Accettare un’IVF negativa

Da (embriologa), (ginecologa), (ginecologa) e (invitra staff).
Aggiornato il 19/10/2020

È sempre difficile dare la notizia di un beta-negativo, ma è particolarmente difficile quando si è alla ricerca di una gravidanza da molto tempo e si ricorre a un trattamento di fertilità come la fecondazione in vitro (FIVET). Il calo delle mestruazioni circa due settimane dopo il trasferimento dell'embrione è un duro colpo, poiché indica che la FIVET non ha avuto successo.

In questo articolo daremo alcuni consigli su come assumere un risultato negativo della FIVET e spiegheremo alcune delle possibili ragioni per cui questo risultato del test di gravidanza può essere ottenuto.

Risultato del test di gravidanza

Una volta effettuato il trasferimento embrionale, è necessario attendere almeno 12-15 giorni per eseguire il test di gravidanza. Se facciamo il test in anticipo, aumentiamo la possibilità di ottenere un risultato anomalo o, come si dice, un falso positivo o un falso negativo.

Inoltre, gli specialisti raccomandano di non fare il test di gravidanza a casa, ma di attendere l'esame del sangue in clinica per ottenere un risultato più affidabile.

Se il test beta-hCG (ormone del test di gravidanza) viene fatto al momento giusto e nel modo giusto, le probabilità di ottenere un risultato sbagliato sono molto basse. Pertanto, se otteniamo un risultato negativo, possiamo confermare che il trattamento non ha funzionato e che la donna non è incinta.

Nonostante ciò, è comune che lo specialista indichi che il test di gravidanza deve essere ripetuto dopo due o tre giorni per confermare con maggiore certezza il fallimento della FIVET.

Se volete saperne di più sui test di gravidanza, vi consiglio di controllare questo link: Cos'è un test di gravidanza?

Menstruazione dopo la FIVET negativa

Molte donne si chiedono quanto tempo ci vuole perché le loro mestruazioni si interrompano dopo l'insuccesso della FIVET, cioè l'assenza di gravidanza.

In generale, il dubbio è motivato dal desiderio di tentare nuovamente di raggiungere la gestazione, poiché il calo delle mestruazioni segnerà l'inizio di un nuovo ciclo e questo, la possibilità di effettuare un nuovo trattamento di FIVET.

Anche se si prevede che le mestruazioni diminuiranno dopo aver fatto il test di gravidanza, cioè circa due settimane dopo il trasferimento, un leggero ritardo è normale. I farmaci somministrati durante il trattamento di FIVET, sia per la stimolazione ovarica che per la preparazione dell'endometrio, possono causare squilibri ormonali responsabili del ritardo delle mestruazioni.

È normale che il corpo abbia bisogno di un certo tempo per tornare allo stato basale in relazione agli ormoni e al controllo che essi esercitano durante il ciclo mestruale. Pertanto, le mestruazioni dovrebbero scendere qualche giorno dopo aver smesso di prendere i farmaci.

Se dopo due settimane dall'interruzione del farmaco il periodo non si stacca, si consiglia di consultare lo specialista per verificare lo stato del sistema ormonale e il suo effetto sul ciclo ovarico.

È anche possibile che il primo periodo dopo il trattamento FIVET possa essere più doloroso o diverso dalle regole abituali a causa degli effetti dei farmaci ormonali e del trattamento FIVET stesso.

Faccia la FIVET negativa

Come abbiamo detto, supporre un risultato negativo nella fecondazione in vitro non è facile, soprattutto dal punto di vista emotivo. Alcuni dei consigli per affrontare il beta negativo ed essere in grado di iniziare un nuovo ciclo di FIVET sono:

  • Non bisogna torturarsi con domande che non hanno risposta, come: cosa ho fatto, cosa non ho fatto, come è potuto andare male, cosa mancava? Non ti aiutano a sentirti meglio e non possono aiutarti la prossima volta che ci provi. Ti rendono solo triste.
  • Se ne hai bisogno, piangi. È bene sfogarsi e non reprimere le emozioni.
  • L'esecuzione di esercizi di rilassamento come lo yoga o le tecniche di mindfulness può essere utile per calmare l'ansia, ridurre la negatività e aumentare l'atteggiamento positivo, che è essenziale per iniziare un nuovo tentativo.
  • Condividere i propri sentimenti può aiutare ad assimilare meglio il negativo del test di gravidanza.
  • Nel caso in cui abbiate deciso di informare amici, familiari e conoscenti che vi trovate in una clinica di riproduzione che sta cercando di concepire, si consiglia di non fare domande. I risultati vi saranno comunicati quando sarete pronti. In questo modo si evitano domande scomode e situazioni compromettenti.
  • Il ricorso all'aiuto psicologico nei casi in cui il risultato negativo ha causato grande angoscia, ansia o stress emotivo può essere necessario e molto positivo per farvi fronte.

Aiuto psicologico

La stragrande maggioranza dei centri di riproduzione hanno un reparto di specialisti in psicologia della riproduzione assistita pronto ad aiutarvi, non solo ad accettare i problemi di fertilità e la necessità della riproduzione assistita per concepire un bambino, ma anche ad offrire aiuto durante tutto il processo, compreso il test di gravidanza finale.

Quando questo test è negativo, ci sono molte sensazioni che vengono a galla, illusioni che vengono troncate e frustrazioni generate. A questo proposito, avere il supporto psicologico di specialisti che capiscono quello che stai passando e che ti offrono un aiuto su misura per la tua situazione può ridurre la situazione di disagio.

Inoltre, questo aiuto è importante anche per affrontare una nuova sfida riproduttiva, dimenticando il rifiuto della precedente. Sottoporsi a un nuovo trattamento di fertilità quando si è appena avuta un'esperienza negativa non è facile. Il supporto psicologico in questo senso è essenziale per poter mettere tutta l'illusione e lo sforzo nel nuovo ciclo, poiché l'atteggiamento è importante per il successo riproduttivo.

Domande più frequenti

Ho fatto una prima FIVET e il risultato è stato negativo, è il momento di fare l'ICSI o devo riprovare con la FIVET?

Da Dra. María Eugenia Ballesteros Moffa (ginecologa).

Dipende dal tasso di fecondazione, se è stato corretto (≥65%) non sarebbe strettamente necessario. Ma oggi la tecnica ICSI è indicata in quasi tutti i cicli per evitare il fallimento totale della fecondazione in vitro convenzionale, che si verifica nel 5 - 10% dei casi (dati della Società spagnola del Registro della fertilità, SEF 2016).

Cosa devo fare per ottenere una gravidanza se sto già attraversando la terza FIVET negativa?

Da Carmen Ochoa Marieta (ginecologa).

Interrompere. Studiare la possibile causa e valutare quale trattamento riproduttivo è indicato in base ai risultati ottenuti.

Qual è il motivo di un risultato negativo del test di gravidanza dopo la FIVET?

Da Andrea Rodrigo (embriologa).

Ci sono molte possibili ragioni per cui la FIVET può non essere riuscita e ha portato ad un risultato negativo del test di gravidanza. Può essere dovuto alla qualità dei gameti (ovuli e sperma), alla qualità dell'embrione generato, ad alterazioni genetiche incompatibili con lo sviluppo embrionale, ad anomalie o malformazioni nell'utero, a problemi immunitari, ecc.

Dopo una FIV negativa, è necessario effettuare uno studio personalizzato per cercare di individuare la o le possibili cause e di ottimizzare il trattamento successivo, con l'obiettivo di ottenere una gravidanza in questo nuovo tentativo.

Lettura consigliata

Dopo aver ottenuto un risultato negativo nella prima FIVET, è normale cercare di ottenere un risultato positivo in una seconda FIVET. Ci sono quelli che gettano la spugna dopo il secondo o terzo tentativo e quelli che continuano fino al sesto o settimo FIVET raggiungono la gestazione. Ma come si fa a sapere il giusto numero di tentativi? Ne parliamo nel seguente articolo: Quanti tentativi di trattamenti di riproduzione assistita dobbiamo prendere in considerazione?

D'altra parte, è comune che si voglia conoscere il motivo del fallimento per cercare di correggerlo o modificarlo nel prossimo tentativo di FIVET. Per fare questo, è importante conoscere i diversi fattori che influenzano le percentuali di successo di questa tecnica. Se volete sapere cosa sono, cliccate su questo link: Fattori che influenzano il successo della FIVET.

Facciamo un grande sforzo editoriale. La condivisione di questo articolo ci aiuta e ci motiva a continuare il nostro lavoro.

Bibliografia

Autori e collaboratori

 Andrea  Rodrigo
Andrea Rodrigo
Embriologa
Laureato in Biotecnologie presso l'Università Politecnica di Valencia (UPV) con un Master in Biotecnologie della Riproduzione Umana Assistita, insegnato dall'Università di Valencia in collaborazione con l'Istituto Valenciano di Infertilità (IVI). Corso di specializzazione in Genetica Medica. Continua a leggere Andrea Rodrigo
 Carmen Ochoa Marieta
Carmen Ochoa Marieta
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università dei Paesi Baschi, con un dottorato in Medicina e Chirurgia dell'Università di Murcia. Attualmente dirige l'Unità di Riproduzione Assistita presso il Centro di Studi sulla Procreazione (CER SANTANDER) di Santander e l'Unità Diagnostica di Medicina della Riproduzione di Bilbao. Continua a leggere Carmen Ochoa Marieta
Numero associato: 484805626
Dra. María Eugenia Ballesteros Moffa
Dra. María Eugenia Ballesteros Moffa
Ginecologa
Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Saragozza, con specializzazione in Ostetricia e Ginecologia. Ha una grande traiettoria come ginecologo specializzato in riproduzione assistita ed è anche professore associato nel Dipartimento di Chirurgia, Ginecologia e Ostetricia dell'Università di Saragozza. Continua a leggere Dra. María Eugenia Ballesteros Moffa
Numero associato: 5010696
Adattato al italiano da:
 Romina Packan
Romina Packan
inviTRA Staff
Redattrice e traduttrice dell'edizione inglese e tedesca di inviTRA. Continua a leggere Romina Packan

Tutto ciò che riguarda la riproduzione assistita sui nostri canali.