Cos’è un breve protocollo di FIV con gli antagonisti di GnRH?

Da (ginecologo), (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 13/10/2020

Gli antagonisti di GnRH sono farmaci utilizzati nei trattamenti di riproduzione assistita per controllare la funzione ovarica e prevenire l'ovulazione spontanea. Sono gli agonisti GnRH più utilizzati nei protocolli di stimolazione ovarica a breve durata. Possiamo trovarli con diverse composizioni chimiche e nomi commerciali, ma la loro funzione è la stessa, sia che vengano utilizzati nei trattamenti di inseminazione artificiale che nella fecondazione in vitro (FIVET).

Cosa sono gli antagonisti di GnRH?

Gli antagonisti dello GnRH sono farmaci appartenenti al gruppo degli analoghi dell'ormone gonadotropina (GnRH), che vengono utilizzati nella stimolazione ovarica dei trattamenti di riproduzione assistita (inseminazione artificiale, fecondazione in vitro e ICSI). Grazie a loro, possiamo controllare la funzione ovarica.

Lo scopo di questi ormoni è quello di evitare il picco LH, che causerebbe l'ovulazione e la luteinizzazione follicolare precoce. In questo modo, possiamo controllare la tempistica di questo evento in modo che non si verifichi prematuramente.

Se ci fosse un'ovulazione spontanea, non sarebbe possibile recuperare gli ovuli nella puntura follicolare o eseguire l'inseminazione artificiale nel giorno ottimale per la fecondazione.

Inoltre, il picco LH influenzerebbe anche la ricettività endometriale. Pertanto, nelle donne che hanno bisogno di una preparazione endometriale, sia per il trasferimento di embrioni congelati che per i trattamenti di ovodonazione, vengono somministrati anche gli analoghi di GnRH.

Va notato che il loro utilizzo non è esclusivo per le pazienti che si sottopongono alla riproduzione assistita: sono indicate, ad esempio, anche nel trattamento dell'endometriosi e dei tumori ormono-dipendenti, come il cancro al seno o alla prostata.

Effetti: come funziona?

Una volta somministrato un antagonista di GnRH, si lega ai recettori di GnRH e li blocca. In questo modo, impedisce che GnRH possa legarsi ai suoi recettori attraverso il blocco competitivo. Questi recettori si trovano sulla superficie delle cellule gonadotrofiche dell'ipofisi.

Bloccando i recettori del GnRH, a sua volta, inibisce la sintesi delle gonadotropine (FSH e LH) da parte della ghiandola pituitaria. Questi ormoni esercitano la loro funzione nell'ovaio: sono coinvolti nella regolazione del ciclo mestruale. Pertanto, gli antagonisti di GnRH rallentano l'attività ovarica e inibiscono il ciclo mestruale.

A differenza di quanto accade con gli agonisti di GnRH, la loro azione è immediata e non producono un effetto di fiammata, il che significa che, all'inizio della somministrazione degli agonisti, la segregazione di FSH e LH aumenta.

L'immediatezza della sua azione e l'assenza di effetto flare-up fanno sì che, rispetto ai protocolli con gli agonisti di GnRH, sia necessario iniettare meno dosi di antagonisti per ottenere la stessa soppressione pituitaria. In questo modo si semplifica la stimolazione ovarica e la si rende meno scomoda per la paziente: trascorriamo circa un mese di trattamento ormonale a 10-12 giorni.

Vantaggi: semplificazione dei trattamenti

I benefici dell'uso di questo farmaco nei trattamenti di stimolazione ovarica sono i seguenti:

  • La soppressione immediata dei livelli sierici di LH si verifica e previene l'ovulazione precoce. Poiché il loro effetto è così rapido, possono essere somministrati nel momento in cui c'è un chiaro rischio che si verifichi il picco di LH, poiché ci vogliono ore per raggiungere l'inibizione pituitaria. Nel caso degli agonisti, hanno bisogno di 7-10 giorni per ottenere questo effetto.
  • La durata del trattamento di stimolazione dell'ovulazione è più breve, quindi le pazienti sono meno scomode: sono necessarie meno iniezioni e devono venire in clinica meno volte per i controlli durante la stimolazione ovarica.
  • Di solito è ben tollerato dalle donne, con pochi effetti collaterali, in quanto la stimolazione non è molto aggressiva perché permette di somministrare dosi più basse di FSH. Il fatto che siano necessari meno ormoni rende anche il trattamento più economico.
  • Diminuisce la frequenza della sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS) perché permette agli agonisti di GnRH di essere utilizzati per indurre l'ovulazione invece dell'hCG, che aumenta il rischio di OHSS. Pertanto, questi protocolli sono particolarmente indicati per le pazienti ad alto rischio di OHS: giovani donne, come le donatrici, o con la sindrome dell'ovaio policistico.
  • Non provoca cisti follicolari perché non ha l'effetto di flare-up che deriva dalla somministrazione di agonisti di GnRH.

Per tutti questi motivi, i protocolli brevi con gli antagonisti di GnRH sono sempre più utilizzati tra gli specialisti della riproduzione assistita. Gli antagonisti dello GnRH più utilizzati in questi trattamenti sono il Cetrotide (cetrorelix) e l'Orgalutran (ganirelix).

Svantaggi

L'uso degli antagonisti della GnRH ha pochi inconvenienti poiché, essendo una stimolazione non troppo aggressiva, è tollerato dalla maggior parte delle donne praticamente senza controindicazioni.

L'unico problema che esiste è che, in molti studi, il tasso di gravidanza si è rivelato leggermente inferiore (tra il 3% e il 5% in meno) rispetto a quello ottenuto nei protocolli di stimolazione ovarica in cui si utilizzano gli analoghi di GnRH. Ciò è dovuto all'effetto che gli antagonisti hanno sulla ricettività endometriale.

Inoltre, se non vengono somministrati contraccettivi orali o estrogeni prima di iniziare il trattamento con gli antagonisti, può portare ad asincronia nella crescita follicolare, che influisce anche negativamente sui tassi di successo, perché vengono recuperati meno ovuli per ciclo.

Domande più frequenti

In che modo gli antagonisti della GnRH influenzano la ricettività endometriale?

Da Dr. Jon Ander Agirregoikoa (ginecologo).

Il confronto dei protocolli con gli agonisti e gli antagonisti di GnRH e il loro rapporto con l'impatto sulla ricettività endometriale rimangono controversi. Tuttavia, alcuni studi hanno fornito la prova che sia gli agonisti che gli antagonisti di GnRH influenzano leggermente la ricettività endometriale rispetto ai cicli naturali.

Al contrario, altri studi hanno suggerito che i protocolli antagonisti hanno un forte impatto sull'espressione dei geni correlati nella ricettività endometriale umana, così come gli agonisti causano ritardi in questo processo.

È sufficiente iniettare antagonisti di GnRH per la stimolazione ovarica?

Da Rebeca Reus (embriologa).

No. Gli antagonisti di GnRH servono solo a controllare i livelli ormonali endogeni. È necessario stimolare la crescita follicolare con la somministrazione di gonadotropine e indurre l'ovulazione da parte di agonisti hCG o GnRH.

Quanti giorni dura la stimolazione ovarica con gli antagonisti dello GnRH?

Da Rebeca Reus (embriologa).

Con l'uso di antagonisti GnRH, la durata della stimolazione ovarica è di circa 10-12 giorni. Dipenderà dall'esatto protocollo utilizzato e dalla risposta della donna al trattamento ormonale.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Ginecologo
Laurea in Medicina e Chirurgia all'Università di Navarra. Dottorato in Medicina e Chirurgia presso l'Università dei Paesi Baschi/Euskal Herriko Unibertsitatea. Specialista in Ginecologia e Ostetricia (MIR). Ha più di 30 anni di esperienza ed è professore ordinario all'Università dei Paesi Baschi. È anche professore al Master in Fertilità Umana presso l'Università Complutense di Madrid. Vicepresidente del SEF. Continua a leggere Dr. Gorka Barrenetxea Ziarrusta
Numero associato: 484806591
Dr. Jon Ander  Agirregoikoa
Dr. Jon Ander Agirregoikoa
Ginecologo
Laurea in Medicina presso l'Università dei Paesi Baschi, specializzata in Ostetricia e Ginecologia. Ha diversi anni di esperienza nel campo della Riproduzione Assistita ed è Co-Direttore e Co-Fondatore di ART Clinics. Inoltre, combina la sua attività medica con l'insegnamento presso l'Università dei Paesi Baschi. Continua a leggere Dr. Jon Ander Agirregoikoa
Numero associato: 014809788
 Rebeca Reus
Rebeca Reus
Embriologa
Laureato in Biologia Umana (Biomedicina) presso l'Universitat Pompeu Fabra (UPF), con un Master ufficiale in Laboratorio di Analisi Clinica dell'UPF e un Master in Basi Teoriche e Procedure di Laboratorio di Riproduzione Assistita dell'Universidad de Valencia (UV). Continua a leggere Rebeca Reus
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.