanno problemi di mobilità, la causa può anche essere genetica. In questi casi facciamo una distinzione:

Sindrome di Kartagener
nota anche come discinesia ciliare primaria o sindrome di Cilio immobile. Si tratta di una rara malattia autosomica recessiva che si caratterizza per la presenza di alterazioni della struttura e della funzione delle ciglia. È associata all'infertilità maschile, poiché influisce sulla motilità degli spermatozoi.
Microdeleezioni sul cromosoma Y
sono piccole delezioni nella regione AZF del cromosoma Y, dove ci sono diversi geni legati alla spermatogenesi o alla formazione dello sperma.

Trattamento

Per quanto riguarda le opzioni di trattamento, ci sono due vie che possono aiutare a migliorare la mobilità degli spermatozoi e anche fornire una soluzione all'astenozoospermia lieve:

Trattamento natural
si raccomanda uno stile di vita sano e si dovrebbero evitare abitudini tossiche (fumo, consumo di alcol, ecc.) che possono influire sulla qualità generale dello sperma, compresa la motilità dello sperma. Questo può essere molto utile in caso di astenozoospermia lieve o leggera. Inoltre, è consigliabile consumare qualche integratore vitaminico che abbia degli antiossidanti per stimolare la mobilità degli spermatozoi. Il medico può consigliare di mangiare cibi ricchi di vitamine o zinco, per esempio.
Trattamento farmacologico
ci sono alcuni farmaci per migliorare la qualità dello sperma che possono aiutare a ridurre i problemi di mobilità dello sperma. Tuttavia, questo sarà efficace solo in casi lievi di infertilità del fattore spermatico maschile.

L'astenozoospermia grave o grave è difficile da migliorare con uno qualsiasi di questi trattamenti. In questi casi, saranno necessarie tecniche di riproduzione assistita per recuperare la capacità di fecondazione e ottenere una gravidanza.

D'altra parte, se la causa dell'astenozoospermia è nota, si può stabilire un trattamento mirato all'alterazione che la provoca. Se la causa fosse un'infezione, al paziente dovrebbe essere prescritto un antibiotico e il seminogramma dovrebbe essere ripetuto dopo 3 mesi, per esempio.

Astenozoospermia e infertilità

L'astenozoospermia è una causa molto comune di infertilità maschile. Lo sperma deve percorrere una lunga e costosa strada che va dall'essere depositato nella vagina fino a raggiungere l'uovo nelle tube di Falloppio. Se la mobilità degli spermatozoi è compromessa, non sono in grado di compiere l'intero viaggio e fecondare l'ovulo, il che causa l'infertilità.

Poiché questa alterazione influisce sulla mobilità degli spermatozoi, l'inseminazione artificiale con sperma coniugale non è indicata in questi casi.

Lungo il tratto riproduttivo femminile, gli spermatozoi incontrano diversi ostacoli. Solo lo spermatozoo più abile e veloce sarà in grado di superare questi ostacoli e di raggiungere per primo l'obiettivo, cioè l'incontro con l'uovo. Pertanto, il movimento progressivo e la velocità degli spermatozoi sono aspetti molto importanti per ottenere una gravidanza naturale.

Quando gli spermatozoi non si muovono o si muovono in modo inadeguato (senza avanzare), la fecondazione naturale diventa molto complicata. E 'in questi casi che le tecniche di riproduzione assistita devono essere utilizzati.

Soluzioni per ottenere una gravidanza

Se a un uomo viene diagnosticata l'astenozoospermia e non riesce a mettere incinta la sua partner, si raccomanda di sottoporsi al trattamento di fecondazione in vitro (FIVET), convenzionale o mediante ICSI (iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi).

Tuttavia, l'inseminazione artificiale non è indicata quando si tratta di una questione di bassa motilità spermatica, poiché gli spermatozoi non saranno in grado di passare attraverso l'intero sistema riproduttivo femminile per raggiungere l'ovulo.

In sintesi, i possibili trattamenti di riproduzione assistita quando all'uomo viene diagnosticata l'astenozoospermia sono descritti di seguito.

FIVET convenzionale
è la scelta consigliata quando l'astenozoospermia è lieve. È la versione più semplice e fisiologica della fecondazione in vitro. Un gran numero di spermatozoi viene portato a contatto con l'ovulo in modo che la fecondazione possa avvenire.
ICSI
nei casi più estremi si utilizza questa tecnica. L'embriologo stesso introduce lo sperma selezionato nell'ovulo, quindi non è necessario che l'ovulo si muova.
Donazione di sperma
se non si ottiene una gravidanza con una di queste tecniche, sarebbe necessario ricorrere alla donazione di sperma per avere dei figli. Questo potrebbe essere fatto con l'inseminazione artificiale o la fecondazione in vitro.

Domande più frequenti

Quali sono i possibili trattamenti per l'astenozoospermia?

Da Dra. Rut Gómez de Segura (ginecologa).

L'astenozoospermia è una diminuzione della motilità dello sperma. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), una motilità progressiva superiore al 32% (31-34%) è considerata normale, mentre la motilità totale (progressiva + non progressiva) è del 40% (38-42%).

Quando in due seminogrammi eseguiti su un paziente con un periodo di 2-3 mesi tra l'uno e l'altro si riscontra una motilità inferiore, si considera astenozoospermia.

La prima linea di trattamento dovrebbe essere finalizzata al miglioramento delle abitudini e della qualità della vita: non fumare, non bere alcolici, non assumere droghe, fare esercizio fisico, non essere in sovrappeso, seguire una dieta equilibrata, ecc.

Per quanto riguarda l'eventuale trattamento farmacologico, deve essere sempre indicato da un urologo. Androgeni, hCG/gonadotropina della menopausa umana, bromocriptina, alfa-bloccanti, corticosteroidi sistemici e integratori di magnesio hanno dimostrato di non essere efficaci nel trattamento dell'astenozoospermia. Inoltre, l'ormone follicolo-stimolante e gli anti-estrogeni in combinazione con il testosterone possono essere trattamenti benefici in pazienti selezionati (sempre sotto stretto controllo medico da parte di uno specialista).

Il trattamento dell'infertilità causata da tale astenozoospermia è l'uso di tecniche di riproduzione assistita che facilitano l'arrivo o l'ingresso degli spermatozoi nell'ovocita (ovulo), come l'inseminazione artificiale o la fecondazione in vitro con o senza ICSI.

Il periodo di astinenza può influenzare la mobilità dello sperma?

Da Álvaro Martínez Moro (embriologo).

Il fattore maschile è uno degli aspetti più rilevanti nella riproduzione assistita di recente. Diverse tecniche di diagnosi genetica sono state utilizzate per analizzare il ruolo che il maschio svolge nel raggiungimento di una gravidanza.

Il periodo di astinenza è un aspetto che è variato nel corso degli anni, pensando in un primo momento che maggiore è l'astinenza, migliore è il risultato sia della diagnosi seminale che dell'evoluzione embrionale e della gravidanza a termine. Alcuni studi dimostrano che un periodo di eiaculazioni frequenti dopo un periodo di astinenza può migliorare la qualità dello sperma.

Il periodo di astinenza varia a seconda dell'unità di riproduzione assistita frequentata e della standardizzazione dei processi. Le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, è di avere un'astinenza sessuale di 2-7 giorni. Se l'astinenza è inferiore a due giorni, troveremo spermatozoi che forse hanno meno frammentazione del DNA, ma il conteggio del numero di spermatozoi è inferiore rispetto alle condizioni normali. Se abbiamo un periodo di astinenza elevato, è probabile che troveremo una ridotta mobilità dello sperma.

In conclusione, è importante avere un periodo ottimale di astinenza secondo le raccomandazioni del centro di riproduzione assistita per massimizzare le possibilità di successo in ogni caso.

Posso essere un padre naturale se soffro di astenozoospermia o ho bisogno di cure per mettere incinta mia moglie?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

C'è la possibilità di una gravidanza naturale anche se si soffre di astenozoospermia, purché sia lieve. Tuttavia, in caso di gravi problemi di mobilità dello sperma, sarà necessario applicare un qualche tipo di trattamento riproduttivo per ottenere una gravidanza.

Quali sono i sintomi che potrebbero farmi sospettare di avere l'astenozoospermia?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

L'astenozoospermia non dà luogo ad alcun sintomo particolare, quindi l'unico modo per scoprire se ne siete affetti o meno è eseguire uno spermiogramma.

Cosa si può fare quando si tratta di astenozoospermia ideopatica?

Da Marta Barranquero Gómez (embriologa).

Quando c'è un caso di astenozoospermia ideopatica, cioè la causa non è nota, la pentossifillina può migliorare la motilità e la quantità di spermatozoi.

La pentossifillina migliora la motilità degli spermatozoi e può anche causare la mobilità degli spermatozoi immobili.

In ogni caso, questo tipo di trattamento deve essere indicato da uno specialista.

L'astenozoospermia è ereditaria?

Da Marta Barranquero Gómez (embriologa).

In alcuni casi, l'astenozoospermia è dovuta a una causa genetica, quindi può essere ereditata dai genitori ai figli. Questo è il caso dell'astenozoospermia causata dalla sindrome di Kartagener o dalle microdeleezioni del cromosoma Y.

Tuttavia, ci sono diversi fattori che influenzano la mobilità degli spermatozoi come infezioni, disturbi immunitari, varicocele, cattiva alimentazione, ecc.

Lettura consigliata

Se volete saperne di più sui casi in cui l'ICSI è indicata per ottenere una gravidanza, potete leggere questo articolo: Indicazioni dell' ICSI: quando è necessario farlo?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Aitken RJ, Buckingham DW, Brindle, J, Gomez E, Baker HWG, Irvine DS (1995): Analysis of sperm movement in relation to the oxidative stress created by leukocytes in washed sperm preparations and seminal plasma. Hum Reprod 10:2061–2070.

Blanco AM (1992): El laboratorio en el estudio del factor masculino en infertilidad. In: Guitelman A, Aszpiz SM (Eds). Exploracion Funcional Endocrina. Buenos Aires: Ed. Akadia, 1992.

Bruno Dahlberg (1990) Asthenozoospermia/Teratozoospermia and Infertility, Archives of Andrology, 25:1, 85-87.

Dahlberg B (1988): Sperm motility in fertile men and males in infertile units: In vitro test. Arch Androl 20:31-34.

Góngora, A, Cortés-Algara, A, Cortés-Vásquez, A, Parra, LY. Infertilidad masculina causada por discinecia ciliar primaria. Síndrome de Kartagener.

Heidary, Z, Saliminejad, K, Zaki-Dizaji, M, Khorram Khorshid, HR. Genetic aspects of idiopathic asthenozoospermia as a cause of male infertility. Hum Fertil (Camb). 2018 Sep 9:1-10. doi: 10.1080/14647273.2018.1504325.

Nsota Mbango, JF, Coutton, C, Arnoult, C, Ray, PF, Touré A. Genetic causes of male infertility: snapshot on morphological abnormalities of the sperm flagellum. Basic Clin Androl. 2019 Mar 4;29:2. doi: 10.1186/s12610-019-0083-9.

S. M. Curi, J. I. Ariagno, P. H. Chenlo, G. R. Mendeluk, M. N. Pugliese, L. M. Sardi Segovia, H. E. H. Repetto & A. M. Blanco (2003) Asthenozoospermia: analysis of a large population, Archives Of Andrology, 49:5, 343-349.

World Health Organization (1992): WHO Laboratory Manual for the Examination of Human Semen and Sperm–Cervical Mucus Interaction, ed 3. Cambridge,UK: Cambridge University Press.

Domande più frequenti: 'Quali sono i possibili trattamenti per l'astenozoospermia?', 'Il periodo di astinenza può influenzare la mobilità dello sperma?', 'Posso essere un padre naturale se soffro di astenozoospermia o ho bisogno di cure per mettere incinta mia moglie?', 'Quali sono i sintomi che potrebbero farmi sospettare di avere l'astenozoospermia?', 'Cosa si può fare quando si tratta di astenozoospermia ideopatica?' e 'L'astenozoospermia è ereditaria?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Álvaro  Martínez Moro
Álvaro Martínez Moro
Embriologo
Álvaro Martínez Moro ha una laurea in Biologia dell'Università di Granada e un Master in Biotecnologie Avanzate dell'Università di A Coruña, oltre a un Master in Riproduzione Umana dell'Università Complutense di Madrid e un altro in Genetica Medica dell'Università di Valencia. Ha anche una laurea in Genetica Clinica conseguita presso l'Università di Alcalá de Henares. Continua a leggere Álvaro Martínez Moro
 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
 Laura Mifsud Elena
Laura Mifsud Elena
Embriologa
Laurea in Biologia all'Università di Valencia. Ha un Master in Ricerca Biomedica dell'Università di Valencia e un altro in Medicina e Genetica della Riproduzione dell'Università Miguel Hernández di Elche. Ha una vasta esperienza come embriologa ed è a capo del laboratorio dell'ospedale Quirónsalud di Valencia. Continua a leggere Laura Mifsud Elena
 Marta Barranquero Gómez
Marta Barranquero Gómez
Embriologa
Laureato in Biochimica e Scienze Biomediche presso l'Università di Valencia (UV) e specializzato in Riproduzione Assistita presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH) in collaborazione con Ginefiv e in Genetica Clinica presso l'Università di Alcalá de Henares (UAH). Continua a leggere Marta Barranquero Gómez
Numero associato: 3316-CV
Dra. Rut Gómez de Segura
Dra. Rut Gómez de Segura
Ginecologa
Il Dr. Rut Gómez de Segura è laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Alcalá de Henares. Ha sviluppato la specializzazione in Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Costa del Sol di Marbella. Attualmente è il direttore medico della clinica di IVF Spain Madrid per la riproduzione assistita. Continua a leggere Dra. Rut Gómez de Segura
Numero associato: 28/2908776
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.