Che cos’è la GnRH? – Caratteristiche, effetti e farmaci

Da (ginecologa), (ginecologo), (embriologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 13/10/2020

L'ormone a rilascio di gonadotropina (GnRH) è un ormone prodotto dai neuroni nel nucleo arcuato dell'ipofisi e poi secreto nella circolazione portale della ghiandola pituitaria.

La sua funzione è quella di regolare la produzione di gonadotropine (FSH e LH) da parte della ghiandola pituitaria, indispensabile per il corretto funzionamento del sistema riproduttivo maschile e femminile.

Negli ultimi anni, numerosi analoghi di GnRH sono stati sintetizzati per l'uso come farmaci nei trattamenti di riproduzione assistita.

Caratteristiche di GnRH

Lo GnRH è un decapeptide, cioè la sua struttura è costituita da 10 amminoacidi disposti in sequenza lineare. Inoltre, essendo prodotto dai neuroni, lo GnRH è considerato un neuroormone.

Altre caratteristiche rilevanti sono le seguenti:

  • Il gene che codifica il precursore di GnRH si trova sul braccio corto del cromosoma 8.
  • La secrezione di GnRH è pulsatile, cioè viene rilasciata nel sistema del portale per mezzo di impulsi di diversa ampiezza e frequenza.
  • Il suo tempo di dimezzamento è molto breve, circa 2-4 minuti.
  • Lo GnRH non può essere rilevato nel sangue periferico, quindi non può essere quantificato in un normale esame del sangue.

Meccanismo di azione

L'apice dell'attività di GnRH inizia nella pubertà e continua per tutta la vita riproduttiva di uomini e donne.

Lo GnRH ha una funzione endocrina: viaggia verso l'ipofisi attraverso il sistema portale, attiva il proprio recettore e stimola il rilascio di FSH e LH dall'adenoipofisi.

Questi ormoni pituitari viaggiano poi nel flusso sanguigno ed esercitano la loro funzione sulle ovaie di una donna o sui testicoli di un uomo.

Nelle donne, la frequenza degli impulsi di GnRH controlla la produzione di FSH e LH durante tutto il ciclo mestruale, che è fondamentale per il corretto funzionamento del ciclo. Negli uomini, invece, la GnRH è secreta in impulsi di frequenza costante.

L'attività pulsatile di GnRH può essere interrotta o alterata da diversi fattori, che influenzano la funzione riproduttiva maschile e/o femminile, a seconda dei casi. Questi fattori sono i seguenti:

  • Il malfunzionamento dell'ipotalamo, sia esso dovuto a disfunzioni, a traumi o a qualche tipo di tumore.
  • Iperprolattinemia - un alto livello di prolattina diminuisce l'attività di GnRH, che si verifica durante la gravidanza e l'allattamento in particolare.
  • Pazienti con sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) e alti livelli di insulina che hanno aumentato la pulsazione di GnRH, che porta ad una disordinata attività di LH e FSH.
  • Le persone affette dalla sindrome di Kallmann che hanno un'assenza di GnRH dovuta a un difetto congenito.

D'altra parte, anche la sintesi di FSH e LH è normalmente inibita a causa del feedback negativo di androgeni ed estrogeni sull'ipofisi.

Analoghi di GnRH

Gli analoghi di GnRH sono un tipo di molecole che sono state create artificialmente sostituendo alcuni amminoacidi all'interno della molecola originale di GnRH.

Queste nuove molecole imitano la forma di GnRH e hanno anche una grande affinità per i suoi recettori nella ghiandola pituitaria.

Pertanto, gli agonisti dello GnRH hanno la capacità di legarsi facilmente ai recettori e di prevenire l'azione dello GnRH naturale.

Un analogo è una sostanza con caratteristiche simili ad un'altra sostanza ma che, senza essere identica ad essa, può svolgere alcune delle sue funzioni.

In definitiva, l'azione degli analoghi di GnRH è quella di bloccare la normale funzione di GnRH e impedire il flusso ormonale di FSH e LH dalla ghiandola pituitaria alle gonadi.

Questa capacità degli analoghi di GnRH è stata utilizzata per creare i farmaci che vengono somministrati durante i trattamenti di riproduzione assistita, come l'inseminazione artificiale (IA) o la fecondazione in vitro (FIV).

Si tratta di farmaci utilizzati durante la fase di stimolazione ovarica per rallentare l'ipofisi e mantenere le ovaie a riposo. Così, il numero di follicoli sviluppati e il tempo dell'ovulazione sono controllati.

Tipi

Ci sono due tipi di analoghi di GnRH che agiscono in modo diverso:

Agonisti di GnRH
hanno un tempo di dimezzamento più lungo e una grande affinità per il recettore GnRH nella ghiandola pituitaria. Dopo il legame agonista-recettore, si verifica un improvviso rilascio di gonadotropine, noto come effetto flare-up. Tuttavia, se gli agonisti dello GnRH continuano ad essere somministrati continuamente, i recettori vengono alla fine bloccati e smettono di rispondere, quindi la secrezione di FSH e LH sarà sospesa.
GnRH Antagonisti
il suo effetto inibitorio è più diretto. Una volta che l'antagonista si è unito al ricevitore, viene immediatamente bloccato.

Al giorno d'oggi, i professionisti della riproduzione assistita tendono a programmare protocolli di stimolazione ovarica con antagonisti piuttosto che con agonisti a causa dei molteplici vantaggi che offre. Se volete sapere più dettagliatamente di cosa si tratta, potete inserire il seguente post: Cos'è un breve protocollo con gli antagonisti di GnRH?

Effetti

Come abbiamo già spiegato, l'effetto principale degli analoghi di GnRH sul corpo femminile è quello di bloccare il rilascio di gonadotropine da parte dell'adenoipofisi.

Questa azione permette la sincronizzazione della coorte di follicoli reclutata dall'ovaio all'inizio della stimolazione ovarica. In questo modo può avvenire una crescita follicolare omogenea, riducendo la variabilità della risposta ovarica alle gonadotropine che vengono somministrate per via esogena.

In sintesi, l'uso degli analoghi di GnRH permette al ginecologo di avere un migliore controllo del processo di stimolazione ovarica nelle pazienti, e di conoscere il momento più appropriato per innescare l'ovulazione e programmare l'inseminazione artificiale o la puntura ovarica secondo il caso.

Farmaci con analoghi di GnRH

A seconda che durante la fase di stimolazione ovarica controllata vengano utilizzati agonisti o antagonisti di GnRH, parleremo rispettivamente di protocolli lunghi o brevi.

Questo perché gli agonisti ci mettono più tempo a fare effetto, come abbiamo già detto, mentre gli antagonisti hanno un effetto immediato e richiederanno meno giorni di amministrazione.

I nomi commerciali degli agonisti utilizzati nei cicli lunghi e i loro principi attivi sono i seguenti:

Synarel
è uno spray nasale contenente nafarelin.
Procrin
il principio attivo è l'acetato di leuprorelin e viene somministrato per via sottocutanea.
Decapeptyl
a seconda del tipo di presentazione, viene somministrato per via sottocutanea o intramuscolare. Contiene triptorelin come principio attivo.

Per quanto riguarda gli antagonisti utilizzati nei cicli brevi, troviamo i seguenti farmaci:

Cetrotide
contiene cetrorelix e l'iniezione viene effettuata per via sottocutanea.
Orgalutran
il principio attivo è l'acetato di leuprorelin e viene somministrato per via sottocutanea.

Domande più frequenti

Perché l'ormone GnRH non può essere misurato nel sangue?

Da Dr. Óscar Oviedo Moreno (ginecologo).

L'ormone che rilascia gonadotropina (GNRH) è un ormone rilasciato dai neuroni nell'ipotalamo in forma pulsata. Stimola il rilascio di gonadotropine (LH e FSH) da parte dell'adenoipofisi.

Questo ormone viene metabolizzato rapidamente e per questo motivo non può essere quantificato nel sangue.

Quali farmaci analogici GnRH offrono i migliori risultati?

Da Blanca Paraíso (ginecologa).

Esistono diversi tipi di analoghi, che si differenziano per piccole variazioni dei componenti della molecola. Si tratterebbe di acetato di leuprorelin, triptorelin, nafarelin, buserelin e goserelin. Ci sono diverse presentazioni (giornaliere, mensili, trimestrali...), indicando in ogni momento il più appropriato per l'effetto che si vuole ottenere. Ogni tipo di analogo ha anche la sua via di somministrazione, che può essere sottocutanea, intramuscolare o intranasale.

Non è stato dimostrato che uno qualsiasi degli agonisti commercializzati sia superiore ad un altro, anche se il percorso sottocutaneo fornisce una biodisponibilità costante e poca variazione tra i pazienti, mentre l'assorbimento intranasale o inalatorio può essere più variabile.
Continua a leggere

Che effetto hanno gli agonisti dell'ormone gonadotropina che rilasciano gonadotropina?

Da Zaira Salvador (embriologa).

I principali effetti prodotti dall'uso di analoghi che sono agonisti GnRH sono, da un lato, il rilascio iniziale di gonadotropine (effetto flare up) e poi il blocco del rilascio di queste gonadotropine, impedendo la comunicazione tra la ghiandola pituitaria e l'ovaio in modo che non ci sia sviluppo follicolare o ovulazione.

Tutto questo avviene temporaneamente quando la riserva di FSH e LH nell'ipofisi è vuota. Normalmente, il blocco totale dei recettori dello GnRH si verifica tra 5-10 giorni dopo la prima somministrazione dell'agonista.

Qual è l'effetto flare up degli analoghi di GnRH?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Quando l'analogo di GnRH si lega al suo recettore, si verifica un massiccio rilascio degli ormoni FSH (ormone follicolo-stimolante) e LH (ormone luteinizzante). Questo si chiama effetto flare up.

Questo rilascio di gonadotropine avviene per via endogena, cioè la ghiandola pituitaria, situata nel cervello, sintetizza e rilascia questi ormoni nel flusso sanguigno.

L'effetto flare up si verifica approssimativamente nei primi due giorni dopo la somministrazione di un agonista di GnRH. Dopo questo tempo, l'ipofisi si desensibilizza all'effetto iniziale dell'agonista e la sintesi di gonadotropina viene bloccata.

Com'è il trattamento analogico GnRH per la miomatosi uterina?

Da Zaira Salvador (embriologa).

Anche se il trattamento più comune per la rimozione dei fibromi è chirurgico, gli analoghi agonisti di GnRH possono anche servire come trattamento farmacologico per ridurre le dimensioni di questi fibromi.

A causa dei loro effetti, gli agonisti di GnRH causano uno stato di ipogonadismo ipogonadotropo con valori di estradiolo molto bassi nelle donne. Questo può aiutare a ridurre i fibromi e i possibili sintomi associati come il sanguinamento.

Tuttavia, questi farmaci hanno effetti collaterali indesiderati e, dopo aver interrotto il trattamento, i fibromi possono ricrescere. Per questo motivo, gli agonisti GnRH vengono utilizzati solo dove indicato e come fase pre-chirurgica per facilitare la chirurgia.

Lettura consigliata

Abbiamo parlato di gonadotropine come ormoni che hanno un effetto sia sul sistema riproduttivo femminile che maschile. Se volete entrare nel dettaglio di questi ormoni, potete saperne di più nei seguenti articoli:

FSH: Quali sono le sue funzioni e i suoi valori normali?

LH: quali sono le sue funzioni nel ciclo riproduttivo?

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Depalo R, Jayakrishan K, Garruti G, Totaro I, Panzarino M, Giorgino F, Selvaggi LE. GnRH agonist versus GnRH antagonist in in vitro fertilization and embryo transfer (IVF/ET). Reprod Biol Endocrinol. 2012 Apr 13;10:26.

Gómez BP, Velázquez-Paniagua M. Fisiología de la reproducción: hormona liberadora de gonadotrofinas. Rev Fac Med UNAM, 2002; 45(6):252-257

Murillo EO, Cano A. Análogos de la GnRH en el tratamiento de los miomas. Med Clin (Barc). 2013 Jul;141 Suppl 1:35-9.

Padula AM. GnRH analogues--agonists and antagonists. Anim Reprod Sci. 2005 Aug;88(1-2):115-26.

Domande più frequenti: 'Perché l'ormone GnRH non può essere misurato nel sangue?', 'Quali farmaci analogici GnRH offrono i migliori risultati?', 'Che effetto hanno gli agonisti dell'ormone gonadotropina che rilasciano gonadotropina?', 'Qual è l'effetto flare up degli analoghi di GnRH?' e 'Com'è il trattamento analogico GnRH per la miomatosi uterina?'.

Vedi di piú

Autori e collaboratori

 Blanca Paraíso
Blanca Paraíso
Ginecologa
La dott.ssa Blanca Paraíso è laureata in medicina e ha conseguito il dottorato presso l'Università Complutense di Madrid (UCM). Ha anche un diploma in Scienze Statistiche della Salute. È un medico esperto in Ginecologia e Procreazione Assistita. Continua a leggere Blanca Paraíso
Numero associato: 454505579
Dr. Óscar Oviedo Moreno
Dr. Óscar Oviedo Moreno
Ginecologo
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Caldas (Colombia) e specialista in Medicina Interna della Pontificia Universidad Javeriana di Bogotà. Laurea approvata in Spagna nel 2003. Specializzato in Ginecologia e Ostetricia presso l'Università Complutense di Madrid, con formazione presso l'Ospedale Clínico Universitario San Carlos de Madrid. Esperto in Medicina della Riproduzione e laureato in Ecografia Ostetrico- Ginecologica (livelli I, II e III). Continua a leggere Dr. Óscar Oviedo Moreno
Numero associato: 282858310
 Zaira Salvador
Zaira Salvador
Embriologa
Laureato in Biotecnologia presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV), laurea in Biotecnologia presso l'Università Nazionale d'Irlanda a Galway (NUIG) ed embriologo con un Master in Biotecnologia della Riproduzione Umana dell'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Continua a leggere Zaira Salvador
Numero associato: 3185-CV
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.